Regalo di compleanno - L'orso

Scritto da , il 2018-02-18, genere gay

Erano ormai diversi giorni che, quotidianamente, i miei tre moschettieri arrivavano in casa mia e si riversavano su di me entrando, con i loro attrezzi, tra le mie natiche e nella mia bocca. Ed ogni giorno li desideravo sempre più.
Consapevoli del fatto che era sempre più crescente la mia voglia di essere troia e di essere sempre più desideroso di soddisfare un bel cazzo, cresceva in loro ancor più l’eccitazione.
E alcuni giorni dopo, per il compleanno, mi fecero un regalo sorprendente.
Come sempre, anche quel giorno, giunsero a casa mia nel primo pomeriggio e dopo gli auguri di rito mi dissero che era giunto il momento del mio regalo. La mia curiosità cresceva ma per assaporare di più il gusto della sorpresa mi bendarono e mi fecero sedere sul divano.
Li sentii allontanare e dopo un paio di minuti riavvertii la loro presenza. Erano andati a prendere il mio regalo, pensai. E così in realtà era, ma mai avrei creduto essere di quella portata.
Mi dissero di non togliere per nessun motivo la benda e che avrebbero guidato loro le mie mani sul regalo.
Avvertivo il loro muoversi e la loro presenza davanti a me ma non capivo cosa stesse succedendo. Le loro mani presero i miei polsi ed iniziarono a guidarle fino a che non le sentii toccare una strana peluria. Dopo un istante mi resi conto che avevo le mani sul petto di qualcuno e non poteva essere uno dei miei tre giovani amanti. Loro non avevano peli sul torace. Non riuscivo a capire cosa sarebbe accaduto ed una leggera, iniziale, preoccupazione lasciò il posto alla curiosità.
Cominciarono a muovermi le mani per farmi accarezzare quel torace avvolto da quella animalesca peluria. Infine mollarono la presa sui miei polsi lasciando che le mie mani proseguissero senza nessuna guida ma invitandomi a scendere sempre più giù fino ad incontrare l’abbottonatura dei pantaloni dello sconosciuto. Mi dissero di inginocchiarmi davanti a lui e di sbottonargli i pantaloni. E così feci.
Ora la mia curiosità era mescolata ad una sempre più crescente eccitazione. Sbottonai i pantaloni e tirai giù la lampo; i pantaloni scesero e mi dissero di riprendere ad accarezzare quel corpo peloso.
Guidarono per un attimo le mie mani sugli slip del tipo misterioso ed ebbi un sussulto. Avevo avvertito un qualcosa di mostruoso. Fui invitato ad accarezzare quel che c’era sotto quegli slip ed eseguendo la richiesta abbassai quel pezzo di stoffa, liberando così un attrezzo enorme. Non potevo vederlo, anche se avrei voluto, ma potevo sentirlo.
Iniziai ad accarezzarlo e avevo l’impressione che non finiva mai e mi rimaneva un po’ difficile tenerlo tra le mani.
Sentii due mani appoggiarsi sulla mia nuca in un invito a prendere tra le labbra quel mega fallo.
Avvicinai la bocca, l’aprii e cominciai ad accogliere quel cazzo enorme nelle mie fauci ma la sua grandezza mi permise solo di ricevere la sua cappella. Avevo la bocca talmente piena che neanche un pelo sarebbe potuto più entrarvi.
Iniziai ad abituarmi ad avere la bocca piena di carne e con le mani inizia ad andare su e giù per tutta l’asta. L’orso peloso cominciava ad emetter qualche grugnito di piacere ed anche in me cresceva l’eccitazione sempre più.
Un nugolo di mani cominciò a spogliarmi e quando fui denudato completamente mi sentii frugare tra le chiappe. Sentii il freddo del lubrificante e delle dita che iniziano ad entrare penetrandomi con forza. Mi invitarono, guidandomi, a mettermi carponi sul divano e già immaginavo cosa sarebbe stato di lì a poco, non senza qualche preoccupazione.
Messo carponi, con il culo pronto a ricevere il cazzo, mi spalmarono ancora un po’ di lubrificante e sentii poggiarsi sul mio buco l’enorme cappella avvolta dal preservativo, mentre delle mani mi allargavano per bene le natiche. Mi puntò e dopo una piccola pressione mi spinse l’arnese dentro, fino in fondo ed in un solo colpo.
Per un attimo mi sentii svenire e cercai di staccarmi da quell’attrezzo ma l’energumeno era di tutt’altro avviso; mi teneva bloccato a se e per risposta iniziò a pomparmi. Su e giù, su e giù, senza sosta. Ora il suo movimento ritmico e costante riaccresceva in me l’eccitazione ed iniziavo, dopo l’iniziale dolore, a godere come una gran vacca. Mi sentivo pieno dal quel cazzo enorme tanto che avevo avuto anche il sospetto che potesse essere finto. Ma non lo era. Era magnificamente vero. E continuava incessantemente il pompaggio.
