Un'immensità dopo noi

Scritto da , il 2020-06-21, genere etero

È passato un po' da quando ci siamo visti. Non è stata un'uscita come le altre. Stavolta era molto più bella, più completa.
Siamo andati in un immenso prato verde con un telo e tre birre.
Per i tuoi impegni, abbiamo deciso di uscire il pomeriggio fino a sera tardi per poi tornare a casa.
Questa uscita è stata decisamente diversa dalle altre.
Era molto più intima, ma tranquilla. Non c'era tensione. Sembrava speciale anche un posto al di fuori della macchina.
Ci siamo visti nel tardi pomeriggio. Come ogni volta ero agitata nel vederti. Non sapevo cosa mettermi. Era un continuo mettere e togliere. Già mi immaginavo il tuo sorriso e i tuoi occhi, come d'altronde faccio spesso. E la tua voce. Ah, quanto mi piace.
Mi sei venuto a prendere, come sempre. Tra una risata e l'altra scappava qualche bacino. La musica ci accompagnava e ci rassicurava. Appena arrivati abbiamo camminato un po' e ci siamo diretti sotto un albero. Nel tragitto ti prendo la mano. Il cuore mi batteva a mille. La tua mano completava il vuoto della mia.
Arriviamo sotto l’albero. Stendiamo il telo, decidiamo di metterci all'ombra. Qualche raggio di quel sole caldo come i nostri sguardi filtrava tra i rami.
Ci rilassiamo. Non smettiamo di parlare. Sembra come se le parole non finissero mai. Carezze. Sguardi. Baci. Pensieri. Abbracci. Emozioni. Tu ed io eravamo un mix di cose, una più bella dell’altra. Rimaniamo lì per un po', fino all'ora di cena. E indovina un po' cosa succede mentre parliamo?! Si. Vai a fare pipi. In realtà questa cosa mi piace. Spezza un po' i nostri monologhi discorsi e mi fa ridere un sacco. Anche perché stavolta toccava anche a me. Ma ho preferito resistere.
Il sole inizia a calare. Raccogliamo le nostre cose e ci dirigiamo verso l’uscita. Come prima, però, stavolta sei tu che prendi me. La mia mano e il mio essere.
Saliamo in macchina e torniamo verso casa. Stasera mangiamo al Mc.
Ho voglia di farti capire che sono una ragazza semplice. Che preferisco un panino, una pizza e un kebab, ai ristoranti lussuosi. Qualche eccezione, ovviamente, la potrei fare.
È a portar via, cosicché possiamo rilassarci in macchina e trovare qualche posto dove appartarci, senza che nessuno ci rompi le scatole.
Dopo aver mangiato e bevuto una bella coca cola fresca, ci avviciniamo l'un l'altro.
Come sottofondo esce però una canzone che mi colpisce. È la nostra. Non so cosa dica perché è in inglese, ma va bene. Sento che è per noi.
È un loop continuo. Ci baciamo e sento che vengo trascinata dal suono e dai tuoi baci. Siamo mezzi nudi, ma come sempre passano le macchine. Così decidiamo di trovare un altro posto, ma alla fine torniamo al nostro. Non ci importa. Stavolta c'è tanta voglia.
I sedili posteriori ci aspettano. Aspettano il nostro sudore. La nostra passione. I nostri orgasmi e l'ansimare. Siamo diventati un corpo solo. Un solo respiro. Quella macchina sapeva solo di noi.
Partiamo con i baci ma voglio subito averti addosso. Inizio a farti una pompa. Mi piace tantissimo. Appena mi stacco ecco che ti metti il preservativo ed entri dentro di me. Tu vieni, stavolta subito. Non è un problema. Mi piace lo stesso. C'è ancora voglia. Ti voglio. Mi vuoi.
Mi baci e scendi giù. Infili due dita e lecchi. Vai più veloce e sfreghi. Sto venendo ed urlo. Ti stringo anche la spalla. Credo di averti fatto male. Non sentivo più nulla se non me, te e quel noi che si forma quando i vetri si appannano completamente.
Ci rilassiamo. Ma non sono sazia. Ho ancora bisogno di te. Ricominciamo. Stavolta sono io che ti sto sopra. Mi prendi il culo e lo muovi insieme a me. Sono tua. Sto sudando. Le macchine passavano ma non ci importava niente. Questa cosa era più nostra. Tutto stava diventando nostro. Sentivo il bisogno di venire. Sto venendo sopra di te. Sul tuo cazzo. Sento che sono zuppa.
Non mi sento stretta addosso a te. Continuo. Mi tolgo e mi metto a novanta. Mi piace. Da morire. Questa specialmente. Dopo un paio di botte, anche di più, tu vieni. Mi piace l'idea che tu mi venga dentro.
Ti togli e ci baciamo. Rimaniamo nudi a noi. Al momento stiamo bene. Non ci manca nulla.
Abbiamo fatto tardi. Stavolta è concesso. Stavolta la fame era più importante. Siamo coinvolti. Siamo felici. Non troppo invadenti, ma il giusto per tornare a vivere.
Siamo tornati. Mi hai accompagnato. Ti riempio di baci. Non ho voglia di andare. Domani però lavori e devi dormire.
Mi incammino verso casa e tu vai via. Prima di mettermi a letto e dormire aspetto un tuo messaggio. Arriva. Sono più felice di prima.
Mi cambio, mi strucco e mi butto a letto. Felice così.

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.