La mia collega Claudia ed il mio amico dentista - prima parte

Scritto da , il 2018-01-22, genere etero


Prologo: il racconto che segue è basato su fatti realmente accaduti ed accaduti da poco tempo, forse accaduti solo in parte e forse, in parte, ancora non accaduti! personaggio centrale è Claudia, mia amica e collega di lavoro; chiaramente ho dovuto modificare tutta una serie di dati come ad esempio il nome di alcuni personaggi, luoghi, specializzazioni, sport e particolari vari, al solo scopo di rendere non identificabile i personaggi, in considerazione, ripeto, che trattasi di persone realmente esistenti con una loro vita ed una loro privacy, che va tutelata. Tuttavia se tra i lettori di questa storia dovesse esserci qualcuno che ha conosciuto intimamente Claudia, nonostante che molti particolari siano stati celati, potrebbe riuscire con un po' di intuito e di fortuna ad identificarla; in tal caso sarò disponibile a dialogare con questo fortunato e magari scambiare informazioni intime ed anche piccanti su di lei.

Personaggi della storia:
Claudia Ferris, donna di 53 anni, brunetta, single, di professione medico, ha diversi uomini che le ronzano intorno, ma non le va bene nessuno o quasi; ama il mare e le crociere, le cene a base di pesce ed il cinema; ama fare shopping con le amiche e segue il tennis.
Giuseppe Alliata, 41 anni, dentista e mio grande amico d'infanzia, conosciuto alle elementari, sposato con una figlia e donnaiolo mai pentito. Ama la montagna, i cani e le corse in bici.
Il sottoscritto Roberto Cuccia, medico, 55 anni, amico e collega di Claudia; innamorato perso di lei e chiaramente non corrisposto o quasi.


Una città della Sicilia, una lunedì mattina verso le 8.00, al lavoro in ospedale.

Sono in ospedale, nella stanza medici, sono qui da un po' a sistemare le cartelle; sento una porta che si apre, si è lei; che strana la vita, dopo tutti questi anni mi fa sempre lo stesso effetto, non riesco a resistere! e dopo di lei il suo odore, inconfondibile, inebriante come sempre!

Io: ciao Claudia come è andato il fine settimana?

Claudia: uno schifo, non mi dire niente.

Io: perché? che è successo?

Claudia: il dente, mi fa di nuovo male, no ne posso più di questo cazzo di dolore!

Io: aspetta, fammi vedere, apri la bocca, ma qual è ? Ah si lo vedo, il penultimo molare, è conciato male!

Claudia: mi fa un male cane e da ieri che bestemmio e prendo analgesici, ma niente, mi sto solo fottendo lo stomaco.

Io: secondo me sta andando in pulpite: Ma l'hai chiamato il dentista?

Claudia: ho chiamato Clara, la segretaria, venerdì scorso e mi ha dato l'appuntamento tra dieci giorni!

Io: ma che dici, tra dieci giorni? Non puoi aspettare dieci giorni! Ma hai parlato con lui direttamente?

Claudia: no, ti ho detto con la segretaria, ma che parlo con i sordi? io non ho il suo numero personale e non mi fare innervosire che mi aumenta il dolore.

Io: aspetta che lo chiamo io Alliata e vediamo se ti vede prima.

Faccio il numero, Alliata è un vecchio amico d'infanzia, se trova un buco non mi dirà di no; e infatti detto e fatto.

Io: ok mi ha detto che ti vede questo pomeriggio alle 16.00;

Claudia: oggi alle sedici, ma alle 16 avevo pilates, cazzo!

Io: e dai.... riesco ad anticipare l'appuntamento di 10 giorni e mi dici che hai pilates!

Claudia: ma perché stai alzando la voce, ho capito, va bene, cerco di farmi spostare la lezione; ok adesso mettiamoci a lavoro anche se sono uno straccio; vado in corsia per il giro, a dopo.

Io: ok io vado in ECO a vedere che fanno i ragazzi; a dopo.



Martedì mattina verso le 8.00, al lavoro in ospedale.

Io: ciao Cla, come stai, come è andata ieri da Alliata? Non mi hai chiamato più per darmi notizie, sono stato in pensiero tutto il pomeriggio!

