Magica Emy cap2

Scritto da , il 2020-02-25, genere incesti

Scusate, l'altra volta non mi sono presentata per bene, ho superato gli anta, non da molto, penso di essere ancora una bella donna. Quelle che racconto sono le mie esperienze di quando ero ragazza, naturalmente i dialoghi non sono proprio fedeli non posso rivordare parola per parola. Da dopo che mio marito mi ha lasciato voglio liberarmi dal passato senza vergogna e cominciare una nuova vita.

Le ripetizioni di matematica e fisica procedevano bene, i miei voti erano migliorati avevo quasi la sufficienza come media. Quando eravamo soli mio Carlo mi istruiva anche su come succhiarglielo meglio e più a fondo, usando meglio la lingua e soprattutto a ingoiare tutto senza perderne una goccia.
Era quasi la fine dell'anno scolastico e mia madre chiese a Carlo se poteva darmi più ripetizioni, naturalmente accettò di buon grado, io ero la sua schiavetta.

"Allora Magica Emy, tua madre vuole che ti applichi di più e anch'io. Quindi da oggi faremo dei cambiamenti", esordì Carlo "ok padrone". "Ogni volta che siamo soli, starai in piedi con il busto appoggiato alla scrivania e studierai così, ogni volta che sbagli un esercizio io ti punirò". "Si padrone".
Presi i libri ed i quaderni e li miso sulla scrivania poi mi misi in posizione. Carlo mi spiegò per circa 40 minuti gli argomenti e ogni tanto mi faceva qualche domanda, nel frattempo mi palpeggiava il sedere e mi stimolava la mia passerotta. Non capivo quasi niente, "concentrati, la risposta è sbagliata" e mi abbassò le mutandine, "ma guardati sei fradicia, secondo me sbagli di proposito", "no padrone, è che mi distrai con le tue attenzioni", " mi dette una sculacciata "sono esercizi per la concentrazione, se impari in questa situazione a scuola non avrai problemi" e inserì un dito nella mia passerotta "mi cedettero le gambe, non ero mai stata penetrata da nulla, lui me lo vietava", "su forza riprendi a leggere" cercai di mettere a fuoco le parole, ma dalla mia patatina arrivavano scariche elettriche ad ondate, ed il suo dito era fermo, "ti prego Carlo, non ce la faccio", "come hai detto?" Disse affondando il dito, gemetti mi stava forzando l'imene provavo un misto di dolore e eccitazione. "Padrone per favore non ce la faccio a leggere", "impegnati", ripresi a leggere, ogni tanto mo fermava e mi chiedeva di ripetergli tutto, dopo circa mezz'ora di quella tortura ero venuta copiosamente diverse volte ed ero quasi completamente a peso morto sulla scrivania "ti prego padrone, non reggo più, sono troppo eccitata". Tolse il dito e me lo fece succhiare. "Ferma così, torno subito", uscì dalla cameretta, io respiravo profondamente cercando di riprendermi, le gambe mi tremavano forte. Rientó, "vorresti che essere sverginata dal tuo padrone?", mi voltai a guardarlo aveva il cazzo che svettava fuori dai pantaloni, era magnifico ma avevo paura. "Si, ma ho paura che mi farai male è troppo grosso". "Sarò delicato cuginetta" si avvicinò e mi baciò delicatamente, "poi sei talmente bagnata che scivolerà dentro senza difficoltà" e riprese a baciarmi dolcemente, ero completamente cotta di lui. Si mise il preservativo e si posizionò dietro di me, lo sentì premere leggermente sulla mia passerotta e piano piano scivolare dentro. Ebbi un altro orgasmo, lui si fermò "rilassati non ti contrarre", "non posso, sto avendo un orgasmo". Attese poi forzó un po' gemetti dal dolore "piano, che mi fai male". Indietreggio di poco poi tornò a spingere, mi sentivo piena era una sensazione meravigliosa, colavo come una fontana. Arrivò all'imene, lo sentivo spingere delicatamente "continua, per favore" lo supplicai "ti farò un po' male" "fallo". Mi tappò la bocca e dette un colpo deciso, una forte fitta mi risalì dalla pancia, urlai con tutto il fiato che avevo, ma la sua mano lo attutí quasi completamente, credo che feci anche un po'di pipì. Carlo era fermo e mi baciava sul collo "ora passa cuginetta, ora passa". Avevo le lacrime agli occhi e un forte bruciore mi risaliva dalla mia povera passera ormai allargata. Carlo continuava a baciarmi ed accarezzarmi, sentivo il suo palo dentro di me che pulsava di desiderio, mi mossi piano piano verso di lui e poi in avanti. "Brava, muoviti te" tornai a spingermelo dentro piano piano, sembrava che mi arrivasse nello stomaco, aumentai il ritmo, sentivo meno dolore e sempre più piacere. Ebbi un altro orgasmo che mi fece urlare, sentì che anche Carlo grugniva "si, dai brava la mia cuginetta che figa stretta che hai, ti riempio siii!" E si accasciò su di me con il fiatone. Io sfilò, senti un gran vuoto e mi sembrava che non si richiudesse, mi toccai con le dita, era allargata, ci entravano tranquillamente due dita. "Carlo mi hai sfondato" pignucolai, "calma, calma tornerà normale, e molto elastica e che lo abbiamo appena fatto" mi rassicurò. Mi guardai le dita erano piene di sangue, "alzati muoviti sto sanguinando" si spostò, mi alzai a fatica, tremavo avevo le calze sporche, andai in bagno e mi lavai al bidet, vedevo una mare di acqua rossa, poi diventò normale e mi tranquillizzai. Mi bruciava da morire, presi uno specchietto per i trucchi e stando a gambe larghe mi guardai sotto. Era oscenamente aperta e rossa, non era più piccola e perfetta come la ricordavo, ma ero felice, avevo fatto l'amore con mio cugino, lo amavo. Bussò alla porta, "Emy tutto bene", "si, si Carlo". Entrò, mi trovó a gambe larghe con lo specchio posizionato sotto. "Che fai?", "Guardavo come mi hai ridotta, sicuro che torna normale?" "Si, tranquilla" si avvicinò, pensavo che mi avrebbe dato un bacio, invece si girò verso il wc e fece pipì, quando ebbe finito si girò verso di me mi spinse vero il basso facendomi inginocchiare, "bene, visto che è tutto apposto finisci il tuo lavoro, puliscimelo". Lo presi in bocca meccanicamente, mi aveva solo usata, pesavo che mi amasse, ero ferita, ma non volevo che smettesse di usarmi. Dopo poco mi allontanò "brava la mia Magica Emy" si girò e usci dal bagno.

Questo racconto di è stato letto 5 0 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.