Tutto merito di zia Bice

Scritto da , il 2020-10-13, genere incesti

1.
Potrà sembrare incredibile, ma fino a 18 anni non avevo mai avuto un rapporto con una ragazza. E la mia sessualità prorompente continuavo a sfogarla solo con le mie seghe quotidiane. E chissà ancora pe quanto tempo la cosa sarebbe continuata, se il caso non avesse messo sulla mia strada quella gnoccona della zia Bice, la sorella maggiore di mia madre, una donna sulla cinquantina dal corpo opulento e dallo sguardo voluttuoso, che tante volte avevo invocato masturbandomi.
Quel giorno ero rientrato a casa particolarmente eccitato. Passando nel parco di ritorno da scuola avevo visto, in un angolo appartato, una coppia che scopava con grande disinvoltura: lei, una bella tettona succhiava il cazzo di lui che gemeva come un matto.
Perciò, appena rientrato in casa, mi ero chiuso in camera mia, mi ero abbassato la tuta e tirato fuori il cazzo. Avevo in corpo una voglia pazzesca di sborrare, facevo scorrere su e giù la mano, con gli occhi chiusi e con l'immagine della bocca famelica di quella troia nel parco.
Ma, proprio sul più bello, un'esclamazione appena trattenuta ('Ooohh!') mi sorprese. Sospettai subito potesse essere mia madre di là dalla porta, ma la foja era incontrollabile e non mi fermai, strinsi forte il cazzo per un secondo, poi lo rilasciai per fare uscire uno schizzo potente di sborra, accompagnandolo con un grugnito animalesco di piacere.
La cosa finì lì senza nessun seguito. Ma due giorni dopo, mentre sotto la doccia mi stavo tirando una bella sega, all'improvviso irruppe mia zia Bice, in deshabillé, con le tettone e le chiappone semiscoperte, e mi sorprese proprio mentre sborravo sul piatto doccia. Ormai era fatta. Mia zia abbozzò una scusa:
- Oh scusami Rino ' dovevo prendere la biancheria da stendere e non mi ero accorta che c'eri tu'. Scusami '. Ma tu, soprattutto quando fai certe cose, perché non ti chiudi a chiave?
Facendo finta di nulla, anzi negando sfacciatamente l'evidenza, mi limitai a rispondere:
- Zia, mi sto facendo la doccia, tutto qui!
Al che lei sghignazzando:
- Ah sì, la doccia!' ho visto '.. una bella doccia, ma non d'acqua''
- Ma zia, che dici? ' hai visto male, non stavo facendo niente.
- Ah sì, io vedo male, eh? ' e che ci fa quel bestione imbizzarrito tra le gambe?
Continuando a sghignazzare zia Bice si avvicinò al box doccia e allungò una mano fino a toccarmi il cazzo, indugiando poi a soppesare le palle, a carezzarle per poi tornare a strizzarmi l'asta:
- Mmmm '. Che bell'arnese, nipotino mio! '. Vediamo se la mamma te l'ha scappellato bene da piccolo'.
Afferrò più decisamente il cazzo in mano e con un dito strofinò la cappella che si scoprì subito:
- Sì, s, te lo ha scappellato bene ' e guarda guarda che bella cappella! Uuhhhmmm'.. farai felice tante ragazzine'.
La zia mi manipolava disinvoltamente. A quel punto decisi di stare al suo gioco e replicai:
- Sì!... ma quali ragazzine, zia? '. Fanno solo le smorfiose '. Qui non si batte chiodo!
- Cosaaa? Non ci fai niente con le ragazze?.... Ma Rino, alla tua età ne hai bisogno, sennò come fai a svuotare le palline quando sono così piene?... Guarda che, se non le svuoti ogni tanto, poi ti fanno male '.
Ebbi un guizzo e d'istinto le risposi:
- Zia, hai ragione' Che dici? Mi aiuteresti tu? ...
La zia fece una smorfia per schermirsi:
- No, io no '. sono tua zia '. non è normale '.
Fece una pausa, poi riprese:
- E poi, se lo vengono a sapere i tuoi e mio marito, sai che casino succede?
- Ma perché debbono venire a saperlo? ' noi non diciamo niente a nessuno '..
