#Tbt - Estate 2008

Scritto da , il 2019-04-09, genere prime esperienze

Sono cresciuta in fretta. Quando dopo il divorzio tuo padre torna negli Stati Uniti ( da dove proviene) per rifarsi una vita, quando tua madre inizia a prendere antidepressivi per superare il trauma dei tradimenti e del divorzio e quando tuo fratello maggiore muore in un incidente in macchina a 18 anni inizi a capire che sei la sola che può prendersi cura di se stessa ed allora anche se hai 15 anni te ne senti 40 addosso… perchè tutti i problemi adolescenziali dei tuoi amici sembrano così stupidi ed inutili .
In tutta la merda però che il destino mi ha assegnato , ci sono almeno due cose positive .. la prima è che sebbene mio padre sia un genitore assente è quel genere di persona che sopperisce alla sua assenza fisica con il denaro..e per fortuna è decisamente benestante.. in casa il solo problema che non abbiamo mai avuto sono i soldi … e fra tutte le famiglie disfunzionali che potevano capitarmi almeno ne ho avuto una con di soldi .. questo quando sei adolescente aiuta parecchio.. è meglio sembrare la ragazzina viziata che la disagiata … e seconda cosa positiva il mio aspetto fisico , non voglio sembrare poco modesta, ma so perfettamente di piacere parecchio agli uomini e tutto sommato piaccio molto anche a me stessa.. ho un bel viso , capelli scuri e occhi verdi, delle labbra pronunciate ma non troppo da sembrare finte ed i classici lineamenti da “brava ragazza” non amo truccarmi troppo e mi piace giocare sul contrasto fra ragazza acqua e sapone ed il mio corpo che è la cosa che agli uomini piace di più . Ho un bel seno , porto una quarta ed è sodo e tonico , non sono magra ma ho le curve nel posto giusto …ho sempre fatto danza quindi sono abbastanza tonica e grazie alla genetica non ho nemmeno un filo di cellulite… insomma so di piacere e potrei fare la modesta ma sono abituata a dire quello penso anche a rischio di sembrare antipatica o montata. Ora sapete quasi tutto di me..tranne che mi chiamo Jade e che ho 26 anni .
Quelli che leggerete sono i miei ricordi … piccoli flashback spero vi piacciano .. o almeno che non vi annoino troppo.




#TBT1

Estate 2008 , avevo 15 anni. Come ogni estate mia madre mi obbligava a passare luglio ed agosto nella nostra casa al mare. Era la seconda estate in cui ero li senza mio fratello e mia madre era praticamente uno zombie , quasi non si accorgeva di cosa le succedeva intorno… non capivo perchè volesse andare al mare, alle volte nemmeno usciva di casa, si sdraiava in giardino , dormiva , chiamava il suo psicologo , prendeva le sue pillole.. io li non avevo amici fissi , ogni estate cambiavano sempre e comunque non ero nemmeno dell’umore per fare amicizia… era il periodo in cui stavo meglio da sola con le cuffie ad ascoltare la mia musica .. o preferivo leggere un libro .. fondamentalmente odiavo il mondo e tenerlo a debita distanza mi veniva decisamente molto bene.
Mi ero svegliata all’alba per colpa del caldo torrido, l’aria condizionata si era rotta e non riuscivo più a stare in quella camera che sembrava una fornace. Così mi sono messa il costume da bagno ( un bikini nero ) un paio di pantaloncini ed un maglia , ho preso l’ipod e sono uscita per farmi una camminata . Sono andata in spiaggia , era bello .. non c’era nessuno in giro e il venticello portato dal mare sul bagnoasciuga era piacevole. Non stavo pensando a niente se non a godermi quel momento di nulla e di quasi pace.
Il ragazzo dello stabilimento balneare ha iniziato ad aprire gli ombrelloni , mi sono girata ad osservarlo. Eravamo solo noi due e lui era l’unico a fare qualcosa, guardarlo mi è venuto spontaneo.
Lo avevo già visto nei giorni prima, doveva avere sui 25 anni ed era il nipote del proprietario. Era un bel ragazzo , non stupendo in faccia ma con un bel fisico muscoloso , aveva la ragazza perchè lo avevo visto con lei dopo al lavoro.
Andavo in quello stabilimento balneare da quando ero molto piccola … ed anche se quella era la prima estate per quel ragazzo a lavorare li , sapeva bene chi fossi .
“Buongiorno!”mi ha detto sorridendo educato mentre apriva l’ombrellone della prima fila.
“Buongiorno”ho risposto io alzandomi da terra ed avvicinandomi all’ombrellone assegnato a noi per quell’estate.
