Nel mondo dei cuckold Pt.7

Scritto da , il 2019-05-17, genere tradimenti

Poche ore dopo ci svegliammo, inebetiti, per recarci a lavoro, senza dire una parola su ciò che era successo e su quello che sarebbe potuto accadere di lì a poco.
Il pensiero della sera, dell'incontro tra Marina e Francesco mi permeava togliendomi lucidità e concentrazione.
Chissà a cosa stava pensando lei.. L'avrebbe fatto? Oppure è stato solo un momento di euforia notturna?
Sotto quale ottica vedeva le cose una volta recuperata la lucidità? Ci avrebbe ripensato?
Oppure veramente voleva portare Francesco a casa nostra..
E io nel frattempo cosa avrei fatto? Sarei dovuto uscire?
Di sicuro non mi avrebbe lasciato assistere.
Troppi interrogativi, volevo resistere, non volevo sembrare nervoso e agitato ma non mi riusciva così, approfittando della pausa pranzo la chiamai.
Amore tutto bene?
Si, un po' cotta ma bene.
Allora? Stasera?
Stasera cosa? Fa lei come a voler prendere tempo..
Dai amore, Francesco, l'hai sentito?
Si, si, mi ha detto che non si libera prima delle 10. Ne parliamo a casa ok?
Ok..
La tensione saliva col passare delle ore.
Volevo le corna ma allo stesso tempo c'era, come c'è sempre, la paura che lei potesse sfuggirmi e invaghirsi di lui.
Poi c'era il tabù del nostro letto, il letto coniugale.. Veramente sarebbe stata capace di farsi scopare sul nostro letto?
Arrivano finalmente le 6, rientriamo a casa a distanza di poco. Io infilo in doccia, lei fuma una sigaretta ma non dice niente e la cosa mi fa sbarellare.
Se ne sta lì a mettere a posto i vestiti stirati e non mi dice nulla quindi, con aria visibilmente spazientita la metto alle corde:
amore bello, vuoi dirmi che cacchio vuoi fare stasera oppure no?
Hai fissato con Francesco?
Lei: ehm.. si, si, viene qui verso le 10/10 e mezzo..
Io: ah.. e cosa aspettavi a dirmelo?
Lei: ti avevo detto che si liberava verso quell'ora no?
Io: si, ok, ma non mi avevi detto che avevi dato il via libera, mi tieni sulle spine.. Vuoi per caso anche dirmi cosa devo fare io dalle 10 in poi? Vuoi che stia a casa? Vuoi che esca?
Lei è un po' imbarazzata ma alla fine mi dice: forse è meglio che esci..
Bene a sapersi ribatto io mentre lei si chiude in bagno.
Ma guarda 'sta troia – penso io- invece di coccolarmi, di coinvolgermi, di ringraziarmi per la libertà che le offrivo mi ignorava.
Quanti cazzo di mariti pensi che ci siano come me.. avrei voluto dirle. Invece tacevo.
Mi vesto ed esco. E' ora di cena ma non riesco neanche a pensare di mangiare.
Lei mi vede uscire, mi saluta con un bacetto e restiamo d'accordo che mi chiamerà quando il gioco sarà finito.
Prendo lo scooter e scendo in città alla ricerca di un po' d'alcool per allentare la morsa della tensione, di fatti dopo il promo drink, le mando un messaggio: Amore non sentirti in colpa, losai che preferisco una donna infedele ma felice che una frustrata e monogama..
Lei, dopo un -grazie amore- mi uccide con un selfie in cui si mostra sul letto in intimo supersexy.
Oh mioddio.. dimmi che l'hai mandata anche a lui questa foto..-
E certo- scrive lei..
Bene, ormai manca poco. Mi preparo ad appostarmi perchè è chiaro che lo farò. Voglio veder arrivare il tipo che mi chiaverà la mogliettina. Voglio soffrire.
Alle 10 mi nascondo dietro le siepi del parcheggio di fronte a casa, la luce del soggiorno è accesa come la Tv.
Lei esce in terrazza a fumare una sigaretta, indossa una maglietta che le copre giusto il culo.
Le mando un messaggio: è arrivato?
Vedo che lo legge e risponde: ancora no. Sta arrivando..
Finalmente eccolo, già vestito da discoteca che sta parlando al telefono. Marina si affaccia, gli sorride, gli indica il portone già aperto.
Dopo poco la luce del soggiorno si spenge mentre la Tv resta accesa. E' andata -mi dico- mentre mi balena l'idea di entrare in casa di soppiatto anche solo per ascoltare ma il rischio di farsi beccare e far saltare tutto mi blocca.
Me ne torno al bar, a bere, da buon cornuto quale sono, e aspetto che mi chiami.
E' incredibile come il tempo, in quelle circostanze, sembra sospendersi, a differenza dell'adrenalina che scorre e la tensione che sale.
Non ho esperienze di droga ma l'effetto è simile, il desiderio di averla, assumerla, e constatarne l'effetto sul tuo corpo, sul tuo cervello.
Potrei bere l'impossibile, fumare 100 sigarette, non sentirei nulla, difatti non sento nulla, neanche la stanchezza.
Sei in trip e lo vivi, nervosamente, controlli il cellulare in continuazione senza che ci sia nulla da controllare; vorresti aver piazzato un microfono o una telecamera e invece niente, resti lì, a guardare i minuti che passano, a scorrere pagine su pagine di socials senza leggere un cazzo nulla.
Sai che lei è lì, che si diverte, che è eccitata, che gode.. e che se lo merita. Ti amo Marina.

Questo racconto di è stato letto 5 1 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.