A quel punto uscii dal box doccia, zia Bice si accomodò sull'asse del water, mi avvicinai a lei col cazzo in resta, proprio all'altezza delle sue labbra rosse e carnose. Ebbe solo un attimo di incertezza, poi sospirò e, mettendomi le mani sulle natiche, mi tirò a sè e si imboccò tutto il cazzo fino alle palle, come se se lo volesse ingoiare.
Dopo averlo succhiato per mezzo minuto, rifiatò ed esclamò:
- Poverino, guardalo!' così grosso e così duro' a momenti scoppia '. mmm' ma adesso ci pensa la zia!
Lo succhiava facendo roteare la lingua prima sulla cappella, poi sul taglio, per scendere e carezzare con la sua lingua calda tutta l'asta e le palle durissime, il tutto muovendo avanti e indietro il dito medio che aveva infilato nel buco del culo, procurandomi all'inizio fastidio, ma poi un piacere crescente.
La doppia sollecitazione mi portò sull'orlo dell'orgasmo, zia se ne accorse e cercò di ritardarlo:
- Rino, devi sapere che il liquido presborra è divino ' ha un sapore fantastico'. ti prego, amore di zia, non sborrare subito, fammene assaggiare ancora''
Zia Bice mi toccava tutta la cappella anche sotto, dove io sono sensibilissimo, ma io non ce la facevo più a resistere; così, senza neppure avvertirla, le riempii la bocca; ed era così tanta che in parte le colò dalle labbra serrate sul cazzo.
Non appena ingoiata e deglutita tutta la sborrata, la zia mi guardò con occhi irritati e mi apostrofò:
- Ma che porco che sei!.... sborri in bocca alla zia e non le dici niente! ' così me ne hai fatta buttare tanta ' sei uno screanzato, ti meriti proprio un castigo!
Si tolse la gonna e le mutandine, si rimise sul water e pisciò in abbondanza, poi si rialzò con la figona ancora grondante, con i peli bagnati, e mi disse:
- Ecco, ora lecca la fica alla zia e puliscila per bene' sennò vedi cosa ti faccio!'.
Allargò le gambe, io mi sedetti per terra sotto di lei e cominciai a leccarla ben bene. Era bellissimo leccare il suo clito perché era molto grosso e sensibile, ad ogni tocco di lingua zia Bice piegava il bacino in avanti e si bagnava sempre di più; allargavo con le dita le labbra della sua figa e vedevo rivoli di umori scendere dalla cavità; ripassavo con lingua e assaporavo tutto.
La leccata durò una decina di minuti, ma la zia non era soddisfatta, ora voleva il cazzo. Allora mi fece sdraiare sul pavimento del bagno, si mise su di me dandomi le spalle, scappellò il cazzo, tanto che sentii dolore, e vi si impalò sopra:
- Dio com'è bello duro!' mmmhhh'. mi sa che tra poco vengo '.. sìììì'. dai'.. sììììì'. vengo'.. vengooooooo!
Si alzò e tolse dalla figa il cazzo per poi sedercisi sopra di nuovo e continuò così per 4 o 5 volte, fino a che non mi colò il suo nettare di donna su tutta l'asta, infradiciandomi i peli e le palle:
- Non ho mai goduto così tanto'. Oddio, mi sento in colpa' non dovevo approfittare di te ' ma ti giuro che è stato fantastico!
La zia era inebriata, poi mi schioccò un bel bacio e aggiunse:
- Ma adesso tocca a lui!... Mamma com'è duro! ' poverino, non vede l' ora di sborrare!
Il pompino durò poco perché, dopo pochi colpi di lingua, le scaricai in bocca per la seconda volta tutto il contenuto residuo:
- Sì, sborro, sborro zia '' aaahhh '. sborro sborro ' ciucciamelo, sììììì '. aaahhhh '.. bevi, bevi tutto!
Tenni la testa di zia sulla cappella e lei bevve tutta la sborra fino all' ultima goccia, si vedeva che le piaceva tantissimo, faceva schioccare le labbra ogni volta che, risalendo, si staccava con le labbra dalla cappella.
