Una prova per la vacca gran finale.

Scritto da , il 2019-04-27, genere tradimenti

Non pensavo che arrivasse a tanto la puttana!
Pur avendola vista in azione in oramai centinaia di situazioni non era mai capitato, fino a quel momento , che organizzasse degli incontri autonomamente.
E fui un coglione a credere che l’incontro con quel porco fosse un episodio isolato.
La puttana, infatti, fu abile anche nel farmelo credere. Mi disse che ebbe delle difficoltà organizzative e che le era andata tutto liscio ma solo con parecchia fortuna. Aggiunse che non sapeva se sarebbe stata in grado di rifarlo.
E io, come un coglione, le credetti!
Fatto sta che dopo tre giorni ricevetti una telefonata. Era un pomeriggio.
Risposi e delle urla mi giunsero all’orecchio tanto che temetti che alcuni colleghi mi sentissero, nonostante fossero a qualche metro.
La zoccola doveva avere il telefono molto vicino alla bocca perché i suoi urli erano di un volume altissimo. Una serie pazzesca e ininterrotta di “ si…si…si…si…si…si…si…siii” e quando non lo diceva era solo per prendere il fiato.
Dovetti spegnere per appartarmi e richiamare. Stava ancora godendo. Era un continuo “si…si…si…si…si”.
Anche in quel caso la puttana mi chiamò dopo circa un ora:
-Il porco è appena andato via ! Non te la aspettavi vero la seconda sorpresa? – disse la troia.
Dovetti rientrare in casa e vedere il video per saperne di più. La troia, anche in questo caso, si era rifiutata di dirmi con chi avesse scopato. Mi disse solo che era un porco diverso dal precedente.
La puttana aveva appoggiato la videocamera esattamente come fece qualche giorno prima.
La accesi e vidi subito che stavolta aveva cambiato posizione. Mi accorsi che si era messa di spalle alla videocamera, mentre il bull la prendeva alla pecorina.
Si intravede che ha il telefono davanti a se.
Intuisco che quello è il motivo per cui la sentivo così chiaramente. In compenso avendo la videocamera alle spalle, l’audio giunge meno forte rispetto al telefono.
E con queste inquadrature non vedo il viso del porco.
Noto però che, anche se per pochi secondi, si intravede il suo viso, ma è dura troppo poco per intuire chi sia.
Allora rallento le immagini. Lo riconosco: è un certo Decisamente.
La troia se lo era provato in mia presenza un paio di anni prima in occasione in cui si era liberata la casa dei parenti dove aveva vissuto quando uscì da quella del corbutone.
Il maiale sorride e tiene in mano il suo cazzo. Un cazzo di venticinque centimetri misurati con righello, quella è la foto che pubblica sul suo profilo il porco.
Poi lascio partire il video in tempo reale.
La puttana si mette alla pecorina sul bordo del letto. Il maiale è alle sue spalle con i piedi sul pavimento.
Armeggia con il suo arnese tra le natiche della zoccola. Lei caccia un “ oooooohhh” lungo e lento.
Lo ha tutto in culo! Senza passare dalla figa: subito in culo!
Servono trenta secondi giusti perché il porco prenda il ritmo.
Poi comincia a inculare. E’ un metronomo, non accelera mai, ma nemmeno rallenta.
Un colpo dietro l’altro, uno dietro l’altro.
Dopo circa tre minuti di inculata ha un leggero rallentamento. Mi pare di capire che bisbigliano qualcosa ma tralascio, perché mi interessa vedere tutto il video.
Dopo sei minuti finisce.
Per sfizio conto i colpi che il porco le ha dato in culo. Nessuna frenesia, ma non mollava mai!
Uno, due, tre, dieci, venti, quaranta, ottanta, cento, duecento…non smette mai!
Capisco che a metà video la puttana ha un orgasmo.
-Ho goduto anche senza toccarmi la figa. Come mi ha inculato bene!!!- dirà la troia.
