Erotici Racconti

In casa di Alex,la sua prima volta

Scritto da , il 2018-03-08, genere gay

...Mi preparai a casa, la doccia,mi vestii sportivo maglietta e jeans,senza niente sotto, volevo prendere il dildo,ma lo lasciai,pensando che il dildo per Alex era il mio cazzo...Si avevo voglia di farmelo,tutto mio...Indossai le scarpe sportive rosse e via di corsa,lasciai un biglietto:"Mamma,vengo tardi sono da Alex a studiare..." Presi con me la borsa dei libri,come giustificazione...Suonai il campanello di casa di Alex,vidi una tendina scostarsi,era lui...Entrai,lasciai la borsa all'entrata e aspettai,mi guardai in giro,era la prima volta che facevo visita a lui..Venne di corsa verso me e mi abbraccio,ci bacciamo a lungo,era in pantaloncini corti,scalzo e una maglietta sgualcita, le mie mani dal viso scesero verso il petto,una sulla patta,l'altra tastava le natiche,le strizzava,provocavo un stringer d'occhi ad Alex,quasi di dolore? Non lo so..Non mi interessava,volevo fosse mio...Mi slacciò i jeans...Io allora dissi "Andiamo in camera, voglio farti...E' la prima volta???" Lui abbassando la testa e arrossendo, mi disse "Si, sei il primo...Ho paura mi farai male certamente..." Mi prese la mano ed andammo in camera,regnava un disordine assoluto,vestiti fuori sulla sedia,slip in giro e calzini...Allora staccando la mano dissi in modo quasi imperioso:"Ehhhh no,che caos,metti subito a posto,la roba sporca in bagno,dai come fai ad essere così.."Alex mi guardò serio...Lo spronai duramente con una pacca sul sedere "Dai,dai coraggio muovi il culo..."....IO mi sedetti sul bordo del letto e lo osservai,con piacere,scattava qua e là, quando si abbassava si notava il candore roseo delicato delle chiappe, su una il segno della mia pacca con la mano..Quando finì si diresse verso me con affanno,tesi le mani per accoglierlo sulle mie ginocchia,avevo ancora i jeans slacciati...Seduto sulle ginocchia accarezzai le sue cosce, e il culetto sotto i panataloncini,li ordinai di sfilarseli, lo fece,sulla natica il segno della mia mano era più visibile e rosso..Non pensavo di avergliela data così forte,ma penso sia la pelle delle chiappe sensibile e delicata..Io mi alzai e mi spogliai,nudo con la maglietta solamente...Alex fece un viso di meraviglia,vedendo che non portavo gli slip o i boxer....In piedi lo abbracciai,anche lui più forte verso il petto e guardava il mio cazzo turgido,pronto per entrare tra le sue natiche..Mentre gli dicevo "Non abbia ancora da vedere questo disordine, sia l'ultima volta..."Due,cinque forti pacche sulle natiche, partirono immediate,Alex mi fermò la mano,io lo guardai serio e gli dissi:"Togli la mano immediatamente e portami quello che tua mamma userebbe quando ti comporti male...subitoooo..."A testa bassa e le mani sulle chiappe arrossate andò verso una stanza e mi portò un battipanni... Io vedendolo mi eccitai di più,il cazzo sobbalzava....E io ."Ok,non scherza,te lo gonfia il culo a volte?Mettilo sul tavolino e vieni qui monello...Gli strizzai le guance e ci sdraiammo sul letto ci abbracciamo,era mio...Bello sentire il profumo della sua pelle,,le mie mani giravano su e giù,le mie dita pure,si posizionarono all'ano,lo stuzzicai,lo penetrai leggermente,vedevo sul volto i segni del dolore delicato che non sa cosa l'aspetti....Con tutte due le mani allargai le natiche,con qualche dito entrai dentro,delicatamente e poi sempre di più,tolsi il dito,sull'unghia qualcosa,merda....Mi guardai la mano,"EHHH no,non ti pulisci il buco del culo???"Con l'altra mano gli assestai altre due pacche sul sedere,"Vai prendi il battipanni subito,dimmi dove sta il bagno,che mi lavo da questa merda.."Mi accompagnò dicendomi "Fai sul serio,vuoi battermi il culo con il battipanni? Sculacciami piuttosto...." E io "OK,vai appoggia i gomiti sul tavolino.."Andò,io uscii dopo avermi pulito mani e unghia...Mi eccitava cederlo chino sul tavolino,il culo già arrossato in bella vista, mi avvicinai,diedi una carezza e poi sciaksciak una sculacciata solenne,alzava la testa mugugnando,poi si sentiva che piangeva "Non lo faccio più, sarò più ordinato e pulito..." Non smettevo,allungai la mano verso il battipanni lo presi e Alex vedendolo si girò "Mi avevi promesso che non...." Non finì la parola che lo colpii fortemente,colpendolo gli dissi:"7colpi e ricordati dopo aver cagato,vai al bidet e ti lavi il buco del culo, sempre,fai il bollo sugli slip,cazzo te lo farei leccare..." Lasciai il battipanni e con le mani gli allargai le chiappe,appoggiai all'ano il cazzo e piano piano entrai.....Alex "Si si meglio sentir questo male...si dai fammi tuo.."Non esitai tanto diedi due colpi forti,ero dentro,lo cavalcai per bene,mi eccitava lo scioch che i miei fianchi a contatto delle natiche creava...Un suono super,come la mia sborrata dentro il culo di Alex,anche lui sborrò sul tavolino..Gli dissi."Leccala leccala bene...." Dopo la leccata mentre riposavo dopo la cavalcata..."Facciamoci la doccia " Sotto la doccia insaponati, lo girai e glielo misi in culo ancora con più facilità,poi a parte gli dissi di mettersi in culo una carota e giocare,così ti prepari il buco del culo più aperto....Ciao Alex,questa è stata la prima volta,poi fu mio, è mio,pacche e battipanni si ripeterono a seconda della necessità..... I suoi genitori, lo battono quando serve, per colpa della sua linguaccia...Ho visto i suoi quando lo punivano, se ero presente, altrimenti me lo diceva pure Alex, oppure vedevo i segni e chiedevo spiegazione.....Alex,nome di fantasia,grazie del tuo amore,di quello che mi offri ogni volta che voglio,scusami se a volte sono duro,sono fatto così.....TI AMMMMMMoooooo

Questo racconto di è stato letto 2 1 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.