Pompino al vecchio pescatore

Scritto da , il 2020-06-15, genere tradimenti

Sera, ero al pub con le amiche, indossavo intimo verde, jeans, una magliettina attillata e giubbottino di pelle nera, scarpe con tacco medio. Si rideva e scherzava e bevevo la mia birra quando, quasi per caso, notai un uomo seduto al tavolino all'angolo dal locale che mi guardava con una certa insistenza.

Presi a studiarmelo; era un tipo piuttosto coatto, aria da biker con barba e pizzetto bianchi, orecchino al lobo sinistro, camicia aperta sul petto, collana di coralli tipica degli anni 70, insomma un tizio che voleva apparire giovanile e figo ma che ai miei occhi risultava piuttosto cafone e coatto.

Ero intenta a chattare con amici su un sito un pò spinto e di tanto in tanto lo guardavo notando che non mi staccava gli occhi di dosso mentre sorseggiava la sua consumazione. Inutile dire che, come al solito, ero felice e lusingata di attirare le attenzioni di un uomo, e improvvisamente mi ritrovai a pensare, con una certa eccitazione a cose sconce, perverse, inenarrabili.

Le mie amiche notarono la mia irrequietezza, ma ovviamente non dissi di certo di cosa si trattasse, anche perché una di loro conosce il mio compagno, insomma sarebbe stato rischioso anche se tra noi donne ci proteggiamo sempre. Comunque decisi che era più saggio non dire nulla. Loro non sapevano del pompino al cliente dell'albergo, dell'incredibile trombata con l'extracomunitario del supermercato, non sapevano di "M", in fondo credevano che fossi fedele al mio compagno.

Improvvisamente mi resi conto che mi stavo bagnando, perché era ormai chiaro che quel maschione aveva delle chiare mire su di me, aveva desideri proibiti che sperava io volessi soddisfare.... e iniziai ad averli anche io.... Insomma mi intrigava il tipo, con quell'aria da vecchio biker o camionista porco, e cominciavo a desiderare ardentemente di “conoscerlo” più da vicino.

Ad un certo punto, da gran troia quale sono, decisi di farmi avanti e divertirmi un pò e con la scusa di andare in bagno, passai accanto al tavolino dell'uomo lo guardai, poi senza farmi notare da altri, gli feci un cenno con la testa e, bisbigliando, gli dissi di raggiungermi sul retro.

Uscii e dopo poco lui mi raggiunse. Subito gli chiesi, con finta aria incazzata, offesa e scocciata, cosa avesse da guardarmi con tanta insistenza e che mi stava infastidendo. Lui, che più tardi avrei scoperto chiamarsi “L”, non negò, non cercò scuse, anzi mi disse che mi trovava molto sexy, carina vestita in maniera così sbarazzina e che lo facevo impazzire di voglia. Io, già eccitata dalle sue parole, con finto pudore, gli dissi di avere un compagno per cercare di eccitarlo ancora di più, e lui rincarando la dose ammise che la cosa lo eccitava chiedendomi se avessi mai tradito e se ero disposta a farlo ora, con lui.

Mentendo spudoratamente, risposi di no, e, guardandolo negli occhi, gli dissi con evidente poca convinzione di farla finita, che mi stava importunando, altrimenti sarei andata via immediatamente, consapevole invece che volevo rimanere eccome. Stavo simulando un attacco di falso isterismo e pudicizia, consapevole che questo eccita gli uomini ancora di più. Gli dissi che queste porcate non le facevo, che, se anche fossi stata single con lui non ci sarei mai andata. Ma il porco aveva capito che ci stavo eccome.

Avendo capito che ero attratta, mi disse di calmarmi, che se non mi interessava ero libera di decidere tranquillamente, che non si sarebbe offeso, ma aggiungendo che era peggio per me, che non sapevo cosa mi sarei persa. Inoltre aggiunse, con voce melliflua, che desiderava solo un pompino, solo una gran pompa con ingoio! A queste parole, avvertii un brivido di piacere, pure perché, dopo aver dato un'occhiata maliziosa alla sua patta, cosa che lo stronzo notò con un sorriso, avevo notato il rigonfiamento assai promettente e mi venne una gran voglia di prendere in bocca un cazzo grosso e così gli dissi che avrei voluto provare per vedere se mi sarebbe piaciuto tradire il mio compagno facendo un bel pompino ad uno sconosciuto, perché, dissi, è più eccitante e intrigante succhiarlo ad un maschio occasionale. “L” ovviamente accettò felice, ma gli dissi che non avevo un posto dove appartarci perché, mentendo ancora, non abitavo li.

