Susan cap.1 - Inizio del tradimento

Scritto da , il 2019-07-26, genere tradimenti

Alla fine era accaduto.
Non sapeva come e nemmeno il perché, ma quel pomeriggio Susan aveva tradito il marito e la famiglia per la prima volta nella sua vita. Era sempre stata una moglie fedele, sia prima di diventare madre che anche dopo le due gravidanze, vicine tra loro dalle quali si era ripresa per amor proprio molto velocemente. Aveva un marito che la amava e che ella corrispondeva ed una famiglia alle quale non avrebbe rinunciato per nulla al mondo, ma quando Jorge era entrato nella sua vita non aveva più capito quale fosse la direzione da seguire.
Lui era un bell'uomo ma non così bello da farle perdere la testa e allo stesso modo Julian, suo marito, era altrettanto bello. Era una questione di modi e di comportamenti. Lui l'aveva conquistata subito e professionalmente l'aveva fatta sentire importante anche se il suo ruolo, vicedirettore di banca, era da sempre un ruolo difficile. Alla mercé del direttore di turno e con un sacco di responsabilità verso i dipendenti. Il ruolo di Susan non era mai stato facile. La speranza di diventare a propria volta direttore era naufragata con l'arrivo di Jorge ma lui, allo stesso tempo, l'aveva fatta sentire come il migliore dei dipendenti. E la cosa aveva pesato.
Il lavoro che prima era difficile e complicato era diventato molto più facile e l'ambiente di lavoro estremamente sereno. Le modifiche apportate da Jorge alla filiale centrale del Banco de Espana di Almeria in cui Susan lavorava da anni erano state oggettivamente positive per tutti i dipendenti, lei compresa. Il modo di fare di quell'uomo piaceva a tutti ed ella ne era rimasta affascinata.
Era ormai un anno che lavoravano a stretto contatto, ma nessuno dei due aveva mai fatto o detto nulla più del dovuto e nonostante entrambi avessero capito quanto la loro attrazione fosse concreta, nessuno si era sbilanciato. Lui lo avrebbe potuto anche fare visto che era single ma conoscendo la situazione familiare di Susan non era mai andato oltre il necessario,
Quella sera però erano andati alla cena dei direttori e vicedirettori delle filiali della banca in centro città ed era stato evidente fin da subito che qualcosa si stesse muovendo in una direzione diversa.
“Complimenti Susan, sei davvero bellissima!”, le aveva detto Jorge non appena l'aveva vista arrivare ammirando il vestito grigio e nero, piuttosto attillato e non troppo corto, che ella aveva scelto soprattutto a causa della vistosa scollatura a V che metteva in risalto il suo decolletè. Non era mai andato così oltre ed ella aveva apprezzato, lusingata.
A tavola, nel corso della cena, avevano parlato con i colleghi del più e del meno, anche della famiglia di Susan e dei figli e Jorge le aveva attribuito davanti ai colleghi una preparazione professionale encommiabile. Lei ne era restata lusingata come dei complimenti ricevuti per la sua bellezza. Come gli adolescenti, in un paio di casi i loro piedi si erano sfiorati ed in un paio di occasioni erano rimasti a contatto per più tempo del dovuto. Quando lei lo aveva guardato negli occhi, lui non aveva distolto lo sguardo ed era stato immediatamente chiaro ad entrambi come avessero intrapreso un percorso dal quale difficilmente avrebbero potuto tornare indenni.
Dopo la cena avevano ballato. Un po' insieme ed un po' con altri colleghi. Non si erano detti nulla. Sembrava che le parole tra di loro si fossero esaurite in attesa degli eventi ai quali avevano deciso di andare incontro.
Alla fine era stato lui a forzare la mano ed ella non si era rifiutata. Attorno alle 23.30 avevano lasciato l'allegra comitiva a causa di un presunto mal di testa di Jorge ed erano saliti in macchina. L'atmosfera era tesissima.
Lui aveva messo in moto l'auto, poi si era voltato verso di lei, aveva poggiato una mano sul suo ginocchio sinistro e guardandola negli occhi le aveva detto:”Io non so se sia giusto, ma penso che non sia nemmeno giusto non dirtelo. Sei bellissima. Lo penso da quando ti ho vista la prima volta e non credo di riuscire a trattenermi ancora per molto dal baciarti. Sempre se me lo lascerai fare”.
Susan non aveva risposto nulla. Aveva accennato un sorriso poi aveva avvicinato il suo volto a quello di Jorge e si erano scambiati il loro primo bacio.
Tornando a casa, due ore e mezzo dopo quel bacio, Susan pensò che avrebbe dovuto rifarsi leggermente il trucco. Sebbene Julian avrebbe certamente dormito a quell'ora, avrebbe potuto notare qualcosa e la cosa l'avrebbe messa in difficoltà.
