La cabina in spiaggia

Scritto da , il 2020-06-28, genere esibizionismo

Ciao sono PaolaLaMaestra , maestra elementare e uno dei bonus di questo lavoro sono le 6/7 settimane di vacanze estive , normalmente faccio un viaggio all’estero ma questo anno visto il problema covid ho deciso di trascorrere le vacanze in un casale che ho in Abruzzo e normalmente affitto a tedeschi o inglesi.
Sono già abbronzatissima , durante la quarantena ho preso il sole nuda sul terrazzo di casa così da non avere segni del costume, e perciò posso permettermi il micro bikini che mi sono comprata.
Il micro bikini giallo ha attirato subito l’attenzione di tutti gli uomini che ho incontrato in spiaggia , effettivamente copre il minimo indispensabile.
Ma anche io mi sono guardata in giro e ho notato subito il mio vicino di ombrellone è niente male, 50enne brizzolato con un po’ di pancetta e uno slip da bagno bianco che evidenzia il pacco che ha tra le cosce.
Per attaccare discorso gli chiedo una sigaretta (anche se non fumo ormai da 3 anni ) ma è sempre il metodo migliore per iniziare a chiacchierare e fare conoscenza.
Mi spalmo la crema solare e subito Roberto (si chiama così) si offre di spalmarmela sulla schiena , gambe , ha un buon tocco leggero, io faccio le fusa come una gatta in calore e lui si fa sempre più coraggioso spingendosi sulle cosce, glutei fini a fare scivolare come se niente fosse le dita sotto il costume e dentro le labbra della mia fica che dopo poco inizia a essere fradicia di umori.
Si ferma e se ne esce con un “aperitivo “?
È mezzogiorno, perché no!
Entriamo nel bar sulla spiaggia, dove ci sono solo 4 uomini che giocano a carte che subito smettono di giocare e mi spogliano con gli occhi, non che ci voglia molto visto che il micro bikini copre proprio poco.
Bevuto lo spritz , mi da un sonoro schiaffetto sul culo e mi invita a voce alta a visitare la sua cabina, penso sia il suo modo di dire agli amici , la preda è catturata e ora la domo.
Non scopo in una cabina sulla spiaggia da quando avevo 16 anni comunque accetto.
Appena entrati mi ficca la lingua in bocca e le mani iniziano ad esplorarmi, mi bacia sul collo poi scende spostando i triangolino di stoffa che coprono i capezzoli e me li mordicchia facendomi gemere
Scende mi lecca la pancia , mi abbassa lo slip e mi penetra con la lingua, dio come è bravo , si rialza e ora è il mio turno mordicchio anche io i suoi capezzoli e lo faccio bene dai suoi mugolii poi scendo inserisco le dita nel costume e faccio uscire un cazzo di notevoli dimensioni già scappellato , iniziò subito a leccare , succhiare e lui con le mani sulla mia testa mi da il ritmo.
Mi fa rialzare e mettere faccia al muro , allargo un po’ le gambe e l’uccello scivola nella mia fica , la saliva che gli ho lasciato e i miei umori funzionano meglio di qualsiasi gel.
Pompa velocemente poi prende una maglietta appesa al muro e me la ficca in bocca , prima che mi possa chiedere il perché sfila il cazzo dalla fica e con un solo colpo me lo ficca nel culo fino alle palle, il mio buchino per fortuna è già allenato ma senza la maglietta in bocca un gridolino lo avrei fatto.
Sento la sborra calda che mi inonda il culo , poi senza dirmi nulla sfila il cazzo dal mio culo si rimette il costume e con un semplice ciao Paola a domani esce lasciandomi nuda appoggiata al muro con la sborra che mi cola dal culo a riprendere fiato.
Improvvisamente entra in cabina un ragazzetto tutto muscoli che avrebbe potuto essere mio figlio ( ho 40 anni) e mi chiede se ho bisogno di qualcosa , lo squadro (ha un fisico da dio greco) e gli dico chiudi la porta che ti spiego , mentre mi inginocchio davanti .

Questo racconto di è stato letto 6 0 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.