Complicità perfetta tra cognati

Scritto da , il 2020-10-13, genere scambio di coppia

Sono Massimo, ho 53 anni, e lavoro in campo assicurativo. Mia moglie Giulia è una biologa cinquantenne formosa, appetitosa, con una quarta di seno. Non ha una vita sottile, ma la robustezza dei fianchi e le lunghe gambe la rendono molto attraente. Lo vedo negli sguardi vogliosi degli uomini che la spogliano con gli occhi. Ha una sorella più piccola, Magda, 46 anni, avvocatessa, sposata con Mirko, 49 anni, ingegnere, che ha un corpo più minuto, ma un seno abbondante, anche lei una quarta, riccioli corti neri, cosce lunghe, vita sottile che accentua ancora di più l'abbondanza delle tette e la rotondità del didietro. Insomma una gran fica, che me lo fa ingrifare spesso e volentieri.
Siamo due coppie molto affiatate e spesso usciamo insieme per trascorrere la serata a cena o al cinema. L'estate scorsa decidemmo di trascorrere le vacanze insieme e affittammo un bungalow sulla costa tirrenica della Calabria. Era bello rilassarsi dopo un anno di lavoro stressante, tra nuotate nell'acqua cristallina, goliardate in spiaggia e lunghe scopate notturne.
Occupavamo due stanze attigue del bungalow e la notte i mugolii di Magda e Mirko echeggiavano nella nostra stanza accendendo ancora di più la libidine. La voce di Magda era inconfondibile:
- Dammelo, tutto, sì, dai… il tuo cazzo mi inebria… non ti fermare …. ooooohhh!
Ma anche Mirko esclamava senza ritegno:
- Sì, prendilo, è tutto dentro …. ti sbatto sì ….così così'… aaahhh '.
- Che porci quei due! - dicevo a mia moglie, mentre la mia mano scostava il bordo delle sue mutandine e introducevo un dito nella sua bernarda pelosa e già bagnata.
- Anche tu sei un porco! - mi sussurrava mia moglie- ti piacerebbe sbatterti mia sorella… pensi che non mi accorgo come la guardi?
- Silvia, sinceramente non mi dispiacerebbe … tua sorella è proprio bona. Ma anche tu, suppongo, faresti l'amore con Mirko... o no?
- Basta con questi discorsi, mi sto eccitando alla follia.
Mia moglie scoprì il mio ventre, cominciò a palparmi le palle con maestria e iniziò un andirivieni lungo tutta l'asta che si rizzò in modo maestoso mentre la sua fica grondava sempre più. I lamenti libidinosi provenienti dall'altra continuavano e noi ci arrapammo come non mai. Mia moglie cominciò a percorrere con la sua lingua tutto il mio corpo fino all'inguine e, dopo poche leccatine al glande, cominciò a disegnare ghirigori di saliva sulle mie palle, sul cazzo.
Mi girai e raggiunsi la sua fica con la bocca: iniziammo un forsennato 69 con rumorose slinguate che forse giungevano anche nella stanza attigua dove, dopo gli ultimi mugolii libidinosi, tutto sembrava quietato, mentre per noi era solo l'inizio.
- Basta! -disse mia moglie- ti voglio dentro, voglio sentire il tuo cazzo fino in fondo…. dai!
Mi fece sdraiare supino e mi cavalcò affondando il cazzo nella sua fica grondante di umori che colavano lungo le mie cosce. Non era stata mai così bagnata; forse sentire sua sorella e suo cognato fottere e smaniare nella stanza accanto l'aveva proprio infoiata.
Ad un tratto, dalla mia posizione, vidi la porta socchiudersi e dalla fessura scorsi mia cognata Magda, ancora nuda, che sbirciava dentro (mia moglie non poteva vederla). Forse i rumori della nostra scopata l'avevano incuriosita. Vidi i suoi occhi spalancati, vidi la sua mano scivolare all'inguine e muoversi in un ditalino sempre più frenetico, vidi le sue cosce stringersi e rilassarsi, vidi i suoi occhi, complici, guardarmi. Pazzo per l'eccitazione cominciai a sollevare il bacino spingendo e rispondendo sempre più forte ai colpi di bacino di mia moglie. Magda si passava lascivamente la lingua tra le labbra, con una mano libera si massaggiava le tette, si tirava i capezzoli ritti.
