Ricordi d'Erasmus

Scritto da , il 2020-05-30, genere etero

Era il luglio più caldo degli ultimi anni. Quasi quanto la terribile estate del 2003. Ormai Parigi iniziava a esserci abituata a quelle stravaganze. Un po’ meno i suoi abitanti, che boccheggiavano per strada, e trovavano sollievo nella frescura artificiale dell’aria condizionata dei negozi. E Frida con loro. Parigina d’adozione in quanto studentessa Erasmus, Frida stava in piedi nel vagone affollato della metro. Aveva cercato di vestirsi il meno possibile, sandali bassi e vestitino di sangallo bianco. Quella mattina era stata talmente esasperata dalla calura da decidere di tagliarsi i lunghi capelli biondi mossi, che ora le incorniciavano il viso fino al mento.
Etienne ne sarebbe stato sorpreso. O forse no, forse era stato più sorprendente quello che era successo la sera prima. Etienne, il dottorando che condivideva con lei la grande passione per l’arte giapponese. Quel ragazzo nero alto, tonico e dal passo elegante l’aveva conosciuto per caso in biblioteca mesi prima. Frida aveva scommesso che studiasse cooperazione allo sviluppo. Invece sbirciando sul suo tavolo aveva intravisto libri in giapponese e un volume su Utamaro, il maestro che aveva ritratto la vita nei quartieri di piacere della vecchia Tokyo in modo insuperabile. Il binomio eros e arte interessava anche a lui. Per questo si erano avvicinati. Le loro conversazioni durante le pause caffè e gli aperitivi avevano esaltato la mente curiosa di Frida, che ogni volta tornava a casa arricchita ed entusiasta.
Ma la sera prima lei ed Etienne si erano spinti oltre. In quello scambio puramente intellettuale era entrato un nuovo protagonista: il corpo. Un corpo reso sfrenato dall’alcol e dalla danza, durante una festa in una residenza studentesca. Era iniziato tutto come al solito, con loro due che conversavano assieme ad altri borsisti, più allegri ad ogni bicchiere versato. Poi qualcuno aveva collegato un iPhone alle casse, e i più coraggiosi avevano rotto il ghiaccio iniziando a ballare.
Frida era allegra, ma ancora pienamente padrona di sé. Etienne invece sembrava già alticcio, con quella risata sguaiata che nessuno, in dipartimento, aveva mai sentito. E che si era interrotta quando lui l’aveva guardata e le aveva sorriso prendendola per mano e conducendola in un angolo della sala. Frida si era lasciata portare: non disdegnava certo ballare con un bell’uomo, fosse anche un superiore. E aveva sorriso tra sé, pensando a quanto diversi dovevano apparire: lei bionda e minuta, lui color ebano, alto e atletico. Pian piano il vino e la musica avevano reso tutto più lontano e sfocato: l’università, le gerarchie, i loro ruoli. Si era lasciata cullare tra le sue braccia forti, con gli occhi chiusi in modo da amplificare tutti gli altri sensi.
Si erano stretti l’uno all’altra quasi a volersi compenetrare. I corpi resi madidi dalla calda sera estiva, dondolavano lentamente al ritmo di una canzone lenta anni Sessanta. Era stato allora che la ragazza aveva avvertito quella pressione contro l’inguine, che rivelava l’inequivocabile eccitazione di lui. Le gerarchie erano definitivamente saltate. Frida aveva assecondato il suo istinto, ma con la cautela di non farsi scoprire dagli altri; con movimenti quasi impercettibili aveva premuto il suo sesso contro quello di Etienne. Erano rimasti così, a strusciarsi nella penombra, l’eccitazione che saliva assieme alla temperatura tra loro. Era proibito, o quantomeno disdicevole, e questo non faceva altro che invogliarli a continuare darsi quel piacere nascosto.
Frida era immersa in quella piacevole trance erotica, quando una delle invitate l’aveva chiamata a gran voce. Louise, la sua coinquilina, aveva esagerato con il vino ed era stata male, non si reggeva in piedi. Bisognava che qualcuno la riportasse a casa.
A malincuore la ragazza italiana si era staccata dal ragazzo.
-A domani- aveva sussurrato lei con un sorriso malizioso, prima di affrettarsi verso l’amica.
