Il mio cosiddetto “amico” Alberto mi trasforma in cuck

Scritto da , il 2019-12-06, genere dominazione

1 CHIARA, GIORGIO E ALBERTO
Quarto giorno

Chiara sta facendo fronte all’assalto di Alberto che la sta penetrando come un toro. Lui spinge in avanti prendendo slancio dalle gambe e lei spinge indietro, andandogli incontro, facendo perno sulle ginocchia e spingendo su cosce e braccia.
Chiara è inginocchiata sulla seduta di una poltrona, le braccia poggiate sul bordo dello schienale e la testa ritta sopra di esso. E’ nuda, il seno ansante sfiora e struscia lo schienale della poltrona, mentre offre schiena e terga allo sguardo, se non fosse che dietro di lei c’è un uomo grande e grosso che la sovrasta e la copre.
I sentimenti della ragazza sono contrastanti, è costernata per il tradimento verso Giorgio, il suo fidanzato, ma è in estasi per quella scopata di una intensità tale che lei neanche immaginava potesse esistere.
Chiara, prima di questo momento, conosceva solo le blande penetrazioni del suo ragazzo che la portavano dolcemente e lentamente al piacere, ora stava assaggiando venti centimetri di cazzo duro, possente, resistente ed aveva raggiunto l’orgasmo già due volte, non le era mai successo prima, non capiva neanche cosa le stesse succedendo. Gorgogliava, gemeva, a tratti muggiva, gridava e pronunciava frasi prive di senso – oh dio… sììì, tutto ti prego, sfondami... vienimi dentro, inondami. – Era in estasi. Era calda in ogni parte del suo corpo, il piccolo seno gonfio e i capezzoli puntuti, tutti i nervi tesi spasmodicamente alla ricerca del piacere, tutti i sensi svegli e sensibili, il viso trasfigurato e la fica che emetteva umori come mai le era successo prima in vita sua. Una cascata di lava bollente.
Alberto aveva invece tutto sotto controllo, il suo martello implacabile entrava e usciva da quella splendida fichetta, liscia e implume come quella di una ragazzina.
La teneva per i fianchi e menava fendenti che facevano ballare la ragazza, ogni tanto le appioppava una manata sulle succulente natiche diventate rosse e brucianti, e, oltre a ballare, la ragazza traballava, ma tutto quello che le stava succedendo, sculacciate comprese, la stava portando verso il paradiso. Così almeno lei, altra scoperta recente, immaginava che fosse.
Non che quando scopava con Giorgio Chiara non provasse piacere, ma questo era tutto un altro mondo, per non dire un altro pianeta.
Chiara aveva trentun anni, ma ne dimostrava venticinque, era magra e alta centosessantadue centimetri, due pere non grosse, diciamo una seconda abbondante, ma ben disegnate e svettanti all’insù, cosce ben fatte ed un culetto delizioso. Era una bella ragazza ed aveva un carattere semplice, ingenuo, affabile, aveva anche una buona educazione e in quel momento si sentiva in colpa verso il suo fidanzato, ma, in quel momento, niente la poteva fermare. I rimorsi sarebbero venuti dopo, per ora godeva come mai le era successo prima e desiderava che quei momenti non finissero mai. – Ti prego… ancora… lo voglio tutto. – Mai avrebbe immaginato di sentirsi in quel modo, di poter dire quelle parole. “Una puttana, sono una puttana” rifletteva nei rari momenti di lucidità.
Chiara non lo immaginava neanche lontanamente, altrimenti, altro che piacere sublime, sarebbe morta in quell’istante, ma il suo fidanzato era nascosto dietro una delle porte del locale in cui Chiara e Alberto stavano consumando il loro rapporto e li spiava. Spiava soprattutto lei e mentre la vedeva beata ed eccitata, sottomessa allo strapotere dello stallone che la stava montando rimase tramortito.
Era capitato lì per caso e quando vide la scena rimase paralizzato, poi provò vergogna, sconforto, rabbia, mortificazione… invidia.
Giorgio inizialmente vedeva poco di Chiara, la fidanzata era sulla poltrona e dietro di lei c’era Alberto, nudo ed imponente che incombeva sulla ragazza menando colpi incredibili che la stavano sfondando, ma lei li accoglieva con grazia, mugolando e gemendo, anzi incitando lo stallone a penetrarla ancora più a fondo. Quindi, Giorgio vedeva soprattutto Alberto da dietro, le sue spalle da palestrato e le sue natiche scolpite che andavano avanti ed indietro, dondolando ossessivamente sulle cosce possenti che menava fendenti bestiali.
Poi, e fu incredibile, Alberto, come per fargli godere lo spettacolo, spostò la poltrona prendendola per i braccioli, con Chiara sopra, e la posizionò di sbieco.
A quel punto Giorgio poté vedere benissimo entrambi, ora era in prima fila. Vedeva il cazzo di Alberto che entrava dentro la fica di Chiara, il grande corpo dello stallone che incombeva sulla ragazza, il volto della fidanzata stravolto, le sue natiche rosse, le sue piccole e dolcissime tette gonfie e sobbalzanti con i capezzoli ritti.
“Sei bellissima Chiara”, pensava Giorgio mentre stava quasi piangendo, “cosa ti sta facendo quel bruto… oh dio… quanto sei bella… ti sta sfondando come una baldracca.”

