San Antonio 3 - In macchina

Scritto da , il 2019-02-05, genere incesti

SAN ANTONIO 3 – IN MACCHINA

Le tre macchine viaggiavano in fila indiana lungo la strada che da San Antonio porta a Dallas, dove era previsto per quella sera un concerto di musica Country locale, dove partecipavano tutti i cantanti emergenti di questo tipo di musica. La macchina in prima fila era composta da Eva, cugina di Caroline, suo marito e sua figlia Matilda, di 20 anni, nonché dal fidanzato di lei. Le seconda auto era composta da Michael, fratello di John, il marito di Caroline, da John stesso e da due loro amici e la terza ed ultima auto da Caroline e da Louis...
“papà appena può, come sempre, si defila. Visto mamma?”
“beh dai questa volta diamola per buona tesoro; c'è il fratello e poi i loro amici. Per oggi siamo comprensivi noi, no?”
“sì...sì va bene dai”
Louis guardava la strada, quella strada che tempo prima lo portava a Dallas, ma in prigione
“tutto bene tesoro?” chiese Caroline al figlio , mentre CD musicale faceva echeggiare l'arte di Armstrong
“sì mamma, solo vecchi e brutti ricordi” la madre comprese
“beh, pensa che al ritorno saranno dei bei ricordi: il tuo ritorno a casa, e così da ora in avanti ricorderai questa strada per questa sera, ovvero come la strada che ti ha portato a vedere un concerto di buona musica texana”
Caroline sapeva come tirare su il morale di suo figlio. Vestita da texana pura con tanto di cappello alla cowboy, o meglio dire cowgirl, un vestito d'un pezzo corto fino a metà coscia, collant trasparenti e stivali alla texana, la donna incarnava il classico tipo country della donna americana. Louis sorrise
“sì mamma, hai perfettamente ragione...”
“la mamma ha sempre ragione” disse ridendo Caroline.
I minuti scorrevano mentre la donna ed il figlio canticchiavano alcune canzoni del Cd, quando Louis...
“mamma senti ma...”
“ma...?”
“tanto quelli davanti non vedono...”
“oi Louis che hai in mente scusa?”
“beh...magari mamma...una mano, no?”
Caroline rise
“direi che non mi sembra il caso, figuriamoci il luogo”
“ma dai, tanto siamo soli in macchina, e poi fra noi e loro c'è una buona distanza”
“va bene dai...ma non ti inventare di accostare e roba così”
“no no mamma, solo una mano”
dicendo ciò Louis si sbottonò i jeans tirando fuori il suo pene barzotto che la madre impugnò con la sua mano destra, stupendamente smaltata di un rosso scintillante, vivo, come il gloss che aveva messo per la serata. La calda mano materna iniziò subito a segare il pene del figlio
“non farti vedere troppo eccitato però, che anche loro hanno gli specchietti retrovisori, non solo noi”
“sì...sì mamma va bene...ma cavolo se sei brava !”
“figlio mio...” disse Caroline masturbando per bene suo figlio. Il pene si stava gonfiando, e grande com'era, presto andò ad occupare tutta l'impugnatura della mano materna che più non poteva chiudere la stretta attorno all'asta. Gli occhi fissi su strada, la musica che continuava e la mano destra di Caroline che dava piacere al pene di suo figlio Louis...
“mamma...mmmmhhh cavolo come le fai bene !”
“spero non solo questo dai”
“oh no mamma, con la bocca sei fantastica !”
Caroline sorrise. D'un tratto il telefonino della donna squillò. Era sua cugina Eva...
“tesoro rispondi...”
“oh mamma metti il viva voce dai ti prego, se rispondo io si sente che...”
“va bene” ed azionò il viva voce al cellulare