“Sei già sveglia.. è un pò presto” mi ha detto venendo ad aprire il mio ombrellone, forse credendo volessi già sdraiarmi al sole.
“Come ti chiami?” gli ho chiesto. Non so perchè , forse perchè era il solo che lavorasse li di cui ancora non sapevo il nome.
“Simone”mi ha risposto lui
“Jade piacere” ho risposto prendendo dal mio zainetto il telo per metterlo sul lettino.
“Piacere mio..”ha detto Simone tornando ad aprire gli altri ombrelloni della fila.
Mi sono sfilata la maglia e tolta i pantaloncini.. e mi sono sdraiata sul lettino… mi sono rimessa le cuffie dell’ipod e mentre ascoltavo canzoni , nascosta dietro ai miei occhiali da sole lo guardavo.. mi guardava anche lui…ma poi è iniziata ad arrivare gente .. devo essermi addormentata .. quando mi sono risvegliata ..erano quasi le 11 , avevo dormito per un bel pò… mi sono alzata dal lettino e per cercare di svegliarmi sono andata fare un bagno in mare, la pelle scaldata dal sole mi faceva sembrare l’acqua ancora più fredda, ma era quello che mi serviva per fare uscire il mio cervello dal rincoglionimento della lunga pennichella.
Uscendo dall’acqua ho visto due 40enni, fermi sul bagnoasciuga a fissarmi.. glielo leggevo in faccia che stavano sperando mi uscisse una tetta o che gli slip si abbassassero un pò a causa delle onde. Sapevo già che il mio corpo piaceva molto agli uomini, ero ancora vergine e non avevo mai visto dal vero un cazzo ..ma ero perfettamente consapevole dell’effetto che potevo fare ed infondo mi divertiva molto … mi sentivo come la star del red carpet… il centro dell’attenzione… vederli così mi faceva capire che non era solo mio padre ad essere un porco che pensava solo a scopare in giro , ma che tutti gli uomini lo erano… l’amore era qualcosa che avevano inventato per fare aprire le gambe alle donne.. e chi credeva all’amore era solo un folle, come mia madre … io sarei stata diversa da lei..
Guardando quei due 40enni in quel momento e pensando alle loro mogli che ignare credevano stessero parlando di calcio , mentre in realtà guardavano le tette ed il culo di una 15enne.. mi è venuta una gran voglia di farli stare male…di giocare un pò con loro senza che si rendessero conto che li avevo notati.
Così mi sono fermata a 4 metri da loro , l’acqua mi arrivava appena sotto la figa..mi sono girata di spalle ..lasciandoli guardare senza problemi il mio culo..anche se non ero girata verso di loro , sentivo il loro sguardo addosso…mi sono infilata la mano ai lati dello slip fingendo di sistemarlo … lasciando volutamente che mi s’infilasse fra le natiche… mi sono piegata a novanta fingendo di raccogliere un pò d’acqua con le mani per sciacquarmele , come se dovessi pulirle… ho girato appena il viso e con la coda dell’occhio li ho visti fissare il mio culo , uno stava dicendo qualcosa che non potevo sentire..
Mi sono girata e lentamente sono tornata verso il lettino, passandogli proprio affianco …camminando verso di loro mi sono strizzata il seno per far uscire l’acqua dal costume..mi guardavano ed io fingevo di non accorgermene…
Arrivata sotto l’ombrellone ho deciso che la star doveva uscire di scena e doveva lasciar loro un ricordo da poter usare mentre si scopavano le loro mogli …così mi sono slacciata il reggiseno , me lo sono sfilato piano ,cercando di tenere coperti i capezzoli come meglio potevo infilandomi la maglia …poi mi sono avvolta il telo intorno alla vita, mi sono sfilata le slip bagnate del costume e mi sono messa i pantaloncini …
Non mi sono girata a guardarli ho preso le mie cose e sono andata verso la passerella.. ero stanca di stare in spiaggia..ed iniziavo ad avere fame ..
Passando vicino alle docce ho sentito
“ti sei divertita?”
Mi sono girata ed ho visto Simone, seduto all’ombra della postazione del bagnino di terra.
“A fare cosa?” gli ho chiesto innocente
Lui si è alzato e mi è venuto vicino “ a far diventare il cazzo duro a tutti quelli in spiaggia?”mi ha detto piano senza mezzi termini.
“Compreso te?” gli ho chiesto
“Tu che dici?”mi ha detto guardandosi il cazzo.
Ho abbassato lo sguardo anche io ed il rigonfiamento dentro ai suoi boxer da mare era evidente.