Era una porca matricolata, dopo aver trangugiato tutto mi disse con gli occhi trasognati:
- Vedi Rino che hai bisogno di sborrare? '. Vedrai, amore di zia, la prossima volta sarà ancora più bello.

2.
- Cristina, ma tu hai visto che pezzo di carne si ritrova tuo figlio tra le gambe?.... Sai, l'ho visto in bagno mentre si spogliava ' aveva un bel cazzone, duro, teso, che si inalberava verso l'alto'. Non penseresti che a quell'età ce l'abbia già così sviluppato!....
- Bice, ma cosa dici? ' No, non l'ho mai visto'. Ma poi è mio figlio, cosa vuoi che mi metto a fantasticare '. Tu dici che '.
- Ma sì, Cristina, non fare l'ipocrita '.. Ti dico che ha un cazzo magnifico ' e non mi dire che la cosa non ti interessa '.
Furono queste i pochi spezzoni di dialogo che un pomeriggio, passando dinanzi alla cucina, percepii di una conversazione molto confidenziale tra mia zia Bice e mia madre Cristina. Mamma era di 7 anni più giovane della zia ed era sicuramente molto meno spregiudicata. Anche lei era una donna fisicamente rigogliosa e, per quanto avvertissi un po' di senso di colpa, non nascondo che qualche volta mi ero segato pensando a lei.
Avrei voluto origliare di più, ma sentii un piccolo tramestìo e, intuendo che stavano per uscire dalla cucina, mi affrettai a riparare in camera mia.
Per il caldo e per l'eccitazione indotta da quelle frasi mi stavo predisponendo a farmi una doccia, ma proprio mentre stavo per alzarmi dal letto la mamma e la zia entrarono in camera. Avevano un'aria strana, ancora più equivoco era il loro abbigliamento; entrambe avevano indosso solo una vestaglia senza reggiseno nè mutandine, dalla trasparenza della vestaglia risaltavano nettamente i capezzoloni scuri delle tette e il pelo folto e nero delle loro fighe.
Le guardai interrogativamente:
- Che succede? a che devo questa visita?
Mia madre, con un po' di rossore in volto, ma con gli occhi dolci, esordì:
- Zia Bice mi ha ricordato che ti dovevamo un regalo '. Ehm' siamo qui per capire cosa desideri, piccolo mio?
Le intenzioni delle due non mi erano chiare. Risposi facendo lo gnorri:
- Ma', lo sai '. il motorino.
- Mmmhhh ' per quello ci pensa tuo padre '.. noi avevamo pensato ad un altro regalo '
- Una cosa che desideri da tanto -aggiunse ridacchiando mia zia- ma che non hai mai avuto il coraggio di chiedere.
Mentre indugiavo non sapendo cosa dire, mia zia prese l'iniziativa, si tolse di botto la vestaglia, restò nuda con le tette cascanti ed il pelo in bella mostra e si sdraiò sul letto a gambe larghe, carezzandosi il folto cespuglio e strofinando forte il clito.
Il messaggio non sarebbe potuto essere più esplicito. Istintivamente mi avvicinai a mia madre e cercai di abbracciarla, ma lei si ritrasse. Mia zia vedendo la scena sbottò:
- Ma come, Cristina, prima mi hai detto che volevi vederlo il cazzo di tuo figlio, e ora fai la schizzinosa?
Mamma avvampò di rossore e si spiegò imbarazzata:
- Bice, ma che dici? Sei impazzita? '. Io sono sua madre ' certe cose sono contro natura '.
Per sfuggire ad una situazione tanto imbarazzante mamma accennò ad uscire dalla camera; ma, proprio in quel momento, zia Bice balzò dal letto, si inginocchiò vicino a me e si mise a segarmi il cazzo davanti a lei, commentando tra un succhiotto e l'altro:
- Vedi che pezzo di carne che si ritrova tra le gambe il nostro Rino' e mi vuoi dire che tu non vuoi nemmeno toccarlo?..... l'hai fatto tu, dovresti andarne orgogliosa!
- Tu, Bice, non sei normale '.
Mamma, ancora tutta avvampata, si era fermata vicino alla porta. Mi spostai verso di lei e la abbracciai dicendole:
- Mamma, ti prego, non te ne andare '. io ti voglio, ti ho sempre desiderata'.
