Il debole di casa

Scritto da , il 2020-10-11, genere gay

Sono il più piccolo di casa ho 18 anni mio Padre e mio fratello mi prendono in giro Magro biondo capelli lunghi e senza peli sfottono Femminuccia Un pomeriggio eravamo rimasti soli io e lui entrato nella mia camera e io ero sdraiato a pancia sotto in slip mi è saltato addosso e mettendomi un braccio intorno al collo mi ha bloccato e strofinando il suo cazzo mi diceva troietta lo senti un vero cazzo e scommetto che ti piace sentirlo vedi diventa duro gli piaci e allargandomi le gambe lo ha tirato fuori e spinto tra le chiappe abbassandomi gli slio e mi ha chiuso le gambe strette e il suo cazzone scivolava bagnato cercavo di liberarmi ma lui era più forte e mi teneva sotto muoveva dentro e fuori dalle mie chiappe mi ha girato e tenendomi per la coda e tirarndomi i capelli mi faceva male in piedi davanti a me il cazzo duro dritto lo spingeva davanti la mia bocca aprila cagna che ti fotto la bocca dai lo devi succhiare tutto puttana non vuoi che lo dico a Papà che mi hai fatto avance e volevi il cazzo puttanella aprila e la paura ho ceduto e lo succhiato e lo mandava tutto in gola scopandomi la bocca e mi stringeva i capezzoli sentivo dolore e piacere mi ha girato e aprendomi le chiappe infilato le dita sputandoci dentro e bagnandomi per farlo scivolare messo a pecorina sul letto lui dietro ha sputato sulla cappella e appoggiata mi teneva per i capelli e spinto dentro ho urlato mi ha messo una mano sulla bocca zitta cagna e entrato tutto tremavo e lo fermato per la mano per il dolore aspetta mi fai male tanto somno caduto sul letto e lui sopra il cazzone dentro e lo muoveva dentro e fuori quando ha sentito i muscoli rilassarsi colpi forti tenendomi per i fianchi sculacciava poi mi ha girato allargandomi le gambe e entrato e sbatteva forte e ho iniziato a provare piacere un calore da dentro mi sono masturbato e spingevo da sotto a ritmo e lo guardavo occhi lucidi e mi bagnavo la le labbra con la lingua si è avvicinato e poggiato le sue labbra sulle mie le ho aperte e ci siamo baciati un bacio appassionato e voglioso e ,o ha girato lui sotto io sopra e lo cavalcato le sue mani sotto che mi alzavano e vedeva il cazzone entrare e uscire e di colpo ho sentito qualcosa salire e le gambe tremavano e il cazzone che mi sfondava ho urlato che stavo godendo e dal cazzo mio sono partiti deii schizzi sul suo petto con le mani li ho raccolti e li ho bevuti poi con la lingua leccavo il busto e anche lui è venuto dentro mi ha detto di stare zitto e lui mi avrebbe fatto godere tanto quando avevo voglia dovevo dire la parola Paradiso e lui avrebbe capito e come potevamo stare soli e ha funzionato o io o lui alla parola Paradiso VIA MI ERO imparato a lavarmi internamente cosi mi poteva leccare e farmi tremare e più mi scopava e più avevo sempre voglia dormivo nudo con la speranza nella notte poteva venire da me Una notte la porta si è aperta e entrato qualcuno io tolto le coperte e allungato le mani ho detto ho tanta voglia di cazzo dai ti prego mi sono inginocchiato e toccando la sagoma ho tirato giù il pigiama e afferrato il cazzo lo ingoiato e con le mani sul culo lo spingevo a muoversi dentro e fuori il cazzo iniato a diventare duro leccavo asta sotto ai coglioni e poi mi sono alzato e preso il viso e infilato la lingua in bocca sapore era strano e la barba dura del viso mi ha bloccato e lui ha capito e mi ha stretto e nell orecchio mi ha sussurrato Dai bambolina non fermarti adesso ti prego mi stai facendo impazzire ho riconosciuto la voce di Papà e le sue manone sulle chiappe attaccati bacio da sturbo la sua lingua mi rovistava e poi sceso a leccarmi i seni e poi mi ha girato e piegato e inginocchiato e aprendomi le chiappe ha infilato la lingua e mi ha fatto tremare e poi appoggiato la cappella e entrato mmmmmmmm scopava da dio spingeva da sotto facendolo entrare tutto e mi masturbava piano e ci baciavamo poi mi sono steso a venuto sopra e li mi sbatteva e mi baciava e siamo venuti insieme ,, rimasti fermi e lui accarezzandomi mi ha chiesto chi stavo aspettando e gli ho detto di andare a letto con Franco mio fratello e mi sarebbe piaciuto averli insieme e farmi scopare in culo da due cazzoni enormi e mi ha detto come fare avvisare con un squillo e cosi un pomeriggio gli ho detto che avevo ricevuto la parola Paradiso e il pomeriggio ci dovevamo incontrare in camera mia lo aspettav nudo e franco eccitato è entrato ho fatto finta di dormire e lui mi ha accarezzato e leccato il culo e poi mi ha messo il cazzo davanti la bocca e lo succhiato e a gambe aperte alla missionaria mi infilato il cazzone e Papà era nudo dietro la porta socchiusa entrato piano e avvicinandosi ha detto vuoi goderlo solo tu ? e mio fratello ridendo gli ha detto vieni ha tanta voglia di cazzo vero troietta e ho succhiato il cazzone di papà uno in culo e uno in bocca poi scambiati i ruoli e poi mi hanno fatto la doppia infilato tutti e due cazzi nel culo facendomi urlare di piacere e sono venuto e loro anche lo facciamo spesso e godiamo alla grande ma io voglio di più mi porteranno a cercare cazzi ...

Questo racconto di è stato letto 5 2 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.