Visita medica

Scritto da , il 2019-09-24, genere feticismo

(Non potendo cambiare il nome dell'autore dal capitolo vi informo che dal capitolo 6 mi ripresento come Lady Alexis. Più femminile e inerente al mio vero nome. Abisso era troppo cupo e soprattutto maschile.)

V era in paradiso al momento del suo risveglio. Con la testa sotto le coperte le sembrava di stare dentro l’utero materno, circondata dal calore e dal soffice tocco delle stoffe. Ancora assopita non avvertiva nessun dolore in mezzo alle gambe. Ne tanto meno si rendeva conto delle ore passate a dormire in quel letto. Da fuori del suo rifugio provenivano voci femminili e qualche risata.
V però avrebbe passato un’altra mezz’ora in quello stato. Almeno prima di sentirsi portare via la coperta un po alla volta.
La luce non era accecante, ma le ci volle un po per abituare gli occhi alla luce. Riconosciute le prime due figure però, V si riportò le coperte sopra la testa cercando di nascondersi terrorizzata.
-Tranquilla amore. Ci sono io.- Intervenne Iskra al termine delle risate.
La valchiria si sedette vicina a V e la invitò a riabbassare le coperte. V trovò Olimpia, Skylar e altre tre donne sedute davanti a lei. Non avevano intenzioni nocive. Sembravano delle ragazzine intente ad ammirare il nuovo giocattolo della loro amica.
-Loro sono alcune tra le migliori amiche della mamma. Olimpia e Skylar le conosci già. Poi ci sono Nubia, Diana e Kimiko.-
Nubia era un’africana pura ormai prossima alla quarantina. La più vecchia del gruppo. Con grandi occhi bianchi, labbra grosse, ma non troppo, pelle d’ebano e un corpo simile a quello di Iskra. Solo il seno era più piccolo. Ella gestiva la compravendita di schiavi per conto di Iskra. Ovunque andasse trovava sempre la carne migliore da rivendere al prezzo migliore e dopo speciali addestramenti.
Diana era un’inglese di famiglia nobile che dopo aver conosciuto Iskra si era fatta trascinare nell’oscuro e depravato mondo della russa. I suoi capelli biondi e il portamento rispecchiavano i canoni che Iskra tanto amava. Avere una sua simile al fianco l’aiutava a sopportare la presenza costante di persone provenienti dai bassi fondi.
Kimiko era una coreana sadica e spietata. Il mostro dentro di lei era ben nascosto da un sottile viso di porcellana decorato con delle ciglia strettissime che facevano apparire i suoi occhi a mandorla più grandi del normale. Oltre ad essere una feroce assassina, la donna era anche responsabile degli interrogatori e delle punizioni all’interno della sorellanza. V avrebbe imparato più avanti ad avere paura quando Iskra gliela avrebbe concessa. Sia per svago, che per lavoro.
Tutte loro indossavano vestaglie di alta sartoria. Solo Kimiko si distingueva con il suo kimono. V notò anche un tavolo da sparecchiare e delle sedie nei pressi delle tende che coprivano le finestre. Le donne dovevano aver appena fatto colazione.
-Adesso noi due andiamo farci il bagno che la dottoressa ci aspetta.-
Ubbidendo a Iskra, le sue amiche si apprestarono ad abbandonare la stanza. Non prima di dare un’ultima occhiata al pulcino sotto le ali dell’aquila.
Iskra prese allora V in braccio. La mancanza di cibo aveva reso la ragazza molto debole.
-Non potremmo mangiare qualcosa?- Le chiese V parlando al plurale pur sapendo che Iskra aveva già fatto colazione.
-Mi spiace tesoro, ma bisogna stare a digiuno prima di una visita medica. Dopo per pranzo ti farò preparare un banchetto principesco.-
Rassegnata V adagiò il viso sulla spalla di Iskra, sperando nelle parole della donna e assaporando il profumo della sua vestaglia di seta blu.
Iskra portò V in un bagno grande quasi quanto la camera da letto. Li l’aria era ancora più calda e umida. Oltre agli arredi e all’immensa vasca nel pavimento, nel bagno erano anche presenti quattro donne. Due coppie di gemelle. Le colombiane erano due milf formose. I loro seni pendevano al limite degli standard d’accettazione di Iskra. Le due tailandesi avranno avuto poco più di venticinque anni. Snelle e con una tonalità di pelle tendente al caramello.
