Chiarimenti

Scritto da , il 2019-04-13, genere tradimenti

La mia ambizione non è avere tanti lettori. Alla massa preferisco averne pochi ma attenti.
E a questi pochi dico che G esiste davvero. Esattamente come esiste veramente la vacca.
Ogni elemento scritto è vero.
Non ci sono storie di fantasia e se ho indugiato tanto sui particolari hard è per rimarcare a G la differenza tra il percepito e il reale.
Rifaccio il punto, senza indugiare nei particolari.
La vacca da ragazzina fece la puttana. Ma non la puttanella del paese sulla quale si vocifera e poco altro.
No. Una vera zoccola. Famosissima tanto che si giravano tutti al suo passaggio.
La ragazzina scopa senza troppi preamboli. Con chi le piace e subito.
La sua specialità sono i pompini con ingoio ma non si limita a quello. Già tredicenne ha una figa sfondata da paura. Si fa scopare da maschi molto più grandi di lei.
Ne prende talmente tanti da avere solo un’ idea sommaria del numero. Forse cinquanta, ma stima anche di più. Pompini con ingoio a parte. Le rimane, stranamente, il culo vergine.
E’ sfacciata e arrogante. Anche esplicita nel dimostra quanto sia puttana. E’ consapevole della sua nomina e le piace l’idea di eccitare i maschi. Odiata dalla maggior parte delle ragazze alle quali non si fa scrupolo di rubare il fidanzato. Anche solo per qualche ora per farsi montare.
Tra i tanti che la scoparono ci fui anch’io. E constatai di persona come le piacesse il sesso porco.
Poi la vita ci separa. Per decenni.
Potevo dimenticare una zoccola simile?
Ora mettetevi nei miei panni. Io la persi di vista quando ancora faceva la zoccola. Nel corso degli anni me la immaginavo in gang e in doppiette. Potevo pensare che avesse trovato un marito porco con il quale fare scambismo o qualche maschio succube dei suoi istinti porci.
Quando le cerco abitiamo distanti. La trovo su facebook.
Mi contatta subito e rimango basito.
Inizialmente credevo di trovare una zoccola invece trovo una moglie e madre delusa e stanca.
Neanche la lontana copia di quella che ricordavo.
Nessun accenno al sesso. Mi narra di lei come una mezza schiava del marito e del figlio.
Solo lavoro e poco altro. Lavoro a casa, lavoro sul posto di lavoro, lavoro sempre.
Mi narra anche del tipo con cui si sposata. Lui gelosissimo. Penso, ma non glielo dico, che forse aveva avuto sentore di quanto avesse fatto la puttana da ragazzina.
Però mi dico: quante donne hanno fatto le troie (seppur lei avesse avuto vette mica da poco) da ragazze poi si accasano e dimenticano?
Eh si, perché le donne hanno questa capacità di buttare alle spalle e dimenticare. Nel caso lo vogliano.
Quindi ai miei occhi lei appariva come una ex troia. Solo ex.
Durò solo due giorni. Esattamente due giorni. Il tempo che le rammento che aveva scopato anche con me, le rammento la sua nomina in paese e lei si scatena.
Cade la maschera di rispettabilità che si era creata nel corso dei decenni.
Aveva cambiato paese e amicizie. Ma ora era tornata.
Nei racconti pubblicati in precedenza è la storia dettagliata di ciò che accadde in quei pochi mesi.
La vacca era tornata!!
E G chi è?
G esiste ma esattamente come esiste M cioè una sua amica che ricorre talvolta nella storia.
Ma potrebbero essere anche altri. Perché l’eccitazione di quell’anno ( e che continua ancora oggi) è nel contesto.
Non sono i dettagli anatomici quindi,ma il contesto.
La zoccola ha fatto tutto questo con la mia complicità, ovvio, ma spesso da sola.
E se qualcuno la avesse indicata come la protagonista, senza portarne le prove, sarebbe stato giudicato un bugiardo.
La vacca vestiva ( e veste) in modo sportivo. Niente di sexy. Niente di appariscente.
Ma non è solo il vestiario a depistare. E’ atteggiamento generale.
Dapprima di moglie triste e sconsolata. E qui intervengono le poche amiche che aveva.
La zoccola era sempre in disparte. Poche parole e solo se sollecitata. Raramente si intrometteva in discorsi conflittuali, se poteva dare ragione ad entrambi e parti lo avrebbe fatto.
Qualche sorriso. Se qualcuno accennava al sesso lei ne alludeva come ad un ricordo lontano.