Ripensò a quel bacio ed a tutto ciò che ne seguì. Si ricordò delle loro lingue che si intrecciarono e le sembrò quasi di averlo ancora dentro alla sua bocca. Poi si ricordò della sua mano sinistra che dal suo ginocchio risalì lentamente, senza smettere di baciarla, lungo il suo interno coscia. La mano seguì il collant fino al suo sesso e cominciò a strofinarglisi contro, percependo la sua eccitazione e sentendo il suo calore. Si ricordò di avere aperto le cosce e di averlo lasciato fare in mezzo alle sue gambe dove, da dodici anni a quella parte, l'unico a metterci la mano era stato suo marito.
Quando si erano staccati dal bacio, la loro eccitazione era evidente.
Avrebbe potuto interrompere in quel momento. Sarebbe stato solamente un bacio ed una mano fra le gambe. Se ne sarebbero dimenticati e, qualche anno dopo, quando lui avrebbe cambiato filiale di banca come accade spesso per i direttori, avrebbe anche dimenticato.
Ma poi lui le aveva detto:”Andiamo da me? Abito qui vicino”.
E lei aveva accettato senza dubitare della sua scelta nemmeno un attimo. Avevano viaggiato qualche minuto in silenzio, poi lui aveva parcheggiato in un garage e da lì erano saliti fino al suo appartamento, elegantemente arredato, nel centro città. Per andare alla serata lei era arrivata in auto alla banca e quindi dopo lui l’avrebbe dovuto ricondurre alla sede. Una volta entrato lui aveva premuto dei bottoni e si erano accese delle luci soffuse, non troppo forti. Si era diretto ad un mobile, aveva estratto due bicchieri e poi dal frigorifero una bottiglia di vino. Non avevano detto nulla finché lui non aveva riempito i due bicchieri. Nessuno dei due sapeva che fare e cosa dire. La tensione era palpabile.
“Se fosse caldo potremmo bere in terrazza, ma visto che è novembre possiamo sederci sul divano”, le disse Jorge allungando una mano verso di lei, dopo averle consegnato il bicchiere.
Quando prese la mano Susan si accorse che non sarebbe più tornata indietro. Era liscia, morbida e vellutata. Lo aveva notato anche tempo prima, quando si erano conosciuti e si erano presentati stringendosi la mano, mesi prima. Si sedettero sul divano ed ella continuò a pensare a quella mano liscia che era risalita tra le sue cosce, sotto alla sua gonna, pochi attimi prima in macchina.
Quando Jorge alzò il bicchiere verso di lei, lei lo alzò a sua volta. Il vetro tintinnò e si guardarono negli occhi sorseggiando un goccio di vino. Nessuno dei due sapeva cosa fare e nemmeno che azione prendere. Ormai era chiaro che sarebbero andati oltre il loro rapporto di lavoro, ma sul come entrambi nutrivano ancora qualche dubbio.
Quando lei posò il bicchiere, fu lui ad avvicinarsi. Lei non si oppose e lui la baciò. La sua bocca era morbida e sapeva di vino. La sua mano sinistra, anziché risalire sotto alla gonna, si posò sulla sua coscia e da lì risalì lentamente lungo il suo fianco per fermarsi poi sul suo seno destro. Jorge la palpeggiò con delicatezza, senza esagerare, sentendo quel seno indurirsi lentamente mentre veniva accarezzato. Per quella serata lei aveva lasciato i capelli sciolti e quando lui si staccò dalla sua bocca per passare al suo collo, lei se li scostò leggermente. Mentre lui passò la sua lingua dal suo collo alla zona dietro al suo orecchio, percependo il profumo che lei aveva scelto per quella sera, Susan allungò la mano verso le sue gambe e poggiandola sul suo membro scoprì la sua eccitazione.
Da quel momento in avanti fu un viaggio senza ritorno.
In pochi attimi la cintura che teneva avvolto il suo vestito nero e grigio attorno al suo corpo venne aperta e gettata lontana ed il vestito si aprì, quasi come fosse una vestaglia, mostrando il suo intimo in pizzo nero sotto al collant color carne lucido che aveva scelto per la serata. Allo stesso modo anche la cintura di Jorge venne aperta, la camicia sfilata ed i pantaloni abbassati. Lui scalciò le scarpe lontano, lei invece tenne quei decolleté color bronzo rame che aveva acquistato appositamente per quell’evento a cui partecipava per la prima volta.
Quella serata fu quindi un miscuglio di prime volte, pensò Susan quando due ore dopo a quel momento rientrò in casa, silenziosamente, con le scarpe in mano per non farsi sentire da Julian e dai figli. Era tardi ma avrebbe detto che la nottata al ristorante si era trascinata con balli e divertimenti, cosa non troppo distante dalla realtà.