“Eva...”
“Caroline piccola deviazione, ci vogliamo fermare alla tavola calda che mangiamo qualcosa..”
Louis fece cenno di no alla madre
“ah...beh...noi qua abbiamo già mangiato, magari andate, noi vi aspettiamo o...ci vediamo a Dallas, tanto manca poco”
“va bene Caroline, voi prendete allora i biglietti”
“sì, ce ne saranno ancora però certo che li prendiamo per tutti. Ma John viene con voi?”
“sì sì viene anche tuo marito”
“va bene, allora ci vediamo al concerto”
“va bene cara, a dopo, ciao”
“ciao Eva”
Louis sorrise a sua madre
“la fortuna dalla tua parte tesoro” rise Caroline guardando suo figlio
“oh mamma...ci fermiamo quindi?”
“sì, un po' ci possiamo fermare”
Così guidando e superando le auto dei loro parenti, madre e figlio si allontanarono dalle stessa e dalla tavola calda dove si erano fermati, almeno di dieci miglia. Arrivati ad un punto della strada, videro una piccola stradina in lontananza aprirsi a destra, dove una discesa portava in un piccolo boschetto con un laghetto
“mamma che dici , lì va bene?”
“dove?” chiese Caroline che, sapendo di fermarsi, aveva lasciato il pene di suo figlio
“lì, a destra, vedi?”
“ah, dov'è il laghetto, sì dai” così facendo la strada, dopo la prima curva , la donna imboccò la strada sulla destra che, non proprio mantenuta bene, li portò in pochi minuti in un sentiero prossimo al laghetto.
Caroline spense la macchina e così anche la musica. Si udiva solo il rumore degli uccellini e del lieve e caldo venticello che entrava in macchina
“scendiamo mamma?”
“Dio, non pensi sia meglio rimanere dentro?” se passano gli altri e ci vedono scusa? Come noi abbiamo visto il lago loro non possono vederlo e vedere noi secondo te?”
“sì, hai ragione mamma, come sempre” disse Louis prendendosi il pene in mano, guardando poi sua madre.
Caroline si tolse il cappellone mettendolo nei posti a sedere di dietro
“dicevi della bocca di mamma prima?” chiese, e chiedendo ciò piombò sul pene di suo figlio iniziando a succhiarglielo con cura e con fare assai esperto
“mmmmhh mammaaaa....che è...favolosa....mmmmhh sììì”
la mano sinistra di Louis carezzò il sedere materno che, piegata lei sul pene di suo figlio, si era messo in mostra nella sua rotondità di una donna passata la cinquantina.
La bocca di Caroline viaggiava spedita sul pene di suo figlio, mentre la mano sinistra gli stuzzicava i grandi testicoli con dolcezza
“mmmhhh....mmmh” ansimava soffocata Caroline mentre succhiava il membro filiale. Poteva al massimo raggiungere quasi metà del pene stesso, oltre non ce la faceva ad andare; difatti la maggior parte dell'arte del pompino, la mamma lo riservava al glande del ragazzo
“oohh mamma...mamma voglio...amarti tutta mamma” disse Louis immerso nel godimento. Caroline alzò la testa lasciando andare il pene sui jeans
“che vuoi dire Louis?”
“che fosse per me mamma farei l'amore con te, ora...” disse Louis colmo di affanno.
Caroline sorrise e carezzò il volto di suo figlio con dolcezza, poi si rimise eretta andando a reclinare il suo sedile. Louis guardava sua madre, la madre guardava il figlio mentre si sistemava per bene, dando il sedere in direzione di Louis...
“mamma...”
“va bene tesoro...vieni da mamma”
il ragazzo non se lo fece ripetere due volte; e in piena eccitazione, si posizionò dietro sua madre e, alzando la parte inferiore del vestito, spaccò con le mani i collant che coprivano le mutandine, andando ad abbassare le stesse
“fa...piano però..”
“oh sì mamma certo...certo...sì mamma certo” Louis non era più nella pelle e , sistemandosi meglio, prese sua madre per i fianchi dopo aver puntato il suo pene all'entrata della di lei vagina , spingendo pian piano
“mmmhhh...”
“ohh...mamma”
“figlio mio...”
“mamma....aaaaahhh” Louis entrò dentro la vagina di sua madre così come lei gli aveva detto: piano
“aaaaaahhh Louiss....mmmmmh”
“ohh mammaaaa è...bollente !”
sistemati meglio dopo l'entrata del pene, Louis afferrò meglio sua madre per i fianchi iniziando a spingere, dapprima piano, poi sempre più forte. Caroline con la mano sinistra afferrò il braccio dentro si suo figlio
“oddiooooo Louiss....aaahhhh sìì tesoro....sìììì”
“mamma...mammaaaaaa oddiooo ....aaaahhh”
i colpi decisi del ragazzo si udivano chiaramente. Il morbido sedere materno ballava ad ogni vigoroso colpo del figlio. Caroline si mise più eretta facendosi afferrare i seni da suo figlio che, con la mano sinistra prima e poi quella destra, prendevano il petto materno per stringerlo di più in un forte abbraccio passionale, fermando per un poco il forte stantuffare la vagina...
“mmmhhh....aaahhhhh tesoro...”
“mamma...oddio mammma...”
“tesoro ti piace?”
“oh mamma e me lo chiedi?”
rimanendo in quella posizione, Caroline sentiva nuovamente le mani del figlio ritornare sui suoi fianchi e nuovamente lo spingere dello stesso che nuovamente aveva ripreso a scoparla.
Per un altro minuto i forti movimenti di Louis accompagnavano gli gemiti dello stesso e quelli di sua madre. Le grida di piacere si intrecciavano fra loro, come anche il sudore incestuoso si mischiava come si stavano mischiando i loro corpi...
“mamma devo venire...mamma...”
“sì tesoro...esci...esci...”
Caroline si tolse da quella posizione, ritornando a sedere , così come suo figlio, ritornando a prendergli il pene in bocca, succhiando e segando per agevolare meglio l'eiaculazione di Louis
“mamma....mmmhhh....sììì...mamma ecccomi cazzoooo !!!!”
copiosamente il pene di Louis emise una gran quantità di sperma...
la bocca di sua madre era pregna dello stesso ma cercava il più possibile, come sempre, di ingoiarne la maggior quantità possibile.

Appoggiato Louis allo schienale del suo posto, ansimava guardando il soffitto della macchina. Caroline poggiata sulla spalla sinistra di suo figlio con un fazzoletto finiva di pulirgli il pene, i testicoli e la grande cappella.
“mamma...non ci credo...”
Caroline diede un bacio sulla guancia di suo figlio
“sei stato bene?”
“oh mamma cavolo...sì. E tu?”
“sì tesoro...che forza che hai” disse sorridendo la mamma al figlio
“pensi che a casa potremmo fare la stessa cosa?” Caroline lo guardò
“quando papà non ci sarà sì...sì tesoro”
e così i loro volti si toccarono e le loro bocche si schiusero e le loro lingue si andarono a cercare in un bacio passionale e al tempo stesso dolce e lento.

FINE

Questo racconto di è stato letto 6 5 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.