Claudia: ah si scusa, mi sono completamente dimenticata che mi avevi detto di chiamarti! comunque tutto fatto, all'inizio è stato un casino della madonna, l'anestesia non prendeva, mi ha dovuto fare l'endopulpare, poi terapia canalare e ricostruzione; più di un' ora di lavoro sotto i Ferris. Poi siamo rimasti un po' a parlare, c'era anche Clara; il paziente successivo ha disdetto. Il tuo amico mi ha detto che qualche sera vuole portare me, Clara e suo marito a bere del vino, in un posto fico; gli ho detto che però dovevi venire anche tu, ma lui ironicamente ha detto "ma che porti Roberto che è astemio! quello beve solo coca cola!" Alla fine ho detto che doveva invitare anche te e si è convinto, ha detto che allora ti costringeremo a bere. Comunque il tuo amico è molto bravo, lavora bene e si vede che fa un sacco di soldi e poi è sveglio, dinamico e molto simpatico.

Io: si è bravo altrimenti non sarebbe mio amico; ok allora vedremo di organizzare questa uscita; ma ha detto che porta anche sua moglie?

Claudia: sua moglie? No, anzi ha detto che deve pensare ad una scusa plausibile per giustificare l'uscita! buh problemi suoi e di chi si sposa. Ah, scusa, ti volevo dire se per favore di pomeriggio puoi andare a ritirare la mia macchina dal Alfio, il meccanico, perché io non posso proprio, avevo preso già un impegno con Irene e Sandra per fare shopping, sai abbiamo pensato di andare da Rinella & Labrador a vedere la nuova collezione primavera-estate.

Io: ok ci penso io.

Claudia: sei un tesoro, come farei senza di te.

Andammo a lavorare, ma le parole di Claudia sul mio amico mi avevano scosso e non poco. Ma come, io dopo decenni di dimostrarle il mio amore dovevo fare salti mortali per rubarle qualche momento di intimità e lui, il mio amico, per pochi minuti, già era "sveglio, dinamico e molto simpatico!" Non è che le stava frullando qualcosa in mente? Dentro di me la odiai molto e la maledissi augurandole tutto il male possibile ed iniziai a torturarmi con la mia solita gelosia; ma no, era ancora una volta un disturbo psichiatrico, un dubbio ossessivo! vedrai che tutto di dissolverà mi dicevo, come sempre; ma la gelosia mi aveva pervaso tutto! vidi la sua borsa, la presi automaticamente, sbirciai dentro come per cercare qualcosa, pur non sapendo cosa: il portafogli, le chiavi di casa, le chiavi della macchina, un pacchetto di sigarette, un pacchetto di fazzolettini mezzo vuoto, un lucidalabbra, gli occhiali da sole, una scatola di Xanax da 0.5 mg, mezza vuota, una scatola di paracetamolo da 1000, tre tagliandi per il parcheggio. La richiusi ed andai al computer. Controllai la sua posta elettronica come facevo sempre, ma nulla di eclatante; controllai il profilo Facebook: solite cose, qualche complimento e qualche messaggio un po' troppo affettuoso da parte di un certo ingegnere e di un certo compagno di ballo. Ma niente di sicuro, no, lei è desiderata da molti, lo sapevo, ma non la da' a nessuno! Dopo qualche ora controllo il mio cellulare e leggo un messaggio di Alliata :" Cuccia, pezzo di polpo, stasera devo andare in paese da mia madre a prendere la carne, mi daresti compagnia?" risposi ok, passami a prendere a casa quando finisci. E lui:" ok passo per le 20, ciao polpo".




Martedì sera, verso le 21.00, a casa in attesa.

Alliata: scusa del ritardo ho perso un po' di tempo, ma adesso recuperiamo, per fortuna siamo in una Maserati.

Io: figurati per un po' di ritardo, che dici scusa!

Alliata: allora che mi dici, a casa tutto bene? le tue figlie a posto? E con Orietta come va? dobbiamo organizzare una bella uscita, è da un po' che non lo facciamo.

Io: e lo so, con sto cazzo di lavoro che ti prende tutto il tempo, è diventato impossibile tutto! comunque diciamo che va.

Alliata: sempre separato in casa?

Io: si, praticamente si.

Alliata: ma non avete più rapporti sessuali?

Io: no

Alliata: ma da quanto tempo no ne avete?

Io: ma, da circa tre anni.

