Erotici Racconti

Veronica ( parte prima )

Scritto da , il 2018-02-11, genere tradimenti

La giornata era decisamente calda , ero andata a fare la spesa per la settimana , scesi con la macchina nel corsello dei box e scaricai i sacchetti vicino al vano scala , poi avrei preso l’ascensore e li avrei portati in casa ; riposi la macchina nell’autorimessa distante alcune decine di metri . Tornando a piedi sui miei passi , passai davanti al garage del sig. Piero , lo salutai e Lui mi rispose con la solita gentilezza , imprecando sul caldo ed infine proponendosi , come faceva sovente di aiutarmi a portare su la spesa . Il sig. Piero era un inquilino del mio stesso palazzo , abitava in un appartamento di fianco al nostro e a causa della conformazione dell’edificio era il mio dirimpettaio di balconi e finestre ; persona a modo , pensionato , ben tenuto e benestante credo avesse poco più di settant’anni , sempre disponibile anche per i piccoli lavoretti , insomma la classica persona a modo , sempre pronta a dare un aiuto a chi ne avesse bisogno . Arrivati che fummo in casa , posati i sacchetti della spese mi premurai di offrirgli da bere qualcosa di fresco per la calura e per ricompensarlo del fastidio di avermi aiutato , Lui alla bibita mi disse che avrebbe gradito un caffè , così accesi la macchinetta per fare l’espresso e nel tempo che si fosse riscaldata , dissi che sarei andata a rinfrescarmi , sarei stata via solo un attimo . Andai in bagno , mi sfilai l’abito , rimasi solo con la mutandina , mentre mi rinfrescavo viso ed ascelle sentii un ronzio alle mie spalle , dalla finestra socchiusa era entrato un calabrone ; mi misi ad urlare disperata , aprii la porta e corsi verso la cucina senza rendermi conto che ero praticamente nuda ; il sig. Piero nel frattempo si era alzato venendomi incontro , vedendomi nuda rimase per un attimo sbigottito , poi però dopo aver sentito del calabrone in bagno , vi si recò a passo deciso e con piglio battagliero , piena di paura gli andai comunque dietro . Il sig. Piero si armò del primo asciugamano che gli capitò a tiro e cominciò a farlo volteggiare in aria poi con un colpo preciso scaraventò il malcapitato insetto fuori dalla finestra ; in preda all’euforia per lo scampato pericolo corsi ad abbracciarlo , gli buttai le braccia al collo e …solo a quel punto , quando il contatto del suo inguine con la mia pancia nuda mi fece trasalire e mi resi conto di essere praticamente nuda , abbracciata ad un uomo con l’arnese pericolosamente in tiro . Mi chiamo Veronica , prossima ai 40 anni , fisico asciutto ( alta 1,70 e peso 61 Kg ) , terza scarsa di seno , culetto a mandolino ( dicono ) …capelli scuri , occhi marroni e….sposata ; sono quel tipo di donna che non passa inosservata ma che non fa niente di proposito per attirare le attenzioni maschili su di se ; anzi a dire il vero detesto profondamente quella categoria di maschio che vede in una donna solo un buco da riempire . Mi resi conto che la situazione stava precipitando quando avvertii le sue mani ancorate alle mie natiche e poi quando infilò la mano destra all’interno delle mutandine , scostando leggermente il bordo superiore e mentre scendeva più in basso insinuò una delle dita tra le labbra . Ebbi voglia di ribellarmi , di staccarmi da Lui ma anche se la mia mente urlava di farlo , il mio corpo non rispondeva ai comandi , non reagiva per come la mente stava ordinando ; ricordo che feci ondeggiare il bacino in modo da agevolare l’insinuazione del suo dito tra le labbra e quando raggiunse l’ingresso del paradiso ( come Lui avrebbe dopo denominato le piccole labbra del mio sesso ) , mi resi conto che ero bagnata dei miei umori , anche lui se ne rese conto e cingendomi con l’altro braccio sotto le ascelle , mi sollevò e lentamente mi accompagnò sul divano ; mi adagiò dolcemente e in modo fulmineo si calò i pantaloni della tuta che indossava , mi fece divaricare le gambe e si adagiò su di me . Avevo la testa reclinata di fianco e non avevo avuto modo di vedere il suo membro ma ….quando cominciò a spingere per farsi strada mi resi conto che era di notevole fattura . In quegli istanti provai forti emozioni contrastanti tra loro , intanto che mi penetrava fui assalita dalla paura , dalla disperazione per quello che stavo facendo o che almeno stavo lasciando che Lui facesse ma mi sentivo anche fortemente eccitata , euforica ; lentamente il suo arnese penetrò il mio sesso arrivando a toccare il fondo , non finiva mai ; mi sentivo piena , sensazione quella che nel giro di qualche istante mi porto ad un orgasmo incredibilmente violento ; i muscoli del mio sesso si contraevano ritmicamente e contemporaneamente anche i muscoli delle mie gambe presero a sussultare ; mentre godevo , Lui continuò a penetrarmi lentamente , uscire quasi totalmente per poi sempre lentamente penetrarmi ancora fino in fondo . I miei gemiti si erano placati come le vibrazioni del mio corpo che avevano accompagnato l’orgasmo quando ad un tratto Lui affondo con vigore , una volta , una seconda volta poi ancora ed ancora ripresi a godere più forte di prima , i miei gemiti divennero alquanto rumorosi fino quasi a urlare il mio piacere ; io godevo e lui affondava con vigore , perfino con foga ; aveva aumentato la frequenza delle penetrazioni , sentivo il mio sesso in fiamme , gonfio e che avvolgeva l’asta in tutta la sua lunghezza chiudendosi e aprendosi ritmicamente su di esso , era pronto a ricevere il suo seme ……infatti di lì a qualche secondo , poderosi fiotti caldi mi invasero e mi pervasero fin nell’intimità più recondita e nascosta ; ansimò per un tempo interminabile , smise di eruttare calore poi si ritirò e prima di sollevarsi mi diede un dolce bacio sulla fronte , si tirò su i pantaloni ed usci . Intanto che lui si dirigeva verso la porta , caldi rivoli di liquido seminale cominciarono a fuoriuscire dal mio sesso , rimasi immobile avvolta nel torpore del peccato !!!

Questo racconto di è stato letto 3 4 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.