Anche lei ed Jorge in qualche modo avevano ballato. Dopo essersi liberati dei vestiti, lui si era fermato un attimo, le aveva preso le mani tra le sue e guardandola in quegli occhi chiarissimi, quasi grigi, che erano un suo orgoglio fin da bambina, le aveva detto:”Sei bellissima Susan. Ti desidero da non so quanto tempo”.
Lei non voleva parlare. Aveva il timore che parlare avrebbe interrotto quel fiume in piena di sensazioni che la stavano attraversando.
“Ti voglio anch’io”, gli rispose e poi gli si avvicinò cercando la sua bocca.
Ripresero a baciarsi, sdraiandosi parzialmente sul grande divano, l’uno vicino all’altro. Le mani di lei entrarono nei boxer chiari di Jorge mentre la mano sinistra dell’uomo cominciò a strofinarle il sesso attraverso collant e slip. La sua fica cominciò a bagnarsi subito ed i suoi liquidi intrisero quasi subito il pizzo dello slip ed il collant. Jorge si accorse di quanto si stesse eccitando grazie alle sue carezze e non poté non apprezzare la mano di Susan che si stava già dando da fare con il suo uccello.
Rimase leggermente stupito quando fu lei a prendere l’azione, facendogli capire di mettersi a sedere sul divano ed inginocchiandosi poi davanti a lui. Gli sfilò i boxer e poi si chinò su di lui prendendo tra le mani il suo membro e guidandoselo nella bocca.
“Sei fantastica!”, le disse senza ricevere risposta.
Era un sacco di tempo che non lo faceva. Con Julian avevano rapporti frequenti ma piuttosto banali. Erano mese che non succhiava un cazzo e per un attimo, fino a quando Jorge non aveva parlato, temette di non essere più in grado di farlo nel modo corretto. Quando invece sentì la sua erezione aumentare ed il suo respiro farsi più affannoso, capì di essere nel giusto.
Nonostante il tempo trascorso dalla sua ultima volta, la sua azione si mostrò efficace. Andò su e giù con la bocca leccando quel pene fino alla sua base ed armeggiò con le mani aiutandosi nell'azione. Quando lui le chiese di rallentare, altrimenti sarebbe venuto subito, lei si fermò restando in ginocchio e guardandolo negli occhi su pulì la saliva dai bordi della bocca con il torso della mano.
“Sdraiati sul divano”, le disse Jorge allungando la mano per aiutarla ad alzarsi “Voglio ricambiare il piacere che hai dato a me”.
Quando prima di andare a letto al fianco di Julian si era recata in bagno, aveva dovuto mascherare alla meglio quanto era accaduto in casa di Jorge. Lui l'aveva infatti fatta sdraiare sul divano, le aveva aperto le cosce e poi aveva lacerato con le mani il collant all'altezza del suo slip.
“Potevo togliere il collant, se volevi”, gli aveva detto.
“No. Ti preferisco così, come quando viene in ufficio ogni giorno, sempre più bella. È da un anno che sogno di fare questo con te”, le aveva risposto lui. Poi con un mano aveva scostato lo slip ed aveva affondato il volto tra le sue cosce, immergendo la bocca tra le pieghe del suo sesso. Non si era depilata ed una folta ma ordinata peluria ricopriva l'accesso al suo piacere. Sentì la lingua di Jorge percorrere le sue labbra per poi addentrarsi dentro di lei e poi uscire, girando attorno al suo clitoride. Era bravo, pensò Susan tra sé, ma ciò che la impressionò fu la dedizione con cui Jorge si dedicò alla sua ricerca del piacere. Continuò a leccarla per almeno venti minuti, finché ella non esplose nel suo primo orgasmo, nel corso del quale gli serrò la testa tra le cosce e sollevò il pube al fine di ampliare al massimo il proprio piacere.
Quando quella sera gettò il collant in una busta dello sporco e vi unì anche il suo intimo, al fine di evitare che qualcuno notasse qualsiasi piccolo particolare, ripensò a quell'orgasmo incredibile ed a cosa gli fosse seguito. Una volta infatti che ella gli ebbe liberato il capo, lui si alzò sempre restando in ginocchio sul divano, con i capelli scompigliati e l'erezione in bella mostra.
“Non puoi immaginare quanto ti desideri Susan”, le aveva detto.
Lei era rimasta davanti a lui a gambe aperte con il collant lacerato, lo slip tutto arrotolato alla sinistra e la sua fica completamente bagnata in attesa di essere presa. Si era slacciata il reggiseno, che aveva il gancio anteriore tra le due coppe e dopo averlo scagliato lontano, gli aveva risposto:”Prendimi, ti prego. Non aspettare”.