“L” disse che non c'erano problemi, che aveva un posto dove portarmi e quindi se non avevo altre remore, potevamo andarci anche subito. Abbassando lo sguardo, finsi di pensarci ancora sopra, dicendogli di sentirmi in colpa con il mio compagno, ma ormai nel mio animo, la scelta l'avevo già fatta. Ormai ero sua. Sempre con aria innocente, gli dissi che era ok, che volevo fargli un pompino e che andavo a sganciarmi dalle mie amiche e a pagare la mia consumazione. Mi disse che per il conto ci avrebbe pensato lui e che mi aspettava alla sua auto descrivendomi modello, marca e colore e dove fosse parcheggiata.

Tornai eccitatissima al mio tavolo e dissi alle mie amiche che avevo un pò di mal di testa, quindi avrei pagato e sarei tornata di corsa a casa. Sorprese da questo mio improvviso strano malore, ci salutammo, intanto vidi “L” che pagava alla cassa e usciva dal pub, e qualche minuto dopo lo raggiunsi. In fretta salii in auto e gli dissi che era tutto ok e che potevamo pure andare. In una decina di minuti in cui scambiammo poche parole, arrivammo a una palazzina fuori mano. Lui scese nel garage deserto, parcheggiò e ci appartammo in un box pieno di cianfrusaglie varie. Mise il chiavistello alla porta del garage.

Ci sedemmo, io su uno sgabellino e lui su un mucchio di cassette di legno e cominciammo a parlare del più e del meno. Mi disse che si chiamava "L", lavorava come pescatore su una paranza della Versilia, 62 anni, separato con un figlio. Poi aggiunse che amava le donne e il buon sesso. Io a mia volta gli dissi che mi chiamavo "S", che avevo 52 anni, lo misi al corrente che lavoravo come cameriera ai piani in un albergo. Mentre lo ascoltavo, eccitata dalla situazione e anche da lui, mi mordicchiavo il labbro inferiore, e questo gesto provocante fece cadere ogni residua barriera facendogli capire che ero una gran porca.

E così disse che non mi aveva di certo portato lì per parlare, mi disse che voleva mettermelo in bocca e vedere come succhiavo il suo cazzo. Con aria ingenua e sottomessa accettai sorridendogli maliziosamente. Si alzò, si tose la maglietta, si avvicinò e mi tolse il giubbetto, poi la maglietta ed il reggiseno. Mi disse di alzarmi e mi calò jeans e mutandina, lasciandomeli alle caviglie. Poi mi prese la faccia tra le sue mani e cominciò a leccarmi le labbra, a mordicchiarle cercando di entrare con la lingua nella mia bocca. Desideravo tanto allargare la bocca ed accogliere la sua lingua, baciarlo selvaggiamente, ma mi piaceva giocare a fare l'ingenua e così esitavo a farlo, fino a che mi ficcò prima una, poi due dita nella figa solleticandomela in maniera sublime. Mi fece notare che ero bagnatissima.

Ormai schiava del piacere, eccitata dalla mia perversa voglia di tradire, di essere porca, con una gran voglia di cazzo in bocca, abbracciandolo al collo, presi a baciarlo pure io, con le lingue tirate fuori leccate e succhiate a vicenda, mentre lo sentivo ansimare, vibrare dal piacere. Le sue mani mi toccavano dappertutto, le tette, i fianchi, il culo, la figa, la schiena, tutto. Io ansimavo a occhi chiusi.. Mi fermai e, facendo cadere la mia maschera di donna timida ed impacciata, gli dissi ansimando con un filo di voce, di non resistere più, di volere il suo cazzo tutto in bocca, e così gli abbassai i pantaloni e gli slip, con il cazzo che scattò verso l'alto come una molla tanto era in tiro, glieli sfilai e li lanciai da parte, lasciandolo nudo, poi mi sfilai pure io pantaloni e brasiliana rimanendo a mia volta completamente nuda.

Il cazzo di "L" era un vero invito alla lussuria. Lungo, grosso, pieno di venature e con una cappella gonfia, grande, incredibilmente eccitante e da ciucciare fino allo sfinimento. In piedi l'uno contro l'altra, senza pudore ne vergogna, pensavo solo al cazzo che impugnavo e che iniziai a segare, mentre riprendemmo a baciarci. Essendo lui piuttosto alto, dovevo allungarmi sulle punte delle dita dei piedi per arrivare alla sua bocca e ci baciammo a lungo mentre gli sparavo una sega.