Tutto questo anche durante in periodi in cui le organizzavo le monte in mia assenza.
Ufficialmente solo gradualmente entrai a far parte della sua vita. Quando oramai era una rotta in culo.
Tutto accadde in pochi mesi. In un paio di mesi dal nostro primo contatto la zoccola aveva già preso un trentina di cazzi tra cui quelli che le ruppero il culo in mia assenza.
Sempre stando insieme al marito!
Insomma la storia è articolata e non può non prescindere dai cazzi presi.
Nel momento in cui scrivo sono passati anni ed esperienze notevoli. Ha provato di tutto: fare la prostituta, concedersi a trenta porci in contemporanea, farsi scopare da veri mandinghi neri e molto altro.
Ma il primo anno è stato fondamentale. Dopo, era chiaro che fosse tutto in discesa.
E a dimostrazione che anche secondo me non sono i particolari anatomici a rendere eccitante una storia, ma il suo contesto, faccio questa affermazione.
Avendo io il compito di fotografare e filmare raramente mi soffermo sui primi piani anatomici.
La vacca si mette alla pecorina (episodio accaduto ) e dietro di lei una fila di porci pronti ad incularla ( aveva il ciclo)? Io la fotografo da davanti con il viso in primo piano. Certe nostre foto si potrebbero definire erotiche in quanto i campi sono larghi. Certo qualche primo piano delle doppie penetrazioni, ma poca roba. Il resto sono le situazioni ad avere la meglio.
In un ipotetico discorso con G immagino mi si possa chiedere riscontro di quello che affermo.
Un aspetto è nel contempo probante ed eccitante.
I primi due o tre mesi la zoccola aveva un taglio e un colore di capelli che non avrebbe mai più avuto. Inconfondbile ! E le prime foto ne sono la dimostrazione.
Parlo di foto non scattate da me! Ma dai porci con i quali usciva all’insaputa del cornuto e con la mia complicità.
Nel sito dive siamo iscritti ne abbiamo pubblicati a centinaia. Conosco quindi i gusti del pubblico che raramente coincidono con i miei.
La maggior parte vuole vedere la figa riempita da due cazzi, la faccia imbrattata di sperma,una bella doppia figa-culo, la zoccola in ginocchio con tanti cazzi in circolo, il mandingo che la monta da sopra, eccetera.
Una foto in particolare mi è cara.
La primissima foto. Quando uscì da sola per la seconda volta.
Insieme a quattro porci. La storia nel dettaglio è raccontata in “Finalmente zoccola”.
Ora mettetevi nei miei panni, ancora una volta.
Io sono distante, il cornutone ignaro la pensa insieme a delle amiche.
Io non so come stia andando. Certo esiste un programma di massima della monta.
Ma se all’ultimo istante non se la fosse sentita? Tante cose potevano andare diversamente dal programmato. Se avesse iniziato e non le fosse piaciuto? In fin dei conti la sera prima era uscita solo con un toro ma ben diverso che con quattro! Mai visti ne sentiti fino a quel momento.
Lei invece è uscita di casa. E’ salita su un auto dove dietro ( per sua richiesta) la attendeva un poco con il cazzo già fuori.
Durante il viaggio lo succhia. Quindi arrivano a casa di uno dei porci la aspettano gli altri due.
Sempre su sua richiesta venne messa subito in ginocchio. Con quattro cazzi intorno.
Poi in camera. Subito.
Completamente nuda. Non disponeva di corsetti intimi, all’epoca. I porci altrettanto nudi.
La vacca ci da dentro. Le sue prime parole furono : “ la prima sborrata in bocca”.
In seguito l’organizzatore del gruppo mi chiederà varie volte conferma del fatto che la zoccola fosse al secondo incontro.
La stessa troia mi disse di aver letto sui loro visi la stessa incredulità.
-Poi si sono ricreduti !- aggiungerà la troia.
La troia dirà, inoltre, che più che scopata è stata pompata.
Pompata, è il verbo giusto.
Provò ad averne due in figa e due in bocca in contemporanea e come da suoi desiderata la prima sborrata di tutti e quattro avvenne in bocca.
Ma io in quei momenti non potevo sapere ciò che stava accadendo!
Alla fine mi dissi che il cornutone perlomeno non sapeva e non soffriva della eccitazione che io avevo.
In occasione del mio ultimo contatto con il toro che organizzava questo mi disse se avrei gradito qualche foto. La domanda mi sorprese. Senza pensarci troppo gli dissi che avrei voluto vederla con il viso imbrattato di sperma. Ma non era proprio un desiderio specifico, mi venne in mente così.