Scoprì vivendo in maniera piena quel momento che non si vergognava della sua nudità di fronte a quell'uomo che, fino a poche ore prima, era stato solo ed esclusivamente il suo responsabile e che adesso era divenuto il suo amante. Scoprì allo stesso momento di volerlo profondamente, di anelare a quella penetrazione che avrebbe ricevuto di lì a poco. Aprì le cosce e con la mano sinistra si scostò maggiormente lo slip. Quando lui avvicinò il membro alle sue labbra lei lo prese con la mano sinistra e lo guidò lentamente dentro al suo corpo e quando Jorge avvicinò il proprio pube al suo, entrando dentro di lei, Susan si inarcò inebriata.
Fu una grande scopata che cominciò sul divano e che finì a terra, sul tappeto posto davanti a quel grande divano di quel grande salone, parecchio tempo dopo. Prima di cambiare posizione e poi trasferirsi a terra dovettero prendere una pausa, qualche secondo per riprendere fiato. Lui uscì dal suo corpo e si sedette sul divano, lei gli si raggomitolò vicino. Entrambi ansimavano.
“Oh Cristo, quanto ti volevo! Non mi sembra vero!”, le disse lui.
“Anch’io ti volevo! Anch’io!”, gli rispose lei.
“Veramente?!?”.
“Ohhh….siii….”, affermò lei quasi vergognandosi della risposta.
“E perché non mi hai mai fatto capire nulla?”.
“Non lo so nemmeno io”, gli rispose Susan.
Lui la guardò negli occhi e le disse:”Ti voglio. Vieni qui sopra di me”.
Susan allora salì a cavalcioni sopra di lui e Jorge la fece sua, quasi impalandola. Lei si sentì riempire ed apprezzò le spinte dell’amante che, in una decina di minuti, la portarono al secondo orgasmo di quella serata. Fu un crescendo di velocità finché il movimento di penetrazione e di sfregamento che erano riusciti ad assumere, non ebbe preso un ritmo vertiginoso.
“Oh Dio! Oh Dio! Vengo! Vengo! Sì! Sììììì”, aveva urlato lei raggiungendo la vetta del piacere.
Jorge l’aveva lasciata gemere e quando si era tranquillizzata le aveva chiesto di inginocchiarsi sul tappeto scuro posto davanti al divano. A quel punto Susan aveva perso anche le scarpe e Jorge aveva deciso di abbassarle collant e slip e di penetrarla da dietro.
“Mi vuoi ancora?”, le aveva chiesto.
“Ohh….siii”, aveva risposto lei.
E quel loro primo incontro amoroso finì in quel modo, con Jorge che la penetrò da dietro finché non le esplose dentro. Ironia della sorte, nella posizione prediletta anche di Julian, suo marito.
“Resta dentro! Resta dentro!”, gli aveva detto Susan quando aveva capito che Jorge fosse prossimo all'orgasmo.
“Sicura?”.
“Sì! Sì!”, aveva semplicemente risposto lei che, dopo le complicazioni seguite alla nascita del secondo figlio, aveva la certezza che non sarebbe mai più diventata madre. Lo aveva sentito ingrossarsi e poi aveva sentito il suo sesso riempirsi del suo seme. Gli aveva chiesto nuovamente di non uscire. Poi si era portata una mano sul clitoride e lo aveva stretto tra le dita. Era gonfio e duro. Gli aveva dato un paio di tocchi esperti e poi aveva mosso il bacino sentendo ancora il caldo membro di Jorge dentro di sé.
A quel punto aveva goduto per la terza volta ed era stata costretta ad allungarsi in avanti, facendo sì che il cazzo di Jorge uscisse dal suo corpo. Si era sdraiata sul tappeto, godendo come una cagna in calore, senza alcun pudore nei confronti dell'amante che era rimasto, in ginocchio sul tappeto, ad osservarla mentre lei si gustava il proprio piacere.
Quando lui l'aveva accompagnata alla macchina, dopo essersi rivestiti, non aveva parlato molto. E nemmeno lei aveva voglia di chiacchierare. Stava pensando al tradimento. A quella sua prima volta nella sua vita. Si sentiva in colpa, era vero. Ma da un lato si sentiva anche al settimo cielo. Quando nel letto si sdraiò a fianco di Julian, lui non si accorse di niente. E la stessa cosa accadde nei giorni successivi.
Quando rientrarono al lavoro e si incontrarono nuovamente, nessuno dei due disse nulla e, fatta eccezione per le solite frasi formali di rito, non andarono più sull'argomento per alcune settimane. La loro attrazione non finì certo quella sera ma entrambi decisero di tenerla sopita per un po'. Avevano avuto entrambi ciò che desideravano. Ci voleva solo un po' di tempo e ne avrebbero avuto nuovamente bisogno.

Questo racconto di è stato letto 6 1 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.