A quel punto mamma ebbe come un principio di mancamento, si lasciò andare e si fece baciare, anche se all' inizio non ricambiò subito, mentre io la baciavo sul collo, accarezzandole il seno grossissimo e strapazzandole i capezzoli durissimi.
La resistenza di mia madre era molto labile, adesso aveva liberato anche la lingua e la sentii gemere:
- Mmmhhhhh''
Pensavo reagisse ai baci e alle carezze sulle tette, invece era la zia che le aveva infilato due dita nella fica mentre spampinava me '.. Una grande zoccola, zia Bice! Si lavorava il nipote e la sorella contemporaneamente!
Mia madre allargò le gambe per far entrare meglio le due dita nella sua figa carnosa e sentii sfregare il nylon delle calze su una gamba, cosa che mi fece eccitare ancora di più. Ora frugavo mia madre dappertutto, avevo allungato le mani sulle sue chiappe, mentre mia zia, che continuava a spampinarmi, aveva introdotto il dito medio nel buco del culo della sorella. Un vortice irresistibile di piacere che mi portò rapidamente all'orgasmo.
Riuscii appena a sospirare:
- Zia'' mamma '. ooohhh''
Stringevo il corpo opulento di mia madre, mentre riempivo di sborra tiepida la bocca di zia. Ma, d'un tratto, mamma tornò in sè e reagì bruscamente:
- Nooo ' voi siete impazziti! '.. basta, lasciatemi andare!... e tu Bice, ma che ti è preso?
Mia zia ribattè subito:
- Ma perché fai così? ' che c' è di così brutto?.'. vedi che bel ragazzo che si è fatto il nostro Rino '. o non ti è piaciuto sentire che ti ficcavo le dita in culo? '.
- No ' sì '. senti, mi sembra tutta una follia! '..
Intervenni io a confortarla:
- Mamma, era così bello baciarti! '. A te non piaceva? '.
- Tu stai zitto' com'è che sei diventato così '. così porco?
Al che la zia osservò:
- Oh sì, un porco, ma con un cazzo da paura! ' ma dai, Cristina, perché non te lo spompini anche tu? ' ti assicuro che ha una sborra che sembra una orzata di mandorle!
Ma mia madre mi spintonò, mollandomi un bel ceffone ed uscì di corsa dalla stanza. Restai inebetito dalla sua reazione, nemmeno zia Bice sapeva cosa fare, così mi attirò la faccia sulle sue belle mammelle per consolarmi. Mi ricondusse sul letto e ci sdraiammo su un fianco, zia si strofinava la cappella sulle labbra della figona e non ci volle molto perché con una spinta il mio cazzo scivolasse nella sua figa bagnatissima. Cominciò a spompinarmi di nuovo, con un lavoro di lingua stupendo, scendeva sulla cappella, la leccava tutta intorno per poi morderla un pò e scendere a leccare le palle e risalire sull'asta, mentre io ad occhi chiusi mi gustavo il pompino più bello mai ricevuto fino a quel momento.
Stavo impazzendo, ma resistevo per godermi quel piacere il più a lungo possibile. Alla fine non ce la feci più e mi lasciai andare ad una nuova eiaculazione, sorprendentemente abbondante. Ma, quando riaprii gli occhi, ebbi la sorpresa più bella: non era la zia ad avermi fatto il pompino ma mia madre!
Restai a bocca aperta nel vedere mamma in reggicalze, riversa in mezzo alle mie gambe, con la bocca dalla quale colavano ancora rivoli della mia sborra, mentre poco distante la porcona di mia zia si masturbava furiosamente:
- Oh Cristina, sei proprio una troia!' non capisco più niente, mi fate impazzire, mi fate venire' oohhh sìììì!!!....
Abbracciai mamma e le sussurrai:
- Mamma, sei bellissima, hai un corpo stupendo '
Lei si distese al mio fianco, allargò le cosce e mi attirò sopra di lei. Avevo appena sborrato, ma il cazzo era tornato bello duro, ora era puntato sulla figona nera e stretto tra le sue cosce morbide e ben tornite.