Alliata: minchia porco D.., tre anni..... e poi una donna così bella.......ma come fa, puttana della regina, pensi che si veda con qualcuno? qualcuno che la soddisfi intendo? non so, magari col capo?

A quella domanda rimasi un attimo perplesso, ero sicuro che lui non sapesse, ma quando nominò il capo mi venne il dubbio che potesse sapere e per un attimo pensai di rivelargli del tradimento di Orietta, ma mi fermai un attimo prima, forse per pudore e per non passare per cornuto! l'anno prima infatti avevo saputo da mia cognata che Orietta aveva preso una sbandata per il suo capo con cui aveva una relazione da qualche anno; se non che il capo l'aveva poi lasciata per una donna più giovane e di famiglia più in vista e lei si era visto il mondo cadere addosso ed era entrata in uno stato quasi catatonico. Dopo periodi bui durante i quali era divisa tra psicologi e farmaci aveva trovato un periodo di relativo benessere. Alla domanda perciò risposi in modo poco convincente:

Io: ma, non lo so, tutto è possibile! Ma credo di no!

Alliata: e tu, ti vedi con qualcuna?

Io: si, mi vedo con Ornella, ricordi che te ne ho parlato?

Alliata: ah si la ginecologa, si, allora la storia continua.

Io: ma si con alti e bassi, ma è una cosa così, senza amore..!

Alliata: ma porca madosca, ma che dici? amore? Ma tu sei sempre il solito sognatore! devi pensare solo a fottere, capito? Altro che amore. Le donne servono a questo e non a farci logorare dentro! A proposito, oggi è venuta Claudia, la tua collega, era un po' che non la vedevo.

Io: si lo so, ma poi come era combinata col dente?

Alliata: il dente l'ho sistemato, anche se all'inizio l'anestesia non prendeva a causa della forte infiammazione; per fortuna sua non ho dovuto estrarlo, però la devo rivedere ancora, ha una serie di vecchie capsule che voglio controllare, deve fare l'ablazione tartaro perché è indecente e devo rimuovere alcune vecchie otturazioni in amalgama. Comunque stavolta l'ho vista più vitale, non lo so, mi sembrava più positiva....... e poi anche fisicamente mi sembrava meglio del solito, era più magra, capello corto castano, un po' di trucco; sai, non ti nascondo che ho anche pensato di farci un pensierino.

Io: si da quando si sono fatti evidenti i segni dell'invecchiamento cerca di fare tutto il possibile per tenere la carne attaccata alle ossa! palestra, ginnastica ritmica, nuoto, estetista, etc.; tra un po' passerà al chirurgo plastico. Comunque un consiglio, lascia perdere, non va con gli uomini sposati, fidati.

Alliata: ascolta polpo, l'esperto donnaiolo sono io, no? ti dico che se voglio farla cadere, posso farlo quando voglio, stai sicuro.

A quelle parole seguì una sensazione sgradevolissima che iniziava a livello dello stomaco e saliva in alto fino alle tempie, che improvvisamente iniziarono a pulsare; il cuore sembrava impazzito e l'angoscia riprese a farsi strada dentro di me.

Io: amico mio lo sai quanto io ci tenga a Claudia, tu hai tutte le donne del mondo, io solo lei, lasciamela per favore, non provarci, se sei un amico me lo devi.

Alliata: ok sono tuo amico e te la lascio, ma vedi di non fartela fregare da altri, capito? e poi che credi che non frequenti nessuno??? Illuso........

Io: sono sicuro che al momento non frequenti nessuno, l'avrei capito!

Ci salutammo, andai a casa e per i giorni che seguirono quelle parole continuarono a girarmi in testa. Si temevo che lui potesse tradire la nostra amicizia e soffrivo, ma cosa strana era che contemporaneamente, accanto alla sofferenza, la cosa mi eccitava enormemente, tanto che passai i tre giorni successivi a masturbarmi fino a cinque volte in un giorno. Immaginavo scene di sesso tra Claudia ed il mio amico dentista e venivo quasi subito. Una sensazione strana, sofferenza da una parte, eccitazione dall'altra! come era possibile, ero profondamente terrorizzato che tra loro potesse succedere qualcosa, ma contemporaneamente, appena pensavo a scene di sesso tra di loro, mi eccitavo e correvo a masturbarmi? Non trovai risposta.

