Innamorato di mia figlia

Scritto da , il 2019-08-31, genere incesti

Mi sono innamorato di mia figlia senza rendermene conto. Lo dico e ancora faccio fatica a capire. Fin da piccolina la guardavo in modo diverso, diverso da come fanno tutti gli altri papà. Il mio migliore amico mi disse che diventare padre di una femminuccia mi avrebbe portato meno fatiche rispetto ad un maschietto. Perché invece adesso mi sembra il contrario? Lei è bellissima,candiva con i capelli neri e gli occhi da cerbiatto. Niente in lei è malizioso, niente è provocante ma tutto di lei mi fa impazzire. La guardo, la fisso e la voglio ma lei cosa potrebbe pensare di tutto ciò!? Che sono un pazzo pervertito e maniaco, un pericolo per la sua vita, che sono immorale come essere umano e come abitante di questa società.meppure l'unica cosa che mi turba è se lei mi vorrà nella sua vita come io la vorrei costantemente nella mia. Fra qualche anno andrà via di casa e magari fra le braccia di qualche stronzetto fortunato, qualcuno che le spezzerà il cuore, che non avrà cura della sua bellezza e del suo candore ed io quel giorno pregherò che torni da me, dal suo papà. Il suo primo amore sarò sempre io.
Da bimba mi diceva che sarei stato il suo fidanzato per sempre, allora le dicevo che un giorno un principe l'avrebbe regatato in castello solo per lei ma adesso voglio solo essere il suo fidanzato. Non mi basta più guardarla, non mi basta segarmi con le sua mutandine sotto il naso, voglio di più!!
Sua madre faceva turni terribili in quel periodo e la sera dormivo sempre solo, questo mi aiutava perché potevo rimanere oltre la soglia della sua cameretta per sbirciarla mentre dormiva, accarezzarla dolcemente attraverso il suo pigiamino rosso e sfiorarle le tettine senza fare troppo rumore. Lei dormiva profondamente ogni volta è il tutto finiva con una mega sega in bagno. Tutto troppo veloce. Quella sera guardammo un film thriller in TV,lei abbracciata al cuscino sulla poltrona di fianco a me.
"Paura?" Le chiedo
"No ma un po' d'ansia si!" Mi sorride
"Se vuoi metto un film tranquillo"
"No pa', mi sta bene questo!" Lo guardammo fino alla fine è una volta terminato tutti a nanna.
Dopo una doccia fresca andai a spiarla, la luce blu del cellulare le illuminava il volto così tornai a letto e mi addormentai subito.
Intorno all'una di notte sentii un fruscio vicino a me e pensai immediatamente a mia moglie ma quando mi girai lì c'era la scienza di mia figlia ad aspettarmi.
"Cosa ci fai qui amore?"
"Pa' scusa non riuscivo a dormire sola! Ti scoccia se rimango?" In risposta mi avvicinai a lei a la strinsi al mio petto nudo.
Avevo solo i boxer come protezione e lei indossava un pantaloncino del pigiama. Il mio cazzo era ad un millimetro da lei, sarebbe bastato pochissimo. Il mio braccio la teneva salda a me e la mano posata sul suo pancino nudo. Avevo il cuore a mille, il sudore che scendeva sulle tremore e il cazzo che piano si stava ingrossando. Il suo respiro era leggero e tranquilla si addormentò subito. Non tenevo il suo corpo fra le braccia da un paio di anni così mi accostai. All'impatto con il suo culetto morbido mi venne voglia di segarmi e sporcarla del mio peccato ma non riuscivo, non mi muovevo se non il sangue che fluiva velocemente fino al cazzo rendendolo duro come il marmo. Cosa faccio adesso pensai almeno una decina di volte. Là risposta arrivó come un fulmine a ciel sereno. Scappai in bagno, ennesima sega. Non potevo violare il nostro rapporto.
Quando tornai a letto lei era semi sveglia "dove sei stato?"
"Bagno. Perché ?"
"Così?"

