Erotici Racconti

Ma cosa sei?!? Parte 1

Scritto da , il 2018-02-13, genere masturbazione

- Giorgio, sbrigati! Devi passare a prendere tua cugina alla stazione!- urla mia madre oltre la porta del bagno, -Sto cagando!- è stata la mia risposta per zittirla, anche se a dir il vero sono semplicemente appoggiato al lavandino con l'Iphone in mano. Sto sbirciando il profilo Facebook di questa mia cugina, d'altra parte è da circa 4 anni che non la vedo e, se non la riconoscessi? -Ma dai, una così non te la dimentichi per tutta la vita- mi contraddico ridendo. A quanto pare posa per un noto studio fotografico di Roma e, tra l'altro studia Diritto ed economia delle attività produttive all'università, -'Mbe cojoni!- esordisco io imitando la mitica signora Silvani (chi vuol capire capisca). Più le sue foto scorrono davanti ai miei occhi e più laggiù mi si intorpidisce tutto -Iniziamo bene, direi...- sussurro abbassando lo sguardo sui blue jeans. Decido di chiudere Facebook ed uscire dal bagno, però prima profumo e gel: voglio presentarmi al meglio! Prendo le chiavi e mi dirigo verso la porta quando ad un tratto una vocina mi ferma -Gio, mi raccomando!- dice mia madre in tono dissertatorio, -Tranquilla- le rispondo fra i denti chiudendomi subito dopo la porta alle spalle. Il dubbio mi sorge: che abbia capito tutto dal principio? In effetti, una volta salito in auto, mi viene in mente un episodio successo tempo fa che poteva averle fatto intuire qualcosa.
Eravamo in Sicilia a fare le vacanze e c'era anche lei accompagnata dalla sua famiglia. Mi ricordo che già a quei tempi era una gran topa. Nel pomeriggio si sentì poco bene e, andò a distendersi nella camera mia nonna. Il mio obiettivo non era in principio quello di raggiungerla, ma capitò che dovessi andare in bagno e quando uscii accidentalmente passai accanto alla sua camera, notai la porta semichiusa e questo destò la mia attenzione. Era talmente bella adagiata sulle candide lenzuola del lettone, pareva Biancaneve. Ed io mi sentivo un po' un principe. Ricordo di essermi chinato su di lei e di averle sfiorato le labbra con le mie; in quel preciso istante accadde che mia madre fece irruzione nella stanza. Mi rialzai di scatto; le uniche parole a riguardo furono le sue -Ah, sei qui-, io non sapendo cosa risponderle mi limitai a temporeggiare sul fatto che nonna avesse fatto bene a ridipingere la camera di quel colore. Allora pensavo di essermela scampata perchè non aveva mai più accennato a quell' episodio tornati a Milano, ma quell'atteggiamento mi ha fatto intuire che aveva mentito ed, invece aveva visto quello che stava accadendo quel giorno. Forse aveva capito tutto... E qualsiasi cosa avesse capito non mi avrebbe di certo fermato a raggiungere il mio intento, d'altronde non siamo legati da una parentela troppo stretta, in realtà lei sarebbe la figlia della cugina di mia mamma con la quale, è vero, è molto legata, ma sta di fatto che non siamo cugini. -Non siamo cugini!- ripeto all'infinito nella mia testa e ciò mi fa eccitare in un modo assurdo.