I colpi continuano anche dopo l’orgasmo.
Ne conto trecentosettantaquattro !!! Pensate a quasi quattrocento colpi in culo ben cadenzati con un cazzo di venticinque centimetri. E andando in fondo ad ogni colpo.
Conto anche i “si” della troia: oltre cento “ siiiii”.
La sera stessa abbiamo ospiti e non riesco a rivedere il video.
Il giorno successivo, mentre sono a lavoro, ricevo un sms del porco che mi dice: “E’ piaciuta l’inculata vero? Inculala più spesso, altrimenti mi chiami che ci penso io!”.
Mi chiesi il motivo della seconda parte della frase. Qualcosa non mi quadrava.
Appena giunto a casa rividi il video mettendo audio a mille.
Mi venne in mente che a metà video mi era sfuggito qualcosa.
Arrivo al punto. Il toro aveva leggermente( ma proprio impercettibilmente) rallentando il ritmo. In fin dei conti le aveva già piazzato in culo oltre duecento colpi di un cazzo.
Ma alla troia non andava bene, tanto che gli dice:
-Spingiiiii!-
Lui risponde sottovoce ( viceversa lo avrei sentito anche il giorno prima). La voce roca e porca:
-Ti piace in culo…ehhhh!-
E lei : -Siiiii-
Ma non è finita. Mi soffermo quando la puttana ha l’orgasmo. Gode ma dice qualcosa subito dopo. Devo sentirlo e risentirlo per capire. Anche rallentando leggermente l’audio.
Ora riesco a capirlo:
-Era tanto che non lo prendevo in culo!-
Neanche il maiale riesce a distinguere le parole tanto che le chiede di ripetere glielo fa ripetere:
-Era tanto che non lo prendevo in culo!!!-
Lui ha un :-Siiii!-
Ora capisco il contenuto di quella parte di sms: “…inculala più spesso altrimenti mi chiami e ci penso io!”.
Che razza di zoccola ! Tre giorni prima il precedente porco le aveva fatto il culo nel modo che ho descritto o ora diceva “era tanto che non lo prendevo in culo”.
Non dovrei più stupirmi di una ninfomane di questo genere.
Ora mi darete sicuramente del coglione. Direte cazzo ti ha fregato due volte come fai a farti fregare una terza?
Accadde la terza volta. Ma stavolta non fui ingenuo io, ma fu molto abile la puttana.
Accadde anche in questo caso solo qualche giorno dopo l’incontro con Decisamente. E fu il terzo in circa dieci giorni.
Dicevo che la zoccola fu abile. In quei giorni le diedi un incarico di rappresentanza. Avrebbe dovuto andare per mio conto in un ufficio.La puttana disse che sarebbe andata nel pomeriggio. Mentì, in quanto la commissione la fece al mattino.
Quel pomeriggio ricevetti due sms . Il primo diceva “sto andando nell’ufficio per te amore…a dopo…bacio”.
Qualche decina di minuti dopo un altro “ti ho cercato ma non sei raggiungibile chiamai appena riesci che c’è qualche problema”.
Lì per lì non mi insospettii nonostante non avessi avuto avvisi di chiamata. Mi dissi che, quando lei mi aveva cercato, forse ero al telefono o non ero raggiungibile.
La chiamai con la massima tranquillità dicendo:
-Ciao amore che problemi ci sono!-
La puttana rispose urlando come una cagna.
Ma le sue urla andarono in secondo piano. Una voce maschile, dura e libidinosa mi diceva:
-Senti come gode!! Senti come gode! Diglielo se stai godendo!!-
-Siiiiii- urlava la puttana.
-Ti piace il cazzo di Uomosuper vero troia! Senti come gode la tua donna!!!-
Aveva organizzato con Uomosuper. Sempre a casa nostra, sempre nel nostro letto e sempre con la videocamera appoggiata nel solito posto.
