Accadde in Sicilia Rusina si confessa

Scritto da , il 2020-06-27, genere prime esperienze

ACCADDE IN SICILIA XII (Rusina si confessa)
Mentre le due donne si affaccendavano a preparare il pranzo, Accursio le guardava ed in particolare Crucifissa che spesso volgeva lo sguardo verso Rusina con adorazione.- Crucifissa infatti cercava di metabolizzare ciò che aveva dato e ricevuto da Rusina e come questa donna con semplicità e senza costrizioni fosse riuscita a far emergere anche la sua parte omosessuale. Si sentiva confusa in quanto sentiva di desiderare il cazzo e fare l'amore con un uomo ma, contemporaneamente di aver gradito e partecipato con passione all'amplesso sessuale con Rusina e che desiderava rifarlo e ciò le fece rivedere sotto un'altra luce il comportamento di Peter verso il suo stesso sesso.- Crucifissa come Accursio, si era resa conto che Rusina aveva dimostrato che non era la prima volta che faceva l'amore con una donna e che lo faceva con maestria e passione .-
Fu quindi una conseguenza spontanea la richiesta di ambedue a Rusina di voler, se lo voleva, rivelare da dove veniva questa dote di come riuscisse a essere in grado di risolvere situazioni anche scabrose, e a rendere felici le persone che le stavano vicino, ed a risvegliare e soddisfare le loro più recondite fantasie e desideri.- Rusina che già aveva avuto quella richiesta da Accursio si rese conto che era il momento di raccontare, specialmente ad Accursio, parte della sua vita che non rientrava nei ricordi di Accursio.- In particolar modo si rendeva conto dargli più dettagli sul padre e sulla sua identità, padre del quale aveva sempre dato notizie superficiali.- Promise che dopo pranzo avrebbe raccontato quanto richiesto e così fece.-
“Mio padre si chiamava Pippinu e mia madre Assuntina e vivevamo in un casolare in campagna che assieme ad un pezzo di terra lo zio Simone, uno zio di mio padre, gli aveva dato in affitto, quasi gratuito.- Eravamo una famiglia povera ma abbastanza felice.- La casa era costituita da una cucina, che fungeva anche da stanza da pranzo e soggiorno, una stanza da letto, uno stanzino adibito a piccola dispensa e uno stanzino all'esterno che fungeva da gabinetto, dove tenevamo il “cantaro” (vaso di terracotta alto circa 50 cm e avente il bordo molto allargato e con cinque manici, per i bisogni fisiologici e che poi veniva svuotato nei campi) oltre un catino e una bacinella.- Ero figlia unica, scelta obbligata in quanto mio padre non si poteva permettere di mantenere un'altra persona e me ne resi conto una notte, dato che dormivamo nella stessa stanza, sentendo mia madre invitare mio padre a “uscirla e mettergliela nel culo” per evitare un altro aborto.- L'indomani chiesi spiegazioni a mia madre, la quale molto imbarazzata mi diede delle spiegazioni molto superficiali facendomi capire che aveva avuto già degli aborti e che non si potevano permettere altri figli e che comunque da quella sera avrei dormito in cucina.- Essendo molto povera e ovviamente senza dote non ebbi proposte di matrimonio.- Avevo superato la ventina quando una brutta malattia, forse tifo, si portò via tutti e due i miei genitori.- Al funerale, lo zio Simone, mi disse che aveva già affittato il casolare e che lui quel che poteva fare, se lo desideravo, era portarmi a casa sua e fare la “criata” (serva, donna di servizio tuttofare).- Non avendo alternative accettai con gratitudine e così mi ritrovai a casa sua dove zio Simone viveva con la moglie Benedetta e la figlia Santuzza.- Lo zio Simone era un uomo sulla sessantina ancora ben messo, molto istruito, non ho mai capito se fosse diplomato o meno, gioviale ed educato che passava molto tempo sui libri.- La zia Benedetta era un po' più giovane ma sempre vestita di nero perchè non finiva di portare il lutto per un parente che lo reindossava per un altro, mantenendosi ligia ai periodi previsti dalle usanze locali.- Considerate che in quel periodo se moriva il capo famiglia “la chianca di 'mmezzu” (la trave principale del tetto) la moglie doveva portare il lutto per tutta la vita e per un certo periodo coprire gli specchi, e sostituire i finimenti degli animali, dove erano inseriti fiocchi e lane colorate, con lane di colore nero.- Zia Benedetta aveva un bel paio di baffi e anche se aveva dei bei capelli, portava sempre il “tuppu” (credo che in italiano si dica chignon) e sempre un pò arcigna d'umore.