Mia sorella racconta3

Scritto da , il 2020-08-25, genere incesti

Assuntina, è ora che mi racconti come mai ci sono tutte quelle voci sul tuo conto.
Avevo iniziato cosi il primo discorso durante la prima cena dopo che mi aveva raggiunto a Parigi. Lei mi guardò facendo prima una smorfia, poi sorridendo in un modo ammiccante, disse “ però mi prometti che non ti arrabbierai mai con me, me lo prometti vero" dopo che aveva detto queste parole lasciò il suo posto e venne a sedersi sulle mie gambe. Avevo il suo viso vicinissimo al mio. Mentre osservavo le sue labbra così attraenti, mi bacio' in bocca. Non feci altro che aprire la mia bocca partecipando a quel bacio, il primo di tantissimi. Era più o meno seduta sulla mia erezione che cresceva rapidamente e mentre ancora eravamo a slinquazzarci come veri amanti lei si sistemo meglio così che la mazza era tutta tra le sue cosce bollenti. Iniziai ad accarezzare tra le cosce, risalendo fino ad arrivare a dove dovevano esserci le mutandine che guarda caso non aveva.Come avrei dovuto immaginare, era tutta bagnata, con le dita entrai all'interno della sua figa, quel tanto che basta per capire che non era più vergine. Con una mano nei suoi capelli allontanai un Po il suo volto dal mio, mi portai le dita piene dei suoi umori alla bocca deliziandomi del suo sapore. ero già in estasi, gli dissi “ vedo che qualcuno è già entrato in te, sei davvero una piccola zoccola, o sbaglio Assuntina, “ no fratellone, non ti sbagli, a me il cazzo piace molto, anche se fino ad ora non ne ho mai trovato uno che mi faccia sentire troia abbastanza, forse tu?” dicendo ciò scese dalle mie gambe e si è seduta sul tavolo, davanti a me, ha allargato le cosce tirandola su, così che mi offri la vista della sua fighetta depilata, due labbra sottili a dividere una fessura che mi attraeva molto da cui si vedevano uscire umori inebrianti. Poco più sotto gli si vedeva la roselline dell'ano roseo scuro, piccolo con quelle caratteristiche grinze che lo rendevano molto appetitoso.
“ fratellone, vuoi sapere chi è entrato in me? Lo vuoi veramente sapere promettendo di non arrabbiarti con me?”
Confessioni.
Mi ero messo con la bocca sulla sua figa e mentre con le dita dilatavo le labbra la leccavo. Lei tra un gemito e l'altro iniziò a raccontare. “ il primo è stato il cugino Alessio, ma allora avevo 14 anni e lui 13, accadde nella sua camera da letto mentre studiavamo, in realtà non fu un gran che, non sentii neanche tanto male. Gli avevo preso il pisello in bocca perché mi ricattava, diceva di avermi vista a fare un pompino a uno dei miei allenatori, no sapevo se mi avesse realmente vista, ma i pompini agli allenatori della mia prima palestra li avevo fatti davvero, loro ci provavano e a me serviva poter andare in palestra anche senza pagare la retta, anche altre mie amiche facevano così. “Oggi siii .. dii come mi lecchi beneeehhhh.” “ Alessio mi svergino’ sul suo letto, solo che, grazie a quella scopata, suo padre ci sorprese. Lo zio Antonino ci fece una bella ramanzina, Alessio si becco diversi ceffoni, mentre a me, mi disse che in serata l'avrebbe detto a nostro padre. Infatti, la sera si presentò a casa nostra, io ero terrorizzata, sai come è fatto nostro padre. Però il marpione, era venuto solo per farmi capire che mi teneva in pugno. Si lasciò accompagnare alla porta da me e mi disse,” domani mattina salti la scuola e vieni a casa da me, ok?
Quella non era una domanda ma un ordine. Gli risposi che sarei andata. Fratellone non puoi immaginare che nottata che ho passato, sapevo che non voleva certamente parlare, passai la notte ad immaginare se avesse un pisello migliore di suo figlio, mi toccai masturbandomi più volte al pensiero di ciò che poteva attendermi all'indomani.
• Una volta entrata in casa degli zii, Antonio mi porto in salotto facendomi inginocchiare davanti a lui, chiese di tirargli fuori il cazzo e di succhiarglielo. Lo feci, era la prima volta ad essere io a tirare fuori il cazzo dalle mutande, mi piaceva e mi piacque anche il cazzo che mi si paro' davanti. Era grosso e scuro, con una capocchia a mo’ di fungo. Era già bello dritto e duro, il porco era certamente eccitato già dalla sera precedente, proprio come me. Lo circondai con il pugno che a stento riuscivo a cingere completamente.ci misi le labbra su e mentre lasciavo entrare la cappella tra lingua e palato, con gli occhi osservavo la sua espressione di puro piacere, ero certa che con i pompini ci sapevo fare anche perché il cazzo mi piaceva già abbastanza. Mise le sue grosse mani sulla mia testa iniziando a pomparmelo dentro con rittmo e con forza, mi piaceva tantissimo, mentre me lo stantuffava in gola mi chiamava zoccoletta in calore. Poi lo levo dalla mia bocca e senza neanche attendere che mi potessi spogliare, mi fece poggiare con le natiche su una credenza a muro tirandomi su le gambe, così che ero proprio con la figa a tiro del suo bastone ben lubrificato. Il piano di quel mobile non era più largo di 30 centimetri, ero con le spalle e schiena attaccata alla parete, io stessa avevo messo le mani dietro le ginocchia così che reggeva le mie cosce sollevate e spalancate. Lo fece senza tanti complimenti, senza perdere tempo, Poggio la cappella alle labbra della mia fighetta e me lo pianto' tutto dentro fino a farmi sentire le sue palle contro l'ano. Quel cazzo lo sentii eccome. Mi sentii macerare del tutto l'imene.





Questo racconto di è stato letto 5 4 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.