Sabato sera, verso le 20.00, a casa mia con la famiglia di Alliata.

Da tempo non ci vedevamo con le famiglie e fu una bella serata; dopo cena Orietta mia moglie e Vera sua moglie andarono a parlare in salotto, mentre noi due andammo in terrazza con una bottiglia di Jack Daniels che aveva portato lui e due sigari romeo y julieta ed iniziammo a parlare tra buoni amici.

Alliata: allora che dice la tua amica dottoressa.

Io: al solito, non mi calcola ed io soffro come un pazzo!
Discutemmo a lungo ed io mi aprii completamente confessando tutte le mie paure ed i miei sentimenti più intimi.

Io: capisci cosa mi succede: soffro come un pazzo, ma contemporaneamente per la mente mi passano continuamente strane fantasie; a volte desidero che mi vengano a dire che è stata investita, a volte vorrei che annegasse d'estate, a volte immagino di parlare con uno sconosciuto che mi confessa cose schifose su di lei e che la offende a parole........ a volte mi piacerebbe vederla mentre scopa con un altro uomo.

Alliata: quindi se uno la offendesse a sua insaputa, parlando con te, magari dandole della sgualdrina, come ti sembrerebbe?

Io: mi piacerebbe, almeno nelle mie fantasie; ad esempio adesso mi piacerebbe tu che tu la offendessi, per esempio dandole della zoccola!

Alliata: capisco! allora se ti dicessi che sul riunito, dopo che avevamo finito, mentre parlavamo anche con Clara, lei mi scommetteva con lo sguardo e rideva eccessivamente alla mie battute, in modo ammaliante, che penseresti?

Io: si lo so, lo fa spesso con i maschi, perché in realtà è semplicemente una puttana, si Claudia Ferris è una puttana, una zoccola da quattro soldi, di cui purtroppo mi sono innamorato.

Alliata: continua., mi interessa.

Io: è la pura verità, lei si comporta sempre da puttana!

Alliata: ma non frequenta nessuno per ora?

Io: come ti dicevo, al momento, sicuramente no; in genere lei ha delle storie estive, quando va sull'isola, ma storie passeggere, di poco conto....... anche se questa estate passata mi ha garantito che è stata buona buona........ in città tempo fa ha avuto una storia con un istruttore di danza, una cosa mezza seria e prima ancora con un ex compagno di classe, con cui si erano rincontrati; io lo so perché tengo sotto controllo la sua posta elettronica.....

Alliata: e bravo, la spii??? Ma dimmi, tu non hai mai fatto nulla con lei? di intimo intendo?

Io: certo che si, ogni tanto usciamo la sera, poi andiamo da lei e stiamo un po' insieme.

Alliata: te la scopi?

Io: non ancora, pomiciamo come i matti e poi lei si fa masturbare con le dita fino all'orgasmo; poi mi spara una sega fino alla venuta, ma non sempre, a volte mi masturba un po' ma si ferma nel bel mezzo.........

Alliata: ah tutto qua! allora è proprio una zoccola! E con Ornella?

Io: con Ornella faccio di tutto, anche nel culo gliela metto a sta cagna!

Alliata: bene così mi piaci figghiò! quindi se, per esempio dico, io mi chiavassi Claudia davanti a te, ti piacerebbe?

Io: mi piacerebbe si, anzi ti confesso che adesso che me lo hai detto io lo desidero, è la cosa che desidero più al mondo, soffrire e godere contemporaneamente, dolore e piacere........ ma è un sogno destinato a rimanere tale! Lei non va con uomini sposati e non lo farebbe mai davanti a terzi!

Alliata: senti ho un'idea! per il problema del terzo incomodo è risolto, allo studio ho una doppia stanza con vetro a specchio, tipo polizia americana! per la storia degli uomini sposati, fidati, bisogna toccare il tasto giusto. Ora ti spiego come faremo e lo faremo venerdì prossimo, ecco.........

Nell'ora successiva, in compagnia di una bottiglia ormai quasi vuota di Jack Daniels, mi spiegò il piano nei minimi dettagli. Sapevo che me ne sarei pentito appena fosse andato via, ma sapevo che dopo anni di sofferenza forse avevo trovato la giusta strada per liberarmi dalla sua ossessione!


Lunedì successivo di mattina verso le 8.00, al lavoro in ospedale.

