C'è sempre una moglie troia per un marito cornuto.4

Scritto da , il 2019-05-23, genere tradimenti

Il programma della loro luna di miele prevedeva dopo il periodo trascorso alle Cinque Terre,un trasferimento in Sardegna dove avrebbero passato le restanti 2 settimane.

L'uomo che li aveva accompagnati per tutto il periodo in Liguria,conosceva molto bene Cala Gonone e tutto il territorio dell'Ogliastra e si era reso disponibile se loro lo avessero voluto,di andare a trascorrere una settimana con loro per fargli da cicerone ed accompagnarli a scoprire le meraviglie della costa e delle zone interne ricche di vestigia nuragiche e di una natura incontaminata.

Gli sposini avevano prenotato una camera in un albergo vicino alla spiaggia mentre lui non avrebbe avuto problemi potendo essere ospitato da un amico che aveva una villetta tra i boschi sopra il paese.

Lei si era mostrata subito entusiasta immaginando di prolungare la sua tragressiva luna di miele con l'uomo che l'aveva svezzata ai piaceri del sesso.

Il marito inizialmente titubante,era stato subito convinto dalla moine della giovane sposa.

L'imbarco per Golfo Aranci era previsto da Livorno per la sera del giorno dopo e dunque,dovendo trascorrere tutta la notte in nave,avevano prenotato una cabina con letto matrimoniale.

L'ultimo giorno alle Cinque Terre l'avevano trascorso da soli giacché il loro accompagnatore era dovuto partire.

Per quell'ultima notte,lei aveva voluto ripetere col marito l'esperienza che aveva vissuto quella prima volta sulla terrazza del Belforte.

La serata era magnifica.

Il cielo era tempestato di stelle mentre un forte vento di Libeccio,tormentava il mare provocando suggestive e gonfie onde che si infrangevano schiumando sugli scogli sotto la torre.

Una meraviglia!

Una natura romantica e selvaggia che pareva disegnata apposta per la loro notte di commiato.

Dopo aver cenato ed aver fatto un ultimo giro tra i carrugi,ben coperti contro le fredde folate di vento,avevano scalato i gradini che li avrebbe condotti su quel terrazzo deserto.

Riparati in un angolo sotto al parapetto,lei aveva subito slacciato i pantaloni del marito ed aveva cominciato a succhiargli il cazzo mentre lui,colto di sorpresa,rimaneva immobile e si lasciava fare.

Poi,quando il cazzo del marito era divenuto sufficientemente duro,lei si era alzata ed appoggiandosi al muretto come aveva fatto con quell'uomo,si era tirata giù i pantaloni e le mutandine e si era fatta prendere dal marito da dietro.

In verità,per via del fatto che fosse già molto bagnata e che la dotazione del marito non fosse più adeguato alle sua apertura,aveva difficoltà a sentirselo dentro tuttavia,l'atmosfera,il ricordo di quell'uomo nella mente ed il fatto che mentre lui la montava lei si masturbasse il grilletto,le aveva fatto avere due orgasmi prima che anche lui le venisse dentro.

-Amore....è stato bellissimo e tu sei stato bravissimo!-

Gli aveva detto convinta perché,nonostante tutto,lei amava ancora quell'uomo che aveva sposato e al quale la legavano molti altri interessi in comune.

In cuor suo comunque,sapeva già che la sua vita sessuale si sarebbe svolta tra altre lenzuola e con cazzi diversi da quelli coniugali.

Dopo l'imbarco sulla nave erano andati a cena e per compensare la non eccellente qualità del cibo,avevano bevuto una bottiglia di prosecco.

Per tutta la durata della cena,lei era stata oggetto di insistenti attenzioni di un giovane marinaio che beveva in piedi vicino al bancone del bar.

La cosa non le dispiaceva e non di rado,incontrando il suo sguardo,lo ricambiava accennando un sorriso.

Dopo aver mangiato erano usciti per qualche minuto sul ponte esterno e subito dopo,forse per gli effetti del vino,lui aveva accusato una certa stanchezza e le aveva chiesto di rientrare in cabina.

Mentre rientavano,lei aveva incrociato ancora lo sguardo del giovane marinaio ed aveva sentito qualcosa di umido tra le cosce.

Oramai il suo pensiero navigava contro ogni lucida volontà e dunque,dopo aver accompagnato il marito che si era subito messo a letto,lei lo aveva baciato sulla fronte e gli aveva detto:

-Tesoro,io non ho ancora sonno,vado a fare un altro giro per la nave e poi torno.

Il giovane in divisa era ancora nella medesima posizione in cui l'aveva lasciato.

