Erotici Racconti

I padroni e il cane, cap 2

Scritto da , il 2018-07-11, genere sadomaso

Giorno 2

Sono le 5:20 la sveglia suona tra 10 minuti devo essere alla gabbia di Billy per liberarlo e portarlo a spasso, la notte l’ho passata in bianco, sono troppo eccitato.
Mi alzo dalla brandina e esco fuori dalla porta di servizio per non dare fastidio a i miei padroni, è maggio non fa molto freddo, camminare nudo per il giardino è molto piacevole, in perfetto orario arrivo alla gabbia di Billy, lui è sveglio e aspetta di essere liberato..
Apro la gabbia e gli tolgo la maschera che gli impedisce la vista poi gli aggancio il guinzaglio e lo porto al campo, entrambi svuotiamo l’intestino e la vescica poi porgo il mio pene verso Billy che lo inizia a pulire con la lingua, la CB fa male e impedisce la mia erezione poi gli porgo il culo e come ieri sera Billy non riesce a leccare il mio ano sporco, lo capisco non è una bella cosa ma devo punirlo..parto con la scossa, lui stramazza a terra si rialza dopo poco e esegue il comando, tossisce e per poco non vomita, lo lavo per bene con la pompa gli aggancio la CB e il plug e lo porto all’albero con la catena.
Rientro in casa dove trovo una lettera sul tavolo, c’è scritto che Billy farà colazione con gli avanzi di ieri, li posso trovare in una busta di plastica in cucina, nella lettera mi viene chiesto di tornare del garage dopo aver finito con il cane.
Esco fuori e svuoto la busta nella ciotola..con un “plac” vedo cadere carne mista a pasta e pezzi di dolce, Billy sembra non importarsene e inizia a mangiare.
Torno in garage e resto li in attesa fino alle 8:30..la porta si apre, è la padrona, mi chiede di sdraiarmi sulla branda a pancia in su, subito dopo mi lega per bene e mi benda gli occhi..
Passa qualche minuto di silenzio poi sento la cb andar via, e la mano della padrona che accarezza il mio cazzo, è brava, in pochissimo vengo…
“BENE, T’HO PREMIATO PER AVER ESEGUITO GLI ORDINI PER BENE MA ORA BASTA, IL RESTO DELLA MATTINATA RIMPIANGERAI DI ESSERE RIMASTO QUI VOGLIO DIVERTIRMI”
Sento subito qualcosa di gelatinoso e appiccicoso sui capezzoli poco dopo la stessa sensazione sui testicoli, mi viene inserito un plug nel retto
“SCHIAVO CI VEDIAMO TRA UN PAIO DI ORE”
Sento il rumore della porta chiudersi, sono sicuramente solo, la benda m’impedisce di guardare..passa qualche minuto inizio a sentire un formicolio ai testicoli al retto e sui capezzoli..capisco che sono elettrodi, improvvisamente arriva una scossa di forte intensità poi un altra più lieve, passa qualche secondo e ne avverto altre 2 di fortissima intensità mi sento male..ho la nausea, la testa gira ho paura..paura di morire li, legato e umiliato, intanto le scosse continuano in maniera alternata di tanto in tanto cessano e senza preavviso ricominciano, inizio a sudare urlo come mai nella mia vita, è un dolore atroce ogni scarica mi fa perdere il controllo dei miei muscoli.
E’ passato non so quanto tempo ma le scosse non cessano, so di essere all’estremo delle forze non riesco nemmeno più a gridare ho perso tutte le speranze ma la porta si apre, li sento parlare..vengo liberato dagli elettrodi e poi dalla benda, ci sono entrambi i padroni con il cane al guinzaglio.
Il signor Dario mi dice
“ORA SAI COSA PROVA BILLY QUANDO LO PUNISCI, DEVI AVERE CURA DI LUI, NON PUOI PUNIRLO QUANDO TI PARE, DEVI USARE IL RADIOCOMANDO ELETTRICO CON PARSIMONIA, SIETE NELLA STESSA SITUAZIONE NON PUOI PERMETTERTI DI FARE IL PADRONE”
Io non ce la faccio a parlare, annuisco..mi dicono che per il pranzo penseranno loro a Billy, mi rimettono la cb sul pene la mascherina su gli occhi, mi dicono che ora posso riposare..
La porta si chiude e io rimango li, legato alla brandina stanco e dolorante, in poco tempo crollo.

Vengo risvegliato da una secchiata d’acqua fredda, liberato dalla brandina e dalla mascherina, guardo la piccola sveglia, sono le 22:00 ho dormito tutto il giorno, il padrone mi fa segno di seguirlo, la tavola è imbandita per 2 e a terra c’è un piatto per me.
Mi dicono che posso mangiare, questa volta la porzione è molto abbondante, mangio di gusto e una volta finito tutto chiedo l’autorizzazione per portare Billy a fare i suoi bisogni, la padrona mi dice di si.

Esco fuori, Billy è legato all’albero con la catena come sempre ma ha la schiena segnata, sarà stato frustato..lo libero dalla catena e lo porto nel campo per i suoi bisogni, entrambi liberiamo la vescica e l’intestino, questa volta Billy esegue subito la mia pulizia, non gli devo dire nulla, forse le frustate sono dovute a una punizione in merito al suo comportamento con me, la curiosità è tanta, gli chiedo spiegazioni, ma non mi risponde come volevo abbaia un paio di volte, capisco che non può parlare..lo riporto all’albero lo lego alla catena, oggi la sua cena è a base di disgustosi croccantini per cani, mangia senza problemi..il padrone mi fa segno dalla finestra di aspettare che Billy finisca la cena e portarlo in gabbia.
Eseguo gli ordini, e rientro in casa li trovo il Signor dario nuovamente con il cazzo fuori dai pantaloni, so cosa devo fare e per la seconda volta in vita mia bevo lo sperma.
Hanno una gran fretta, devono uscire..mi portano in garage, con mia grande sorpresa c’è una gabbia anche per me, è piccola, posso restare li solo inginocchiato, sembro Billy, mi viene detto che ha un timer e si aprirà da sola domani mattina..
Vanno via, io resto li da solo nel silenzio e buio della notte a domandarmi cosa sto facendo, mi chiedo se non sto impazzendo!!

Questo racconto di è stato letto 1 3 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.