Io: ciao Cla, come va?

Claudia: bene e tu?

Io: bene che hai fatto nel weekend?

Claudia: ma nulla di particolare: sabato pomeriggio per negozi con Irene; poi di sera ci ha raggiunti Sandra e siamo andate prima a farci un aperitivo da Costa Ricca Champagneria e Jazz e poi a cena sul lungomare, da "Aiovalasit's Cruditè & Stuzzicherie", ci siamo trovate bene e tu?

Io: io tutto ok, nulla di particolare. Volevo dirti che ho parlato con Giuseppe Agliata, per uscire, ricordi, ci porta a bere del buon vino, vorremmo fare per venerdì, per te com'è?

Claudia: per me venerdì va bene. Senti ti volevo ringraziare per la macchina e ti volevo chiedere se più tardi potresti passare da casa, ho due casse di arance in macchina che mi hanno regalato e non ce la faccio a portarle su, te ne puoi occupare? e poi un ultimo piacere ti chiedo, se domani puoi passare dalla lavanderia a ritirarmi alcuni vestiti perché io non posso, ho un impegno improrogabile, devo andare a prendere un tè con le amiche, sai non ci vediamo da un po' e non posso disdire. Andiamo in un posto carino, qualche volta ti ci devo portare, all' "Abra che Barba", in via Settimo Minacori, fanno un ottimo tè aromatico azteca para que sirve!

Io: certo cara, ci penso io, lo sai che mi fa piacere rendermi utile; e......, senti, ti volevo dire...... ma noi due quando ci vediamo, noi due soli intendo?

Claudia: venerdì, non ci vediamo venerdì sera con i ragazzi? non siamo rimasti così?

Io: noi due soli intendo, non fare finta di non capite, è un sacco di tempo che noi due...........

Claudia: e che ne so, lo sai che sono incasinata per adesso, non ti ci mettere pure tu dai...., cerca di accontentarti, usciamo venerdì con gli altri, mi pare che ti puoi sentire appagato, no?

Io: ei ma perché fai così? la verità è che per te vengo sempre dopo di tutto e di tutti.....

Claudia: senti adesso non incominciare al solito tuo, non mi rompere i coglioni, sei una lagna, sempre a lamentarti..., che cazzo vuoi?

Io: va bene continua così, non ti preoccupare, tanto poi tutto torna, sarà peggio per te!

Claudia: ecco adesso che fai minacci? Al solito siamo, se non faccio come vuoi tu subito la minaccia e la punizione... non capisco perché ancora non ti ho mandato a fanculo..... adesso mi hai rotto il cazzo, ti devi togliere di torno, hai capito, mi hai rotto, mi hai rotto........ Vai a rompere i coglioni a tua moglie, hai capitoooo??? vai a fare in culo, coglione......

Detto questo urlando uscì dalla stanza lasciandomi solo.

Io: porco D.. mi ha rotto i coglioni questa cagna.................... che gli venisse un tumore maligno........ puttana, voglio che crepi.... puttana della sua regina........... figlia di troia...

Per due giorni non ci parlammo, poi tornò la normalità!

Venerdì sera, il giorno dell'uscita

Andai a prendere Claudia sotto casa, avevamo appuntamento per le 18, visto che si era deciso per un'apericena nel locale "Scaccio, Fracarro e Pizzicore" un locale chic della città bene; come sempre scese dopo circa 45 minuti...... e la trovai irresistibile più che mai...... era stata dal parrucchiere il pomeriggio a fare il colore, pulizia viso completo, manicure; aveva un trucco leggero ed indossava una minigonna nera, stivali, camicetta di seta bianca scollata che metteva allo scoperto il collo e parte del petto adornato da una collana costituita da una catenina sottile d'argento che reggeva un pendente a forma di C. Non portava, come sempre, altri gioielli, quindi niente bracciali, anelli, orecchini! la salutai con un tenero bacio sulle labbra e subito fui investito dal suo profumo inebriante...... le dissi che era stupenda ed irresistibile. La discussione però nella macchina non prese una piega buona.......

Claudia: mi raccomando quando siamo a cena, non rompere i coglioni al solito tuo, mi raccomando....

Io: in che senso, perché mi dici questo?