Tutte e quattro portavano dei sandali da schiave e un paio di strisce di stoffa per coprirsi il seno e i genitali. In oltre una catenina dorata tenuta attorno alla vita fungeva da cintura per sostenere il lembo di stoffa tra le gambe.
Da sole non erano di grande interesse per Iskra. Ma insieme formavano un quartetto impareggiabile. Giovinezza ed esperienza. Durante i loro massaggi, ad Iskra bastava allungare una mano o un piede per tastare un seno polposo o accarezzare una fica ancora fresca.
In quell’occasione però le quattro gemelle stettero in disparte. Iskra voleva prendersi cura di V personalmente. Almeno la prima volta. Più avanti anche V avrebbe fatto conoscenza di quelle quattro servitrici.
Per prima cosa Iskra Poggio V sul water. Li la ragazza poté liberarsi. La stanchezza l’aveva completamente distratta da suoi bisogni fisiologici e dalla piccola quantità di aria entrata nel suo intestino durante il rapporto anale.
Tirata l’acqua V venne passata sotto l’acqua a temperatura ambiente di una doccia nell’angolo della stanza. Una breve anticipazione di quello che sarebbe avvenuto a breve.
Tolta la vestaglia, Iskra entrò nella vasca portando con sé la giovane. V tornò istantaneamente in paradiso. Sedutasi sul fondo della vasca si adagiò tra le gambe di Iskra. La mistress pote così cullare la sua schiava con piccoli movimenti del corpo e accarezzarle la testa con il mento.
Quando V fu rilassata Iskra cominciò a lavarla. Per prima cosa le sciolse la treccia, così da poterle lavare bene i capelli. Una delle gemelle asiatiche le porse una ciotola contenente dello shampoo naturale. Iskra non badò agli sprechi e prendendone la ciotola lo versò tutto sulla testa di V. La ragazza fu quasi tentata di protestare per l'eccessiva dose di sapone, ma data la situazione pensò che fosse meglio assecondare i desideri di Iskra. E poi lei era la regina di quel regno.
Le mani di Iskra passarono su ogni centimetro di pelle e in ogni fessurina di V. Quando fu il momento di pulire sotto la vita Iskra riprese la ragazza in braccio e la fece sedere sul bordo della vasca. V tornò ad essere timida sapendo che le quattro serve stavano vedendo il suo corpo nudo. Ma non si coprì con le braccia. Abbassò il capo e lasciò che Iskra le insaponasse le gambe e i piedi.
Nel momento in cui Iskra raggiunse il pube però, V la prese per le mani e guardandola negli occhi la pregò di non continuare.
-Tranquilla. Ti sto solo pulendo. Non facciamo quelle cose adesso.-
V si arrese subito. Sapeva che non sarebbe mai riuscita a contrastare la valchiria. Tanto valeva lasciarla fare e ingoiare il boccone.
Iskra stette comunque attena a non agitarla. Sia la vagina che l’ano della ragazza si erano irritati lievemente dopo il loro amplesso. Il suo tocco fu amorevole e leggero. Più avanti però le due avrebbero fatto un bel po di schiuma in quella vasca. E in molti casi Iskra si sarebbe fatta aiutare da quelle quattro schiave che per tutto il tempo le avevano guardate immobili ai margini della vasca come delle statue antiche.
Sciacquata e fatta divertire con qualche piccolo gioco nell’acqua, V venne portata, sempre da sua madre, su di un lettino per massaggi.
-Asciugare.- Ordinò Iskra.
Le quattro serve giunsero con degli asciugamani caldi e aromatizzati alle erbe. Le due milf pensarono a Iskra, mentre le due più giovani a V. Iskra si assicurò che le due asiatiche non osassero toccare in modo troppo passionale i genitali della sua bambina. Che nel frattempo era rimasta tesa come una corda di piano.
-Basta.- Le licenzio Iskra con tono autoritario.
Iskra sali sul lettino, si sedette sul culetto di V e prese a spalmarle una miscela di unguenti profumati. Quello fu il primo massaggio di V. Le forti mani della valchiria furono un toccasana per i suoi nervi tesi. V sussultò appena quando le dita di Iskra la pizzicarono dolcemente sulle spalle. E una o due risatine le sfuggirono dalla bocca quando le mani di Iskra passarono vicino alle ascelle.
Una volta girata a pancia in su V pote vedere la sua padrona in faccia. Entrambe erano inebriate da quella situazione. Iskra non voleva far eccitare V, ma quando le sue mani passarono su quelle due belle tettine dovette controllarsi. V doveva arrivare fresca come una rosa dalla dottoressa.
