Scalata

Scritto da , il 2019-09-14, genere orge

Arrivata al posto di direttore,pardon direttrice di un complesso industriale tutti mi cercano per interviste e racconti della mia vita e così inizio a mettere giù la mia storia
Sono una donna a tutti gli effetti,tette perfette viso da angelo capelli biondi fluenti ma sotto invece di avere una figa ho un cazzo da 20 cm.
Già da giovane avevo tendenze femminee ma non avevo avuto nessun contatto con uomini,li immaginavo belli e forti che mi possedevano e finivo a farmi solo seghe,qualche volta anche con un paio di dita nel culo.
Le ragazze mi piacevano ma non provavo niente quando ero con loro e così pensavo che c’era qualche cosa che non andava.
Il salto di qualità avvenne all’università che frequentavo in una città lontana che mi aveva consigliato l’amico di mio padre,non sapendo dove andare a dormire mi offrì la sua casa e qui successe il tutto.
Una sera mentre guardavamo la TV mi mise una mano sulla patta e incominciò a accarezzarmi e subito mi trovai con il cazzo fuori e lui che lo menava,era la prima volta che altre mani mi segavano e venni quasi subito,lui con un sorriso si leccò la mano e mi infilò la lingua in bocca.
Da quel momento ho capito che amavo gli uomini e così mi lasciai andare.
In poco tempo mi trovai con il suo cazzo in mano mente ci baciavamo ,poi ho goduto nella sua bocca mentre mi succhiava il cazzo,ovviamente ricambiai il piacere e per la prima volta bevvi la sborra,bellissimo buonissima.
Eravamo amanti ma Franco,l’amico,un giorno dopo avermi accarezzato e segato mi dice che se gli voglio bene devo fare qualche cosa per lui.
“Sei un ragazzo stupendo ma il mio sogno è farti diventare donna,calma caro,non voglio farti operare e levarti quel meraviglioso cazzo ma ti voglio trasformare in una donna fatale con un corpo che invoglia sia uomini che donne ma sotto sempre con il tuo cazzo,cosa ne dici,pensa donne e uomini ai tuoi piedi che vogliono farsi fare tutto cosa ne dici??”
“Ma scusa io voglio gli uomini non so cosa devo fare con le donne e poi come fai a fermi diventare donna?”
“Ho pensato a tutto senti,attrezzerò una camera per gli interventi,i chirurghi verranno da te, per interventi e iniezioni,da quello che mi hanno detto basteranno sei mesi e sarai una wamp,metterò in giro la voce che hai preferito tornare a casa e poco dopo arriverà la sorella,hai capito!da Luca sarai a tutti gli effetti Carla e entrerai nel giro delle mie amicizie e vedrai che maialate!!!!”
“Uhhhh la cosa mi eccita ma sei sicuro che andrà tutto bene”
“Certo caro cosa credi che voglio rovinare uno come te,forse hai capito che ti voglio bene e non ti ho mai chiesto il culo,te lo chiederò quando sarai donna e sarà un piacere farmi inculare da te”
Con un po di titubanza accetto e poco dopo iniziano le operazioni,iniezioni sul petto per le tette,iniezioni non so di cosa per eliminare i peli e poco dopo iniziano anche le operazioni.
In casa non mi posso muovere e in giro sono spariti gli specchi ma toccandomi sento che sto cambiando,il petto inizia a crescere e spuntano le tette,sento il viso cambiato e i glutei si sono sollevati e sono duri come cemento.
I trattamenti proseguono e un giorno arriva Franco,erano mesi che non lo vedevo
“Carlaaaaa sei stupenda che corpo sei contenta??”
“Ma scusa come faccio a essere contenta sento e vedo le tette che adesso sono belle ma il resto !!senza specchi come faccio?”
“uhhh credimi sei una meraviglia ma per confermarti questo ho chiamato una mia cara amica,aspetta e vestiti e metti via quel cazzo”
Esce e poco dopo ritorna con una praticamente nuda,minigonna a livello mutanda che non ha e body che sembra esplodere pressato dalle tette
“Franco ma chi è questo splendore di donna dove l’hai nascosta sarebbe perfetta per una bella orgia con uomini e donne vieni qui cara lasciati guardare bene e posso????”
“Certo che puoi anzi devi e a dire il vero posso anch’io”
Non fa in tempo a avvicinarsi che mi infila la lingua in bocca e inizia a accarezzarmi le tette,Franco nel mentre si è levato i pantaloni e si mena il cazzo per renderlo duro,e mentre si sega con una mano leva il micro vestito alla donna e la vedo nuda.
“Dai leccale le tette certo levale il vestito piano cazzo non farle male”
Sempre con la lingua in bocca mi leva il vestito e subito si china e mi lecca le tette
“Cazzo Franco che tette calde e morbide mi scalda la figa e sento già che colo dai vieni qui voglio sentire il tuo cazzo prima di assaggiare la sua figa”
Mentre mi lecca e accarezza la tetta mette una mano dentro lo slip e incontra il mio cazzo