Io fino a quel momento questo Uomosuper non sapevo nemmeno che faccia avesse in quanto la troia lo aveva incontrato in motel nel periodo in cui non si filmava.
Fu la puttana a presentarmelo accendendo il video:
-Amore questo è Uomosuper! Guarda pure il video!-
La zoccola è in piedi e limona con il porco. Lingua con lingua.
Lui è ancora vestito. Intanto che lei si spoglia il porco si gira verso la videocamera e saluta con la mano.
La puttana si siede sul bordo del letto.
Ridono e parlano sottovoce. Sento che lei dice “sei un porco”.
E’ sempre la zoccola ad abbassare i pantaloni e gli slip al porco. Un attimo dopo il suo “mmmm” sta indicare che sta succhiando il cazzo.
Uomosuper è uno che ama fare tutto e cambiare spesso posizione. Fanno un sessantanove con lui sopra puttana.
Il suo cazzo entra lentamente nella bocca della troia fino in fondo. Finché non rimangono solo le palle sulle labbra della vacca!
Mentre lui le lecca la figa la puttana ha il primo orgasmo.
Poi inizia a scoparla. Con furia. Da sopra. Talvolta si butta su di lei e le caccia la lingua in bocca. Talvolta si alza e le tira su le gambe al cielo.
La mette anche di fianco scopandola come un animale. La troia ha un secondo orgasmo.
La vacca urla e lui le dice che è una troia, una zoccola, una puttana da strada. Lei conferma con i consueti “si…si…siiiii”.
Lui le torna sopra. Lei lo ferma. Impugna il telefono. Lo guarda in faccia e dice :
-Dai che glielo facciamo sentire!-
La vacca ha una voce libidinosa. Lo guarda negli occhi mentre glielo dice:
-Dai che glielo facciamo sentire!-
Il porco geme dicendo : -Siii .daiiii!-
Parte sms e continuano a scopare. In quel momento io sono a lavoro ignaro.
In piena monta la vacca da un colpo sulla spalla al porco. La troia aveva sentito che io la stavo cercando.
Prende il telefono e risponde.
Ora vedo quello che prima avevo solo sentito!!!
La puttana a gambe spalancate ha sopra di lui il porco che la pompa con furia. La zoccola con la mano sinistra impugna il cellulare e lui si avvicina urlando:
-Senti come gode!! Senti come gode! Diglielo se stai godendo!!-
-Siiiiii-
-Ti piace il cazzo di Uomosuper vero troia! Senti come gode la tua donna!!!-
La vacca non resiste più nel tenere in mano il cellulare e lo lascia sul cuscino.
Rivolta all’indietro le braccia e con le mani si aggrappa alla spalliera urlando.
La troia viene per la terza volta!
Mi colpisce che non hanno bisogno di dirsi niente quando la troia si alza e si sdraia a faccia giù . Il viso sul cuscino. Completamente sdraiata. Allarga le gambe e stende le braccia. Guarda verso la telecamera sorridendo.
Lui le va sopra impugnando il suo cazzo duro. Lo impugna con la mano destra. Con la sinistra allarga le natiche della troia.
Non pago e sicuramente per farmelo sapere le chiede:
-Dove ce l’hai?-
La puttana non esita a dire:
-In culo! In culo!-
Lui la incula sdraiandosi sopra di lei. La puttana guarda verso la telecamera e sorride mentre gode.
Poco dopo lei è alla pecorina.
Torno indietro e rallento immagine per vedere meglio. Anche qui rischiava di sfuggirmi un piccolo particolare ma significativo.
Noto che è lei a spingere con il culo per alzarsi e mettersi alla pecorina. Non è lui ad alzarla ma è lei a spingere per alzarsi e mettersi quindi alla pecorina.
Come spesso fa la puttana quando viene inculata in quel modo, mette il culo bello alto e la faccia in basso.
Uomosuper è trionfante! Le prende i fianchi e la incula come un animale.