Terminato il massaggio Iskra riportò la sua piccola amante nella camera da letto e la fece accomodare su una poltroncina davanti a degli specchi.
Iskra si sedette su un’altra li a fianco e senza dare ordini, le quattro serve da bagno si apprestarono a truccarle. Come prima le colombiane si occuparono di Iskra, mentre le filippine di V. Con V non ci volle molto. Una veloce asciugata di capelli col fon e senza intrecciarli.
Con Iskra invece ci vollero almeno dieci minuti. La valchiria, come ogni mattina, non aveva tempo da perdere. Le servitrici erano abituate a dover lavorare velocemente e senza errori. Un capello strappato. Un eccesso di fondotinta. Un’unghia con poco smalto. E la donna colpevole e la sua rispettiva sorella avrebbero fatto una visita nell’ufficio di Kimiko o passato l’intera giornata a sgobbare per tutta la tenuta di Iskra.
Nel frattempo V era rimasta muta come un pesce. Lo sguardo da sfinge di Iskra intimoriva ancora le sue servitrici da anni abituate a quella routine.
-Vestiti.-
Ubbidendo a Iskra, le quattro servitrici portarono un accappatoio di caldo cotone a V e ad Iskra degli indumenti precedentemente scelti lei.
Stivali e pantaloni da equitazione. Bracciali d’oro. Una grossa pelliccia d’orso a coprire il busto e le le spalle. Una spruzzata di Clive Christian. E come accessori una spilla con un rubino rosso sangue trai capelli e un frustino da cavallerizzo. Immancabile scettro di Iskra.
L’unico accessorio per V fu lo stanga. Un nuovo tipo di sottile biancheria che senza usare lacci si aderiva perfettamente alla vagina e al perineo, comprendo i genitali e dando comunque un senso di nudità e sensualità maggiore di un normale tanga.
-Sedia.-
L’ultimo passaggio fu mettere V su una sedia a rotelle portata da una delle colombiane. A spingerla ci pensarono le gemelle asiatiche, mentre le colombiane restarono in camera a mettere a posto.
L’ambiente esterno era molto diverso da come V se l’era immaginato. Il corridoio in cui le quattro si stavano muovendo era un tunnel di cemento. Non il regale androne che secondo V faceva parte della reggia in cui la sua padrona viveva e regnava.
Lungo la strada incontrarono un’altra donna vestita con una mimetica. La donna salutò Iskra chinando lievemente il capo. Iskra rispose con un lieve gesto della mano.
-Veloci mangia riso.- Minacciò Iskra vedendo le due asiatiche rallentare.
V provò ad aiutarle spingendo le ruote con le mani, ma una delle gemelle le si avvicinò in silenzio e la implorò di lasciar fare a loro. Iskra era una padrona molto esigente. Chi non svolgeva i propri compiti, finiva male.
Il tragitto durò poco. Quando furono davanti ad una porta con la croce rossa, Iskra si rivolse alle gemelle.
-Da qui continuiamo da sole.- Poi si mise il frustino sotto il braccio e agguantò le strisce di stoffa che coprivano i seni delle due. -Ora andate a servire la corte.-
Con uno scatto Iskra strappo loro i reggiseni lasciando libere le minuscole mammelle delle servitrici. Soddisfatta Iskra le licenzio immaginandosi l’imbarazzo che le due avrebbero provato andando in giro a seno nudo.
Poi da sola aprì la porta e spinse V dentro la stanza. Chanel sedeva dietro una scrivania in un sala d’attesa abbastanza spartana in confronto alla camera da letto di Iskra. Sicuramente era stata riverniciata da poco rispetto al corridoio, ma le sedie e i tavolino al centro non erano di certo costose.
La donna vestita da infermiera invece, era bellissima. Non conoscendo bene la chirurgia estetica, a V parve di vedere una dea. Con quelle labbra e il seno gonfiato in modo accurato, la pelle abbronzata, il naso rifatto e la pelle tirata Chanel le apparve quasi più bella della sua padrona.
-Mia signora.-
-V. Ti presento la dottoressa Chanel. Mio medico privato e ora anche tuo. Su, saluta.-
-Salve.- La salutò V in modo rispettoso.
-Ciao V. Adesso faremo un controllo medico di sicurezza. Ne hai mai fatto uno?-
-No. Non credo.-
-Non è nulla di doloroso. Io ti faccio qualche domanda e poi prendiamo un paio di misure.-
Chanel aprì una cartellina con dei fogli e una penna, mentre Iskra posizionò V davanti alla scrivania e si accomodò sulla sedia li a fianco.