Il suo movimento era costante, senza un attimo di sosta e senza rallentamenti ed io sentivo sempre più che il mio buco lo accoglieva sempre meglio. Fino a che sentii che stava per venire e cominciava ad ansimare, come per il gran piacere facevo io, ed i suoi grugniti si facevano più frequenti. Uscì da dentro me, sentii togliersi il preservativo e mi rimise la possente cappella in bocca. Si mosse con il bacino un paio di volte avanti e indietro ed esplose in un torrente di sborra, della quale buona parte mi fini direttamente in gola. Era caldissima. E la bevvi tutta. Continuavo a succhiargli avidamente la cappella e tenendogli il cazzo tra le mani rendendomi conto che non si era afflosciato minimamente. Sfilò la cappella dalla mia bocca e fattomi rimettere carponi ancora una volta mi penetrò ancora. Godevo ancora moltissimo e lui instancabilmente continuava ad andare su e giù. I suoi movimenti avevano sempre lo stesso ritmo. Era come una macchina del sesso. Lo sentivo sfilare fino alla cappella per poi entrare nuovamente tutto dentro. Prima di venire un’altra volta dovette pomparmi per lungo tempo fino ad esplodere ancora abbondantemente nella mia bocca. Dopo avermi riempito una seconda volta con il suo seme i miei altri tre amanti mi fecero sedere; avvertii il loro allontanarsi insieme a quell’orso dopo che questi, con voce rude, mi disse che sarebbe tornato il giorno successivo.
I miei tre moschettieri tornarono e finalmente mi tolsero la benda dagli occhi. Con sorrisi maliziosi da grandi porcelli mi chiesero se avevo gradito il loro regalo. Risposi che avevo gradito moltissimo, che era un fantastico orso con cazzo favoloso ma alla richiesta di chi fosse mi risposero che per me non era importante chi fosse né come si chiamava ma che mi fosse piaciuto. Ed effettivamente era così. E loro si erano talmente eccitati che tolti i vestiti mi riempirono con i loro cazzi e con il loro sperma come ormai tutti i giorni facevano. Quel giorno godetti come non mai. Mi avevano fatto proprio un bel regalo. Un bell’orso, non di pelouche ma con un magnifico cazzo.
Il giorno seguente, circa mezzogiorno, sentii il campanello suonare e al cancello vidi un individuo dai modi rozzi.
Chiesi cosa volesse e chi fosse. Mi disse semplicemente che era “quello di ieri” e senza volermi dire il suo nome mi disse di farlo entrare. Senza pensarci su molto gli aprii il cancello ed entrò. Conosceva già la strada ed andò subito dove c’era il divano. Rimanendo in piedi, mi pose le possenti mani sulle spalle facendomi inginocchiare. Era veramente un orso. Nei modi e nell’aspetto. Peloso dappertutto. Ma mi eccitava terribilmente.
Inginocchiatomi davanti a lui, sempre senza dire niente, si aprì i pantaloni e li abbassò insieme agli slip, liberando un cazzo enorme che ora potevo vedere ed ammirare. Era un arnese come non avevo mai visto e già abbastanza duro. Mi posò una mano dietro la nuca come ad invitarmi a prenderlo in bocca. Come il giorno precedente riuscii ad infilarmi in bocca solo la cappella. Gliela succhiavo avidamente facendo scorrere anche le mani su tutta l’asta. Me lo sfilai dalla bocca ed iniziai ad accarezzare con le labbra e con la lingua tutto l’attrezzo facendola poi roteare su tutta la cappella per riprenderla poi in bocca. L’orso ogni tanto grugniva dal piacere ed in me saliva sempre più la voglia di sentirlo entrare nel mio culo.
Di lì a poco mi fece girare facendomi mettere carponi sul divano. Prima, però, presi il lubrificante ed i preservativi. Misi un’abbondante dose di lubrificante intorno e dentro il mio buco e dopo aver puntato un attimo la cappella all’entrata, l’orso, il mio orso, in solo colpo entrò dentro di me. Iniziò a stantuffarmi sempre con lo stesso ritmo e sempre senza sosta uscendo poco prima di venirmi in bocca, inondandomi con un’altra grande quantità di sborra. E come il giorno precedente, subito dopo, mi ripiantò quell’enorme cazzo tra le natiche riprendendo quel su e giù ritmato senza sosta. Venne ancora nella mia bocca e dopo che ebbi ingoiato fino all’ultima goccia si risistemò, riabbottonandosi i pantaloni, e sempre con quella voce rozza mi disse “torno domani” e senza aggiungere altro se ne andò.
Rimasi disteso sul divano con il culo in aria, lo sfintere indolenzito, sazio di sborra ma felice di aver goduto e di aver fatto godere quel regalo fatto dai miei tre moschettieri. Che, dopo poco, sarebbero venuti a farmi godere anche loro.
E per i giorni successivi sarei stata la loro troia; e contento di esserlo

Questo racconto di è stato letto 3 2 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.