Si esauriscono i venti minuti di memoria e il video si spegne.
La puttana mi dirà:
-Uomosuper è uno di quei tori che sborra una volta sola, ma è resistente. Abbiamo scopato ancora molto da quando si è spento il video!-
Tornando a oggi la puttana ha Uomosuper come uno dei suoi tori preferiti che rivede di tanto in tanto. Hanno fatto una tessera insieme in un club privè. Come se fossero una coppia vera:
-Con lui mi sento protetta- dice la puttana- quando andiamo al club se non c’è nessuno che mi piace e si avvicinano lui li allontana, e mi scopa solo lui. Se c’è qualcuno che mi va invece è lui a istruirli su cosa mi devono fare!-
Quando quel giorno Uomosuper uscì di casa la zoccola si rese conto che fare quelle sorprese a casa nostra, con me assente e nel pieno pomeriggio ,era troppo pericoloso.
Decise di soprassedere e di chiudere con quella.
Pericolo o non pericoloso io non potevo certo chiudere con una sconfitta!
Smaliziata com’era ( e come è ancora oggi) non potevo sorprenderla in nessun modo, almeno finché fossi stato nei paraggi. Il primo rientro mi andò bene perché fu ,per l’appunto, il primo. Il secondo perché lo feci ala mattino presto. Ma ora non avevo più modo di ripeterli senza che lei intuisse qualcosa.
Ma se fossi stato a lavoro?
I rumori del cantiere erano inconfondibili e la puttana , sentendoci al telefono, avrebbe avuto la certezza che ero li.
Infatti io sarei rimasto li! E se fosse andato a casa nostra un bull mentre io ero a lavoro? Teleguidato da me. Certo doveva conoscere la casa quindi doveva esserci già stato, non potevo permettermi che andasse uno che tentennava davanti agli ingressi richiamando l’attenzione.
Pensai al primo porco! Quello che la zoccola aveva fatto i numeri per scoparselo una seconda volta. Lo stesso porco che la eccitava talmente tanto che si era masturbata tre volte in attesa del suo arrivo.
Mi dissi : grandissima vacca da monta! Ti piace molto quel porco, vero? E allora stavolta te lo faccio provare io invece che te!
Lo chiamai.
Erano passati una ventina di giorni da quella monta e lui la ricordava bene. Mi illustrò anche gli aspetti che non avevo avuto modo di vedere con il video.
E ci credo! Mi dissi. Il video dura solo dieci minuti. Tu sei rimasto in casa un pomeriggio intero! Mi illustrò che se la fece anche sul divano (lo sapevo) e che la seconda sborrata la fece in culo senza preservativo come chiedeva la troia (sapevo pure quello).
-Cosa pensi di fare?- chiese dopo avermi illustrato per bene la monta precedente.
-Se sei libero di mattino potremmo fare così. Io so quando rientra a casa dalla colazione con le amiche . Io dispongo di due telefoni. Con uno sento lei e un altro rimango in comunicazione con te. Tu rimani sotto casa senza farti vedere. Appena la zoccola rientra a casa le concedo il tempo di mettersi in libertà. Solo a quel punto ti chiamo e sali. Ricordi dov’è appartamento?-
-Penso di si. Ci sono appena stato.-
-Tu suoni. Io farò di tutto per essere al cell con lei quando lo fai. A quel punto è importante che appena apre la porta non aspetti il suo permesso ma fai quei due passi in avanti che ti portano nel corridoio.Te la senti?-
-Cazzo se me la sento. Tanto la puttana non fa storie. Le piaccio troppo a quella troia della tua donna!-
Non commentai e aggiunsi:
-Ok. Però per rendere perfetta la cosa appena dentro ti getti su di lei. Senza tirare fuori il cazzo ma le metti la mani addosso e la frughi tutta..-
-Siii. Le mani in figa subito!Ho capito! Le succhio le tette!-
-Bravo! Senza parlare. Io farò di tutto per sentirla al cellulare in quel momento. Solo dopo le dico di prendere la videocamera che ho tenuto sempre carica e andate in camera. Mi raccomando: non darle tempo! Tu non te la sei mai scopata completamente nuda. Lei si vergogna un poco ma ti assicuro che si vede meglio che razza di vacca è…-
-Una vacca da monta! Una vera vacca da monta!! Mi piace. Si dai organizza. Dopo ti invio i giorni che sono libero al mattino.-
Due giorni dopo.