Si trovavano in un seminterrato adibito a magazzino del resort in cui Chiara e Giorgio lavoravano e di cui Alberto era il direttore. Il locale era pieno di mobilio ed attrezzi rotti o che in quel momento non servivano.
Giorgio aveva spesso fantasticato su situazioni simili, ma la fantasia era una cosa e la realtà un’altra, nella realtà provava una sofferenza bestiale.
Ma Giorgio, nonostante tutto, ammirava quel cazzo che stava sfondando Chiara, le mani di Alberto che la tenevano per i fianchi e che la sculacciavano, la ragazza che gorgogliava immersa nel suo piacere, la bocca aperta ed il viso stravolto. Ogni tanto Alberto si chinava sulla ragazza e la leccava sulla schiena o le strizzava ruvidamente i capezzoli. Chiara vibrava, Alberto sentiva quelle vibrazioni e si eccitava ancora di più, Giorgio la vedeva e annaspava alla ricerca di aria. Giorgio si tratteneva, non riusciva né ad intervenire per far smettere quello sconcio, né ad andare via, era come ipnotizzato, non poteva fare a meno di guardare.
Nel momento in cui lo stallone inondò di sborra la sua fidanzata quasi svenne.
In quel momento la ragazza fremette ancora una volta pronunciando parole sconnesse accasciandosi sulla spalliera della poltrona. Alberto si adagiò soddisfatto su di lei e Giorgio scivolò a terra intontito e con il fiato grosso.
Alberto, al contrario di Chiara, si era accorto della presenza di Giorgio e l’aveva favorito spostando la poltrona per potergli dimostrare qual era la differenza tra un vitello ed un toro. La dimostrazione era pienamente riuscita, quella scopata se l’era goduta due volte. La prima, ovviamente, perché si stava fottendo una bella ragazza e la seconda perché stava facendo cornuto, in diretta e consapevolmente, quel coglione del suo amico Giorgio.
Questo succedeva quattro giorni dopo che erano arrivati in quel resort.
Un bel resort. Negli Appennini, con una vista incantevole sulla valle, in lontananza il mare, e, dall’altro lato le montagne. Il resort era dotato dei migliori confort: piscina, sauna, palestra, campi da tennis e tanto altro. Tutto quello che si poteva desiderare per condurre una vacanza di relax, riposo e, volendo, anche di lunghe e tonificanti passeggiate sui sentieri di montagna.
Era agosto e il resort era pieno: giovani, famiglie e anziani. Anzi le stanze del resort non bastavano e una parte di quella gente veniva ospitata negli hotel e nelle pensioni dei paesi vicini, fruendo però di tutti i servizi del resort.
Alberto e Chiara si erano rivestiti ed erano andati via, uscendo da una porta lontana da quella in cui Giorgio si era accasciato, tramortito da quanto aveva visto.
Giorgio era lì che si piangeva addosso e si compiangeva quando sentì nel corridoio un ticchettio, o meglio un tacchettio, pensò che fossero ancora loro che stavano tornando indietro, poi capì che non era possibile, Chiara non indossava mai scarpe con i tacchi, anche se ultimamente aveva notato molti cambiamenti e quindi non era detto. Non ebbe il tempo di fare ulteriori elucubrazioni che davanti a lui comparve quella che per lui era una vecchia arpia. Una signora che aveva conosciuto in quei tristi giorni. Il termine vecchia non era correttamente appropriato, si trattava di una sessantenne, piacente e ben tenuta, molto vistosa. Invece il termine arpia poteva essere legittimamente confacente, la donna era infatti scostante, indisponente o accondiscendente, almeno con alcuni come Giorgio, quando al contrario non voleva apparire seducente e mielosa. Dipendeva dalle circostanze, dalle persone e da quali erano i suoi obiettivi. Si chiamava Elisa e indossava un pareo, sotto aveva un bikini, ed ai piedi dei sandali con un tacco alto, ma non eccessivo, la signora era formosa e pesante e ogni sera indossava alti tacchi a spillo, ma non per andare in piscina. Almeno fino a quel momento.
L’arpia, come sempre, era invece pesantemente imbellettata anche se era mattina, unghie lunghe e smaltate di rosso vivido, occhi e viso truccatissimi, capelli biondi, lisci, tagliati con caschetto a scalare, tette grosse, probabilmente rifatte secondo Giorgio, che il bikini tratteneva a stento, cosce pesanti e formose, ma appetibili, un sorriso bianchissimo, chi sa quanto spendeva dal dentista, lo sguardo acceso e libidinoso, triviale.
- Cosa ci fai qui giovanotto! –
L’arpia lo dominava, era un incubo, caso mai era lui, che lavorava per Alberto, il direttore, che doveva chiedere alla vecchia cosa ci facesse lei lì e non viceversa. Invece stette zitto. Poi la megera, che aveva visto Chiara e Alberto uscire intuendo, prima, cosa era successo lì sotto e ora cosa aveva visto il cornuto, fece due più due e sorrise soddisfatta. Quindi girò il coltello nella piaga aggiungendo – poverino. –
Non disse altro, ma fece intendere tutto. – Su, su, tirati in piedi e vieni con me, andiamo in piscina. Ho bisogno che mi spalmi la crema solare sulle spalle, non fare lo scansafatiche. –
Non stette ad aspettare la sua reazione, girò sui tacchi e partì, diretta alla piscina.
Giorgio si tirò in piedi e la seguì a capo chino.

