Daniela e il suo papà

Scritto da , il 2020-04-27, genere incesti

Daniela, 19 anni mora mediterranea bellissima aveva da tempo un tarlo fisso, suo padre... Da un anno questo desiderio fortissimo lancinava il suo fisico da pin up, ogni ora del giorno pensava a suo padre, 51 anni, fisico statuario, bell'uomo ambito da tutte le donne. Si masturbava selvaggiamente senza ritegno pensando le peggio zozzerie da fare col genitore. Quando riusciva a schizzare lanciava un urlo di lamento misto a gemiti soffocati che l'appagava solo per un attimo. Stava diventando un ossessione e la piccola Daniela pensava come sedurre il padre. Da qualche mese Daniela girava più svestita per casa e quando faceva la doccia lasciava la porta del bagno mezza aperta affinché il genitore potesse spiarla... Il padre si poneva delle domande sul comportamento della figlia, aveva intuito che i gemiti soffocati che provenivano dalla sua cameretta erano per lui, visto che la spudorata Daniela quando si masturbava selvaggiamente diceva " papà fottimi" tutte le volte che veniva... Questo atteggiamento lo turbava ma lo eccitava allo stesso tempo... L'incesto è un tabù, pensava il padre, e si vergognava di provare desiderio verso la figlia... Oramai il desiderio era di entrambi, Daniela aveva scatenato delle voglie ancestrali che il padre mai avrebbe pensato. Il fattaccio accadde un pomeriggio d'estate dopo la maturità di Daniela, la mamma era andata da una zia e sarebbe tornata la sera.
Come al solito andò' sotto la doccia e lasciò la porta mezza aperta, stavolta però il padre incominciò a spiarla. Lei si eccitò tanto e presa dalla passione fece vedere al padre come si toccava la fica... Il padre vista questa scena si abbasso' i pantaloni e incominciò a segarsi. Era già in erezione, duro come il marmo. In quell'istante si guardarono negli occhi, sembravano vivere un sogno, continuarono a masturbarsi senza profferire parola. A un certo punto Daniela vide il padre contrarsi e cacciare un urlo bestiale, stava sborrando in maniera fortissima, quanta crema per lei... Vedendo il padre godere in questo modo, anche lei venne come le peggio squaldrine, schizzando e urlando come una cagna... L'incesto tra di loro era iniziato, ma subito dopo il padre per la vergogna andò' a chiudersi in camera sua. Sapeva di aver sbagliato ma sapeva che ora non poteva fare a meno di sua figlia, era come una droga, non aveva mai goduto così, figurarsi se metteva il suo cazzone nel ventre della figlia...stava impazzendo... Nei giorni seguenti il padre cercava di non incrociare lo sguardo della figlia, aveva però il cazzo duro tutto il giorno pensando a lei... Dopo una decina di giorni, una notte che il padre andò in bagno, Daniela lo stuzzicò emettendo gemiti di piacere, il babbo non ci vide più, entrò nella sua cameretta, tolse il lenzuolo e si infilò nel suo letto. La baciava su tutto il corpo e nel frattempo le sfilo' le mutandine. Si fiondo' sulla sua fica acerba leccandola e baciandola. Daniela era felice : " si papi continua daiii...finalmente... fammi godere " Ci volle poco a schizzare sulla sua faccia, era venuta godendo come una porca :" ahhhhh siiiii... papà come è bello...siiiii...ahhhhhjjjjjj....". Poi il padre : " bambina mia fai venire il tuo papà, prendilo in bocca dai a babbo, uhhhhmmm... siiiii...bambina mia...come ciucci bene...ahhhhh godoooo". Dopo un po' il padre sborro' copiosamente sulla faccia della figlia : " siiiiiiiii.... Daniela sto sborrando....ahhhhh....uhhhhmmm... ". Finalmente i loro desideri quella notte cominciarono ad essere esauditi e nei mesi a venire continuarono ad essere felici. P.S. se qualche figlia maggiorenne ha avuto la stessa esperienza può scrivermi. Mi farebbe molto piacere. antonioporcello145@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 1 1 4 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.