Cominciammo a baciarci con passione, sfregando con lussuria i nostri corpi l'un contro l'altro; ad un certo punto la sentii dapprima sussultare e poi tremare, mi accorsi che stava venendo:
- Dio com'è bello!!!... mmmhhh '. sììì '. mi hai fatto venire '. ohh ahh'.
- Ma io non ho fatto niente mamma, proprio niente.
- Sentire il tuo ' il tuo cazzo sulla mia figa, mi ha fatto venire'. so che è una pazzia, ma è stato bellissimo.
Quando mamma aprì le gambe per andare a sdraiarsi sul letto e riprendersi dall' orgasmo devastante che aveva appena avuto, vidi il mio cazzo ricoperto dai suoi umori bianchi e filamentosi, così ci passai il dito e lo leccai. Che splendida sensazione assaggiare il piacere di mamma!
- Perché non me lo fai provare anche a me? - disse zia.
- Vieni zia, la figa di mamma è tutta per te!
Da gran troia qual'era, zia Bice si leccò prima il mio cazzo ancora ricoperto degli umori di mamma, poi spostò la sua faccia in mezzo alle cosce aperte di mamma e si dedicò a quella figona grondante, dopo avermi chiesto esplicitamente:
- Dopo che hai provato gli umori di mamma, non ti dispiacerebbe assaporare anche quelli di zia?
Si sedette sul mio volto e si allargò le grandi labbra per mostrarmi il suo buchino bollente, era eccitantissimo vedere la fica di zia ricoperta da una folta peluria nera e l'interno roseo, faceva davvero venire voglia.
- Vieni anche tu mamma, voglio fare l'amore con te.
- Figlio mio, sono tua madre, ti rendi conto che è una cosa fuori dal normale?
- Mamma ti voglio, ti desidero con tutto me stesso.
Mamma si sdraiò di fronte a me e ricominciò a leccarmi il cazzo che era di nuovo duro,mentre io leccavo zia, passavo la lingua sul clito per scendere e infilarla il più possibile nella sua figa e scendere poi sul buchetto del culo mentre lei gemeva come una matta e si strizzava i capezzoli duri.
Ad un tratto mamma si alzò, pensavo avesse cambiato di nuovo idea e invece si sedette sul cazzo e cominciò a scoparsi, mentre io le baciavo le tettone lei baciava zia, un bacio in bocca in piena regola, ogni tanto le guardavo e vedevo loro bocca aperta che si strusciavano le lingue una contro l' altra.
Presi mia madre per le natiche e la strinsi forte a me, ma ormai era troppo eccitata, così alzò la testa e poggiò le labbra sulla figa di zia, che aveva inarcato la schiena per facilitarle le cose. E così, mentre mia madre leccava la fica di zia, io mi dedicavo al suo culo infilandole due dita e portandola così all' orgasmo che riempì la bocca a me e a mamma di umori caldi:
- Ohhhh fatemi venire'. ahhh '. Ecco, così sìììì'. leccala leccala sìììì'. anche tu ficcami le dita in fondo al culo' ohhh!
Mamma si tolse dal cazzo e si sdraiò di fronte a me e prendendo il cazzo tra i suoi piedini cominciò la più bella sega con i piedi; non l' avevo mai provata prima, ma era bellissimo, vedevo lei segarmi il cazzo e le sue labbra della fica che si aprivano e si chiudevano ad ogni movimento dei suoi piedini.
- Mamma mamma, fermati!
- Perché amore di mamma, ti faccio male?
- No mamma no, sto per sborrare' eccola sì mamma sì' non fermarti, non fermarti, ti supplico mamma, non fermarti ' sborrooooo!!!!.
Le innaffiai i piedi di sborra e quella fu l' ultima perché avevo già sborrato due volte. Ma la troia della zia non si perse d' animo e disse a mamma:
- Visto che il nostro ometto non ce la fa più, perché non giochiamo un po' tra noi?
E fu ciò che fecero mentre io, sdraiato nel letto, mi godevo la visione di una stupenda lesbicata tra mamma e zia: la più conturbante delle fantasie mai concepite e la inenarrabile conclusione di una giornata indimenticabile.
--

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.