- La figlia Santuzza non era una bellezza, aveva ereditato dalla madre anche lei un po' di baffi, e aveva anche i denti storti e poiché anche la dote non era un granchè, nel periodo che i maschi da marito erano pochi, dopo la guerra, ancora a venticinque anni era nubile.- Sia zia Benedetta che zio Simone mi trattavano come la parente povera dalla quale si aspettavano eterna gratitudine e dedizione, ed era in parte anche il comportamento di Santuzza era un po' scostante.- Comportamento che cambiò un giorno che Santuzza avendo dei gravi problemi di stomaco volle che Rusina le facesse un clistere con una peretta contente acqua e sapone.- Santuzza salì sul letto e quindi sollevate le vesti, si tolse le mutande e presentò il culo a Rusina.- La vista di quel meraviglioso culo che sopperiva ai difetti di Santuzza spinsero Rusina ad accarezzarglielo mentre si metteva un dito in bocca e lo poggiava sull'ano e lo introduceva per abituarla alla peretta che pur avendo un beccuccio piccolo l'avevano infastidita.- Santuzza aveva avuto fatte altre perette, ma mai con tanta cura e delicatezza e rimase quasi delusa quanto Rusina estrasse il dito ed inserì il beccuccio.-Appena Rusina ebbe finito di pomparle l'acqua alzatisi dal letto, si sistemò sul cantaro, evacuando.- Finita la evacuazione pregò Rusina di lavarle le parti intime.- Rusina, avendo gia preparata una bacinella le si avvicinò e mettendo la mano in mezzo alle cosce strofinò le dita sia sul culetto che andando avanti ed indietro sulla fica.- Questo movimento cominciò a suscitare in Santuzza delle gradevoli sensazioni mai provate e che aumentavano di intensità quando Rusina le strofinava la fica.- Fu così che si trovò abbracciata a Rusina e pregandola di continuare ebbe il primo orgasmo della sua vita.- Rusina, inizialmente preoccupata di quella reazione di Santuzza, che sembrò perdere i sensi, si rasserenò vedendo l'espressione languida e beata del suo volto e che dalla fica sgorgavano liquidi un po' untuosi.- Dopo circa due ore Santuzza chiamò di nuovo Rusina e si fece portare il cantaro ma, stavolta fece solo pipì ma volle che Rusina la lavasse lo stesso.- Rusina ormai aveva capito che il cantaro era una scusa e che erano le sue dita che Santuzza desiderava, quindi intensificò, quella che in seguito avrebbe saputo essere masturbazione, soffermandosi su quella parte che più recava piacere a Santuzza.- Dal quel momento in poi il comportamento di Santuzza nei confronti di Rusina cambiò in maniera radicale, adesso Santuzza si faceva trovare gia senza mutande e con i seni scoperti poiché aveva avvertito che anche le tette reclamavano di essere toccate.- Rusina, che si sentiva la propria fica bagnata mentre toccava quella di Santuzza, per la quale era diventata indispensabile, le prese una mano e la portò sulla propria fica invitandola a fare altrettanto.- Dopo aver goduto assieme si spogliarono del tutto continuando a masturbarsi ed a toccarsi e baciare le prosperose tette che tutte e due avevano.- Rusina vinse pure una certa ritrosia che aveva nel baciare Santuzza sia per i baffi che che per i denti storti e ciò le portò a baciarsi e ad intrecciare le lingue, lingue che si alternavano tra le bocche e i seni.- Rusina sempre e più intraprendente e curiosa, scese con la lingua dalla bocca alle tette e quindi giù verso l'ombelico e quindi sulla fica.- Lei aveva visto solo la sua di fica e sempre ovviamente dall'esterno, per cui le dedicò molta attenzione e vinta dalla libidine poggiò le sue labbra su quelle ali di farfalla rosee e roride che le si presentavano agli occhi .- La reazione di Santuzza, che cominciò a sussultare e a gemere e a spingerle la testa sempre più verso la fica, la gratificarono tantissimo e continuò finchè Santuzza raggiunse un orgasmo spasmodico.- Poco dopo Santuzza volle rendere il piacere a Rusina imitandone i gesti e le leccate causandole un altro orgasmo.- Felicissime di quelle scoperte della possibilità di godere dei propri corpi, fu conseguenziale spogliarsi e prendere visione e bearsi ognuna del corpo dell'altra.- Si abbracciarono strusciandosi le tette, divenute più sensibili, ed anche le fiche.-

Questo racconto di è stato letto 2 1 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.