-Cominciamo dalle cose più semplici. Come ti chiami?-
-Vidana Z …..-
-Si chiama V ed è mia figlia.- Intervenne Iskra.
-Giusto.- Disse Chanel scrivendo sulla scheda.
V non obbiettò. Come per ogni altra cosa era Iskra che decideva.
-Quando sei nata V?-
-Non lo so.-
-Capisco. Sei nei registri sanitari?-
-Non credo.-
-Meglio così.-
Chanel avrebbe preferito chiedere una copia della cartella clinica di V ad un suo contatto al ministero della salute per velocizzare il tutto ed essere sicura che la ragazza non avesse avuto malattie o altro. L’unico lato positivo era che così avrebbe potuto dedicarsi anima e corpo alle cure del giochino della sua signora. Iskra l’avrebbe sicuramente apprezzato.
-Hai avuto malattie? Sindromi?-
Durante i primi due giorni nella tenuta che V aveva passato dormendo, Chanel aveva fatto diversi prelievi di sangue per garantire la salute della giovane. In oltre era stata lei a lavarla e a depilarla con il laser per renderla presentabile alla valchiria. Ma la partecipazione di V a quel suo perverso gioco paziente/infermiera era vitale.
-Ho avuto l’influenza tre volte che io ricordi.-
-E hai preso dei farmaci?-
-No. Non me li potevo permettere.-
Quella risposta fu un’informazione importante per Iskra. Se prima di incontrarla V non aveva ricevuto alcun tipo di cura dal suo vecchio datore, darle anche solo una scatola di aspirine nei momenti più difficili sarebbe stato un grande gesto di bontà.
-Soffri di qualche allergia?-
-No che io sappia.-
-Quand’è stata l’ultima volta che sei andata dal dentista?-
-Non me lo potevo permettere.-
-Giusto. Ogni quanto hai il ciclo? Sai di cosa sto parlando?-
-Si. Una volta al mese.-
-Bene. Nessun ritardo. E la prima volta che ti è venuto?-
-Quattro o cinque anni fa.-
-Hai già avuto rapporti sessuali?-
Quella domanda fece arrossire palesemente la ragazza.
-Si.- Rispose a fatica V.
-Quando di preciso?-
-Ecco…..-
V non aveva la forza di rispondere.
-Passiamo alla prossima domanda.- Intervenne Iskra.
Chanel avrebbe preferito stuzzicare ancora la ragazza. Ma il volere di Iskra era anche per lei legge.
-Quante volte vai in bagno al giorno.-
V guardò Iskra sperando in un suo aiuto. La sua mammina però non poteva dire di no a tutte le domande della dottoresse.
-Non devi vergognarti. Chanel è un medico.- La rassicurò Iskra.
-Due.- Rispose V stringendosi nel suo accappatoio.
-Vedi cose strane nella tazza dopo aver finito o è tutto a posto?-
-Tutto a posto.-
-Bene. Un’ultima domanda. Quante volte ti masturbi in una settimana?-
V si paralizzò. Non credeva che un medico potesse chiedere certe cose.
-Non essere timida. Non lo dirò a nessuno.-
-Una.-
Quella risposta però non convinse ne la dottoressa e neppure la valchiria.
-Soltanto una?- Le sussurrò all’orecchio Iskra divertita.
-Due.- Ammise V dopo aver fatto un bel respiro.
Iskra fece comunque segno a Chanel di scrivere tre. La dottoressa per poco non scoppiò a ridere.
Ma a prescindere da quale fosse il numero esatto, perché V diventasse un’amante da sogno, quel numeretto doveva ingrandirsi. Molto.
-Ottimo. Direi che possiamo passare agli esami fisici. Se volete scusarci mia signora.-
-Fate pure. Ho delle faccende da sbrigare. Tornerò quando avrete finito.-
-Mamma?- La chiamò V vedendo Iskra alzarsi per andarsene.
La valchiria la zittì appoggiandole l’indice sulla bocca.
-Shhhh. Stai tranquilla. Chanel non ti farà nulla di male. E se ci saranno dei problemi correrò subito da te.-
V si tranquillizzò. Quando Iskra svanì dalla porta Chanel si alzò e portò V in un altra stanza.
La seconda stanza era una camera d’ospedale con sei letti vuoti e delle tendine. Li era dove le combattenti della sorellanza trascorrevano la loro convalescenza in caso di ferimenti. Anche la servitù veniva curata li quando qualche mistress alzava troppe le mani.
