Erotici Racconti

Ad Alice piace nero

Scritto da , il 2018-02-14, genere tradimenti

Federico e Alice erano due ragazzi rispettivamente di 32 e 27 anni, fidanzati da otto e conviventi da due.
Sebbene dall’esterno la loro potesse sembrava la relazione perfetta nascondeva dei segreti decisamente eccitanti.
Per esempio da diversi mesi Alice sospettava che il proprio fidanzato avesse un’amante; Federico tornava infatti spesso tardi a casa da lavoro e le partite di calcetto con gli amici da una a settimana erano diventate due.
Alice non aveva però alcuna prova di un tradimento nei suoi confronti e probabilmente i suoi erano solo i pensieri di una ragazza che aveva molto tempo per riflettere durante il giorno, probabilmente troppo, dal momento che si trovava disoccupata dopo aver abbandonato un lavoro come cameriera in un piccolo ristorante pochi mesi dopo l’inizio della convivenza con Federico.
A detta di Alice si era licenziata lei stessa perchè il proprietario le metteva troppo gli occhi addosso ed il lavoro stava diventando troppo duro a causa del personale ridotto.
A detta delle malelingue del paese invece era stata licenziata perchè troppo duro diventava il membro dei clienti quando se la vedevano passare a fianco; Alice infatti, oltre ad essere già di per se una bellissima ragazza (un metro e 56 di altezza per 48cm, capelli lunghi castani ricci, seno prosperoso e un culo da favola) indossava spesso e volentieri pantaloni troppo attillati per il luogo in cui si trovava e diverse volte le compagne dei clienti si lamentarono di lei chiedendo di parlare con il responsabile del ristorante segnalando che Alice usava il suo bel culetto per accentrare su di se le attenzioni dei propri uomini seduti al tavolo.
Qualcuna arrivò ad accusare Alice di aver strusciato di proposito il sedere addosso al proprio compagno mentre serviva al tavolo le pietanze, ma ci furono anche accuse decisamente più gravi.
Alice infatti, sempre a detta di diverse clienti del ristorante, era stata vista svariate volte recarsi con troppa frequenza al bagno, spesso in quello dei maschi, dove la immaginavano intrattenere i clienti come fosse una puttana in un bordello.
Alice passava così i giorni a cercare svogliatamente un lavoro su internet o facendo il giro delle agenzie interinali della sua zona per lasciare il suo curriculum.
“Se per il momento non riesci a trovare un lavoro, trovati almeno un passatempo!”, le consigliò il suo fidanzato Federico una mattina, poco prima di uscire per recarsi a lavoro.
Alice, malauguratamente per lui, lo prese in parola e ci mise poco a trovare un passatempo che soddisfasse in pieno le sue esigenze.
Il suo passatempo aveva il nome di Aliou; si trattava di un prestante ragazzo di colore, senegalese 26enne dal fisico palestrato.
Lo aveva conosciuto durante una deviazione al parco mentre tornava a casa dopo aver lasciato l’ennesimo curriculum in una agenzia; Aliou se ne stava seduto da solo su una panchina, vestito con una semplice t-shirt bianca, pantaloncini corti e scarpe da ginnastica.
L’occhio di Alice cadde subito all’altezza del cavallo dei pantaloni di Aliou.
Sebbene Alice potesse ritenersi soddisfatta della sua vita sessuale con Federico, sentiva da troppi mesi ormai dentro di se l’esigenza di provare qualcosa di nuovo.
Non era mai stata sessualmente attratta dal suo stesso sesso, tantomeno avrebbe voluto tradire il suo ragazzo con un altro uomo con le medesime caratteristiche di Federico.
Se mai l’avesse fatto, voleva provare qualcosa di veramente nuovo. 
E se c’era qualcosa che Alice aveva imparato passando tanto tempo su internet era che la dimensione media del membro di un senegalese oscillava tra i 15 e i 16 centrimenti di lunghezza.
Non appena gli passò davanti notò che Aliou l’aveva squadrata da capo a piedi nonostante non fosse vestita in modo particolarmente appariscente.
Inizialmente Alice fu spaventata e accelerò leggermente il passo pensando potesse trattarsi di uno spacciatore o, peggio ancora, di uno stupratore che l’avrebbe seviziata e abbandonata nel parco e lei non voleva certo essere sui giornali tra le notizie di cronaca nera il giorno successivo.
La sera stessa a casa però, mentre attendeva il rientro di Federico dal lavoro, ripensò al ragazzo di colore seduto su quella panchina, ai muscoli del suo possente fisico, al suo grosso cazzo nero che immaginava di spropositata misura.
