Nel mondo dei cuckold Pt.5

Scritto da , il 2019-05-15, genere tradimenti

Riprendo dall'ultimo racconto e cioè da quando la mia bella mogliettina aveva accettato un incontro sessuale con il bull Paolo contattato su internet.
Incontro che avrebbe dovuto essere il primo di una serie di appuntamenti ma che invece, purtroppo per me e per lui, non ebbe mai seguito.
Troppo esplicito, troppo solo esclusivamente sessuale, così non mi piace, mi disse Marina.
Ne rimasi deluso naturalmente ma la capivo.. alla fine era come andare a puttane per noi maschietti; esperienza provata una volta e mai più ripetuta dato il senso di umiliazione che provavo perchè è sempre chi paga a essere umiliato, non il contrario.
Fatto sta che la routine aveva di nuovo preso campo nella nostra relazione.
Il sesso era meccanico, prestabilito.
Mancava quell'erotismo dato dalla promiscuità. Io mi eccitavo solo quando la immaginavo con un altro, quando le chiedevo di parlarmene a letto, quando, ossessivamente, la spingevo a fantasticare su altri uomini e lei ne era infastidita.
Non capiva perchè lei non mi bastasse più.
Amore mio bello, dopo 10 anni di sesso coniugale ho bisogno di più stimoli, le dicevo.
Ho bisogno di essere geloso di te, ho bisogno di vederti allontanare e impazzire dalla voglia di riprendermi il tuo corpo.
Parole al vento.
Una coppia che lavora, con figli, una casa da mandare avanti, arrivare al weekend stanchi morti col sesso sporadico consumato come una pietanza qualsiasi.. è una coppia che scoppia.
Le proposi di rifarsi il seno dato che dopo la seconda gravidanza ne era uscito decisamente sformato e svuotato.
Sembrava avesse un paio di calzini mosci e inguardabili.
Lei rifiutò poi, si fece convincere dalla sua estetista che si era sottoposta alla mastoplastica con risultati molto “interessanti” con intervento e costi tutt'altro che impegnativi.
Nel giro di un mese, poco prima dell'estate, eccola con due gran belle tette; una terza piena e grazie allo spazio creato da due allattamenti, le protesi davano un aspetto del tutto naturale.
Lei ne era entusiasta. La cosa ebbe un effetto sorprendente sulla sua autostima.
Bando all'imbarazzo di mostrare il decolteè in un abito o un bikini e via libera a magliette e canotte attillate mostrando orgogliosamente delle proporzioni fisiche perfette e fiera di essere oggetto di sguardi perentori da parte degli uomini, sia amici che colleghi.
Nel nostro locale preferito le battute e i commenti allusivi si sprecavano e lei, sempre sorridente, si crogiolava nel sentirsi così attraente e desiderata.
Anche a letto si sentiva meno inibita e più carica rispetto a prima e io la guardavo spogliarsi con altri occhi.
Una sera, facendo sesso, le chiesi se era eccitata dal fatto di suscitare queste “attenzioni”, di far rizzare diversi cazzi per dirla in parole povere e lei annuiva quasi sfacciatamente.
Io affondai: e pensi che farai provare le tue “bombe” a qualche ammiratore?
Lei sorridendo: chissà?
Ammiratori non le mancavano di certo, specialmente da quando aveva cominciato a postare sui social, foto che la ritraevano in tutto il suo nuovo splendore in pose anche provocanti.
Il risultato fu uno tsunami di messaggi privati da parte di uomini di ogni età con complimenti sfrenati che si concludevano sempre con un invito per un caffè, un aperitivo, una cena quando non commenti particolarmente espliciti.
Tutto ciò aumentava la sua autostima ma nient'altro salvo il fatto che io, diabolico, gettavo benzina sul fuoco quando la scopavo: hai visto quanti maschietti ti desiderano? Hai visto in quanti sono pronti a far ballare le tue bombe? Farebbero la fila fuori dalla porta per leccarti la fica..
Lei, in silenzio, a occhi chiusi, veniva fino alle convulsioni.
Era ormai questione di poco che provasse il suo nuovo corpo su qualcun altro e così, a giugno, rimasti soli, coi bambini al mare dai nonni ce ne andammo a ballare.. segue

Questo racconto di è stato letto 6 5 4 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.