La chat cin Gianni 8 parte

Scritto da , il 2020-08-05, genere bisex


8^ EPISODIO

(TIENI PRESENTE, ANONIMO LETTORE, CHE QUESTA SERIE DI RACCONTI, NON SOLO SONO REALI, MA APPARTENGONO AD UN CONTESTO DI ATTUALITA’ PER CUI, SUSCETTIBILI A SITUAZIONI CHE ANDRANNO A VERIFICARSI E CHE, SE RITENUTI DEGNI E PIACEVOLI DA RACCONTARE, VERRANNO PUBBLICATI. QUESTA ERA UNA PRECISAZIONE DOVEROSA. POI STA A VOI, CREDERMI O NON. GRAZIE E BUONA LETTURA A CHI LEGGERA’. NEL FRATTEMPO, VI INVITO A LEGGERE TUTTI GLI ALTRI MIEI RACCONTI SIA QUELLI COME Carlo63 che quelli come carlo63. SONO SEMPRE IO.)

Dopo essermi spogliato, mi riaccomodai sulla sedia. Gambe allargate, cazzo dritto in mano e Gianni a fianco a me, pure lui nudo, in piedi, che passava sul pc molte foto senza veli di quella splendida cagna di sua moglie. Le foto la ritraevano ora sdraiata, completamente nuda, cosce aperte e zizzoni in mano, lingua fuori..una puttana. La moglie di Gianni era, nella vita comune e personale, certamente una brava donna, una brava moglie, una brava mamma….ma ora quello che era per me, guardandola con il cazzo in mano, glielo dissi al marito, a gianni: “gianni che brava donna troia che hai sposato, che brava moglie puttana, che brava mamma vacca succhiacazzi che hai portato all’altare vero?..ti ha giurato pure fedeltà questa mignotta di tua moglie cornuto?...e tu ci credi che ti sia fedele?..mmhh….segati bravo coglione..puo’ mai esserti fedele una svergognata che si fa fotografare dal marito in queste posizioni? E gianni:..ssiii…è vero..sembra proprio una puttana vero Carlo?..anzi..hai ragione tu..è proprio una puttana..che bello..dimmelo sempre..guarda come mi arrapo a sentire quello che dici..guarda che cazzone duro che mi fai venire. Ero seduto vicino a lui..non capivo se ero piu arrapato per le foto stupoendeamente oscene della moglie di gianni che nel guardare lui completamente nudo a segarsi e a guardare me che mi segavo…staccai la mia mano destra che teneva il mio cazzo in mano cedendola alla sinistra e lentamente, mosso da un desiderio esplosivo di esplorare nuove sensazioni, raggiunsi con la mano destra le natiche nude di gianni ed iniziai palpargliele proprio come si fa con una donna..le carezzavo, le stringevo, le guardavo, le allargavo per scrutare il centro del solco dove ogni tanto che le allargavo potevo scrutare un peloso buco di culo..gli occhi scendevano a guardare oltre alle natiche anche la parte piu bassa per scorgere il frenetico movimento delle palle di gianni a causa della forsennata sega che come sopraggiunsero le mie carezze sulle natiche, aumentò di brutto…mmhh..ansimava gianni…godevo io nel toccare il suo culo e cotemporanemante dalla cappella del mio cazzo sgorgavano quasi a fiotti, lacrime di precum. Hai un bel culo gianni..mi piace anche il tuo culo..mica solo quello di tua moglie sai? Ti piace se te lo tocco cornuto?...senti copme ti stringo le natiche..te le allargo gianni che dici..avvicinati…mi piace il tuo culo e quello di tua moglie sai..girati un po di lato..voglio palparti il culo da frocio cornuto e guardare il tuo cazzone duro mentre te lo seghi..anzi..fai quello che dico io…toccati le palle solo..ma piano piano…bravo così…sei felice di esibirti vero porco?...bravo…che bei coglioni pieni che devi avere…mam non pensavo fosse così piacevole toccare il culo di un maschio sai?...a te piace gianni?---mmhh…ssiii carlo..toccami..carezzami il culo..ho il culo di una troia vero?...stringimi le chiappe..allargamele dai..anzi..mi piego un po’…va bene?..ancora un po’?..ed io ù: no no..va bene..ormai stai proprio a pecora come in quella foto di quella cagna puttana di tua moglie in cui si vedevano fica rossa e buco di culo scuro mmmhhh…adesso dopo il buco del culo di tua moglie…guardo anche il tuo buco di culo..il buco di culo del marito…e inziai a drgli delle leggere ma sonore pacche sulle chiappe che a me, sinceramente, piace molto ricevere, anche forti…al limite del dolore. Con gianni andavo cauto non sapendo se gradisse quel genere di trattamento e di sottomissione per cui andavo leggero ma ugualmente gliene suonai una ventina, dieci per ogni chiappa che lui sembrava gradire perché, restando a pecora e sempre con le palle in mano, con il culo veniva incontro allo schiaffo sul culo che gli stava per arrivare, accompagnando allo schiaffo, un inequivocabile “mhhh…” di gradimento. Alla ventesima sculacciata, chiesi a gianni di girarsi verso di me che aveva il volto paonazzo. Era strano e un po imbarazzante trovarmi nudo, eccitato, davanti a un maschio ma soprattutto, davanti ad un carissimo amico di famiglia con cui avevo anche condiviso eventi familiari, come il battesimo e la comunione dei miei due figli, invitandolo con la sua famiglia. Ero ancora seduto per cui mi ritrovai proprio all’altezza del viso, il suo nodoso, e spesso bastone di carne del quale adesso, potevo apprezzarne con attenzione, la splendida cappellona rossa, asciutta a differenza della mia, con al centro un buco abbastanza evidente e che raggiungeva quasi il frenulo. Immaginate che per essermi accorto di questo particolare, quanto fosse vicino alla mia faccia il cazzone di gianni. Mi alzai. Mi avvicinai a lui. Ero stordito..tremavo un po nelle gambe..non avevo coraggio di guardarlo negli occhi…gianni disobbidendo, tolse la mano dai coglioni e inizio’ una sapiente ma lenta sega. Io abbassai lo sguardo verso quel cazzone e verso quella cappellona che si contorceva e si gonfiava ogni volta che la mano tornava alla base da quel su e giù che gianni faceva senza piu ritegno davanti a me. Come un automa gli stavo di fronte. Con sorpresa notai che il mio cazzo aveva perso di vigore e dalla cappella pendeva un rivolo di precum. Il fatto che non lo avevo duro mi meravigliava perché, nonostante il mio cazzo dimostrava esattamente il contrario, mentalmente invece, ero mostruosamente eccitato, arrapato, quasi come non mai. Gli strinsi i fianchi. Mi piaceva toccarlo. Non provavo solo piacere nel toccare quel singolo corpo, il corpo di gianni. Mi piaceva il fatto che stessi, per la prima volta, toccando il corpo di un maschio. Che volevo mio e che volevo essere suo.

carlo.tastillo@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 1 3 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.