Erotici Racconti

Un soldato nel culo

Scritto da , il 2018-04-11, genere gay

La prima volta che mi hanno infilato qualcosa di strano ed inconsueto dentro al culo ero veramente molto giovane, mi trovavo con due amichetti, io ero sulle ginocchia piegato sul divano nel soggiorno e loro mi inculavano a turno, un po’ l’uno ed un po’ l’altro, davanti al televisore. Nulla di particolare, questa era la consuetudine, infatti da parecchio tempo l’incularella pomeridiana (con annessi pompini, limonate, leccate di culo e quant’altro), era diventato il nostro passatempo preferito.
Inizialmente ci inchiappettavamo a vicenda, lo facevamo sempre ma, piano piano, il mio culo era diventato quello maggiormente utilizzato, io ero la più “femmina” del trio e la cosa mi stava piacendo, amavo sculettare nudo o con un paio di minuscole mutandine davanti a loro, giocando a fare la vamp, per poi farmi sbattere senza ritegno, la mia indole troiesca aveva già preso il sopravvento.
Riccardino e Mauretto non erano certamente i soli con i quali scopavo, ma quelle sono altre storie, con loro c’era una grande confidenza che ci portava a fare di tutto, fra di noi non c’erano pudori di alcun tipo.
Mauretto ebbe l’ispirazione da artista d’avanguardia quale sarebbe diventato e prese da una mensola la statuetta che rappresentava un soldato sull’attenti, una di quelle guardie inglesi di Buckingham Palace col cappellone nero e lungo, proveniente da un lontano viaggio a Londra dei miei nonni, piuttosto affusolata, me la mostrò: “Guarda, dolcezza, ora te la metto dentro!”, ci sputò sopra e ricordo che non ebbi il tempo di dire nulla che già la testa, con annesso colbacco, nonostante fosse grossina, ce l’avevo nell’intestino, quando si trattò delle spalle la cosa si fece più complicata, ma Mauretto spinse finché si udì un “blop” ed anche queste entrarono, uggiolai un po’ perché provai un certo dolorino: “Ahi! Accidenti, Maurè, fai piano!”, ma ormai il peggio era passato e la statuetta scivolò lentamente quasi tutta dentro, solo i piedi rimasero fuori.
I miei amichetti ridacchiavano mentre cercavano di muoverla su e giù, non fu facile, fortunatamente ero piuttosto bagnato.
Nel frattempo mi mettevano il cazzo in bocca, un po’ per uno, tanto per gradire.
Andarono avanti per parecchi minuti, grazie alla particolare stimolazione il cazzo mi gocciolava e questa cosa li divertiva parecchio.
Il problema sorse quando decisero di tirarla via, la giacca rossa, subito sopra i pantaloni, si allargava come una grondaia e si appoggiava sull’anello dello sfintere ad impedire l’uscita, in più vi fu una sorta di effetto ventosa, il soldato si impuntò, si appiccicò alle pareti e in definitiva non voleva saperne di uscire, iniziai a frignare, ora mi facevano parecchio male, poi grazie alle sputazzate ed alle rotazioni che i due gli imprimevano, finalmente venne fuori.
Tanto per sistemare le cose i cazzi di Riccardino e Mauretto si infilarono a turno al suo posto anche se mi bruciava il fiorellino, come cura mi vennero entrambi dentro, non c’è niente di meglio della sborra per spegnere il fuoco.
Siccome continuavo a lamentarmi, dicendo che mi avevano fatto male ed avevo goduto poco (in realtà farmi spaccare il buco del culo con quella cosa mi era piaciuto eccome, mi ero spaventato solamente quando il soldato non voleva saperne di uscire) per risarcimento Riccardino mi fece un gran pompino, del resto gli piaceva tanto ciucciare il cazzo.
La storia della statuetta nel culo fece il giro del paese, mitizzata, la riproduzione in ceramica da quindici centimetri nei racconti divenne grossa come un estintore, ne parlarono per un po’.
Dopo quella prima volta la guardia reale è finita ancora varie volte nel mio culo, assieme ad altre curiose cose che ci mettevano e che io stesso ci infilavo e ci infilo dentro.
Il fiero militare è sempre lì, sulla mensola, a volte sembra strizzarmi l’occhio.

Questo racconto di è stato letto 6 5 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.