Claudia: voglio dire non fare discorsi del cazzo tipo il vino fa male, il fumo fa male, non bere, non fumare e soprattutto non parlare di lavoro, perchè rompi solo i coglioni alla gente e diventi pesante, capito? Fammi fare il cazzo che voglio e poi, altra cosa, non ti sedere accanto a me, non voglio che la gente pensi che stiamo insieme; noi non stiamo insieme! hai una bella moglie e una bella famigliola ed io non voglio passare per l'amante di nessuno, quindi mi raccomando........... non mi toccare la mano, non mi guardare in modo dolce; voglio passare una serata spensierata..... cerca di stare al tuo posto, fai finta che io non ci sia, capito? stai attento a come ti muovi altrimenti questa è l'ultima volta.......

Io: ok Claudia sarò stare al mio posto, non ti disturberò.

Claudia: vabbè adesso non fare la vittima e levati questa faccia da cazzo... allegria su forza allegria, che hai la faccia da funerale.

Arrivammo verso le 19.20, gli altri erano già là da un bel po', Giuseppe, Clara la segretaria con il marito ed una coppia di amici di Giuseppe, Domingo e Lorenza.
Trascorremmo una serata strana in cui da una parte soffrivo come un matto per l'indifferenza di Claudia nei miei confronti e per la gelosia crescente nel vederla rivolgere attenzioni verso altri ed dall'altra parte la consapevolezza che da lì a poche ore, tutto avrebbe forse preso una piega diversa. Parlava senza sosta prevalentemente con Giuseppe e con Domingo e rideva in modo eccessivo alle loro battute idiote...........

Alliata: Claudia e tu d'estate vai sempre nella tua isola?

Claudia: sempre e come potrei farne a meno, le mie tre settimane me le faccio sempre...... mare, sole, cibo genuino, buon vino....

Lorenza: e bei ragazzi no?

Claudia: certo che si e che ragazzi! dei gran manzi!

Domingo: Giuseppe sai che il mio amico è rimasto contentissimo di te, dice che non ha sentito nulla!

Claudia: si a chi lo dici, Beppe è bravissimo, non fa sentire niente e poi sa trattare i pazienti.....; la settimana scorsa mi ha sistemato un settimo superiore che era perso....

Lorenza: Claudia ma vedo che tu lo bevi volentieri il vino?

Claudia: diciamo che da quando bevo con regolarità riesco in una cena, pasteggiando, a bere anche una bottiglia e mezza di vino.

Domingo: allora aspetta che rimpinguo il bicchiere della dottoressa......

A seguito di queste parole Lorenza, che evidentemente conosceva bene suo marito, lanciò un'occhiataccia a Domingo, avendo capito, da come si comportava con Claudia, che avrebbe voluto farsela!

Domingo, indifferente ai richiami non verbali della moglie, riempì fino all'orlo il bicchiere di Claudia che bevve tutto d'un fiato...... Claudia mangiava poco, beveva molto; fino a quel momento aveva bevuto due Negroni come aperitivo e circa un litro e mezzo di Barbaresco........ Aveva anche fumato molto...... normalmente fumava circa 2 pacchetti di Marlboro e quella sera, in poche ore, ne aveva mandate giù una decina.....
Si parlò di svariati argomenti dai viaggi, alle amicizie, al rapporto uomo-donna, ai trucchi ed ai gioielli......

Lorenza: Claudia ho notato che tu non porti orecchini, come mai, c'è un motivo particolare o no?

Claudia: no, io no ne uso.

Lorenza: ma forse non hai i buchi nei lobi? se vuoi ho un'amica che è brava a farli, sai ti starebbero bene un paio di orecchini sull'abbronzatura....

Claudia: no i buchi li ho, solo che no ne uso da tempo..........

Lorenza: vedi che poi i buchi si chiudono.....

Claudia: ma no, quando faccio la pulizia del viso, Giusy la ragazza addetta, mi pulisce i buchi per evitare che si chiudano.

Lorenza: secondo me staresti benissimo, perchè non provi qualche volta a metterli, vedi che ti starebbero bene veramente.

Claudia: buh, vedremo; piuttosto ho deciso di farmi un tatuaggio......

Io: ma dai....... che fai ste cose tasce......

Alliata: e dai Roberto, ma sei sempre il solito rompino..... lascia vivere.

Claudia: meno male che ti conosce il tuo amico; ti avevo avvisato in macchina, poi facciamo i conti ..........