“Sai a cosa pensare quanto te lo seghi …”ho detto più che altro per provocarlo …
“Sono in pausa…vuoi venire ad aiutarmi a menarmelo?”mi ha detto
“Sei grandicello.. non sai fare da solo?”ho risposto , anche se non sapevo bene come uscirne, era la prima volta in assoluto che un uomo rispondesse in modo così diretto alle mie provocazioni.
“Scommetto che non sei così troia come vuoi far credere…”mi ha detto tornando a sedersi
“Fottiti” gli ho risposto allontanandomi.
Sono entrata dentro al bar dello stabilimento ordinando una panino … stavo aspettando a bancone che fosse pronto, quando Simone mi si avvicina. Si mette proprio al mio fianco.
“Zio io vado in pausa…torno alle 15” dice a suo zio.
“Si, vuoi qualcosa da mangiare?” chiede suo zio mentre sta preparando il mio panino.
“No grazie…”poi si gira , finge di avermi notata solo in quel momento “ oh ciao..”
Lo guardo . Non rispondo.
Lo zio mi da il panino e mi augura buon appetito.
“Ti faccio così paura?” mi chiede Simone piano
“non mi fai paura” gli rispondo.
“Allora vieni con me…o devi tornare a casa ?”mi ha detto
“Se ti seguo smetti di starmi addosso?”gli ho chiesto
“Promesso” ha detto lui sorridendomi poco convinto.
Ma che figura ci avrei fatto? Non potevo certo tirarmi indietro… “vediamo fino a che punto vuole arrivare questo sfigato” ho pensato .
Senza che nessuno ci notasse , nel casino dell’orario di pranzo ,siamo andati in una specie di zona recintata , dove tenevano le scorte di cose da bere, le scope o i rastrelli per pulire la sabbia…
“Posso mangiare ?”gli ho chiesto guardandomi intorno e cercando un posto dove potermi sedere.
“Ti piace provocare i 40enni eh..”mi ha detto prendendomi il panino dalle mani e posandomelo su un tavolino.
“Stavo solo facendo il bagno.. non è colpa mia se a voi il cazzo siventa duro”ho detto
“Non è colpa tua .. ma delle tue tette e del tuo culo…”mi ha detto avvicinandosi “non ti faccio niente..ma perchè non mi fai contento e me le fai vedere quelle belle tette.. solo vedere…ti vergogni?”mi ha chiesto .
L’ho guardato , poi senza pensare mi sono sfilata la maglia.. rimanendo con le tette nude davanti a lui.
“Incredibili…sono due capolavori bambolina…”ha detto infilandosi la mano dentro ai boxer ed iniziando a toccarsi ..ero come ipnotizzata..ed iniziavo a bagnarmi … mi ero già masturbata ..e ne avevo una gran voglia ma non volevo farlo davanti a lui.
“Girati.. fammi vedere il culo adesso… “mi ha ordinato ed io come in trance mi sono girata e mi sono abbassata i pantaloncini…
“oh si..guarda quanto è bello …”ha detto abbassandosi i boxer e appoggiando la sua cappella contro alla mia natica continuando a masturbarsi..
“Non dovevi toccare..”ho detto girandomi di scatto.
“Scommetto che ti piacerebbe se ti toccassi bambolina…”mi ha detto avvicinandosi ancora di più..”No io…”ho cercato di dire respingendolo.. ma senza riuscire.
Ha smesso di masturbarsi e mi ha preso il seno fra le mani , iniziando a stringermelo ,pizzicando i capezzoli , avvicinandoli alla sua bocca , leccandoli ..ed anche se sapevo che era qualcosa che non volevo .. mi piaceva…la sua bocca sul mio capezzolo , il suo giocare con le mie tette mi piaceva terribilmente…
“So che ti piace .. “ha detto abbassandosi mettendosi con la faccia davanti alla mia figa .. ed iniziando a baciarmela e leccarmela …
“mmmm senti come sei già bagnata bambolina.. ooh che fighetta buona .. “lo sentivo dire mentre piano con le dita mi apriva le labbra intime per poi passare la sua lingua sulla mia figa , arrivando fino al clitoride ed iniziando a succhiarlo..
Godevo come non avevo mai goduto toccandomi da sola.. era bellissimo..
“sei vergine vero troietta?”mi ha chiesto
“si..”ho ansimato io in preda al piacere
“stai godendo?”mi ha chiesto infilando piano due dita
“ooh diooo.. “ho detto sentendo un misto fra dolore e piacere
“ora di faccio diventare una vera puttana bambolina…”mi ha detto alzandosi e girandomi di schiena.
Facendomi appoggiare con le braccia su quel malmesso e sporco tavolino ..