Quella notte stessa fece l’amore con il suo fidanzato ma nella sua mente c’era soltanto quel nero della panchina.
Il giorno dopo Alice si fece coraggio e decise di tornare al parco sperando di ritrovarlo là, sulla stessa panchina dove lo aveva visto il giorno prima.
Questa volta però accettò di correre il rischio e si vestì in modo decisamente più provocante; decise infatti di indossare una vestitino nero, estremamente corto e scollato al punto da far intravedere il suo abbondante seno e da lasciarle quasi completamente scoperte le cosce. 
Un paio di scarpe con il tacco alto anch’esse nere completavano il suo abbigliamento.
Difficilmente una ragazza vestita in quel modo si reca al parco soltanto per fare una passeggiata; se lo fa è perché è palesemente in cerca di qualcosa, soprattutto considerando il fatto che, dopo essere rimasta in piedi a ponderare per circa dieci minuti, ritenne ragionevole non mettersi nemmeno le mutandine.
Che non fosse lì per una semplice passeggiata lo sapeva bene anche Aliou, tanto che quando Alice gli passò davanti fischiò doppiamente come si fa al passaggio di una bella fighetta, ed Alice era decisamente una di queste.
“Ehi!”, esclamò Aliou.
Alice fece finta di non sentirlo e proseguì nella camminata.
“Ehi tu, figa bianca”, urlò ancora Aliou in direzione di Alice.
A quel punto Alice si voltò; “ce l’hai con me?”, disse fingendosi scocciata.
“Dove vai bella vestita così?”, chiese Aliou.
“Faccio una passeggiata...e comunque mi chiamo Alice”, rispose la ragazza.
“No sai che è pieno di pervertiti qua, gente che ti stupra?”, disse ancora Aliou.
“Non preoccuparti, so difendermi bene”, rispose Alice sorridendo; “tu mi stupreresti?”, chiese quindi Alice.
“Stuprare no però ti scoperei volentieri, sei bella figa”, rispose Aliou.
Alice si mise a ridere; “come ti chiami?”, gli chiese.
“Aliou”, rispose lui; “sei sola?”, chiese quindi alla ragazza.
“Qui o in generale?”, rispose Alice.
“Hai un ragazzo?”, replicò Aliou cercando di essere più specifico.
“Uhm…sì, ce l’ho…”, rispose Alice mostrandosi volutamente non del tutto convinta a riguardo.
“No sembri sicura”, rispose Aliou.
“Ce l’ho ce l’ho, tranquillo”, rispose lei sorridente.
“E dove lui adesso?”, domandò Aliou.
“A lavoro…per mantenermi”, disse divertita.
“Tu no lavori?”, chiese lui.
“No per il momento, stò cercando”, rispose Alice.
“Capito tuo uomo lavora per permettere te di fare troia in giro”, replicò Aliou ridendo.
“Non faccio la troia!”, disse Alice battendo una mano sulla spalla di Aliou.
“Se tu no sei troia allora perché vestita così”, chiese ancora lui.
“Vesto così perché fa caldo”, cercò di giustificarsi Alice.
“Vesti così perché ti piace fare rizzacazzi”, disse Aliou squadrandola nuovamente da capo a piedi.
“Tu dici?”, disse Alice sistemandosi imbarazzata una ciocca di capelli dietro l’orecchio.
“Anche ieri sei passata qua, secondo me tu vuoi assaggiare banana nera”, disse Aliou accarezzandole i capelli.
“Banana nera?”, disse Alice ridendo e fingendo ingenuamente di non capire a cosa Aliou alludeva.
“Banana nera, hai provato mai?”, rispose Aliou.
“No, mai…”, rispose Alice rossa dall’imbarazzo.
“Senti”, disse Aliou prendendo una mano di Alice e portandola verso il cavallo dei suoi pantaloncini.
Alice si guardò intorno e una volta accertatasi che non ci fosse nessuno cominciò a palpare il pacco del suo interlocutore.
“Questa è banana nera no piccolo cazzo bianco di tuo fidanzato”, disse Aliou afferrando nuovamente la mano di Alice e accompagnandola sotto i suoi pantaloncini.
Alice infilò quindi la mano sotto i boxer di Aliou e ne strinse in mano il membro scoprendo che le informazioni che aveva trovato su internet erano del tutto veritiere; chiuse per un attimo gli occhi e immaginò quell’immenso cazzo nero penetrarle ogni buco senza pietà.
Cominciò quindi a muovere la mano lentamente avanti e indietro segandolo; aprì poi gli occhi e si decise. “E’ un po’ pericoloso qui, non vorrei ci veda qualcuno…”, disse; “ti va di fare un salto a casa mia?”, aggiunse facendo uscire la mano dai pantaloncini di Aliou e passandosela sulle labbra.

imthirtysixdegrees.wordpress.com

Questo racconto di è stato letto 4 9 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.