Lorenza: e che tatuaggio?

Claudia: penso una farfalla o un delfino.......

Domingo: mi sensuale, una bella farfalla nera, ti starebbe da dio!

Claudia: oppure mi piacerebbe anche un bel piercing ombelicale!

Lorenza: ma come tu non porti orecchini e vuoi il piercing ombelicale?

Clara: in fondo si tratta dell’accessorio tra i più amati dalle donne: è seducente, senza essere volgare; è trasgressivo, ma non eccessivo; è facile da nascondere quando è richiesta una certa presenza al lavoro. Sono sempre più numerose le ragazze che si avvicinano al mondo dei piercing ed anche donne mature lo usano..........

All'orario convenuto Giuseppe mi fece squillare il telefono ed io feci finta di rispondere a mia moglie.

Io: ciao Orietta, tesoro dimmi; ma dove, sotto l'ombelico? ah, in basso a destra? ma hai febbre? misurala che io arrivo subito...

Io: ragazzi scusatemi, ma mia moglie...forse un attacco di appendicite....... scusatemi... Claudia tu vieni con me, ti lascio a casa?

Alliata: non ti preoccupare, vai tranquillo, la lascio io a casa, dai......

Claudia: si vai, rimango volentieri un altro poco, ci vediamo lunedì.

Io: ok allora ragazzi alla prossima, ciao a tutti, ciao Giuseppe, Ciao Cla.

Alliata: ragazzi, un po' di amaro???

Claudia: ragazzi invece dell'amaro, vi andrebbe di farci portare del cocktail Margarita, vi va? Per chiudere in bellezza!

Alliata: ok perfetto, Margarita allora!

Corsi con la macchina allo studio di Alliata, lui mi aveva dato le chiavi, entrai restando al buio, richiusi la porta a chiave, staccai la luce, raggiunsi la stanza segreta, mi chiusi dentro a chiave ed aspettai. Il piano era che lui con la scusa di modificare un appuntamento ad un paziente doveva passare dallo studio, dove doveva perdere un po' di tempo e quindi non poteva lasciare lei sola in macchina. Passo tempo, circa un'ora e mezza, ma dove cazzo erano! ad un certo punto un messaggio di Alliata: "arriviamo".
Ma in che cazzo di guaio mi stavo andando a cacciare! che cosa stavo facendo! fui assalito da dubbi e soprattutto da una consapevolezza di stare facendo una cazzata. Ma che volevo ottenere, stavo mettendo la donna che amavo nella mani di un altro..........
Improvvisamente sentii la porta aprirsi; come avevamo stabilito, avevo staccato la luce.

Alliata: Claudia accomodati, faremo in un attimo, tempo di inserire questa visita e ti accompagno a casa.

Claudia: tranquillo, non ci sono problemi, nessuno mi aspetta!

Alliata: ma qui si è staccata la corrente, vieni, aspettami davanti a questo specchio che vado ad accendere.

Alliata lascia Claudia davanti al falso specchio e si avvicina al contatore della luce.

La guardo da dietro lo specchio, è bellissima, sensuale, completamente sbronza, sicuramente ammaliata da Giuseppe, sono sicuro che lui non le è indifferente! Vediamo che succede......

Alliata: eccomi, ci vorrà qualche minuto prima di accendersi.

A quel punto Alliata si porta dietro Claudia e le cinge la vita delicatamente avvicinando la bocca al suo orecchio destro, io vedo la scena da dietro lo specchio.

Alliata: dottoressa, è tutta la sera che ti desidero, sei incantevole!

Detto questo avvicina le labbra al suo collo e la bacia delicatamente.

Claudia: Beppe dai, che fai ? stai buonino. Che ti prende.

Alliata: non parlare e lasciati andare, ti desidero come un matto.

Claudia: dai smettila, sei sposato ed io non vado con gli uomini sposati e poi che direbbe Roberto se sapesse, il tuo amico!

Intanto Alliata riprende a ricoprire il collo di Claudia di teneri baci ed immediatamente, in modo quasi impressionante, la pelle di Claudia diventò a "pelle d'oca", essendo il collo una delle zone erogene in lei particolarmente sensibili; socchiuse gli occhi, le partì un piccolo sospiro....