Il mattino mi sveglia prima di lei con un'erezione assurda. Durante la notte si era girata dalla mia parte e adesso il suo viso era a pochi centimetri dal mio. Continuai a far finta di dormire mentre lei si stiracchiava. La mia erezione era visibile visto che solo dei boxer bianchi non avrebbero potuto salvare nessun' apparenza. Ed io lasciai anche scivolare via il lenzuolo così lei avrebbe visto tutto quello che avrei potuto darle se solo avesse voluto.
"Oh mamma mia che... Imbarazzo!!!" La sentivo sussurrare.
"Pa'!"
"Pa'!"
Le finestre chiuse e le tende serrate lasciavano pochissima luce e non riusciva a notare il tremore delle mie palpebre.
Un calore imorovviso si posò suo mio petto e piano scese fino al mio inguine. La sua mano stava ispezionando per la prima volta un uomo.
"Mmm" gemetti involontariamente e la mano si bloccò immediatamente. Restai immobile respirando piano piano come se dormissi ancora.
L'ispezione continuitó finché si posò con tutto il palmo sul mio cazzo durissimo e umido. Le dita leggere seguivano tutti i contorni che l'intimo segnava e dalla cappella fuoriusciva liquido che bagnava il tessuto. Con il polpastrello stuzzicava la chiazza bagnata che si stava allargando. Non riuscivo a stare fermo così distrattamente infilai una mano dentro e feci finta di grattarmi così lo cacciai fuori solo a metà. Duro come il granito rimbalzò contro il mio addome sporcandomi ancora con il liquido che fuoriusciva abbondantemente. Per un momento pensai che stavo facendo un enorme cazzata ma un attimo solo la sua mano tornó dov'era prima, solo che a differenza adesso non c'era nessuna barriera tra di noi. Non potevo trattenermi non potevo far finta di nulla ancora per imploro. Volevo sborrare subito!
"Piccola.."
"Oddio!" Subito la sua mano calda scomparve e con essa anche il momento che aveva creato.
"Aspetta! Dove vai? Vieni qui!" Con il cazzo dritto scesi dal letto, sfilai le mutande e le corsi dietro "Amore parlami!"
La trovai rivolta verso il lavandino della cucina mentre strizzava in modo nervoso lo strofinaccio.
"Girati verso di me piccola di papà "
"No"
"Perché no? Guarda che è normale tra uomo e donna quello che è successo!"
"Mica sono una bambina Pa'! Lo so, ma tu sei mio papà!!" Lo disse con take enfasi che quasi mi spaventai. Provava forse ribrezzo per me?
"Quindi? Tra me e te c'è ancora più empatia,più sentimento. Non pensare come un bambina ma fallo come una donna. Io ti amo e come me non potrà mai amarti nessuno. Tu sei la cosa più preziosa per me pensi che potrei mai farti del male? Quello che hai fatto a me stamattina rafforzerà solo il nostro rapporto!"
Non so come ma si girò lentamente tenendo lo sguardo basso e inpmarazzta disse " seriamente?"
Così mi avvicinai cauto, maledicendomi per aver lasciato i boxer in camera da letto e l'abbracciai. Tornai duro in men che non si dica e lei senti tutto contro la sua pancia.
"Ma..ma non è normale questo. Nessuno dice mai di fare queste cose in famiglia!"
"È vero nessuno lo dice perché viviamo nel bigottismo ma sappi che succede spesso ed è normalissimo amore mio" la trascinai in camera e sdraiandoci a cucchiaio le raccontai del mio amore per lei mentre le sue mani si intrecciavano con le mie.
Si girò di fronte a me e posó le lue labbra rosse e bellissime sulle mie. La bacia dapprima dolcemente ma poi senza freni, come si bacia una donna. Le sussurrai parole dolci mentre le mie mani vagavano sul suo corpo innocente e il mio cazzo pulsava sul suo stomaco. Toccami, toccami, toccami pregavo tra me e me ma la mia bambi rimaneva con le sua mani sulle mie spalle.
"Vuoi fermarti qui o vorresti che papà facesse qualcosa per te?" Il suo sguardo era basso e ancora arrossata mi risponde "scegli tu"
La sdraio con la schiena sui cuscini e mi metto sopra di lei. Ansimo come un animale e se continuo a strusciarmi le vengo addosso. "Posso leccarti?" Bisbiglio. Non risponde ma con le dita mi accarezza le spalle e la nuca. Se avesse voluto scappare avrebbe potuto farlo ma invece sta qui, con le gambe spalancate e mi accarezza. Scendo con la bocca lungo il suo sterno, il suo seno ancora non del tutto sviluppato è ancora coperto ma i suoi capezzoli turgidi si fanno sentire. Con la bocca li bacio delicatamente "sei bellissima amore mio". Scendo sul suo stomaco e poi verso l'ombelico che è scoperto. Lo lecco e mordicchio. Il suo profumo è dolce ed io sono un fremito, non vedo l'ora di assaggiare il suo paradiso. Il pantaloncino è ancora su così lo sfilo e con esse le mutandine bianca. La sua fighetta mi si piazza davanti con un triangolino di peli neri che la ricoprono. L'odore della sua figa è inebriante ancora prima di posare il nesso tra i suo peletti morbidi "mmmm oh mio dio piccola sei fantastica " lei immobile, replica affannosamente.
Le mie mani salgono su dalle cosce al suo bacino e si fermano sul suo interno coscia. Separo le sue labbra e improvvisamente l'odore più dolce del mondo mi colpisce mandandomi ko! Mi fiondo sul suo clitoride rosa e respiro la sua bellezza. Con la lingua assaggio d'urto quello che ha da darmi, accarezzo e gioco con le piccole labbra, nel frattempo la mia bimba si dimena gemendo "papi..."
Vorrei ficcarle il cazzo nella passerà vergine e renderla mia per sempre ma invece rimango fermo a leccarla come un forsennato. La sgrilletto mentre con la lingua bevo il suo succo e lei viene subito così,senza avvertirmi il suo corpo si tende fino allo spasmo "aaaah mmm..." Trema e suda. La sua fighetta rosa è lucida dalla mia saliva e dai suoi umori e freme finché non mi allontano. Lei sorride timidamente mentre mi guarda, con un dietro fra i denti." Mi hai fatto un regalo grandissimo amore, il tuo sapore è buonissimo"
"Papi..ma..." Si tira su come se volesse coprire il nostro peccato.
"No amore, questo sarà il nostro segreto. Ti prego non scappare dal nostro amore. Stai con me, non vergognarti sei la cosa più bella del mondo .." Lei di slancio si aggrappa a me ",i prometti che non mi farai mai del male?"
"Amore ma che dici adesso sei mia, solo mia e di nessun altro!"
Convinta e felice restammo a letto per le coccole. Il mio cazzo orai mai si era dato per vinto e ero certo che in bagno mi aspettava un'altra sega da solo. Ma ero felice comunque, la mia principessa era finalmente capitolata fra le braccia del suo Re.
TO be CONTINUED
*opera di pura fantasia *

Questo racconto di è stato letto 1 3 3 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.