Punita dalla compagna di banco Capitolo 3

Scritto da , il 2020-06-30, genere dominazione

Subito dopo essere nuovamente entrate in camera, Antonella si spoglia nuovamente e si dirige alla scrivania. Elisa le dice, da questo momento sarà questa la tenuta che dovrà tenere quando studiamo, ci dovremo vedere tutti i pomeriggi, e se ci saranno nuove regole te le comunicherò all'ultimo momento e tu, dovrai solo eseguirle alla lettera chiaro? Si, chiaro Elisa. Prima di cena si rese necessaria una nuova battuta, e poi scesero in soggiorno dove le attendeva Anna per la cena. Antonella servì la cena sia ad entrambe le ospiti.
Terminata la cena, Elisa saluta Anna ringraziandola per l'ospitalità ad Antonella, le dice ci rivediamo domani a scuola. Il giorno dopo a scuola, Antonella viene interrogata in geografia, e torna al posto raggiante perché la prof le ha dato otto. Elisa le bisbiglia in un orecchio, vedi che il mio metodo funziona alla grande?
Il pomeriggio arriva prima del solito e trova solamente Anna, e le dice. Signora , un giorno ci dobbiamo vedere noi due da sole per parlare di Antonella, come può vedere i risultati si stanno vedendo, il mio metodo funziona, i vecchi sistemi sono sempre molto efficaci, se adottati al momento giusto. Anna è d'accordo e concordano per il sabato pomeriggio, si incontreranno per un aperitivo in un caffè in centro.
La settimana passa tranquilla, e tutti i pomeriggi fino alle 19,30 Elisa va da Antonella e studiano insieme. La mattina del sabato, arriva ad Anna un messaggio da parte di Elisa che le dice: Ore 16,30 fatti trovare davanti il caffè devi indossare una tunica con automatici senza intimo sotto, vedremo poi...
Alle 16,30 in punto Anna è davanti il caffè, con indosso una tunica azzurra con gli automatici come ordinatole in precedenza. Elisa arriva dopo cinque secondi e le dice: ciao Anna, vedo che ti sei vestita come ti ho ordinato brava, adesso andiamo, prendiamoci l'aperitivo e poi dopo, una volta uscite, parleremo di quello che devo dirti. Bene Anna, come vedi Laura migliora sempre, ti devo ispezionare sotto, accompagnami in bagno che controllo.Appurato che Anna era senza intimo, e finito l'aperitivo escono, e camminando Elisa dice: Vedi Anna, io non voglio soldi, voglio te, e sono felice perché sei venuta vestita come ti avevo chiesto. non devi dirmelo subito, ma domani pomeriggio quando vengo, con una scusa lascerò Laura in camera a studiare, mentre verrò in soggiorno. Ci trasferiremo in cucina. Come mi vedrai ti toglierai la tunica, ti inginocchierai, e mi chiederai il permesso di baciarmi le mani. Da quel momento farai tutto, ma proprio tutto quello ti dirò di fare, senza se, e senza ma. Come lo farà anche Laura, Per il momento nessuna delle due saprà dell'altra, fin quando non lo deciderò io. Mi darai un mazzo di chiavi, così entrerò quando mi pare e piace, ricordati che quando sei sola in casa devi stare nuda, se ti scopro che non sei nuda saranno dolori. In seguito ti comunicherò, delle regole, che dovrai rispettare alla lettera. Prima di lasciarsi, Elisa da un bacio alla francese ad Anna, e un pizzico sul capezzolo sinistro.

Questo racconto di è stato letto 3 5 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.