Arrivo alla stazione. Una voce meccanica mi avvisa subito che il treno con il quale avrei rivisto Celeste avrebbe ritardato di una mezz'ora abbondante. Mi siedo comodo, del buon rap nelle orecchie e sono io a partire. All'improvviso una mano mi urta la spalla, dopodiché sento le stesse dita togliermi un auricolare dall'orecchio -Giorgio!- esclama una voce, incredibilmente soave, dal tono scherzoso. Sobbalzo e, me la ritrovo davanti -Celeste!- dico sorpreso -C-come stai?- è la prima cosa che mi è balenato in mente di dire, -Beh dai, non posso lamentarmi! Studio, lavoro ma non ti nascondo che trovo sempre il tempo per divertirmi. E tu cosa mi dici?- -La solita vita, sai...- afferro le sue valigie e ci dirigiamo verso l'esterno -Mio dio! Quanto tempo è che non ci vedevamo?- aggiunge guardandosi intorno come per scrutare l'ambiente milanese -Troppo, credimi- rispondo - Ma cosa ti porta qui a Milano, oltre il desiderio di rivedere quel gran figo di tuo cugino?- lei esplode in una risata fragorosa -Uno servizio fotografico... Ma devo ammettere, che son venuta principalmente per te!- ride ancora. Quella risata irresistibile, mi vien voglia di strapparle i vestiti di dosso e di possederla proprio qui, in mezzo alla strada. - Non ti ricordavo così spiritoso, da piccoli ero io quella che faceva ridere, ricordi?- dice lei entrando in macchina, chiudo il bagagliaio e corro ad accendere il motore -E come faccio a dimenticare? Eri ridicola...- azzardo ad un'innocente risata, lei- Ah sì? E' così che la pensavi allora?- dandomi un schiaffetto lieve sull'avambraccio. Tra parole e risate , ci avviamo verso casa. Sta per imbrunire. Chiamata dalla mamma, -Che palle!- dico pigiando sul tasto del vivavoce -Gio, ma state arrivando? E' successo qualcosa?- -Il treno ha fatto ritardo, nulla per cui allarmarsi...- -Ah bene! Io stavo per cucinare, avete preferenze?- stavo per rispondere quando Celeste mi toglie la parola -Ciao zia, per me va bene anche una bella pizza... - -Va bene, tesoro, allora la ordino così quando arrivate ceniamo- -A dopo. Bacio!- chiude la conversazione con mia madre in modo molto dolce -Dai, mà, chiudo che sto guidando...- al contrario mio, -Va bene. A dopo-. Chiusa la chiamata, in macchina cala un silenzio piuttosto imbarazzante. Celeste guarda fuori dal finestrino, sembra stesse pensando a qualcosa di molto bello, chissà se non fossi io a procurarle quel sorrisino delizioso che le illumina tutto il viso facendola apparire come una Dea. Il suo nome la rispecchia in pieno: una donna così bella non può essere di questo mondo. E' bastato soltanto il suo profumo, di cui è satura la macchina ormai, a farmelo diventare duro come il marmo.
Giriamo l'angolo e, vediamo mia mamma affacciata al balcone. -Che bello! Siamo arrivati!- a Celeste scappa un urletto gioioso, dopodiché sguizza fuori dall'auto. Io scendo con molta cautela, sperando che nessuno si accorgesse della mia erezione. Salgo. La tavola è già bandita, deve arrivare solo il cibo.
Senza dubbio una delle cene più piacevoli a cui abbia mai assistito. Veder muovere quelle sue labbra sensuali mi ha regalato una sensazione pazzesca: sorride sempre lei e, poi quando parla, arricciolando uno di quei tanti boccoli del color del fuoco vivo con l’indice, è la fine del mondo… Per non parlare di quei seni prosperosi, quasi volessero evadere dalla semplice canottiera bianca che indossa… Sto provando una sorta di invidia per la sedia su cui poggia le natiche. Mi sento morire. Devo andare in bagno a masturbarmi ora.