“io .. non voglio scopare…”ho detto cercando di spostarmi .. ma lui con la forza mi ha tenuta ferma…
“dai che ti piace.. sei fatta per essere scopata …”ha detto appoggiando il cazzo contro la mia figa .. e piano inziando a spingerlo dentro.. il piacere che provavo prima sembrava svanito… mi teneva la bocca chiusa perchè non mi sentissero urlare ..” ora respira bimba.. è solo un secondo” mi ha detto un istante prima di entrare con una stoccata decisa dentro di me…ed iniziando a montarmi come un animale in calore
“oooh senti che fighetta stretta…quanto sei bella!!” diceva , il dolore piano andò via.. e anche contro a ciò che volevo iniziai a godere ancora…
“apri bene le gambe…fattelo mettere dentro tutto.. oooh che bello.. oooh siii.. mi stai bagnando il cazzo.. godi come una puttana … dio siii.. “
Gemevo e godevo e le sue parole mi facevano godere ancora di più ..
“ti sborrro nella fighetta posso vero bambolina?” mi ha chiesto , prendevo la pillola a causa del mio ciclo irregolare quindi , credo di aver detto si o di averlo detto mentre mi è venuto dentro , sentivo il suo sperma caldo dentro la mia figa.. non ero più vergine…
“dai puttanella.. ora vai a far drizzare il cazzo ad altri..ora devo andare “mi ha detto uscendo da me ..e lasciandomi li ..confusa..
Mi sono rivestita e quando sono uscita , l’ho visto con la sua ragazza steso a prendere il sole…
Mi sono sentita sporca.. ma dovevo anche essere onesta..avevo goduto…mi piaceva scopare quasi di più che farmi guardare …
Che ci crediate o no, questa è stata la mia prima volta…e se ci penso adesso , posso dire che è stata perfetta..non ero una ragazzina che credeva al principe azzurro .. e Simone è stato esattamente il suo opposto ..eppure è stato al tempo stesso colui che mi ha fatto capire come il sesso possa essere eccitante… appagante e luridamente affascinante…
Ancora combattevo contro la bimba che credeva nei film diseny …e quell’estate mi ha decisamente aiutato a dimenticare la favole.
Simone per tutto il resto di quell’estate mi usava per svuotare le sue palle , gli piaceva scoparmi di nascosto ma quello che più lo eccitava era trattarmi come la sua troietta …Faceva il santo ed il romantico con la sua ragazza ed appena poteva veniva da me , ero un pò come la sua droga .. forse gli piaceva l’idea di essere il primo.. d’istruirmi al sesso .. essere il mio “mentore” sessuale era qualcosa che lo eccitava….ed a me piaceva godere, piaceva aver orgasmi .. mi piaceva quella sensazione di leggerezza e di libertà.. mi piaceva dimenticarmi chi fossi e concentrarmi solo su quel piacere….Molti di voi pensaranno che un 23enne con una 15enne è più abuso che scopare… ma non è così.. io non volevo nient’altro da lui che il suo cazzo.. non lo amavo e non mi ha mai promesso il lieto fine…
La settimana dopo ferragosto , lo stabilimento aveva organizzato una cena/festa di fine estate … niente di glamour in realtà, cena a menù fisso , vino alla spina e pianobar anni 70 per intrattenere i clienti più maturi…mia madre quella settimana aveva deciso di portarsi nel letto per ripicca contro mio padre e la sua nuova e giovane donna d’oltreoceano , uno dei 50enni single in vacanza nello stesso posto e se l’era portato pure alla cena , il che era un vantaggio perchè di certo era troppo intenta a fare la svenevole con lui e non avrebbe certo badato troppo a quello che avrei fatto io. La cosa meno positiva era che a quel festa ci sarebbe stata anche la ragazza di Simone che per l’occasione era stata assunta come cameriera per aiutare a servire la cena, quindi sebbene lui fosse libero dal lavorare sarebbe stato comunque controllato a vista.. e la cosa mi dava particolarmente fastidio , perchè il giorno seguente saremmo ritornati a casa e non avrei più potuto farmi scopare da lui…
Per l’occasione avevo scelto il vestito che preferivo.. un leggerissimo abito turchese con piccoli fiori bianchi , con le spalline molto sottili ed una scollatura abbastanza pronunciata …adoravo quel vestito ed il modo in cui mi stava addosso , perchè non era per niente volgare ma era sexy ed abbastanza semplice perchè lo indossasse una 15enne.. Aveva dei piccoli bottoni sul davanti per tenerlo chiuso ed avevo volutamente lasciato slacciati i due sulla scollatura.. non indossavo il reggiseno , primo perchè odio quando si vedono le spalline del reggiseno e secondo perchè per stare su le mie tette non hanno bisogno di nessun reggiseno.
