Vita di una ragazza umile - da schiava domestica a schiava sessuale (CAP. 3)

Scritto da , il 2019-02-14, genere dominazione

Appena la Padrona si sedette sul divano, chinai lo sguardo verso il pavimento e misi le mani sulle ginocchia pronta ad ascoltare i miei doveri. Ella prima di iniziare a parlare, prese dal tavolino il frustino e me lo mise dentro la scollatura scoprendomi i seni. Molto lentamente fece scivolare il frustino in mezzo ai seni, raggiunse il collo e solo quando arrivò sotto il mento mi obbligò ad alzare la testa tenendo il frustino sempre sotto di esso. E così mi sono ritrovata in ginocchio, prostrata ai Suoi piedi, con i seni di fuori e con un frustrino sotto il mento. In questa condizione la Padrona iniziò a parlarmi “Ti ordino di guardarmi!” e contemporaneamente mi fece alzare ancora maggiormente il mente. “D’ora in poi sarai una sguattera, non ti sarà permesso parlare se non per dire “si padrona” o “ comandate pure mia padrona”. Voglio che ti rivolgi a noi con tono umile e dandoci del “Voi” e, ogni volta che noi entriamo nella stanza in cui sei presente anche tu, ti inginocchi in segno di rispetto … non importa cosa tu stia facendo! E chiaro?” “Si mia Padrona”. “E poi non mi piace il mondo in cui stai in ginocchio, voglio che tu apra di più le gambe e che il sedere tocchi per terra. Ti è severamente proibito usare la lavatrice, andrai di fuori dove c’è un lavatoio dove laverai i nostri vestiti a mano. Tutti i pavimenti della casa li laverai stando in ginocchio con secchio e straccio tutti i giorni, mentre le finestre e i vetri li farai un giorno si e uno no. Finito di usare lo straccio lo laverai subito e poi lo metterai ad asciugare. Sono molto severa nella pulizia della casa, se solo vedrò un po’ di sporco verrai punita severamente. Sarà tuo compito stirare, fare i letti tutti i giorni, cambiare le lenzuola ogni tre giorni, cucinare e fare la sguattera riordinando il tutto. Anche per il cibo noi siamo molto severi. Pretendo che tutto venga fatto in casa, dal pane fino alla pasta e ai vari sughi. Il Sabato pomeriggio andrai a fare la spesa vestita così. Ovviamente non importa cosa tu stia facendo, se i tuoi Padroni ti chiamano tu lasci tutto e prostrandoti in ginocchio davanti a noi esaurisci i nostri ordini. Ti è tutto chiaro serva?” “Si mia padrona”. Dopo circa un’ora dal colloquio mi trovavo in cucina sporca di farina intenta a fare il pane in casa. Siccome stavo impastando con forza farina e acqua avevo la scollatura talmente ampia che era finita sotto i seni poiché ero leggermente piegata in avanti. Mentre stavo continuando a impastare, è rientrato a casa il Padrone che chiese subito alla Padrona dove si trovasse la sguattera. Appena venne in cucina mi trovò intenta a impastare e, non ebbi nemmeno il tempo di mettermi in ginocchio davanti a lui, che venne dietro di me bloccandomi le braccia dietro la schiena e, prendendomi per i capelli, spinse la mia faccia contro il tavolo sporco di farina. In quella posizione, inevitabilmente il mio culo si ritrovò a 90° completamente libero poiché i pantaloni erano larghi e bastava un niente perché scendessero, l’unica cosa che mi copriva era il mio grembiulone ma solo davanti. Io inizia a supplicare il Padrone di lasciarmi libera ma dentro di me sentivo una sensazione di calore in prossimità della vagina. Senza troppi complimenti liberò il suo enorme cazzone e me lo infilò nel buco del culo spingendo con vigore. A ogni colpo le mie tette sobbalzavo e pestavano sul balcone sporcandosi di farina mentre lui mi lanciava insultava del tipo “Lurida troia sguattera schifosa ti piace fare il pane per i Padroni mentre lo prendi nel culo?!?! Sei una cagna, ti sistemo io per le feste, la mia cara mogliettina è troppo buona con te!” Mentre mi urlava ciò, con una mano mi scoprì la spalla e trovò subito la mia tetta che stringe forte neanche fossi una vacca da mungere e con l’altra mano iniziò a darmi degli sculaccioni che facevano sobbalzare i lacci del mio grembiulone. Mi sentii una schiava che non aveva più nessun diritto se non quello di ubbidire in tutto e per tutto ai miei padroni. Dopo 5 minuti, in cui mi sadomizzò, venne sulla mia schiena e io mi ritrovai in ginocchio, ansimante, con la maglietta ancora più stracciata e sporca di farina e sperma, con le tette oscenamente fuori. Sembravo una vacca usata per il piacere del Padrone. Solo finito il trattamento mi accorsi che la Padrona era lì a guardare tutta la scena. Io rimasi li in ginocchio un po’ dolorante e incredula del trattamento ma anche molto molto eccitata. La cucina era un casino poichè c’èra farina da tutte le parti. La Padrona senza dire una parola andò dal marito che si trovava ancora vicino a me e lo baciò con passione e le disse “Hai ragione amore, sono troppo buona vedrai che la farò lavorare peggio di una schiava”. Si recò al lavandino prese un asciugamano, lo bagnò e lo strizzò per renderlo umido. Lo rivolse su a mò di corda e iniziò a frustrarmi sulla schiena urlandomi “Serva, guarda che casino hai combinato! Sbrigati vai giù in lavanderia, prendi l’occorrente per pulire il pavimento e puliscilo in fretta! Alle 19 la cena deve essere servita in tavola!” ogni tre parole circa mi arrivava una frustrata sulla schiena. Mi sentivo un animale, una cagna che veniva punita dalla Padrona. In tono molto umile chiesi il permesso di potermi alzare per andare a prendere l’occorrente e, solo dopo averlo avuto, mi recai molto in fretta giù in lavanderia. Dopo pochi minuti mi trovavo ancora in ginocchio a sfregare per terra mentre la Padrona era dietro di me che mi dettava il ritmo battendomi l’asciugamano bagnato sul culo “Sfrega più forte scansa fatica, si vede che sei una sguattera da due soldi. Altro che l’asciugamano a te serve la frusta” “Si Padrona, come comandate voi mia Signora, vi chiedo umilmente perdono”. Il Padrone disse “Brava amore così mi piaci”. Dopo essere stata sodomizzata, frustrata e umiliata riuscii comunque a servire la cena con pochi minuti di ritardo e per punizione, mentre loro consumavano la cena, io dovetti stare in ginocchio, rivolta verso il lavandino, e tenere entrambi le mani sotto le ginocchia così che tutto il peso del mio corpo andassero sulle mie mani da sguattera facendomi sentire dolore. In quella posizione il mio culo era in bella vista e pronto per essere percosso dai miei Padroni. A ogni fine portata o ogni volta che dovevo riempire il bicchiere a qualcuno o semplicemente perché ne avevano voglia invece che chiamarmi venivano dietro di me e mi davano una bella frustrata sul culo e quello era il segnale per me che potevo alzarmi per servire i miei Padroni. Questa punizione piacque tanto a Loro che divenne la normalità duranti tutti i pasti …
TO BE CONTINUED

Questo racconto di è stato letto 7 5 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.