Ad un certo punto, come pervasa da una voglia di esibirsi, sollevò una gamba posando il piede su uno sgabellino posto dietro la porta. Potevo così osservare la sua masturbazione e la sua fregna grondante. Alternava massaggi rotatori sul clitoride ad affondi di dita in fica.
Intanto il mio cazzo voleva eruttare, anche se cercavo di resistere per assaporare più a lungo quella visione inaspettata ed eccitante. Silvia galoppava in modo parossistico e aveva preso a mugolare come mai aveva fatto prima. E cominciò a pronunciare frasi che non avrei mai creduto potesse pronunciare:
- Sì, porco, dai, fammi godere, sbattimi … lo so che chiaveresti mia sorella perché sei un gran porco … ma anch'io mi farei Mirko, anzi te e lui insieme... Sai che bello godere con due cazzi insieme che ti riempiono... Mi sto scoprendo troia ... oh sì, godo.. dai, spingi più forte, fammi godere...
- Godi troia...troia... sei più troia di tua sorella! - dicevo mentre tenevo gli occhi incollati su quelli di mia cognata che partecipava, clandestinamente, all'amplesso.
Mia moglie raggiunse un orgasmo lungo, infiniti fremiti rimbombavano sul mio cazzo. Quasi contemporaneamente Magda raggiunse, con i suoi occhi nei miei, il suo secondo orgasmo dopo quello raggiunto con il marito che, spossato, sicuramente era caduto in letargo.
A quel punto accelerai i colpi dentro il lago piacevolissimo di mia moglie, che si era piegata in avanti sul mio petto, e la inondai di sborra, mentre Magda, dopo essersi portato in bocca l dita impregnate degli umori della sua fica, era furtivamente rientrata nella sua stanza.
Tra me e mia moglie il discorso si era avviato. Ma anche sull'altro fronte qualcosa si era mosso, perché notavo che Magda aveva cominciato a mandarmi segnali piuttosto eloquenti di disponibilità, tanto che Silvia un giorno sbottò:
- E' tanto evidente che vuoi fotterti mia sorella che lei se n'è accorta … me l'ha detto'
- Ah … e ti ha chiesto il permesso?
- Non fare lo stronzo! '.. che io le corna non me le faccio mettere '.. almeno fino a quando non posso mettertele anche io!
- Beh, certo, l'ho messo nel conto.. e Mirko che dice?
- Non so, ma Magda mi ha detto che mi farà sapere '...
Ero stupito ed infoiato, si profilava uno scambio, la realtà si allineava alla fantasia. In effetti Magda aveva cominciato a preparare il terreno con il marito, ne ebbi la conferma dalla curiosa aria ruffiana con la quale Mirko aveva cominciato a fare delle avances alquanto esplicite con mia moglie, anche in mia presenza.
Una sera che eravamo a cena insieme a casa loro, vidi che Mirko si tratteneva ostentatamente in cucina dove le due sorelle si prodigavano nei preparativi, poi all'improvviso Magda se ne era uscita e si era avviata verso la camera da letto facendomi cenno di seguirla. Appena in camera lei ha chiuso la porta e mi si è buttata addosso sussurrandomi:
- Max, lasciamoli soli in cucina che hanno da dirsi le loro cose … ma approfittiamone anche noi .. non ti preoccupare, non ci disturberanno.
Attendevo quel momento da tempo, impiegai pochi secondi a realizzare la situazione che si era venuta a creare e risposi con slancio all'offensiva di mia cognata. Le nostre lingue si erano intrecciate e non smettevano più di succhiarsi tutta la saliva, nel frattempo le mani perlustravano freneticamente il corpo: lei mi aveva aperto la camicia e mi stava sbottonando i pantaloni, io le avevo già sollevato la gonna e armeggiavo tra il suo slip e le sue cosce. In un baleno ci ritrovammo nudi e assatanati e ci fiondammo sul suo letto matrimoniale. Cominciai a leccarle le mammelle, poi scesi rapidamente a succhiarle l'ombelico e subito dopo mi calai tra i peli del triangolo pubico, che annusai con trasporto, e tra le labbra già umide della fica, che portai subito a sbrodolare.