La stanza dopo fu però l’ultima fermata delle due. Oltre la terza porta si celava la camera dei giochi di Chanel. Una sala operatoria/dungeon a tema ospedale con apparecchiature mediche all'avanguardia, un lettino da ginecologo, un bagnetto con doccia e un letto singolo abbastanza grande da poter ospitare il paziente più imponente. V fu sollevata nello scoprire che l'ambiente era ancora più caldo delle stanze precedenti.
-Ce la fai a sederti sul letto o hai bisogno che ti aiuti?-
-No grazie. Faccio da sola.-
V non era a pezzi come qualche giorno fa. Ma le ginocchia e le caviglie le dolevano ancora e da giorni non mangiava niente. Stringendo i denti e zoppicando arrivò al letto e vi si sedette.
Prima di iniziare la dottoressa accese il microfono di uno stereo. Da quel momento avrebbe registrato tutte le annotazioni verbalmente.
-Adesso per cominciare prenderemo qualche misura e le tue impronte.-
Chanel portò a V uno scanner per le impronte e le fece appoggiare la mano sullo schermo. Questo scansionò il palmo della mano in ogni punto. Poi toccò all’altra e dopo averle sfilato le pantofole anche ai piedi. Dopo aver finito Chanel testò la sensibilità di V solleticandole la pianta del destro con le dita e facendola ridacchiare.
-Soffri il solletico?- Le chiese Chanel divertita.
-Un pochino.-
-Ora però devi toglierti l’accappatoio. Non avere paura. Sono un medico.-
Spogliatasi V venne accompagnata ad una bilancia con il metro per l’altezza.
-153 centimetri e 43 chili. Proprio una bambolina piccina.-
V era abituata a fare i conti con le sue dimensioni minute. In passato le erano state d’aiuto per i furti. Ma dopo aver fatto conoscenza con le stazze di Iskra e Olimpia aveva dovuto rivedere le sue prospettive.
Fatta tornare a sedere sul letto, Chanel usò un calibro a pinza per prendere tutte le più svariate misure di V. Larghezza del piede. Lunghezza dell’indice. Larghezza della testa. Tutto venne annotato al microfono.
Terminate le misurazioni Chanel effettuò un controllo ottico sula poltrona regolabile, confermando che V non soffriva di qualche disturbo visivo. E anche se già fatto all’arrivo di V, Chanel ricontrollò i denti e le gengive con degli strumenti da vera dentista.
-Ottimo. Non hai carie o infezioni.-
Prima che V chiedesse altro, Chanel le spostò il braccio destro dietro la testa e con le mani tastò la mammella dallo stesso lato alla ricerca di noduli. V non disse niente. L’imbarazzo l’aveva paralizzata. Specialmente quando Chanel le pizzicò il capezzolo.
Ripetuto lo stesso procedimento dall’altro lato, Chanel fu felice di poter confermare che V non aveva problemi in quelle zone.
Riportata al letto Chanel la fece distendere e le tolse lo stanga. Ormai V ci aveva fatto l’abitudine. Certo era ancora imbarazzata, ma dopo il piacevole massaggio al seno i suoi nervi si erano sciolti.
Chanel le controllò poi la pressione e la reazione dei piedi con i colpi di un martelletto di gomma che V trovò piacevole e allo stesso tempo anche un pizzico divertente.
Alla fine però la dottoressa dovette intrufolarsi in mezzo alle gambe.
-Adesso ti infilerò dei tubicini. All’inizio brucerà un po, ma dopo ti sentirai molto meglio.-
Chanel portò sul letto delle padelle ospedaliere con del lubrificante, un catetere, delle siringhe e delle pinze. Usando una delle siringhe per iniettare il lubrificante nell’uretra della giovane, Chanel la preparò all’inserimento del cateratta già lubrificato. Quando il tubicino cominciò ad entrare V tornò ad essere una statua. Solo il lieve bruciore la costrinse ad uscire da quel suo stato di paralisi.
Usando un’altra siringa Chanel pompò il palloncino, bloccando così il catetere nella vescica. Delle piccole gocce di urina cominciarono ad uscire dal tubicino, che Chanel stava già tenendo dentro una delle due padelle.