La bionda si manteneva discretamente, non era il tipo di Giorgio neanche lontanamente, non tanto fisicamente, quanto caratterialmente, ma aveva un suo fascino triviale che ad altri poteva piacere. Si levò il pareo rimanendo in bikini, un bikini striminzito, e mostrando cosce e tette si sdraiò su una stuoia a pancia in giù, sul bordo della piscina. Era sconcia e libidinosa, era una viziosa, glielo si leggeva in faccia, ma malgrado tutto emanava sempre un fascino lussurioso che aveva innumerevoli ammiratori, anche tra i giovani. Elisa era molto curata e levigata. Ovviamente l’età l’appesantiva, ma nel complesso si manteneva bene. Giorgio era turbato, ma non sapeva se lo era per quello che stava per fare, per la vecchia sporcacciona o per quelli che lo stavano guardando. Forse per tutte e tre le cose insieme e soprattutto per quello che poco prima aveva visto.
Giorgio indossava una maglietta, dei pantaloncini e ai piedi delle scarpe da vela, s’inginocchiò accanto a lei, si unse le mani con la crema. – Fai con calma, non avere fretta e non ti preoccupare di essere delicato. Non sono una bambolina – l’avvertì la donna.
Alberto era imbarazzato e rosso in viso, iniziò dalle spalle. – Levami le spalline – ingiunse la megera. Giorgio nervoso slacciò la parte superiore del bikini e scostò le spalline, quindi massaggiò le spalle tornite della vecchia e scese sulla schiena. L’arpia sospirò. – Fammi sentire bene quelle dita, ungi e penetra bene. -
- Penetra? – bofonchiò ridendo il vecchio caprone sulla sedia sdraio lì vicino e che stava fumando immancabilmente il suo puzzolente sigaro. Poi aggiunse – Lì c’è tanta roba ragazzo, ungi bene – e rise di nuovo sbuffando fumo tutt’intorno.
- Hai ragione Franco – rispose ridendo, a sua volta, la vecchia, - ma qui si tratta di un massaggio e non di altro. E il ragazzo è portato per queste attività. –
- Certo, certo – rispose il vecchio tossicchiando e ridendo.
- Se tu ti spogliassi e ti mettessi in costume potresti giovarti pure tu delle sue abilità – disse la vecchia, - sono sicuro che Giorgio sarebbe così gentile da massaggiare anche te. -
- Non mi metterei mai nudo qui – rispose il vecchio che indossava un panama non troppo pulito, un cappello di paglia e si era rifugiato sotto l’ombrellone lì vicino. Poi aggiunse – Sicuramente le mani del ragazzo sono d’oro, ma non voglio stare nudo davanti a tutta questa gentaglia. Se un altr’anno troverò ancora tutte questo casino in questo resort andrò via. -
Giorgio, sempre più a disagio, non aveva il coraggio di sollevare il viso e guardare il vecchio, sperava che non dandogli corda rimanesse zitto. Apparentemente era concentratissimo sul suo lavoro. Ora però che aveva unto a fondo la schiena non sapeva come proseguire. Gli andò in aiuto la megera. – Scendi sulle cosce, non battere la fiacca. –
- Sulle cosce… ahahahah. – Il vecchio bastardo era tremendo e se la stava spassando, mentre Giorgio annaspava in quella ridicola situazione, ubbidiva e stava zitto, se poi ripensava a quello che era successo in quel seminterrato del resort rischiava di mettersi a piangere.
Fu in quel momento che arrivò Giovanna, mentre lui si ungeva le mani e iniziava a massaggiare le cosce della vecchia Elisa. “’sta grandissima puttana” pensava Giorgio.