Magda gemeva di piacere:
- Oh, Max, cognatone bello... Oh quanto aspettavo di farmi sbattere dall'uomo di mia sorella ... Su, dài, fai presto che non resisto! … sì, dammi il tuo cazzone, riempimi la fica, sfondamela!...
- Sì, sì, Magda, aspetta che arrivo ... te lo faccio sentire io questo bastone ... Guarda quanto è grosso! .. non lamentarti se ti faccio un po' male...
Glielo infilai tutto fino alle palle e la pistonai a lungo, fino a quando lei cominciò ad agitarsi senza controllo e, con un urlo appena strozzato, sbrodolò come una fontana. Io ne avevo ancora e, tiratolo fuori dalla caverna infuocata, glielo piazzai in mezzo alle mammelle; mi praticò una bella bolognese e, nel giro di qualche minuto, le sparai un getto seminale violento proprio sotto il mento, inondandole la faccia ed il petto.
La porca fece un sospirone di beatitudine, poi si spalmò tutta la mia crema sul volto e sul corpo, dicendo che era meglio dei prodotti di bellezza che comprava.
Continuammo ancora un po' a strofinarci l'uno sull'altro, poi Magda disse con aria maliziosa:
- Che ne diresti di andare a vedere cosa fanno di bello mia sorella e mio marito?
Ci rivestimmo velocemente alla meglio, poi in punta di piedi ci dirigemmo verso la cucina immaginando che i due non avrebbero perso tempo in chiacchiere. E difatti li trovammo in posizione inequivocabile: mia moglie, seminuda, era piegata in avanti sul tavolo ed offriva a Mirko tutto il suo enorme didietro, mentre le mammelle penzolavano scosse dai colpi dell'uomo, che, nudo anche lui, la pistonava con energia ed aveva introdotto il suo bel cazzo dentro il culone di lei, che ansimava in maniera oscena.
Restammo a guardarli qualche minuto, poi ci avvicinammo e Magda diede una manata sul culo a suo marito:
- E bravo Mirko, che si incula la mia sorellona! '. Continua, continua, non ti fermare '.. e tu sorella, avevi bisogno di questo montone per farti inculare '. eppure ho potuto verificare che tuo marito è molto ben dotato '...
Mia moglie, continuando a stare chinata in avanti e a sorbirsi il cazzo di Mirko piantato nel culo, le rispose a tono:
- Guarda, bella, che ho acconsentito acchè Max ti facesse assaggiare il suo bestione solo a patto di avere in cambio quello di tuo marito ... non avrei mai accettato di fare la cornuta contenta...
Dopo poco i due finirono quello che stavano facendo, Mirko emise un grido e le scaricò tutto il suo sperma in parte nel culo, in parte sulle sue chiappone, mentre lei sborrava in contemporanea, aiutandosi con la masturbazione della fica. Assistendo a quell'inculata, anch'io piazzai il mio cazzo nel solco delle chiappe di Magda stringendole nel contempo le poppe, mentre lei godeva sditalinandosi.
Alla fine ci ricomponemmo e passammo a consumare la cena in grande allegria, scambiandoci le confidenze sulla prova che avevamo appena vissuto e convenendo tutti insieme che era stata una bella pensata, pienamente soddisfacente, tanto più in quanto protetta dalla discrezione familiare. Concludemmo la serata scolandoci un paio di bottiglie di champagne e ributtandoci a letto tutti insieme e al buio, per godere della massima casualità degli incroci.
Giuro che, per il buio e per la sbronza, distinguevamo a fatica i corpi che a ciascuno accadeva di toccare e di abbracciare. E fu tale la folle confusione carnale che, ad un certo punto, mentre la bocca di non so chi mi succhiava il cazzo come una sanguisuga, mi sentii scorrere lungo il solco delle natiche il cazzo di mio cognato che, arrivato all'altezza dell'ano, cominciò ad insinuarsi e a guadagnare terreno sino a farmi sentire il dolore lancinante dello sverginamento posteriore.
Confesso che all'inizio la cosa mi sconcertò, ma alla fine quella inopinata esperienza bisex non mi dispiacque affatto, anzi. E piacque anche a mio cognato col quale, da quel giorno, cominciammo a scambiarci effusioni furtive. Era la chiusura perfetta del cerchio della complicità familiare. Ma cominciava anche un’altra storia.
.

Questo racconto di è stato letto 1 0 4 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.