“Francooo ma cosa è hai trapiantato un cazzo a una donna?sei veramente un porco!!!
“Ma cosa dici scema a furia di interventi e iniezioni ho trasformato un uomo in donna splendida ma sempre con il cazzo adesso falle un pompino e poi ti spiego cosa voglio fare con questa donna-uomo”
Mi si avvicina e mentre la donna ingoia il mio cazzo Franco le strizza le tette
“Con tutti soldi che ho speso da oggi la mia meraviglia diventerà una escort di lusso,uomini e donne di sicuro la vorranno ma Carla indirizzata da me dovrà scoprire le cose più porche nelle sue avventure,foto,video registrazioni insomma tutto quello che potrebbe ricattare e così inizieremo la scalata alla società XXXX e lei sarà la direttrice con potere decisionale su tutti i suoi dipendenti,ovviamente ci sarò anch’io hai capito!!!!!! Adesso dammi il culo che mentre ti bevi la sborrata ti riempio il culo”
Non mi aveva detto niente ma la cosa mi eccita
“Ma davvero Franco potrò fare quello che voglio con quelli che mi presenti”
“stai calma li dovrai eccitare e appena avremo documenti delle loro porcate li ricattiamo,pensa alle donne dell’alta finanza tutte snob e che ti guardano dall’alto in basso oppure i magnati dell’industria che vanno in giro a pontificare vedrai che sono tutti maiali e tu cara ti farai fare di tutto anche le cose più schifose,uhhhh adesso mi scarico nel culo e poi te lo faccio leccare e amore questa sera voglio il tuo culetto su bella finisci il pompino bevi e vai fuori dalle palle che abbiamo da fare”
La sera Franco come promesso mi infila per la prima volta il culo,sono così contento e felice che mentre mi incula mi meno il cazzo e riesco e sborrare in mano mentre mi riempie il culo
“Francooo che bello dai ancora non uscire voglio addormentarmi con il culo pieno è troppo bello sììììì dai”
Dopo la sborrata gli lecco con amore il cazzo bevendomi le ultime gocce di sborra e assaporando il sapore del mio culo.
La mattina dopo andiamo in una sartoria di lusso e inizia a farmi provare vestiti uno più bello dell’altro,la ragazza mentre mi cambio mi guarda in adorazione e ogni momento è buono per accarezzarmi il reggiseno e così all’ultimo vestito la voglio ringraziare,in camerino mi levo il vestito,la prendo e le infilo la lingua in bocca,questa collabora e intrecciamo le lingue stringendoci,con una mano le apro la camicetta e le piglio una tetta in mano,quasi sviene e così le metto una mano sotto la gonna e sento le mutandine fradice,così mentre ci baciamo le metto una mano dentro e le sparo un ditalino con lei che ha divaricato le gambe per aiutarmi,mi viene in mano ma dobbiamo fermarci Franco mi chiama e così con un ultimo bacio esco dal camerino
Usciamo con pacchi e in macchina racconto cosa ho fatto
“Lo vedi ho ragione una come te fa venire voglia anche a un morto andiamo a casa che ho voglia di farti un’altra ripassata al tuo culetto”
Ormai sono pronta e mi alleno a diventare donna completa,scarpe tacco 12,ancheggiamenti di chiappe,sorrisi da “sono tua prendimi” camminata da regina insomma sono pronta e Franco una sera mente per la prima volta mi dà il suo culo mi informa che il sabato andremo a un ricevimento dalla padrona della società XXXX quella che Franco sogna di prendere.
Siamo pronti abito con spacco a livello mutandine e niente reggiseno,prima di uscire Franco non resiste mi cala il minislip e mi fa un pompino con ingoio da favola
“Così cara quando inizieranno a palparti non ti diventerà subito il cazzo duro dai bella andiamo”
Arriviamo alla villa e fuori parcheggiate ci sono due macchine,il ricevimento sarà non esagerato,è la padrona di casa che aspre la porta,appena mi vede spalanca gli occhi e la bocca
“Franco ma da dove arriva questa meraviglia,non l’avevo mai vista nei nostri incontri,vieni cara ti presento agli altri ospiti”
Mi piglia a braccetto e con lei vengo presentata agli altri e subito iniziamo a bere e a spiluccare quello che c’è sui tavoli,si parla di tutto ma Anna,la padrona di casa,ha occhi solo per me e inoltre è sempre vicina e non perde l’occasione per accarezzarmi specialmente sul culo e sbadatamente anche sulle tette.
Dopo ore di bevute Franco è ubriaco e quando gli altri vanno via rimango solo io
“Cara Franco è ubriaco fradicio non puoi andare a casa con lui,lo mettiamo sul divano e tu rimani con me e partirei domani mattina sei d’accordo?”
“Ma scusa Anna non ho niente da mettermi come faccio?”
“Amore hai la tua pelle e per me basta e avanza vieni”

Questo racconto di è stato letto 3 6 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.