Svuotata la vescica, la dottoressa mise da parte il campione di urina, prese la terza siringa e la usò per iniettare un farmaco nel catetere. Come molte altre cose il lavaggio della vescica era una cosa nuova per V. Ma l’impulso improvviso di pisciare le batteva tutte. Prima che la ragazza tornasse a tremare Chanel la lasciò svuotarsi nella seconda padella.
Sfilato il catetere e messe via le padelle, Chanel tornò con un set da clistere. Anche quello era nuovo per V.
-37 gradi esatti. Questo ti aiuterà con la digestione e ti farà sentire più leggera.-
Chanel oliò il sondino e delicatamente fece lo stesso con l’ano di V, già messa di fianco con un ginocchio alzato. Dopo qualche minuto di massaggio il buchino fu abbastanza rilassato da permettere una facile penetrazione. Il sondino non entrò di molto, ma V avvertì comunque in maniera negativa l’intrusione. E non appena l’acqua iniziò ad entrare la ragazza ebbe dei tremori.
-Più avanti ti mostrerò come lavarti la pancia da sola, e scoprirai quanto può essere bello e piacevole riempirsi per poi svuotarsi spruzzando acqua dal sederino. Sappi comunque che io ci sarò sempre quando starai male.-
Chanel le sussurrò quelle dolci parole all’orecchio accarezzandole i fianchi e la fronte. V riuscì a resistere fino a quando la sacca da 3 litri non fu vuota.
Aiutata da Chanel, V andò a sedersi al water del bagno affiancato. Li scaricò tutti i rifiuti intestinali e i liquidi che il clistere le aveva fatto entrare nel retto. La dottoressa fu tanto premurosa da aiutare la ragazza comprimendole la pancia abbracciandola da dietro. Questo bastò a fare uscire anche l’ultima goccia.
V non ci fece caso, ma mentre lei arrancava fino al lettino, Chanel raccolse la busta contenitiva per campioni precedentemente inserita nella tazza del water. Prima di sigillarla le diede una lunga annusata.
Tra i membri della sorellanza Chanel era una delle cinque più depravate in assoluto. Sotto il suo magnifico corpo rimodellato con il silicone e le sue vaste conoscenze mediche, ella nascondeva una particolare fissazione feticista per la sozzura. Se V non fosse stata li con lei in quel momento, Chanel si sarebbe chiusa nella doccia del bagno e si sarebbe cosparsa il corpo con il contenuto della busta.
Messi da parte anche gli ultimi campioni, Chanel effettuò un ecogramma su V. Tanto per raffreddare i bollenti spiriti.
-Ora andiamo a sederci su quel lettino nell’angolo.-
Chanel stava parlando del letto da ginecologa. V ci si sedette con timore. Appoggiati i polpacci ai due poggia gambe si ritrovò nuovamente esposta e vulnerabile.
La dottoressa non perse tempo e ancor prima di chiedere il permesso stava già tastando la vagina di V per esaminarne ogni angolo.
-La pomata sta già facendo effetto. Adesso farò degli esami per testare la tua sensibilità vaginale. Tu sentiti libera di ansimare o di fare qualsiasi altra cosa il tuo corpo ti dica. Okay?-
-Okay.-
-Brava. Cominciamo con il clitoride.-
Usando il pollice e l’indice Chanel stimolò il bottoncino di V. Non passarono neppure dieci secondi che già V iniziò a respirare più velocemente e subito dopo a trattenere i gemiti.
-Siamo sensibili qui?-
-Un pochino ahhh. Non potremmo ahhh cambiare posto.-
-Certamente. Adesso passiamo alla sensibilità vaginale.-
Fingendo di effettuare un controllo medico Chanel penetrò V con le sue dita esperte. La ragazza ebbe quasi subito dei seri problemi a trattenersi. La dottoressa però non volle esagerare, e dopo un’ultima bella penetrazione terminò il suo controllo.
-Sei molto sensibili V. La mamma ne sarà molto compiaciuta.-
-Quindi è una cosa bella?- Domandò V imbarazzata.
-Certamente. Significa che puoi godere molto più di una semplice ragazza. E godere è importante. Fa bene alla salute.-
-Davvero?-
-Certo. La masturbazione è un tocca sana per il corpo. E i rapporti sessuali con i partner sono altrettanto benefici. Specie quelli tra donne.-
Poi Chanel prese un dilatatore da un cassetto e dopo averlo cosparso abbondantemente di lubrificante lo mostrò a V.
-Questo mi permetterà di vedere come sei dentro. Non lo allargherò troppo, ma potrebbe comunque darti fastidio.-
V non si oppose. Stette in silenzio e accolse le due palette dell’oggetto nella vagina. Quando il dilatatore fu dentro Chanel lo aprì regolandolo con la vite.
