Quella gatta morta di mia zia

Scritto da , il 2020-10-03, genere tradimenti

La sorella di Mamma la più giovane io ho 18 anni lei 27 una bella donna ma è moscia tranquilla viene spesso da noi una mattina a scuola non mi sentivo bene ho chiesto di tornare a casa Zia fa i servizi la mattina da noi arrivo entro la porta è chiusa da dentro faccio il giro e entro da retro silenzio strano in punta di piedi salgo e sento dei mugolii e gemeti mi avvio verso i rumori e dalla camera degli ospiti arrivano gemiti e ansimi la porta è chiusa guardo dal buco e Zia nuda e sopra mio padre nudo che se la sbatteva lei si masturbava mentre il cazzone entrava e usciva lui la sculacciava per incitarla e poi la girata a pecorina afferrandola per i fianchi e giu cazzo a volontà facendola urlare e sbattersi vedevo di lato il cazzo che spariva il runore della carne che si tocca schhiaft sciaft poi lei sopra e li muovendo i fianchi e strusciando sul bacino ha avuto un orgasmo e anche mio padre p venuto dentro di lei poi sono sceso sono uscito e aspettato per poi rientrare la scena mi aveva eccitato avevo il cazzo duro salutato Zia abbracciandola e dicendole che non mi sentivo bene e mi ha detto che dovevo mettere a letto sarebbe salita a misurare la febbre e una tazza di the e mi sono messo m a letto solo con la maglia e sotto nudo a cazzo dritto facevo finta di tremare dal freddo ho sentito la porta di casa chiudersi mio padre era uscito e arrivata lei aveva una vestaglietta sotto ancora era nuda e si sentiva odore dello sperma mi ha chiesto cosa avevo mangiato o avevi oreso freddo ha preso il termometro e lo ha infilato sotto ascella mi sono lamentato toccandomi la pancia e lei subito che ti fa male la pancia ho detto si forte e lei di scatto ha tolto le coperte e mi ha beccato nudo a cazzo dritto è rimasta un attimo ferma qui zia mi fa male e le ho preso la mano e lo portata sulla pancia fammi un massaggio ti prego la sua mano delicatamente scivolava più Zia ti prego sotto mi fa male tanto e lei scesa toccando il cazzone duro dritto e bagnato siiiiiii brava li sento sollievo ancora non ti fermare le tremavano le mani mmmmmmm aiutami ti prego lo ha afferrato e lo faceva scorrere nella sua mano e io ho allungato il braccio dietro la schiena e accarezzato la schiena poi sono salito sulla testa accarezzandola e spingendola sotto si è piegata lo baciato e leccato io ho infilato la mano tra le gambe e era nuda ho infilato le dita poi lo presa lo spogliata e lo baciata in bocca e lei si faceva trascinare ansimava e seduta sul letto ha ingoiato il mio cazzo poi lo stesa e aperto le gambe e lo leccata era appiccicosa sento odore di sperma hai goduto vero ? mi teneva la testa ferma e gemendo mi ha detto si tranquillo ma fammi vedere se tu sei meglio leccata e strusciata e sditalinata facendole tremare e brividi e sbattersi ha avuto il suo orgasmo urlando e stringendo le gambe come stava le ho aperte le gambe mi sono accomodato e ho infilato il cazzo dentro scivolato tutto lo sbattuta forte e poi a pecora e alla fine io sotto e lei sopra dove ha goduto ancora e mi ha fatto schizzare , ci vediamo la mattina quando me lo dice lei e a casa sua di pomeriggio sto organizzando con un mio amico dotato lo visto in palestra sotto la doccia fa paura per divertirci in tre molto calda sessualmente e vuole fare la doppia

Questo racconto di è stato letto 1 0 2 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.