Senza titolo 1

Scritto da , il 2020-07-20, genere incesti

Marta, il meccanismo morboso è incominciato, prima o poi lo farai con lui… ha commentato un lettore di “Senza titolo” dopo la notte passata nel letto di mio figlio Mario: aveva ragione, l’ho fatto ed è stato prima che poi.

Era passata solo qualche ora, la mattina dopo quando mi aveva sussurrato - vieni, vieni ancora a trovarmi - quasi una preghiera a cui non avevo intenzione di dire di no.

Pensavo di lasciare passare qualche giorno ma la sera stessa, notte fonda, sono entrata in camera sua, dormiva, mi sono sfilata la camicia da notte e mi sono distesa accanto abbracciandolo ed è stato subito sveglio. Mi godo la sua sorpresa di sentirmi nuda e le sue mani cercarmi, la bocca passare da un seno all’altro e poi scendere, esplorare con le labbra tanti centimetri della mia pelle per arrivare come già accaduto a succhiarmi con un misto di penetrazioni con la lingua e succhiotti nei punti più sensibili, tanti minuti con la voglia crescente di sentirlo sopra.

Volevo dirgli, ti voglio ma mi è venuto solo un adesso abbracciami. L’ho tirato verso di me e mentre il suo corpo si appoggiava sopra il mio, per la prima volta un bacio profondo ha reso ancora più coinvolgente il suo sesso, meglio, il suo cazzo, prima solo appoggiato finalmente dentro.

Una scopata è una scopata, i colpi che ricevi, i movimenti lenti e poi frenetici, i brividi che crescono, il cervello che ad un certo punto va in fumo, l’attesa di sentire i sussulti, i tentativi di accompagnarlo stringendolo e poi gli ultimi affondi con gli spruzzi liberatori ed il successivo abbandonarsi.

Questo è quello che succede normalmente ma con Mario è anche molto altro e molto di più. C’è il gusto del proibito, sentirsi bagnata e appiccicosa del suo seme, il fascino del contrario, sai di essere sempre la sua stessa mamma quando ti spostavi perché ti stava guardando nella scollatura e adesso che sei con le gambe aperte accogliendolo. La stessa mamma che lo aiutava a fare i compiti e ora guida la sua bocca su un capezzolo, gli accarezza il pisello prima con le mani e poi lo lecca lentamente senza nascondersi al suo sguardo incantato o gli fa sentire la punta della lingua nell’orecchio mordicchiandogli i lobi per vedere la sua reazione e il suo cazzo che sussulta. La stessa che ha fatto seguire ai sussulti un orgasmo fra i seni terminato fra le labbra.

È diventato grande, hai cercato di cucinargli le cose che gli piacciono, l’hai consolato quando necessario e hai ignorato quello che da qualche anno desiderava di più da te. Adesso ne sei consapevole, siete nudi, lasci che accenda una luce ed esplori con le mani e con gli occhi quello che gli è stato sempre nascosto, lo lasci giocare e farti quello che gli viene voglia in quel momento o forse da molto tempo. Ti sei girata a pancia in giù alla sua domanda di permettergli carezze ancora più intime, e poi appoggiarsi con tutto il peso del suo corpo ed entrare anche così. Ti ha dato piacere coinvolgendoti con la sua eccitazione ma il godimento più forte viene dal cervello partecipando al suo turbamento e alle sue emozioni.

Chissà cosa racconterò a Roberto, chissà se capirà anche se in fondo è stata sua l’idea di qualche coccola a nostro figlio per fargli tornare il buon umore.

Mi ero seduta sul letto per tornare nella nostra camera, mi chiede un ultimo abbraccio… è di nuovo duro, mi cerca. Lo lascio distendermi e sollevandomi le gambe entrare ancora una volta e farmi l’amore con desiderio e passione; non avevo mai pensato che mamma e figlio uniti in questo modo fosse così straordinariamente eccitante e forte. E forse proprio per questo normalmente proibito.

Questo racconto di è stato letto 9 7 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.