Giovanna salutò la compagnia, con particolare calore Elisa.
Giovanna è la migliore amica di Giorgio, è bella, riccia e mora, falsamente magra, in realtà, il suo è un corpo voluttuoso, anche se snello. I suoi occhi neri luccicanti esprimono sicurezza e malizia. Sorridendo si rivolse a Giorgio. – Mi devi accompagnare in paese, devo fare degli acquisti e mi serve una mano, ma non c’è fretta finisci di dare la crema alla mia amica. –
Il vecchio espirò il fumo che aveva in bocca, aveva preso una bella boccata e anche se era lontano, la fumata azzurrognola arrivò sul viso di Giorgio che l’aveva sollevato per guardare Giovanna che gli stava sorridendo maliziosa.
Stavolta fu Giorgio a tossire ansimando, poi rispose. – Va bene Giovanna. –
Si sentiva prigioniero in quella assurda situazione in cui si era cacciato da quando era arrivato in quel resort. “Come era potuto succedere” si domandava il giovanotto.
Ma il peggio doveva ancora arrivare, anzi stava arrivando.
Sull’altro lato della piscina comparvero Alberto e Chiara. Lui era in costume adamitico, bello e abbronzato, con in bella evidenza quel salame che aveva in mezzo alle gambe. Lei era in bikini, di solito usava un costume intero, Giorgio non sapeva neanche che lo avesse.
Giovanna diede la spiegazione. – Gliel’ho regalato io, uno dei miei, vedo che le sta bene. -
Chiara era ancora un po’ bianca, faceva fatica a prendere colore perché aveva la pelle delicata e aveva paura di scottarsi.
Salutarono la compagnia agitando la mano e si sdraiarono vicino all’altro bordo della piscina. Ora circolava parecchia gente, soprattutto ragazze che infastidivano il vecchio più di tutto il resto. Nessuno si avvicinava a loro. Il chiacchiericcio di tutte quelle persone e lo sciabordio dell’acqua impedivano di sentire quello che i quattro si dicevano tra loro e in qualche modo li isolavano dagli altri.
- Oh oh – esclamò la bionda girando il collo verso il suo devoto massaggiatore, - Alberto, sta ungendo la tua bella – concluse la vecchia.
- E la sta ungendo con impegno – aggiunse il vecchio con il suo sarcastico sorriso.
Intervenne Giovanna. – Non essere geloso Giorgio. Non c’è niente di male… anche tu stai dando la crema ad Elisa. Non vuol dire niente. –
“Vuol dire, vuol dire” pensava Giorgio.
Poi terminò il suo lavoro massaggiando i piedi curatissimi della megera e quindi si mise in piedi.
- Sei stato bravo Giorgio, mi farebbe piacere se domani lo rifacessi – concluse benevolmente la strega che lo licenziò con una frase enigmatica. – Ora puoi andare con Giovanna e non ti preoccupare per la tua fidanzata… Alberto è bravo e sa quello che fa. –
Nessuno meglio di Giorgio sapeva quanto fosse bravo Alberto, il problema era proprio quello: che era bravo.