Sono andati tutti a letto. E' l’una di notte. Ne approfitto per rilassare i nervi e guardare un po’ di televisione. Il canale è fisso su un talk show, dei tizi parlano di droghe. Ad un tratto mi viene in mente che dovrebbero rendere illegale anche la presenza di Celeste, con le controindicazioni che potrebbe provocare forte dipendenza fisica, invasione di pensiero e numerose seghe, nonostante fosse passato qualche anno dall’assunzione, per così dire. La droga più potente, insomma. Il cigolio della porta alle mie spalle mi fa tornate con i piedi per terra –Non credevo ti piacessero le mature- , al che mi volto di scatto: è Celeste! Avvolta da un asciugamano rosa che le taglia i due seni proprio sui capezzoli, i capelli bagnati ci si appoggiano per ciondolare poi al di sotto, le cosce lunghe, tornite, leggiadre, completamente nude…Una visione! –Hey, cosa ci fai ancora sveglia?- rispondo cercando di allietare i bollenti spiriti che mi si sono accesi tutto ad un tratto –Tu piuttosto! Ti stai eccitando per una signora di circa 60 anni. Cosa dovrei pensare?- sono confuso, non so cosa risponderle poi, abbasso lo sguardo un attimo e…Porca troia, l’erezione! Ho tolto i pantaloni poco prima e si vede tutto!!! Cerco di trovare una giustificazione invano ma il mio flusso di pensieri viene interrotto - Magari non sono al livello della Bindi, ma mi trovi almeno un po’ attraente?- si posiziona davanti al televisore. –Ma certo che sì, cazzo!- non esito a risponderle in modo molto liberatorio –Non ci posso credere che tu me lo stia chiedendo per davvero! Sei l’ottava meraviglia del mondo, ecco cosa sei!- a stento finisco di parlare che lascia cadere l’asciugamano in terra. Mi cede la mandibola per un istante. Ha dei grandi seni in picchiata, le areole perfettamente tonde sono di un rosa molto delicato, i capezzoli già turgidi protendono verso di me; noto soltanto adesso che ha il piercing all'ombellico che, io trovo incredibilmente sexy in una donna; e poi finalmente eccola! La sua foresta incantata nel pieno dell'autunno. Lei si porta due dita sul ventre, sfiorando il metallo riflettente -Sai che mia mamma non sa che ce l'ho?-, -Monella...- rispondo io sarcastico, ricambia sorridendomi deliziosamente poi riprende -Ti piace?- ma scende piano con la mano ed io non capisco a cosa si stia riferendo di preciso, se al diamantino o alla patatina. In entrambi i casi la risposta sarebbe -Tanto-. Dopo qualche secondo, si volta di tre quarti e si china a raccogliere l'asciugamano -Vuoi proprio farmi del male?-, Celeste non proferisce parola ma si rialza e si cinge le spalle con il tessuto, poi avanza a passo lento. Si mette a cavalcioni su di me al che le domando spontaneo -Hai voglia?- , al suo "no" categorico sono rimasto abbastanza sconcertato. -Allora cosa...?-stavo proseguendo quando mi serra la bocca con un dito -Ssshhh!- sussurra al mio orecchio. Intanto percepisco tutta la sua eccitazione attraverso il tessuto degli slip: è umida e, ciò non fa che farmi arrapare ulteriormente. Sente per certo il mio membro diritto fra le gambe, premerle sulla vulva. All'improvviso si distacca dal mio corpo tendendo i muscoli delle cosce ed inizia a toccarsi. Emette sottili gemiti, dopodiché porta la mano alla bocca e si lecca le dita con le quali si stava masturbando.
-Toccami- enuncia prendendomi una mano. Sento la morbida peluria sul palmo della mano mentre disegno cerchi con l'indice sulla clitoride. Lei geme più forte, -Non smettere- sospira subito dopo. Ho l'uccello ormai dolorante e voglio penetrarla. Mi discosto l'elastico delle mutande quel tanto che basta per permettere alla cappella di fuoriuscire, quando lei decide di punto in bianco che -E' tarda notte! Forse è meglio se vado a riposare...- -Cel, non mi puoi lasciare così! Me l'hai fatto diventare di cemento, almeno fammi una sega!- ribadisco io giustamente, -Sono stanca. Buona notte, Gio- dice lei, -Sei proprio una stronza!- rispondo forse a voce un po' troppo alta. Celeste dall'uscio della porta mi manda un bacio volante e sparisce nel buio. Mi viene da sorridere, -La zia non le ha dato abbastanza sculacciate- penso fra me e me. Ed ora devo andare a svuotarmi le palle.

Questo racconto di è stato letto 2 3 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.