-Ciao amore! Sono appena rientrata. Sai le smorfiose oggi volevano parlare un poco di più. Ma tu come va? Oggi vedo che non fai un cazzo, visto che mi chiami spesso!-disse la troia
-Effettivamente oggi è la giornata è tranquilla e…-risposi io mentendo.
-Aspetta amore! Hanno suonato il campanello. Ti chiamo io dopo.-
-No! No! Aspetto in linea tanto saranno i soliti venditori.-
-Ok.-
Sento dei passi. La nostra porta che si apre. Una serie di “mah..mah…come..” .
Solo pochi secondi poi : “ ohhhh…..ohhhhh….mio dio …siiiii…..siii”
Ancora altri interminabili secondi e sento distintamente :
-Porco….maiale…..ohh….oh-
Intervengo io:
-Non mettere giù capito? Troia non riattaccare!-
-No…no- dice la puttana che oramai aveva capito.
Sento anche la voce del porco. Autoritaria: -La telecamera troia. Tira fuori la telecamera.-
Sento dei rumori. Sono in camera. Il letto è ancora da rifare. Ha appena acceso la videocamera .
La puttana è già completamente nuda mentre il porco si sta svestendo.
Nel video si vede che mi parla al telefono. Lui la fruga e lei da quanto è eccitata e non capisce cosa le dico..
Allora glielo ripeto. Lei si rivolge al maiale e dice:
-Ohh siiii….ha detto di spaccarmi ! Ha detto di spaccarmi!-
-Tranquilla che ti sfondo adesso!-
La zoccola nell’agitazione aveva appoggiato male la videocamera infatti questa si piega da un lato.
Per tutto il video quindi non si vedrà l’intera inquadratura ma solo parziale.
Si intravedono le gambe, le varie posizioni.
Lui la pompa e le urla e gode.
Io non potevo rimanere al telefono per tutta la monta quindi richiamavo di tanto in tanto.
Uno spezzone dei più gettonati del video è quando il maiale la pompa da sopra.
Si sente lo squillo del cellulare mentre la chiamo, subito dopo il porco aumenta il ritmo tanto da far sentire i colpi come se fossero dal vivo.
La mia telefonata lo ha imbestialito e ci tiene a farmi sentire come la scopa, ma soprattutto come gode la troia.
Infatti lei urla senza ritegno.
-Amore quando sono con un toro chiama più spesso al telefono che si eccitano se sanno che stai ascoltando. Così godo di più!- mi disse varie volte la troia.
Ma il bello doveva ancora arrivare. La puttana in fatto di sesso è la sincerità fatta persona.
Nel video si sente che il porco le dice:
-Hai visto che bella sorpresa vero troia? Eri con le tue amiche poco prima e ora provi il mio cazzo!-
E cosa risponde la troia?
-Si ero con le amiche ma avevo in testa il cazzo…ho sempre in testa il cazzo!-
-Sei proprio una puttana- dice il bull.
-Sii. Una gran puttana!- conferma lei.
Le sorprese si chiusero con questo episodio.
Effettivamente ospitare maschi a casa nostra in mia assenza diventò troppo pericoloso. Sei episodi in poco tempo erano un azzardo.
In fin dei conti è vero, è insospettabile. Ma non si sa mai che qualcuno possa avere un intuito superiore alla media!
anonimomanontroppo@virgilio.it

Questo racconto di è stato letto 4 4 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.