Louise era effettivamente ridotta a uno straccio. Non sapeva proprio regolarsi. Frida aveva chiamato un taxi , e una volta a casa, l’aveva messa a letto. Chissà che mal di testa domani, aveva pensato coricandosi a sua volta.
Invece il giorno dopo Frida aveva appuntamento con Etienne per rivedere la tesi, a casa sua. Ma dopo quello che era successo la sera precedente, chissà se il ricercatore avrebbe mantenuto l’appuntamento? Quella mattina non le aveva scritto. Niente e-mail, chat, nemmeno un semplice sms.
Deduco che il piano sia rimasto invariato, pensò Frida mentre si ripassava il trucco. In fondo sperava che l’abitino succinto lo istigasse a proseguire quello che avevano iniziato la sera prima.
All’uscita della metropolitana il caldo torrido la investì. Fortunatamente Frida non doveva fare troppa strada prima di raggiungere l’appartamento dove viveva Etienne, in quel tranquillo sobborgo residenziale. Quando premette il campanello e rimase in attesa, il cuore le batteva impazzito. Il portone si aprì senza una parola. La ragazza si precipitò in ascensore.
Etienne stava sull’uscio di casa in pantaloni di lino e t-shirt, gli occhiali da studioso ancora sul naso; le sorrise e la invitò a entrare. Senza che dicessero una parola, un’atmosfera di attesa scese tra loro. Un piacevole conto in sospeso accompagnava ogni loro gesto e parola. L’uomo le mostrò la casa, minimal e punteggiata qua e là da oggetti d’artigianato giapponese. Frida notò che, a differenza dell’università, lei ed Etienne stavano parlando del più e del meno, quasi a voler nascondere sotto parole vuote l’attrazione che cresceva tra i loro corpi.
La ragazza si avvicinò al tavolo del salotto, incuriosita dal libro aperto su un’immagine a doppia pagina: la stampa di un samurai che possedeva una cortigiana, l’uno alle spalle dell’altra, quasi vestiti del tutto, eppure sconvolti dal piacere. Arte ed eros, il loro terreno di ricerca comune. Etienne la raggiunse, e Frida poté sentire il calore del suo corpo dietro di sé.
-Era questo che avevi in mente ieri sera?- le mormorò lui all’orecchio. Quindi scese con le labbra lungo il collo, vellutato come una carezza.
-L’idea non mi è passata- replicò Frida chiudendo gli occhi e godendosi i brividi di piacere che quel tocco le procurava.
Etienne infilò le dita sotto il vestito e avvolse i piccoli seni tra le mani grandi. Pizzicò i capezzoli, sentendoli indurirsi sotto i suoi palmi, e massaggiò quelle tenere albicocche in cerchi ipnotici. Il fatto che lei non indossasse il reggiseno rendeva tutto così facile.
-Ti ho desiderata fin dalla prima volta che ti ho vista- ammise lo studioso affondando il volto sulla spalla di lei, mentre la spogliava lentamente -Sei una forza della natura. Calda, solare, forte, intelligente-. Le parole accompagnavano il vestito che cadeva a terra.
Frida era nuda davanti a lui, in febbrile attesa di vedere come sarebbe proseguito l’incontro iniziato la sera precedente. Avrebbe voluto che qualcuno li ritraesse durante l’amplesso, i corpi di panna e cioccolato per sempre sulla carta.
Si baciarono a lungo. I baci sembravano il mezzo migliore per comunicare il desiderio irrefrenabile che li legava. Le mani di Etienne percorsero il corpo di Frida con carezze lente, movimenti sapienti, perché capaci di accrescere la sua voglia. Clavicole, seni, fianchi, inguine erano le tappe del viaggio di quella lingua che la faceva sospirare. Erano ancora in piedi, quando le dita di Etienne si addentrarono nell’anemone liscio e bagnato della ragazza. Il francese prese a leccarle i capezzoli, mentre faceva entrare e uscire le dita con ritmi diversi, accelerando o rallentando la venuta del piacere a suo piacimento. Frida perse ogni controllo, e rimase a godersi quelle attenzioni appoggiata al tavolo con le gambe spalancate. Se quello era l’inizio, non poteva immaginare quanto rovente sarebbe stato il finale.