Accesa la luce di una piccola torcia Chanel trovò una vagina pulita e in perfetta salute. Scattate diverse foto, sia da fuori che da dentro, si avvicinò per dare un’annusata alle tenere carni di V. L’aroma di quel dolce frutto rasato e ben aperto le mandò il cervello in orbita. E il buchetto cicciotto in fondo le fece venir voglia di trapassarlo con qualsiasi oggetto abbastanza lungo da poterlo raggiungere. Ma per farlo doveva attendere il permesso di Iskra. Nessuno avrebbe osato deflorare la cervice di V prima di lei. Chanel dovette accontentarsi della visione.
Estratto il divaricatore la dottoressa fece star ferma V ancora un attimo. Solo il tempo di metterle la supposta. Il farmaco entro nel retto di V senza trovare ostacolo. Neppure quando Chanel lo spinse con tutto il dito medio ci furono degli impedimenti. Il clistere aveva liberato tutto.
-Ai. Ai! Fa male.- Protestò V.
-Tanto?- Le chiese Chanel con aria maliziosa.
-Si. Si è troppo! È troppo!-
Chanel non continuò. Spinta per bene la supposta abbandonò il buchino. Pulito l’ano con un pezzo di carta igienica, si avvicinò all’orecchio di V strofinandole la pancia nuda sulla sua.
-Non ti preoccupare. Il tuo sederino si abituerà ad aprirsi come adesso. E ti piacerà. Credimi.-
Poi Chanel le diede un piccolo bacio sulla guancia, la fece scendere dalla poltrona e la riaccompagnò al letto.
La dottoressa prese degli elettrodi adesivi dal tavolino e li posizionò in vari punti del corpo di V. Caviglie. Mani. Petto. Tempie.
-Adesso tu stai qui buona e ascolti un po di musica rilassante mentre io vado a guardare come batte il tuo cuoricino. Mi raccomando però, resta ferma.-
Prima di andarsene nella stanza con la porta chiusa Chanel diminuì la luminosità del lampadario e accese uno stereo con della rilassante musica jazz.
Appena fu sola V pote tornare a respirare regolarmente. La sua nuova mamma era di sicuro una con cui non scherzare. Ma la dottoressa per lei era anche più imprevedibile. Preferiva stare con la sua padrona che con quella strana tipa.
Non passò molto prima che Chanel tornasse. V si era mezza assopita su quel bel letto ospedaliero. Quindi non fece caso alla totale nudità di Chanel che aggirandosi nella penombra andò a cambiare canzone.
Quando la musica jazz prese un ritmo più veloce e dinamico, Chanel andò a sdraiarsi su V schiacciandola con tutto il suo peso. V non ebbe neppure il tempo di aprire gli occhi che subito i suoi polmoni vennero compressi sotto gli enormi cocomeri finti di Chanel.
-Ahhh!-
Chanel le tappo la bocca con le sue labbra carnose. Anch’esse pompate. V non pote far altro che lasciarsi fottere e respirare con il naso.
Appena V fu al limite la dottoresse rotolò di fianco portandosela sopra. Senza darle un attimo di tregua Chanel piantò le sue unghie finte nei piccoli glutei della ragazza, facendole inarcare la schiena e gemere di dolore.
-Dai non è così tanto doloroso. Strofinati come una gatta in calore.-
Chanel spinse V a premere il suo monte di Venere contro il suo. I due clitoridi si toccarono più volte e man mano che V andava avanti, entrambe cominciarono a provare piacere. Dopo qualche minuto Chanel prese a sculacciare la sua paziente. Non erano colpi forti, ma uniti agli incitamenti di Chanel alla ragazza parve di essere diventata una puledrina.
-Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah!-
-Forza bella! Forza!-
-Ah! Ah! Ah! Ah! Ah!-
La ragazza ebbe un attimo di tregua solo quando Chanel la capovolse per sedersi sulla sua faccia. Senza camice a trattenerlo il culone gonfiato della dottoressa sembrava grande il doppio. V non ebbe comunque molto tempo per ammirarlo. Sedendosi sulla sua faccia Chanel le coprì gli occhi con le chiappe, la bocca con la fica e il naso con l’ano. Prima il buio, poi il sapore della fica gocciolante, e per finire un soffocante profumo di intestino crasso dritto su per le narici.