Giorgio e Giovanna si avviarono verso la macchina di Giorgio. Giorgio diede un’ultima occhiata alla coppia sul lato opposto della piscina. Alberto si limitava ad ungere le spalle di Chiara, ma lei era beata e sorrideva mentre lui le diceva qualcosa che Giorgio non poteva sentire. Giorgio preferì far finta di niente e proseguire.
Quando furono in macchina Giovanna gli disse – Hai fatto un buon lavoro con Elisa. Ha la sua età, ma è ancora molto appetitosa, vero? Mi è sembrata soddisfatta del tuo lavoro, sicuramente metterà una buona parola quando sarà il caso con Alberto, ho saputo che si conoscono da anni e sono buoni amici. –
- Già, invece Alberto ha fatto un buon lavoro con Chiara. Cazzo! – Giorgio non era riuscito a trattenersi dallo sfogarsi.
Giovanna lo guardò perplessa. - Ma che dici, cosa vuoi che sia ungere le spalle di una ragazza. Domani forse, se te lo meriterai, potrai farlo a me, così vedrai che non c’è motivo di essere gelosi. –
- Se l’è trombata, li ho visti! Porca miseria. – Esclamò Giorgio dando fondo alla sua rabbia, con chi poteva sfogarsi se non con la sua amica Giovanna.
La strada era stretta, di montagna e Giovanna gli disse di stare attento, intanto rifletteva, Giorgio era penosamente turbato, doveva riportarlo sulla retta via e cioè ammansirlo. Sollevò la gonnellina già molto corta mostrandogli molto delle sue snelle e belle gambe.
- Capisco la tua agitazione, ma hai fatto bene a non intervenire. Nessuno sa niente tranne me e te. Dico bene? –
- Non lo sa nessuno, ma è come se lo sapessero tutti, quei due si comportano come se stessero insieme, li hai visti ora sul bordo della piscina. No? –
- Tranquillo, sono solo chiacchiere. –
- Che devo fare Giovanna? –
- Niente – rispose tranquillamente Giovanna che ora, lo sentiva, aveva la situazione in mano. – Devi solo capire che non tutti gli uomini e non tutte le donne sono uguali. Tu sei bravo, dolce, ma non sei Alberto. E per quanto riguarda Chiara, forse ha bisogno di qualcosa di diverso che tu non le sai o le puoi dare, ma questo non vuol dire che tra voi sia finita. – Giovanna disse questo accarezzandosi con nonchalance l’interno di una coscia e mostrando un altro po’ a Giorgio che rischiò di sbandare.
- Stai attento alla strada invece di guardarmi le gambe – lo rimproverò ridendo Giovanna – e lascia fare a me, vedrai che tutto andrà bene. Ora guida, quando saremo al negozio di abbigliamento ti permetterò di guardare bene le mie gambe, lo so che ti piacciono. –
Giorgio per la prima volta in quella terribile giornata sorrise e Giovanna mantenne la sua promessa.
Dentro il camerino del negozio si levò la gonna davanti a lui, si mostrò davanti, si girò di dietro e gli mostrò anche le natiche tonde e sode, indossava un microscopico tanga che non lasciava niente all’immaginazione, poi indossò i jeans che aveva preso da provare. Giorgio era turgido da quando aveva massaggiato Elisa, doveva ammettere che l’arpia nonostante la sua età era una gran bella troia. Ora, vedendo quelle belle gambe nude fino all’inguine gli rizzò immediatamente, ma non osò fare altro. Giovanna lo teneva a bada o al guinzaglio solo con i suoi profondi e scintillanti occhi neri pieni di promesse, ma irrealizzabili. Occhi che dicevano: si guarda, ma non si tocca.
- Ti piacciono le mie gambe ed il mio culetto - chiese Giovanna.
Alberto non riusciva a parlare e neanche a deglutire, poi alla fine - sì – ebbe la forza di rispondere Giorgio quasi singhiozzando per l’emozione.
- Le potrai rivedere, ma devi farmi una promessa… -
- Cosa? – rispose Giorgio malfermo sulle gambe e con la voce tremolante.
- Non devi dire niente a Chiara di quello che hai visto nel seminterrato, peggioreresti la situazione. Non confidarti con nessuno. Solo con me. E soprattutto non devi fare sceneggiate con Alberto. Prometti! –
- Prometto – rispose inebetito Giorgio, non ci capiva niente, era nel pallone, ma voleva seguire i consigli di Giovanna, non solo per poter rivedere le sue cosce, erano consigli d’amica.
- Giura! –
- Giuro. –
- Ho dimenticato il portafoglio in camera, paga tu per favore – gli disse Giovanna mentre si rivestiva.

