Una normale giornata di lavoro

Scritto da , il 2020-07-29, genere tradimenti

In apparenza una normale giornata di lavoro, sono alla scrivania, vestita con gonna nera sopra al ginocchio ed una camicetta, intenta a studiare dei dati, quando squilla il telefono, un messaggio di mio marito, “vai in una zona tranquilla e sfilati le mutandine, poi mi mandi una foto come prova”.

Ci pensò un po’ ed accetto per due motivi, il primo devo concedergli qualcosa, il secondo la cosa mi fa eccitare. Così mi alzo dalla scrivania e mi sto dirigendo in bagno per sfilarmi le mutandine quando decido di farlo seduta alla scrivania, prendo l’elastico delle mutande e tiro verso il basso allargando un po’ le gambe per facilitare l’operazione. Faccio scivolare le mutandine alle caviglie, le tolgo e le ripongo nella borsa, poi prendo il telefono e scatto una foto alla fica che si inizia ad inumidire. Tento di riconcentrarmi sul lavoro quando mi ricordo che oggi sarebbero passati a riparare uno strumento, neanche il tempo di pensare che vedo alla porta del mio ufficio un giovane bello con un paio di pantaloncini aderenti, che mettono in risalto le gambe muscolose ed i glutei, una camicia a maniche corte di lino bianca che mette in risalto la pelle abbronzata, le braccia muscolose ed un fisico tonico. Rimango a fissarlo un po’ troppo a lungo prima di ricominciare a ragionare e rendermi conto che mi sta parlando e mi dice di essere il tecnico dello strumento e che i tecnici soliti sono in ferie.

Mi alzo dalla scrivania, gli stringo la mano, presa salda, e gli dico che mi chiamo Daniela, e che mi può seguire sino allo strumento da riparare. Mi sento osservata e credo che il ragazzo, che si chiama Mario, mi stia guardando il culo. Comunque non mi dispiace, gli indico lo strumento e lui comincia a smontarlo. Prendo degli appunti dalla scrivania e mi siedo ad un tavolo vicino lo strumento che Mario sta riparando, potrebbe aver bisogno di qualcosa e preferisco non lasciarlo solo nel laboratorio.

Torno a concentrarmi sugli appunti per non so quanto tempo, quando ad un certo punto ho la sensazione di essere osservata, mi giro a guardare Mario e mi accorgo, anche dal suo sguardo colpevole, che mi stava guardando le gambe. La gonna, stando seduta, era salita e lasciava scoperta una parte delle gambe. La prima reazione è stata quella di coprirmi, ma poi, la sensazione di essere guardata e desiderata da un ragazzo giovane e bello e la consapevolezza di attirare sguardi e forse suscitare pensieri peccaminosi ha preso il sopravvento e con movimenti lenti ho fatto in modo che la gonna, inavvertitamente, salisse ancora un po’. Ho notato che gli sguardi di Mario si sono fatti più insistenti., a questo punto mi sono ricordata di non indossare l’intimo, che mio marito mi aveva chiesto di togliere, e presa da una improvvisa cupidigia, con movimenti lenti ho girato la sedia verso Mario per alzarmi, muovendomi lentamente e facendo in modo che i suoi occhi potessero posarsi sulla mia nudità. Ho avuto la certezza che avesse visto la mia fica eccitata da come ha strabuzzato gli occhi al quella vista celestiale, e dal bozzo che si intravedeva nella parte anteriore dei pantaloncini. Mi sono alzata e con studiata lentezza ed ancheggiando più del dovuto mi sono recata nel mio ufficio avendo la certezza che Mario fissasse il mio culo. Arrivata in ufficio cerco di distrarmi, ma arriva messaggio di mio marito, ignaro di tutto, che mi chiede di strusciarmi con la passera contro lo spigolo del tavolo, pensando che sia un bel cazzo, e di mandare un video come prova. Già eccitata dall’accaduto con Mario, mi posiziono con la passera contro lo spigolo e iniziò un massaggio, lo spigolo che accarezza il clitoride mi eccita da morire immagino che sia il cazzo di Mario, e mando il video a mio marito riprendendo prima il movimento e poi facendo una ripresa sotto la gonna per fargli vedere quanto sono eccitata.
Mi rimetto seduta alla scrivania tutta bagnata, passa poco meno di un minuto che si affaccia alla porta dell’ufficio Mario, che mi avvisa di aver finito, gli chiedo se vuole un caffè ed accetta con piacere. L’ufficio non è molto grande e per posizionarmi alla macchinetta per preparare il caffè, volutamente passo davanti a Mario e, casualmente, strofino il sedere sul suo cazzo, mi sposto a prendere le tazzine, e mi riposiziono davanti a lui strusciando nuovamente il culo sul cazzo, che questa volta sento appoggiato in mezzo alle chiappe bello duro. Non resisto e muovendomi e fingendo un movimento casuale, con la mano sfioro il cazzo da sopra i pantaloncini, lo sento eccitatissimo e questo mi lusinga.

Prendiamo il caffè chiacchierando del più e del meno, terminato il caffè, lui mi chiede di firmare la ricevuta dei lavori eseguiti, mi allungo sulla scrivania, quasi a 90, per prendere la penna, e di colpo Mario con un movimento veloce mi alza la gonna e mi da una leccata alla passera, che trova bagnata. Non sono più in grado di opporre alcuna resistenza, sono troppo eccitata, allargo un po’ le gambe per rendere più facile la sua opera, non voglio che smetta, sto per venire quando sento che allontana la lingua dalla mia passera vogliosa, mi sento svuotata ma non faccio in tempo a capire cosa voglia fare che sento il suo cazzo duro appoggiarsi sulla mia passera ed entrare dentro con un sol colpo, non capisco più nulla, io a pecora sulla scrivania con la gonna alzata, passera e culo in mostra con lui che mi scopa da dietro, godo godo godo.

Mi accorgo che anche Mario sta per venire, esce dalla passera, appoggia il cazzo sul culo, tra le mie chiappe, si struscia masturbandosi con il mio sedere e dopo due strusciate sento la sborra calda che mi finisce sul culo e tra le chiappe. Lui soddisfatto si rimette il cazzo nei pantaloncini poi si avvicina all’orecchio e mi sussurra “la prossima volta te lo metto nel culo”, il solo pensiero mi provoca un brivido di piacere, mi saluta e va via.

Io sono ancora a pecora sulla scrivania con la gonna alzata e la sborra sul culo, quando mi si accende una lampadina, prendo il telefono e mi faccio un selfie facendo vedere la posizione e la sborra sul culo, poi invio la foto a mio marito scrivendogli “normale giornata di lavoro” questa sera ti racconto tutto.
The end

Questo racconto di è stato letto 4 8 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.