Ogni giorno di più

Scritto da , il 2020-07-28, genere etero

Sento il passi leggeri di Carla avvicinarsi alle mie spalle. La sento appoggiarsi con la testa alle mie spalle e cingermi da dietro.
Non dice niente. Mi conosce da tanto tempo. Sa che le parole sono spesso superflue.
L’aria della sera ci accarezza. Il suo respiro bacia la mia pelle. Il suo profumo, nonostante il sudore della serata appena trascorsa con Edy, scivola tra le mie narici.
“È solo un momento così.” dice alla fine. “Vedrai che passerà.”
Stringo le labbra. Forse ha ragione. Forse no.
“Non è una questione di qui.” le rispondo toccandomi l’uccello molle. “È una questione di qui.” mi tocco la tempia. “È qualcosa che non va dentro qui. Non riesco ad eccitarmi. Non solo nel sesso. Mi sembra tutto sempre scontato. Tutto frustrato. Tutto mozzicato senza essere assaporato.
“Non sopporto più le persone che mi ronzano intorno. Sono arrivato a sessant’anni e non tollero più la gente che piscia sul mio tempo, che non mi porta rispetto. Mi sembra che più andiamo avanti, peggio stiamo.
“Forse hai ragione tu: è un momento così.”
Sento le mani di Carla accarezzarmi la nuca.
“Non devi pensare. Se credi che il problema sia lì, allora lasciati andare, dimentica tutto quanto. Chiudi gli occhi e non esistere. Vedrai che andrà meglio.”
Carla mi fa voltare verso di sé. Mi bacia gli occhi e li chiude. Le sue mani sul mio petto. “Respira con la pancia. Lasciati andare. Immagina un paesaggio. Colline verdi e un fiume che scorre. Respira regolarmente.”
Seguo le sue parole che mi accarezzano fino all’anima profonda. Respiro ritmicamente. La musica della città si fa largo dentro di me.
Improvvisamente sento le labbra di Carla intorno alla mia asta. La sua lingua che lappa per tutta la lunghezza. Sale dai coglioni fino alla cappella.
Tengo gli occhi chiusi. Immagino il suo viso concentrato nel cercare il mio piacere. Il suo corpo inginocchiato davanti a me.
Le sue mani scorrono sulle mie cosce. Stringono le mie natiche. Le sue unghie affondano nella carne morbida e una sferzata di piacere esplode dentro di me.
Finalmente sento ancora il sangue affluire in quello che fino a qualche minuto fa era solo un brano di carne avvizzita. L’uccello torna duro.
Carla mi stringe i testicoli. Li massaggia gentilmente. Con un'unghia raggiunge il perineo, lo stimola. Poi passa proprio al buchetto.
La calda sensazione di piacere avvolge tutto il bacino. So che le sto riempiendo tutta la bocca. La sento salire e scendere. Le appoggio le mani sulla nuca e le accarezzo i capelli. Le passo le dita sul collo. Le stringo i lobi delle orecchie tra il pollice e l’indice. I suoi mugugni arrivano alle mie orecchie. Riempiono il mio cervello di pura estasi sessuale.
La voglio prendere. La voglio tutta per me. Carla è mia e io sono completamente suo.
Le afferro gentilmente il mento e le porto il viso al mio. La bacio e le succhio la lingua che sa del mio sesso. Ha gli occhi pieni di voglia.
“Andiamo di là.” le dico indicando la stanza da letto.
Carla si stende, le gambe piegate, aperte, mostrano il loro gioiello curato. Mi avvicino e mi inchino a baciarle un piede. Mi attardo sulle dita. Salgo alla caviglia. Il polpaccio.
Lei allunga le mani e mi gratta il cuoio capelluto.
Arrivo al ginocchio. Lo lecco. Sopra e sotto. Le sollevo la gamba e parto dalla natica per arrivare al tallone. Le bacio la pianta. Poi di nuovo le dita.
Carla raggiunge il mio pene e lo accarezza.
Cambio gamba e lecco l’altro piede.
È un mio feticcio, anche se amo tutto il corpo femminile.
Intanto Carla tira il mio uccello verso la sua vulva.
Ma non voglio restare a bocca asciutta. Abbandono i piedi e mi tuffo nel suo giardino delle meraviglie. La conosco bene. So come adora essere leccata. Le piace che parta dalla cima, da quel punto in cui la carne inizia ad aprirsi. Vuole che le succhi per bene il clitoride, poi, con la punta, a stimolarle le labbra e quindi gettarmi a capofitto nel profondo mare del suo piacere.
I suoi umori inondano il mio palato e cancellano la preoccupazione precedente della mia impotenza. In quel momento sono tornato giovane e aitante.
Le chiedo di girarsi, perché non di solo pane vive l’uomo, ma anche delle natiche della propria moglie. Sono ancora sode e bellissime, le guardo estasiato come ho sempre fatto, le accarezzo, le bacio, lascio cadere un filo di saliva nello spacco e quindi mi lascio trasportare dalla corrente della mia estasi. La lingua che lavora su quel fiore pulsante. Lappo dalla figa al buco del culo.
“Prendimi!” implora Carla. “Non farmi aspettare ancora.”
Vorrei attendere, lasciare che il piacere cresca sino allo spasmo ma non posso resistere a quella richiesta. Le appoggio una mano sull’anca e con l’altra indirizzo al cappella al frutto succoso di Carla. Non c’è bisogno di forzare, è calda e bagnata, scivolo dentro con facilità. In due colpi sono al pelo. E inizio a cavalcarla.
Da quanto tempo non vengo? Nonononoonononon… non ci devo pensare… altrimenti schizzo subito… devo pensare a qualcosa d’altro… al lavoro… ma più cerco un pensiero differente più torno alla figa di Carla che stringe il mio cazzo di nuovo duro. Sento ogni suo muscolo tendersi per darmi piacere e per riceverlo. Vorrei continuare all’infinito ma i miei lombi non rispondo più di loro.
“Sono al limite… mi dispiace…” riesco a dire.
“Vieni… vieni… Vienimi dentro.” dice Carla.
Uno. Due. Tre colpi ancora e sento l’orgasmo esplodere dai miei coglioni fino all’utero di Carla. Anche Carla apre la bocca e geme il suo piacere. Mi sembra un orgasmo infinito ma quando anche l’ultimo fiotto ha compiuto il suo percorso le gambe mi cedono e crollo sulla schiena di Carla, che si lascia andare sul letto.
La bacio in bocca mentre il respiro torna normale.
Carla è bellissima, ogni giorno di più.
Possiamo scopare con chiunque ma noi saremo sempre nostri.

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.