L’importante era che le facessero (per motivi di privacy) dal vecchio cellulare della zoccola. Mi dissi, tra me e me, che chissà se sarebbero uscite ste foto in considerazione dell’età del cell.
Ma quella sera le foto erano l’ultima cosa che mi aspettavo.
Me ne dimenticai.
La chiamai (come da accordi) e mi rispose subito.
La voce della troia era squillante. Era evidente che non stesse scopando.
Mi disse che erano in pausa. In sala. E che gentilmente i porci le avevano prestato un accappatoio.
Era naturale neanche fosse ad una tradizionale festa!
La mia telefonata eccitò uno dei porci che (facendomi sentire la sua voce) invitò la troia a ricominciare la monta.
La puttana non esitò un istante.
Quindi per me la comunicazione di chiude li. Non so altro.
Qualche minuto dopo ricevo una mail.
La guardo al volo.
Sono le prime due foto in assoluto ! Quelle a cui sono più affezionato.
Cosa era accaduto? Era accaduto che la vacca fece cadere l’accappatoio.
Fu lei ad invitare uno dei porci a sedersi sul divano in sala. Nel centro.
La puttana le andò a cavallo. Viso con viso.
Alla sinistra della vacca salì un secondo porco. In piedi mentre le offriva il cazzo.
A destra fece esattamente lo stesso il terzo.
Il quarto fotografava.
Due foto! La prima a campo largo in cui si vede la vacca di spalle. Ma è riconoscibilissima, per chi la conosce, ovviamente.
Completamente nuda. Alla luce completa. Una vera vacca a cavallo di un porco con due cazzi pronti da succhiare.
La seconda foto la vede in primo piano. Sempre a cavallo. Si intravede il viso incredulo ed eccitato del toro davanti a lei.
Si vede anche il viso della puttana. Sta succhiando il cazzo alla sua sinistra. Talmente con gusto che si vedono le fossette sulle guance.
Finita questa parentesi in sala la riportarono in camera. Mentre la scopavano a turno le sborravano in faccia.
Le rimanenti tre foto la vedono in primo piano. Non si vede che uno la stia scopando ma lo intuisce dal viso. Sta godendo!
Nel frattempo lo sperma le cola dalla guancia mentre altro è in volo e la sta raggiungendo.
Rispetto ad altre foto queste non sono niente.
Ma ricordo ancora l’eccitazione e anche lo stupore che ebbi nel riceverle.
Che vacca, mi dissi! Che grandissima zoccola! Al secondo incontro. Con il cornutone a casa e io lontano.
Montata da quattro e si fece anche fotografare!
A queste foto sono più affezionato che a molte altre.
Poi certo. Il book fotografico e il video che le fecero (un altro gruppo) quando le ruppero il culo farebbe resuscitare il cazzo anche dei morti.
Ma quello è scontato!
Per dimostrare che non sono tanto i particolari anatomici a fare presa su di me ma il contesto.
Mi riferisco alle foto e ai video girati a casa della zoccola. Nel periodo in cui i suoi aprenti erano assenti.
Tre porci diversi in tre sere diverse. Nello stesso letto. Nella stessa camera.
Quando pubblico le foto taglio gli elementi che possano rendere identificabile il luogo.
Ma le originali contengono tutti gli elementi.
Le foto appese sui muri. Anche quella del suo matrimonio con il cornutone.
Le foto dei genitori scoparsi della troia. Anche quelle di suo figlio!
E lei viene montata, scopata, inculata, fotografata e filmata in tutti i contesti non ultimo mentre beve avidamente lo sperma.
In quell’appartamento. Intorno parenti a amici. Al piano sotto, di fianco, di fronte nell’altra palazzina.
Così la sera. Fino a notte. Poi di giorno la solita insospettabile che conversa alla finestra con i vicini di casa.
Anche la mia valigia è un elemento di eccitazione. Perché? Perché era ancora da svuotare. La si intravede. Ero appena arrivato. Non ebbi nemmeno il tempo di svuotarla che il programma prevedeva l’arrivo del primo toro.
Se la montò prima lui di me. Erano circa tre settimane che non mi scopavo la troia ma quella sera lo feci per secondo. Dopo che un superdotato vero (un cazzo enorme in un corpo possente) la fece godere tanto da aggrapparsi alle spondine del letto.
Dietro di lei: la foto del suo matrimonio con il cornutone!!!
Questo quindi intendo per eccitazione. Le situazioni. Non i singoli cazzi.




Questo racconto di è stato letto 2 0 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.