La francese di campagna si fa inculare

Scritto da , il 2020-05-30, genere etero

Sophie é una ragazza della campagna francese a Sud di Parigi. Esattamente del piccolo villaggio rurale di Barbizon, circondato da malinconici campi coltivati a maggese e poco più distante la folta boschiva della foresta di Fontainebleau. Un piccolo centro abitato di fama internazionale per la sua scuola di pittura che ha richiamato in questo luogo artisti da tutto il mondo nel corso dell'Ottocento. Anche al di fuori della pittura, se si pensa ad esempio al soggiorno del celebre scrittore inglese Robert Louis Stevenson. Ma il personaggio più legato al borgo é certamente il pittore realista Jean-Francois Milliet, idolo di Vincent Van Gogh, che per decenni ha dipinto i contadini del luogo, conferendo un eroico stoicismo alla fatica quotidiana di questi semplici lavoratori. Sophie sembra l'incarnazione di un personaggio dipinto da Milliet traslato nel tempo. Rispecchia il classico cliché della ragazza francese campagnola dal corpo semplice e naturale, l'atteggiamento genuino, ma riservato  e gli abiti fuori moda adatti al mondo agreste. Ha i capelli tendenti al rosso, la carnagione pallida con chiare lentiggini sul volto, la fisionomia longilonea con un piccolo tenero seno. Il suo lato posteriore é il tipico "culo a mandolino" ed é il punto forte del suo fisico. Gli uomi di ogni età le fissano il sedere mentre passeggia con i suoi jeans vintage attillati per la Grand Rue di Barbizon. Lei é ignara del fatto che molti di loro una volta a casa faranno sesso con le mogli pensando al suo culo. Come é ignara anche del fatto che tutti i suoi compagni di scuola maschi almeno una volta hanno dedicato una "branlette" (una sega) al suo culo, magari immaginato in costume da bagno dopo l'ora di piscina. Sophie difatti é una studentessa di quasi vent'anni, all'ultimo anno in un Istituto Superiore Agrario nella cittadina limitrofa di Melun. La sua vita é divisa tra la scuola e il lavoro nei campi per aiutare la piccola azienda agricola di famiglia. Per lei é abitidine aiutare nella mietitura del grano, nella raccolta e nella semina fatta a volte ancora "alla volata" come gli antichi contadini. Certo una ragazza giovane alle volte pensa anche al sesso, ma le occasioni in una piccola borgata di case non sono certo molte e le sue modeste esperienze si rifanno tutte all'ambiente scolastico. La famiglia di Sophie ha anche dei cavalli e tra questi c'è uno stallone con un pene enorme. Quando lei resta sola nella stalla le capita di fissarlo, interrogandosi sul dolore che la giumenta possa provare penetrata da tale verga. Ma in fondo sarebbe curiosa di provare anche lei l'equivalente della sua specie. E fu proprio in quel contesto che a Sophie accadde un'occasione unica. Si chiamava Andrea ed era un italiano coetaneo di Sophie in gita scolastica a Barbizon. Agli studenti già maggiorenni in gita scolastica viene concessa un minimo di libertà, soprattutto in un piccolo paese disperso nella campagna. Così Andrea e i suoi amici andarono una sera nell'unico bar di Barbizon con un po' di musica e fu lì che incontrarono Sophie. Andrea non era particolarmente bello, ma conservava un segreto che gli amici irriverenti amavano svelare per metterlo a disagio. Aveva un pene particolarmente grande, discreto in lunghezza, ma ancora più impressionante in larghezza. Una sua ex-fidanzata smaliziata gli aveva scattato alcune foto che girarono presto tra tutte le studentesse della scuola, tanto che ad Andrea capita spesso di ascoltare le risate divertite delle ragazze che incrociano il suo cammino. Anche quella sera a Barbizon gli amici di Andrea iniziarono ad attirare l'attenzione di Sophie, unica donna del locale semivuoto, mimando la taglia del pene di Andrea con l'avambraccio. Sophie  divertita iniziò a scherzare con loro. Ad Andrea piaceva la bellezza ruspante di Sophie, ma soprattutto anche a lui piaceva il suo culo e come tutti nel locale lo fissava stregato. Il gruppo di amici scambiò qualche frase con lei, ma non si capirono a causa della barriera di lingua. Andrea trovava sensuali i suoni nasali e le erre roboanti pronunciati da Sophie. Anche lei iniziava ad