Poi, lentamente, leccandogli e baciandogli i capezzoli, poi il torace e la pancia, mi inginocchiai davanti a lui e, legandomi frettolosamente i lunghi capelli alla nuca con un elastico, mi ritrovai la grossa cappella a pochi millimetri dalla mia vorace e calda bocca. Nudi, mi guardava estasiato ed io facevo altrettanto, inginocchiata lo guardavo negli occhi, con il suo cazzo ben stretto in pugno, andando lentamente avanti e indietro, continuando a fargli la sega. Tiravo indietro e poi avanti, glielo scappellavo totalmente vedendolo godere come un animale.

Poi mi allontanò la mano e lo impugnò lui, alzando il cazzo in modo che potessi leccarlo da sotto, lasciandomi piena iniziativa e dicendomi di mostragli cosa sapessi fare con un bel cazzo a mia disposizione. Subito mi misi a lavorarmelo con la lingua, senza usare ancora le labbra e senza l'aiuto delle mani, cominciai a leccare le palle, le ciucciavo portandomele in bocca prima una poi l'altra, con i peli che mi invadevano la bocca, poi mi dedicavo all'asta nodulosa e alla cappella, turgida e dall'odore acre e pungente. Gemevo e godevo nel farlo godere, lo guardavo in faccia e mi toccavo la figa bagnatissima, masturbandomi delicatamente. Gli palpavo i coglioni eccitandolo ancora di più.

“L” mi incitava e si complimentava per la mia abilità di pompinara e, dopo avergli detto che avevo appena iniziato, finalmente ingoiai il grosso cazzo, prima una buona metà, poi su spinta di "L", almeno tre quarti. Uhm, mi riempiva totalmente la bocca e sentendomelo in gola, provavo una forte sensazione di nausea, ma non mi fregava un cazzo, lo volevo, volevo mangiarmi la sua nerchia a costo di vomitare tutta la birra di prima, così ripetei il giochetto quattro, cinque volte mentre sbavavo tantissimo con la saliva che mi fuoriusciva dagli angoli della bocca, unica valvola di sfogo perché completamente occlusa dal cazzo ben piantato in gola. Poi lo tiravo fuori grondante bava e liquido seminale, lui lo impugnava di nuovo ed io ricominciavo a leccare la cappella, delicatamente la leccavo con passione e ne sentivo il sapore e l'odore, odore di maschio in calore. Eccitata, fuori di testa dal piacere intenso che stavo provando, mugolavo mentre la leccavo.

Poi, con il cazzo sempre sorretto da "L", cominciai a pompare andando avanti e indietro sul suo cazzo, a un ritmo lento e regolare. Appena intuivo di andare troppo di fretta, allo scopo di prolungare il più possibile il nostro godimento, rallentavo per poi aumentare di nuovo. Mi iniziava a far male la mandibola tanto lo stavo succhiando e pompando.

Dopo una quindicina di meravigliosi minuti di pompaggio, sentendo il cazzo di “L” ormai al massimo dell’erezione vibrare nella mia bocca calda e umida, capii che non ne poteva più, che era ormai prossimo a venire, a liberare la sua sborra. Gli dissi senza pudore di venirmi in bocca, di voler ingoiare tutto il suo sperma fino all’ultima goccia perché ero una troia pompinara, una vera ingorda.

Così appoggiai le mani sulle sue cosce, serrai le labbra sulla cappella e con la lingua la titillavo dall'interno, mentre lui mi reggeva dalla nuca e mi implorava di non fermarmi, cosa che ovviamente io non volevo assolutamente fare. Improvvisamente, mentre lo guardavo negli occhi, lui mugolò in maniera sommessa e prolungata. Contemporaneamente avvertii una forte resistenza al movimento della lingua, sentii il sapore della sborra calda che mi inondava la bocca, dopo essersi scontrata con la lingua. Mi beccai una sborrata incredibile, il primo schizzo, incapace di trattenerla mi fuoriuscì dalla bocca e un rivolo denso e copioso prese a colarmi dalla bocca sul mento e sulle tette, intanto lui continuava a sborrare e fiotti di sperma perlacea mi schizzavano in faccia, in bocca, in gola mentre avidamente ingoiavo quasi tutto, una quantità incredibile di sborra, direttamente nello stomaco.

Ansimando, si complimentò dicendomi che ero stata grande e che lo avevo portato in paradiso con quel pompino incredibile. Mi disse che ero una gran troia e di andare fiera delle mie capacità. Io con le tette, la faccia e la bocca imbrattate di sperma, scoppiai in una risatina di compiacimento.

Ci rivestimmo dopo esserci puliti con le salviettine e, dopo un’altra birra bevuta insieme, mi accompagnò a casa…..

N.B.: I MIEI RACCONTI SONO TUTTI REALI E NON IMMAGINARI.

Questo racconto di è stato letto 8 6 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.