Ancora con Patrizia

Scritto da , il 2020-07-02, genere tradimenti

Ciao ragazzi sono Marco e ho già scritto qui. Soprattutto ho scritto di Patrizia. Vi volevo raccontare (sempre reale) ciò che mi è tornato a succedere sempre con lei. Una sera era in bar con Alfonso (il suo compagno) e una coppia di loro amici. Patrizia aveva un abitino estivo floreale con un bello spacco lungo tutta la gamba sinistra, uno spettacolo guardare la sua scosciata, lei mi ha visto che fissavo ogni tanto la scosciata, non fece altro che accavallare le due gambe e ogni tanto lanciarmi uno sguardo. Il compagno andò in bagno e lei prese il suo cellulare e si è memorizzata il mio numero di telefono e mi ha inviato un messaggio "quando torna alfo vai verso le machinette e aspettami" così fu, andai dietro e lei arrivò "smettila di guardare, altrimenti mi capella" "perché Patty?" risposi "perché ho voglia di te e lui potrebbe notare questo" mi disse, si girò e se ne andò. Io tornai al tavolo finisco la mia serata e me ne torno a casa. Sul letto senti squillare il telefono ed era un suo messaggio "non vedo l'ora di vederti e di mescolare i nostri corpi" io risposi "quando puoi io ci sono". A mezzogiorno lei mi torna a scrivere "ho la possibilità stasera, ci vediamo?" io le scrivo ok e lei mi torna a scrivere"ho detto che faccio aperitivo e una pizza con le mie ex colleghe, così abbiamo più tempo"io le dissi che ero a casa per le 17 visto che facevo il continuato a lavoro e che ci saremmo trovati alle 18 lei rispose con un sì.
Arrivò le 18 ed ero già al ritrovo, lei arrivò poco dopo, e scese dalla macchina con due sporte e sali sulla mia, io dopo il bacio gli chiesi"Patty le due sporte? "e lei" è il nostro aperitivo/cena. Sai non c'è da perdere molto tempo così ho preparato qualcosa " io la guardai e con una risata dissi" hai già fatto tutto tu allora io ci metto la casa" e così fu. Aprii le porte delle scale e ci infiliamo in ascensore e quando si chiudono le porte lei inizia un movimento di bacino attorno al mio cazzo, che già era in erezione. arrivati in casa, io andai a prendere il prosecco in frigo, lei appena chiusa la porta si tolse il vestito (era quello della sera prima) rimanendo in reggiseno e tanga. Io apri il prosecco guardando lei, gli allungai un bicchiere e strinti in un abbraccio brindiamo alla serata. Ci siamo baciati varie volte fino a ché io apoggiai il bicchiere presi lei in braccio e andai in camera dove ci spogliammo entrambi e lei esclamò "non deve essere una sveltina come l'altra volta" e si mise a 69 su di me, lei mi fece un pompino lento ma godurioso, io invece ero preso a assaporare la sua figa con la lingua e il dito. Gli venni in bocca e con profonda gioia lei ha ingoiato tutto, poi si mise a pancia in su e mi chiese "scopami come sabato" così io andai sopra a lei ed. Lei s.. ho iniziato a scoparla piano piano con colpi secchi, come piace a entrambi, e venne quasi subito con un bel orgasmo con tanto di gemiti. Lei poco dopo si alzo e andò a prendere da bere e mangiare, ridiamo scherziamo beviamo e mangiamo sul letto entrambi nudi (non ho mai fatto una cosa del genere) poi prese un sorso di prosecco e andò verso il mio cazzo e iniziò a sporcare il mio cazzo e le palle per poi leccare il tutto. La misi a 90 e ho iniziato nuovamente a scoparla, ad ogni colpo aumentava i suoi gemiti e dopo poco gli ho riempito la figa di sborra. Lei si gira e me lo inizia a leccare, "te lo pulisco marco" mi disse, ci straiamo di nuovo sul letto.
Dopo poco ci siamo rivestiti e l'ho riportata alla macchina, durante il tragitto mi disse" ogni tanto ci rivediamo se ti va, ma dobbiamo fare attenzione " " ok patty mi dici qualcosa te" le risposi.
Per ora tanti messaggi ma mi ha già detto che forse la settimana prossima ci rivedremo.

Questo racconto di è stato letto 1 9 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.