Durante la cena , l’uomo con il quale mia madre usciva , ha più volte buttato l’occhio sulla mia scollatura..ed io bhe che potevo fare? Mi sono messa in una posizione migliore , perchè potesse guardarmi le tette ancora meglio…lui mi parlava fingendosi interessato alla scuola , a cos’avessi fatto di bello durante quell’estate … cercava di fare quei discorsi più che normali fra un adulto ed un adolescente ed apprezzavo il suo sforzo di non guardarmi le tette… ma lo faceva…la cena era già finita ed al piano bar stavano suonando una canzone di Gloria Gaynor, quando mi è squillato il cellulare, un messaggio.
“dietro ai bagni fra 5 minuti” era Simone.
L’ho cercato con lo sguardo e l’ho visto in piedi vicino a suo Zio , la sua ragazza stava sparecchiando i tavoli …
Ho aspettato di vederlo allontanarsi ed andare verso i bagni poi l’ho seguito.
I bagni esterni erano chiusi per quella cena , ed era una zona poco illuminata.
“ti sta bene quel vestito!”mi ha detto quando l’ho raggiunto
“Grazie..era questo che volevi dirmi?”gli ho chiesto fermandomi davanti a lui.
“Domani riparti giusto?” mi ha chiesto iniziando a slacciarmi i bottoni del vestito .
“Domani pomeriggio ..”gli ho risposto lasciandolo fare.
“Peccato…”ha detto prendendo fra le sue dita i miei capezzoli e pizzicandoli “mi mancheranno le tue tette”ha detto
“Dai il bacio d’addio al mio cazzo bambolina…”mi ha poi detto aprendosi i pantaloni e tirando fuori il suo cazzo
“qui?” gli ho chiesto io , anche se eravamo al buio chiunque sarebbe potuto arrivare e vederci
“Sei diventata timida o non ti piace più il mio cazzo?” mi ha chiesto obbligandomi ad inginocchiarmi davanti a lui.
“Devo chiedere a Sonia di farmi un pompino?” mi ha detto appoggiandomi la sua cappella sulla labbra , riferendosi alla sua donna.
“Magari se le spieghi come si fa , come hai fatto con me diventa brava anche lei..”ho detto per provocarlo mentre con la mano ho iniziato a segarlo, scappellandolo davanti alla mia bocca , poi guardandolo ho leccato il suo cazzo come fosse il gelato più buono ..
“Magari è brava anche lei a succhiarmelo..”ha detto
“Per questo corri da me ogni volta che vuoi scopare seriamente?” gli ho chiesto continuando a segarlo
“Perchè non me lo succhi e stai zitta bambolina..” ha detto infilandomelo in bocca , mentre mi teneva per i capelli
Ho inziato a succhiarglielo come sapevo che gli piaceva , gli ho anche preso le palle e gliele stringevo , come mi aveva detto che gli piaceva .. ero così eccitata nel sentire quanto stesse godendo …
“sei diventata la regina dei pompini bambolina… oooh si “diceva Simone, sentivo il suo cazzo pulsarmi in gola sempre più duro “succhiamelo bene così… dai che ti voglio sborrare in bocca….”e poco dopo l’ha fatto.
“Brava bambolina…”ha detto poi ricomponendosi “Ora devo tornare prima che si chiedano che fine abbia fatto…Magari dopo riusciamo anche a farci una scopata d’addio” mi ha detto facendomi l’occhiolino e lasciandomi li , totalmente inappagata e decisamente contrariata…
Mi sono riallaciata il vestito e sono tornata alla festa.. non mi aspettavo certo il comitato d’addio .. ma almeno una scopata si .. si era fatto fare il suo pompino e secondo lui avrebbe dovuto bastarmi? Quella sera mi ha insegnato una cosa importante.. mai far venire un uomo prima di aver goduto anche te, a meno che non sia tu a volerlo…Ho finto di essere stanca e sono tornata a casa… e quando qualche ora dopo mi è arrivato il messaggio di Simone , che probabilmente si era liberato dalla sua ragazza la mia risposta è stata un semplice “ fatti una sega!” .. e quello è stato l’ultimo contatto che ho avuto con lui.
Peccato .. quell’estate avrebbe meritato una fine più gloriosa… in ogni caso , come dicevo prima , non mi sono pentita di quell’esperienza…mai .
( SCUSATE EVENTUALI ERROEI )

Questo racconto di è stato letto 3 9 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.