Lei si era seduta ad un tavolino poco distante e dopo qualche minuto di flirt con gli occhi lui le si era avvicinato chiedendole se poteva sedersi.

Dopo una banalissima conversazione priva di interesse per entrambi,lei mentre sorseggiava la sua bibita,guardandolo negli occhi aveva detto:

-Dove mi porti?-

Lui che non si aspettava una tale sfrontatezza,era rimasto per qualche secondo senza parole e poi:

-Non so....io condivido una cabina con due brande a castello e devo chiedere al mio collega se me la lascia libera per un po.-

-Perché lasciartela libera?

Fai restare anche lui che ci divertiamo un po!-

-Torno subito,vado a cercarlo per vedere se è d'accordo.-

Quando era tornato era in compagnia del suo amico lei era sbottata:

-E lo volevi lasciare da solo?!-

L'uomo meno giovane del ragazzo,aveva un'aria più prestante e sicuramente era più esperto in quel genere di cose.

Scortata dai due maschi che le camminavano di fianco,hanno raggiunto la piccola cabina nel ponte marinai.

Non appena chiusa la porta alle loro spalle,lei si era inginocchiata e subito aveva cominciato ad armeggiare sulle loro patte dei pantaloni.

Erano due cazzi magnifici.

Quello del giovane,era lungo,liscio e dalla pelle chiara mentre l'altro più grosso e tozzo,era scuro,ricoperto di vene sporgenti e con un grosso scroto con una folta pelliccia nera.

Anche il loro sapore era diverso e la cosa risvegliava la femmina puttana che covava vogliosa dentro di lei.

Il ragazzo le aveva sborrato quasi subito riempiendole la bocca e scaldandole lo stomaco.

L'altro senza neanche spogliarla,le aveva scostato il perizoma e dopo averle leccato la fica già grondante di umori,l'aveva infilata sino a sentire il contatto con l'utero.

Le aveva sollevato le gambe sin sopra le sue spalle ed in quella postura con lei completamente aperta la stantuffava violentemente contrastato dal bacino della donna scosso freneticamente.

Le grida della donna ed il respiro pesante dell'uomo,riempivano la cabina di suoni osceni.

Lei si contorceva sotto le profonde sferzate e lo incitava a dargliene di più ed accompagnando ogni orgasmo con grida devastanti.

Quando anche l'uomo aveva raggiunto il punto di non ritorno,con un grugnito le si era conficcato sino in fondo e restandole immobile dentro,aveva cominciato a pulsare scaricando un infinito numero di bollenti fiotti di sborra.

A quel punto,anche il ragazzo trascinato da quell'accoppiamento bestiale,aveva ritrovato la sua erezione e mentre lei veniva riempita di sperma,lui,tenendole ferma la testa,le chiavava la bocca.

Dopo una pausa in cui lei si era liberata dagli abiti completamente bagnati di sudore e di sperma e dopo aver bevuto una bibita fresca,avevano ripreso con più desiderio di prima.

Mentre lei era impegnata a succhiare i due cazzi contemporaneamente il più anziano aveva detto:

-Chissà se la signora l'ha già preso anche dietro e.....visto come succhia bene due cazzi alla volta,chissà se ha già fatto un sandwich con un cazzo davanti e uno dietro.

A quelle parole lei aveva interrotto il suo doppio lavoro di bocca e tirandosi su,aveva guardato l'uomo negli occhi e gli aveva detto:

-Vuoi dire nel culo?

No...non l'ho mai preso e credo che potrei cominciare adesso e se poi mi piace.....magari anche la doppietta...chissà!-

Le avevano fatto subito un clistere e poi l'aveva un po allargata con le dita.

Poi,dopo averla lubrificata col del sapone liquido,l'ave inculata senza troppe difficoltà il ragazzo col cazzo lungo e sottile.

Più dolorosa era stata la penetrazione dell'altro,un vero e proprio secondo sverginamento.

Quando l'hanno infine presa in due,lei si sentiva al settimo cielo e quando quasi contemporaneamente le hanno riempito il retto e la fica di sborra,le pareva di svenire tanto intenso era l'orgasmo che aveva provato.

Completamente sconvolta nell'aspetto e nel corpo e indossando gli abiti bagnati sul corpo sudato e saturo di sperma,era tornata nella sua cabina.

Il marito dormiva e lei animata da un senso di pietà,si era infilata con la testa sotto il lenzuolo e gli aveva fatto un pompino facendolo sborrare senza che neanche si svegliasse.

segue


Questo racconto di è stato letto 5 4 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.