eccitarsi e pensò che avrebbe potuto approfittare di quella situazione curiosa. Prese per mano Andrea, facendo attenzione a non essere osservata da occhi indiscreti di paese, e lo accompagnò fuori dal minuscolo centro abitato. Presto furono in mezzo alla natura, tra i campi ricoperti di erba alta e regolare accarezzata dal vento. Era una sera di fine primavera con la luna piena e il chiarore che velava di luce il paesaggio circostante. "Le soleil des renards" ("il sole delle volpi") é come indicano da quelle parti la luna. Sophie accompagnò Andrea tra l'erba del campo e nella penombra introdusse lesta la mano dentro ai suoi pantaloni, per poi abbassarglieli. "Tu as vraiment une grosse bite". Il termine più utilizzato in francese per indicare l'organo sessuale maschile é un sostantivo femminile  "la bite". Forse derivante dal verbo arcaico "biter" o dal termine nautico "bitte" (bitta) che presenta difatti una forma fallica. "Je te taille une pipe" disse Sophie ad Andrea. "Tailler une pipe" é l'espressione più comune per indicare  "fare un pompino". Ma Andrea non capí e allora Sophie si espresse con un più formale :"Je te pratique une fellation".  Le francesi di campagna praticano la fellatio in maniera diversa delle francesi di città. La"pipeuse" cittadina é raffinata e tratta il pene come un piatto di nouvelle cuisine. Lo assaggia delicatamente, stimola con la lingua punti epicritici, mantiene uno sguardo concentrato e intellettuale nell'atto. La francese di campagna sfoga nella fellatio la sua fame atavica di generazioni vissute nella penuria di cibo. Ingurgita il pene appena lo vede spingendolo con forza fino al fondo della gola, i colpi di lingua sono grossolani e le labbra serrano l'asta per non lasciarsela sfuggire. Andrea fu travolto da questo impeto divoratore. Sophie lo succhiava con forza, aspirando come se stesse bevendo da una cannuccia, in maniera talmente energica da provocare un leggero dolore ad Andrea. Ma l'eccitazione per ciò che stava accadendo era certamente maggiore. In aggiunta lei gli stringeva i testicoli, che nella campagna francese vengono spesso soprannominati "les orphelines" ("gli orfani"). Il pene di Andrea aveva ormai una consistenza massiccia. Sophie non poteva più resistere. Era a più di un anno di astinenza sessuale. "T’as une capote?" (modo gergale per chiedere un preservativo) . "Capote" come un cappotto. Andrea non capiva, ma Sophie immaginava che data la situazione inattesa neanche lui si fosse premunito. Ma la voglia di Sophie era immensa e in un piccolo villaggio di rado poteva succederle ancora di incontrare un giovane straniero con cui accoppiarsi liberamente assecondando i più reconditi istinti e potendo esternare il suo vocabolario sudicio senza essere capita. Allora si mise in ginocchio e si piegò in avanti come le spigolatrici del quadro di Milliet, inarcando all'indietro il bacino nella classica posizione della pecorina ("à la levrette" in francese, cioè come un levriero). "Pas dans la chatte, dans mon cul" chiese decisa ad Andrea. "Chatte" (gatta) é il termine più utilizzato per indicare l'organo genitale femminile. Quando parlano di animali domestici le donne francesi sembra sempre abbiano solo gatti maschi, per il semplice motivo che se declinassero al femminile non si capirebbe se stessero parlando della loro micia o della loro figa. Insomma Sophie, propose ad Andrea il buco posteriore. Per paura che egli non capisse, divaricò ancora di più le superbe natiche e indicò con il dito l'ano. Andrea non poteva credere che la ragazza con il culo più bello che avesse mai incontrato le stesse proponendo di penetrarla proprio da dietro. Poi pensò anche agli stereotipi di poca igiene che gli italiani hanno a riguardo dei francesi. Uno stereotipo che per altro non si addice a Sophie. Ma in ogni caso fu solo un pensiero passeggero. Andrea era davanti ad una ragazza che gli stava offrendo un deretano di rara bellezza e non avrebbe mai saputo rifiutare. Il fondo schiena di Sophie era un'opera d'arte al pari di tutte quelle dipinte in quella terra di acuta ispirazione. Guardarlo al chiaro di luna con la vagina slabbrata tra le gambe sovrastata da un poco di selvatica