Ma Etienne non era soddisfatto, voleva anche assaggiarla. Condusse la giovane, invitandola a sedersi. Le aprì le cosce con un gesto imperioso che la eccitò ancora di più, e s’inginocchiò così da poter sfiorare con le labbra il fiore umido.
-Dimmi, ma in metropolitana te la vedevano tutti con quel vestitino corto?- sorrise lui mentre cominciava a leccare i petali interni. Frida tremava di eccitazione. La ragione era esplosa, e il suo linguaggio obbediva unicamente al piacere.
-Sì, tutti me la guardavano. E volevano toccarla come stai facendo tu- rispose ansimando. Avvertì la lingua penetrarla ripetutamente con delicata decisione, mentre nell’occhio della mente era ancora vivida l’immagine di una processione di uomini che volevano guardargliela e toccargliela a turno, come una calamita irresistibile. Ma il quadro venne velocemente dissipato dalla realtà del piacere che l’uomo le stava dando, ora unendo le dita alla bocca. Frida venne con un fremito, una scossa di piacere accecante.
Quando si fu ripresa dall’orgasmo, la giovane desiderò donare piacere a sua volta. Si rialzò e scambiò posizione con Etienne, che si accomodò a sua volta sul divano. Frida si inginocchiò di fronte a lui, e iniziò ad accarezzare il membro da sopra i pantaloni, sentendolo crescere sotto il suo tocco. Era davvero grosso e potente, tanto da riaccendere l’eccitazione della ragazza. Quindi Frida lo liberò dalla stoffa, e iniziò a leccarlo con golosità; titillò la cappella, facendo sfuggire al nero un mugolio di godimento, per poi scendere lungo l’asta con una catena di baci bagnati fino a raggiungere i testicoli, che prese tra le labbra e lappò con frenesia. Etienne si abbandonò a quelle piacevoli cure, accarezzandole la testa. Quando lei glielo prese in bocca, il tocco si fece più deciso, in modo da guidare il ritmo, desideroso di comandare. E Frida non l’avrebbe mai ammesso, ma farsi imporre quel grande fallo che entrava e usciva dalle sue labbra non le dispiaceva affatto.
Per questo obbedì senza battere ciglio quando Etienne la interruppe e la fece piegare a novanta gradi, facendola appoggiare al sofà. L’uomo quindi sparì brevemente dalla propria stanza, da cui riemerse con un fagotto di seta nera. L’oggetto misterioso scatenò la curiosità di Frida.
Etienne le si avvicinò, e iniziò a massaggiarle il fiore di carne in piccoli cerchi. Le chiese di non voltarsi, ma semplicemente di godersi le sensazioni che le avrebbe procurato. Frida obbedì. Avvertì delle gocce cadere al centro della regione sacrale, per poi rotolare giù tra i glutei; sentì le dita del suo amante spalmarle accuratamente attorno all’ano, massaggiato a sua volta con delicate spirali. La ragazza chiuse gli occhi, e si lasciò guidare nel regno di un piacere diverso, ma immensamente intrigante. Poteva sentire le dita di una mano fare dolcemente ingresso nella fessura anale, mentre quelle dell’altra deliziavano il suo anemone affamato. I due piaceri si intrecciavano e rafforzavano l’un l’altro, facendola ansimare. Ed ecco finalmente l’oggetto misterioso. Frida avvertì delle perle infilarsi nell’ano dalla più piccola alla più grande; la lentezza con cui lo entravano era studiata, e le permetteva di riconoscere e godere appieno delle diverse sensazioni che riceveva.
Il movimento si ripeteva calmo e intenso, accrescendo il godimento che proveniva dal suo sesso. E in quel sesso che implorava di essere riempito, ad un tratto Etienne sostituì alle dita il proprio membro possente. Iniziò a possedere Frida ad un ritmo serrato, mentre manteneva volutamente un tempo rallentato con le perle, costringendola a concentrarsi su due fonti di piacere allo stesso tempo.
Grazie a quella combinazione, l’estasi montò velocemente, facendola gemere senza controllo. Frida subito avrebbe voluto chiederne ancora, tanto era stato grande e totalizzante il godimento. Etienne la accontentò, coinvolgendola in un gioco senza fine di imitazione delle scene erotiche che avevano visto ritratte dai grandi artisti giapponesi del passato.

Questo racconto di è stato letto 2 2 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.