-Lecca amore! Leccami e ti darò la medicina.-
Nel dirlo la dottoressa cominciò a lavorare la fica di V, che nel frattempo stava cercando in tutti i modi di non svenire. La vagina di Chanel era molto diversa da quella di Iskra. Le piccole labbra erano state ridotte chirurgicamente e la vagina era stata sottoposta ad un intervento di restringimento. Gli umori avevano invece un aroma leggermente diverso da quello di Iskra e il pelo era presente solo sopra il clitoride e tagliato a 5 millimetri.
Il problema di V era però l’altro buco di Chanel. Ritrovarsi quel buco umido e puzzolente attaccato al naso fu traumatico per lei. A prescindere da quanto pulita e sana fosse quella donna, dal suo ano slabbrato e già ben dilatato uscivano pur sempre escrementi. Da li a poco V si sarebbe potuta trovare un bel regalino sulla faccia.
La dottoressa però stette molto attenta. Dal suo buchino non uscì neppure un peto e le strusciate sul volto di V andavano perfettamente a ritmo con gli strumenti a fiato della canzone allo stereo.
L’amplesso fu breve e selvaggio. Almeno per la ragazza che disorientata dalla carenza di ossigeno e dalle percosse della dottoressa perse la cognizione del tempo. V raggiunse l’apice del piacere quasi senza rendersene conto.
Sentendo la creaturina sotto di se gemere e scuotersi come un’anguilla Chanel decise di accelerare i suoi movimenti. Senza più badare troppo a V la dottoressa le schiacciò il volto con delle rapide e soffocanti schiacciate. V provò comunque a tenere fuori la lingua ma ormai le forze cominciavano ad abbandonarla e respirare divenne ancora più difficile.
-Si! SIIIIII! DAI! DAI!-
Chanel raggiunse finalmente il traguardo dopo la lunga cavalcata sulla piccola rossa. Per gustarsi appieno il contato sulla faccia di V, Chanel le premette il pube con ancora più forza. Mentre il volto svanì completamente sotto al sedere e la testa di V sprofondò ancora di più nel letto, Chanel si chinò in avanti portando la testa tra le gambe della ragazza e per farle meglio aderire la bocca alla vagina prossima ad esplodere.
-AHHHH!!!! GODOOOOOOO!!!!!-
La bocca della rossa venne riempita di squirt come un bicchiere di birra alla spina appena spillata. Quando fu piena V dovette berlo. E quando Chanel le si abbandonò sopra, la ragazza bevve anche le ultime gocce.
La dottoressa sapeva che non aveva più molto tempo. Iskra le aveva dato un tempo limitato per divertirsi. Liberata V dal suo peso la donna andò a prendere una confezione di salviette igienizzanti.
Al suo ritorno trovò la piccola rossa stremata e zozza dei suoi umori.
-Sveglia. Avanti svegliati. Mi è piaciuto molto.- La ringraziò iniziando a togliere gli elettrodi ancora attaccati.
-Grazie.- Le rispose V in automatico.
-La mamma sarà molto contenta di te.- Le ripete la dottoressa per l’ennesima volta.
Chanel ripulì da cima a fondo V con le salviette. Oltre a ripulirle il volto e la bocca dai suoi umori, Chanel passò anche dove la ragazza era rimasta linda. Dopo essere stata rivestita e rimessa sulla sedia a rotelle, V venne riportata alla stanza d’attesa. Iskra le stava già aspettando.
-Eccoci qua. Questa è tutta la documentazione.-
Chanel passò a Iskra la cartellina con le annotazioni su V e la registrazione della visita.
-Efficiente come sempre Chanel. Spero che la paziente non si sia lamentata.-
-Assolutamente no mia signora. È stata molto brava. E riconoscente.-
V sedeva accanto a loro, ma turbata e immersa nei suoi pensieri com’era quelle due per lei erano lontane migliaia di miglia.
Iskra salutò Chanel e uscendo con V portò con se la cartellina. La valchiria aveva subito notato il malumore della ragazza. Appena furono sole nel corridoio Iskra le si chinò davanti e la aiutò a stringersi nell'accappatoio per non prendere freddo.
-So che non è stato facile per te, ma adesso voglio farti contenta.-
Iskra le accarezzò il volto con il guanto per farle sentire il suo profumo. Imitando gli esperimenti del Dottor Pavlov, Iskra le avrebbe insegnato ad associare quella pregiata fragranza ad un senso di sicurezza e protezione.
-Adesso andiamo a mangiare.-

Questo racconto di è stato letto 3 7 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.