peluria era una vista talmente sublime che tagliava il respiro ad Andrea. Quale miracolo é il corpo femminile. Per entrambi era la prima esperienza di sesso anale. Sophie lubrificò con abbondante saliva il pene di Andrea e anche direttamente il suo ano. Andrea appoggiò la punta dell'arnese sul buco di Sophie, vinse la resistenza iniziale dei suoi sfinteri ed entrò completamente dentro il tunnel posteriore. Incominciò a stantuffarla, lei si mise a masturbarsi per aumentare il piacere. Toccava il clitoride vigorosamente e infilava anche tutte le dita della mano dentro alla vagina. Ad un certo punto si piegò con la testa quasi a terra e usò entrambe le mani: una sul clitoride e l'altra dentro di sé, mentre Andrea la penetrava da dietro. Ogni tanto Sophie afferrava con la mano che estraeva dalla vagina la parte del pene di Andrea che usciva ad ogni colpo dalle sue interiora. E in tutto questo urlava. Un urlo forte e acuto, che rieccheggiava nella sterminata campagna francese. Nessuno la poteva sentire. Le grida di estasi si disperdevano nei campi, come quelle di ogni animale che si accoppia. Il suo canto godurioso era interrotto soltanto da frasi sconce che pronunciava senza alcuna remora, sapendo che probabilmente il suo stesso amante non le avrebbe capite:" Bandes dure dans mon cul. Défenses mon cul et frappes mes fesses." C'erano soltanto i loro corpi accarezzarti dal vento nel contado sconfinato, gli alberi della foresta all'orizzonte, gli animali della notte e la piena luna intima e graziosa. In quel momento Sophie non era la ragazza pudica e timida del villaggio, ma la vacca in calore che si fa montare dal toro. Si sentiva in totale fusione con la natura circostante in un panismo assoluto. Pensava al pene del suo stallone e si chiedeva se anche la giumenta provasse così piacere a farsi sodomizzare. Andrea aveva raggiunto uno stato di plateau del piacere che gli permise di continuare a lungo senza arrivare al culmine del godimento e così Sophie collezionò un numero enorme di orgasmi da non tenere più il conto. Venne più quella notte che forse in tutta la sua vita fino a quel momento. Le sue gambe erano stanche, ma voleva continuare a godere. Infine, dopo un'ora di penatrazione continua e costante, con i muscoli di entrambi ormai atrofizzati, anche Andrea capitolò. Sophie ascoltò il respiro di Andrea farsi più rumoroso, il pene dilatarle maggiormente l'ano e infine percepí un liquido diffondersi nell'ampolla rettale. Andrea sfilò il pene e lo sperma iniziò a colare lentamente dal buco posteriore di Sophie. Lei arretrò leggermente la mano destra che teneva in mezzo alle gambe per masturbarsi e la mise "a coppola" per raccogliere sul palmo tutto il denso liquido che scendeva. Una volta che anche l'ultima goccia fu espulsa dall'orifizio, si portò la mano davanti al volto per guardare l'essenza maschile. Aveva il colore chiaro e opaco della luna. Per lei, ragazza della terra quel seme che dà la vita era più prezioso dell'oro. Lo spalmò sul pene ancora turgido di Andrea come un unguento sacro e prese in bocca il pene ricoperto di sperma. Ricominciò a succhiarlo ingoiando tutto il nettare virile dalla superficie. L'asta di Andrea ebbe solo un timido accenno di resa, ma poi confortato dalla bocca di Sophie si riprese rapidamente. Sophie gli disse "je te fais jouir dans ma bouche" (letteralmente "ti faccio gioire nella mia bocca", ma in ambito sessuale "jouir" é utilizzato per dire "provare un orgasmo). E così rispettò la parola data. Muoveva rapidamente la bocca su quel corpo duro come il legno che tanto la aveva fatta godere, fino a che Andrea eiaculò un'altra volta. Lo sperma della prima eiaculazione che Sophie aveva attentamente conservato si mischiò a quello della seconda eiaculazione. Sophie trattenne in bocca l'abbondante materiale, pur non gradendo troppo la consistenza gelatinosa. Ma lei é una donna della terra e troverebbe amorale sprecare un prodotto tanto prezioso. Così deglutí tutto e ripulí persino scrupolosamente il pene di Andrea. Il sapore del suo sperma restò l'unico souvenir di quell'incontro campale.

Questo racconto di è stato letto 2 6 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.