Quella notte, in camera, quando andarono a letto, Chiara disse a Giorgio – ma dove sei stato tutto il giorno, non ti sei fatto vedere neanche per la cena! –
Giorgio aveva le occhiaie, era stanco e addolorato, fece un sorriso sghembo e rispose – mi dispiace ho lavorato tutto il giorno. –
- Va bene, non ti preoccupare per me, va tutto bene. Ora dormi. –
Chiara spense la luce, si girò dall’altra parte e dopo pochi minuti dormiva come un sasso.
Giorgio invece continuò a girarsi da una parte e dall’altra del letto senza addormentarsi.
Ad un certo punto allungò una mano verso la spalla di Chiara, era un invito a girarsi verso di lui. Più che fare all’amore lui voleva abbracciarla ed avere un po’ di calore, ma lei allontanò la sua mano.
- No Giorgio, stanotte ho sonno e poi tu sei stanchissimo, dormi amore. –
Per Giorgio fu una notte da incubo, prese sonno solo verso l’alba.
Due ore dopo Chiara si svegliò andò in bagno e si fece una doccia, poi lo svegliò – ma non devi andare a lavorare. Su svegliati dormiglione che se arrivi tardi Alberto si arrabbia. –
“Maledizione… porca puttana” pensò Giorgio.
- Io scendo a fare colazione – disse Chiara, - se vedo Alberto gli dico che stai arrivando, ma non fare tardi, sai che altrimenti si arrabbia. –
“Maledizione, maledizione… porca puttana e porca troia.”

Koss99@hotmail.it
I miei racconti sono pubblicati su:
Amazon
https://www.amazon.it/Koss/e/B06WVH29MD
Kobo
https://www.kobo.com/it/it/search?Query=koss

Questo racconto non è stato ancora pubblicato. Lo sarà prima della fine dell'anno.

Questo racconto di è stato letto 8 9 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.