Sul Cammino di Santiago, ovvero: Gabriel l’Arcangelo e i buoni Samaritani.

Scritto da , il 2019-01-14, genere trio




E' la seconda volta che percorro il Camino e mai per spirito religioso, mi piace immergermi nel fiume di umanità che percorre il lungo tratto da Jaca a Santiago, conoscere gente, confondermi con loro, camminare, mangiare, dormire, vivere con questa moltitudine di persone. E’ una cosa unica, che ti dà una sensazione di vita e di libertà assoluta e ti lascia infine felice e arricchito.

Questa volta sono solo a differenza della prima volta.
Ho deciso di prendermi una pausa di riflessione, un periodo sabbatico, prima di ritornare alla mia solita vita.
Sono quindici giorni che sono in viaggio, oggi parto da Carrion de los Condes, la giornata è così così, spero non piova.
Quando sono segnalati seguo sempre dei percorsi alternativi, allungo il percorso ma passo attraverso paesi dimenticati dal tempo.
Vedo davanti a me due figure in lontananza, pellegrini senz’altro, allungo il passo, forse sono di compagnia, è bello fare due parole mentre si percorre il Camino.
Già a distanza noto un paio di pantaloncini riempiti niente male da un sedere strepitoso e una coda di cavallo bionda, questa naturalmente è la figura femminile, l’altro... il suo compagno, è uno slunghignone con un cappellaccio kaki.
Quando li raggiungo siamo fra le quattro case di un paesino, si sono fermati alla fontana e stanno riempiendo delle bottiglie di plastica.
Li saluto, in quel momento un uomo esce da una porta e grida che sta arrivando il furgone del pane, se ci serve… dice.
I due non hanno capito una parola e mi guardano con aria interrogativa, prendo a spiegarlo in un miscuglio di lingue, in tedesco per lo più, tanto che alla fine riusciamo a comprenderci.
Aspettiamo il pane, ci sediamo vicino alla fontana e cominciamo a parlare.
Di dove sei ?
Sto sul vago… e voi?
Danesi e da dove sei partito, da quanti giorni sei sul Camino, insomma le solite cose.
Ti chiami?
Gabriel.
Come l’Arcangelo?
Si.
Loro Peter e Inga.
Arriva il furgone suonando all’impazzata, prendiamo il pane e qui li conquisto, tiro fuori il vaso gigante di Nutella, eh… si! Sono goloso di questa schifezza! Volendo... potrei convertire i pagani di tutto il mondo con la Nutella!
Spalmiamo e mangiamo poi riprendiamo assieme il cammino, Inga è una vera bellezza, bionda, un bel viso abbronzato, due tette da copertina e poi la sua dote migliore, un culo da fine del mondo!
La guardo un po’ da affamato, effettivamente è un bel po’ che non intingo il pennello, forse qualche secolo. Lei ci ride e sta al gioco!
Gabriel... mi dice, ognuno di noi fa il Camino per un qualche motivo, quale è il tuo?
Racconto del mio desiderio di sentirmi parte del fiume di umanità che si sposta.
Allora non è per motivi religiosi?.
No, e voi?
Abbiamo uno scopo, ci siamo dati un fine per questo viaggio, siamo come dei buoni samaritani, alleviamo, per così dire, le pene dei pellegrini dando loro del sollievo.
Ammicca.
Hai capito cosa intendo? Naturalmente solo se ne sentono il bisogno.
Ne ho sentite di tutti colori, ma questa poi!
E tu Arcangelo Gabriel, ne hai bisogno?
Altroché se ne ho bisogno!
Ci togliamo dal sentiero e ci appartiamo in un boschetto.
Inga indossa pantaloncini e camiciola senza maniche, sotto le si vede il reggiseno, le sue tette straripano dall’orlo, non posso staccare gli occhi quando si muove.
Chi vuoi, me da sola o anche con Peter?
Meglio abbondare, anche Peter.
In un attimo ci togliamo tutto, lei comanda le danze, va bene, d’accordo!
Però deve esaudire un mio desiderio, fortissimo, incontenibile, che è quello di baciarla e di poter immergere il viso fra le sue cosce. Da quanto desidero rifarlo?
Si distende a terra e si apre, una rada peluria bionda circonda la sua natura dischiusa.
Avvicino il viso e la annuso, che afrore forte! Il pelo sa dei suoi umori, passo e ripasso la lingua e il viso fino ad impregnarmi del suo odore, trovo il suo bottoncino e lo stuzzico con linguate, le accarezzo la vagina, con la mano scorro il tratto perineo e fra le natiche accarezzo il buco, torno indietro, la penetro con il medio e poi con due dita unite, è talmente bagnata! La stimolo forte sul suo punto più sensibile, sento che reagisce, mi tira la testa verso di se prendendomi per i capelli.
L’ora seguente scorre in un attimo, freneticamente, i sensi resi incandescenti dalla situazione incredibilmente eccitante.
La prendo per primo e quando entro in lei, calda, rorida di umori, ringrazio mentalmente, chi non so, per farmi vivere e per averle create queste splendide creature!
Affondo in lei come un coltello caldo nel burro, è tenera, morbida, elastica, è come infilare una spada nel suo fodero, un fodero di misura.
Non duro molto e vengo sostituito dal suo uomo che presenta un attributo veramente considerevole.
La sistema carponi, io giro intorno.
E tutto un po’ trucido, da come lo racconto sembriamo veramente dei cani in calore, lei… la femmina disponibile, noi… i maschi in foia.
Peter non la smette più.
Finalmente si stacca, mi avvicino, Inga vede la mia situazione e con un generoso gesto e un sorriso mi chiama a sé.
Mi ritrovo in un bagno di sudore, finalmente sento montare nuovamente l’orgasmo e mi svuoto.
Qualche minuto di riposo, Peter sembra sfinito, certo che se tutti giorni inzuppa il biscottone! Magari più di una volta? Lei è solare, allegra, ciarliera, ho la certezza che non disdegnerebbe qualche altro servizietto, mi dice che scopo come un dio non come un arcangelo! Io… le dico di non esagerare, non vorrei farmi incenerire da un fulmine!
Un po’ di pulizia sommaria e proseguiamo assieme e verso sera arriviamo alla meta.
Non trova altre pene da alleviare.
Cerchiamo un posto da dormire, ci separiamo, io nell’Hospital, loro in una camera nel paese.
Ci vediamo per la cena, il locale è pieno di pellegrini, pollo con riso e peperoni e diverse birre, Inga è simpatica e fa la civetta, ma la sua disponibilità non trova interlocutori.
Rientriamo.
Resto a letto fino a mattino inoltrato e parto sul tardi.
Ho modo di rivederli due volte nei giorni seguenti, la prima volta loro sono in compagnia di due ragazzi francesi che hanno già usufruito.
Provo a chiedere anch’io ancora un po' della loro carità e mi dicono che i due ragazzi hanno ancora bisogno della loro assistenza. Voglio partecipare? O aspettare? Inga ride sorniona, desisto... le mando un bacio sulle punte delle dita. Ricambia.
La seconda, vicino a Santiago, sono assieme ad una compagnia più numerosa, cinque uomini. Inga è raggiante, non vede l’ora di fare del bene a questi numerosi pellegrini!
Li supero mentre si fermano a margine del sentiero, mi augurano Buon Camino.
Buon Camino anche a voi e grazie di esserci…
Inga?
Se dipendesse da me… ti farei santa subito!

Tibet.

Questo racconto di è stato letto 2 6 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.