Alliata: Claudia ti voglio, non mi interessa di amici e di matrimoni! Claudia ti desidero, lasciati andare.

A vedere quella scena stavo per impazzire ed ero lì per lì per uscire, ma contemporaneamente sentii il cazzo che mi diventava di acciaio........ continuai a guardare........

Claudia: ti prego non farmi questo, sono mezza sbronza, non voglio, no il collo no, ti prego, no dai il collo no........ non è giusto........ non è giusto......

Con le mani Alliata l'accarezzava tutta sui fianchi, sulle braccia e sui seni, sempre standole dietro; le girò la testa verso di lui ed accostò le sue labbra su quelle di Claudia; uno, due, tre piccoli teneri baci sulle labbra, Claudia non girò la testa, resto immobile, a pochi millimetri dalla sua bocca, guardandolo negli occhi; sentì intenso il suo alito e lui quello di lei. Claudia chiuse gli occhi ed Alliata accostò la sua bocca, con un po' più di forza, alle labbra di Claudia che subito si aprirono lasciando passare la lingua del mio amico che le scivolò in bocca! Iniziarono a limonare come pazzi; Claudia teneva gli occhi chiusi ed aveva guance bollenti e sudate; ora le loro bocche erano al massimo dell’apertura e le labbra erano perfettamente adese le une alle altre; subito dopo le loro lingue grondanti di saliva e completamente fuori dalle bocche lottavano in modo irrefrenabile, attorcigliandosi vicendevolmente e scambiandosi la saliva; ora Claudia allargate le labbra ed aperta completamente la bocca, riceveva la calda ed umida lingua di Alliata, lasciando che le pennellasse con cura tutta la superficie umida del cavo orale e del palato, i denti ed infine, sempre più in fondo, l’ugola e le tonsille; Alliata leccava e succhiava con avidità e decisione e ritmicamente immetteva abbondante saliva calda e vischiosa dentro la sua, costringendola ad assaporarla per poi ingoiarla avidamente. Alliata le fece aprire al massimo la bocca e le chiese di uscire tutta la lingua fuori, quindi la prese dentro la sua bocca ed iniziò a succhiarla. Vedere la lingua di Claudia succhiata dal mio amico dentista fu una sensazione indescrivibile; si vedeva che a Claudia piaceva la sua saliva, la gustava a fondo prima di ingoiarla. Dopo una decina di minuti che pomiciavamo avidamente Alliata riprese ad accarezzarle i seni causando l’inevitabile erezione dei capezzoli, ora ben evidenti attraverso la seta della camicetta;

Alliata: Claudia hai delle belle tette sode, mi fai impazzire dalla voglia.....

Lei lo lasciò lavorare e lui non trovando praticamente alcuna resistenza, si avventurò a sbottonarle la camicetta ed infine gliela tolse. Sempre da tergo iniziò ad accarezzarle con entrambe le mani il reggiseno bianco, quindi le girò la testa verso di lui e riprese a baciarla avidamente e lungamente con la lingua!

Alliata: vedo che ti piace essere toccata.............

Alliata allora dopo averle fatto mettere le mani dietro la nuca, con un colpo secco le sfibbio il reggiseno che cadde giù. Si mise davanti a lei ed ammirò le sue mammelle, solo lievemente cadute, ma ancora sode, con piccole e lisce areole, solo poco più scure della pelle circostante e centrate da piccoli capezzoli ormai induriti.

Claudia; abbracciami, accarezzami il seno! mi piace.......

Lui iniziò a palparle a fondo le mammelle, strizzando a tratti i capezzoli fino a farla sobbalzare dal dolore.

Alliata: madonna che vacca che sei Cla; dimmi che sei la mia troia e che sei una grande puttana, una che va col primo venuto.........

Claudia: Si, è vero sono una gran troia, la tua troia, sono una troia d'alto bordo e vado con il primo venuto, già alla prima sera, come ho fatto con te; toccami ancora, non smettere ti prego............

Alliata: si lo sei e come se lo sei, sei una troia alcolizzata; adesso fammi succhiare le tette e mentre lo faccio pensa a Roberto; chissà quanti maschi le hanno succhiate! vieni qua che stasera sei la mia troia....

Claudia: voglio la tua lingua sui capezzoli, dai......, succhiami il seno....succhia......

Alliata si avvicinò al suo petto e uscita la lingua iniziò a leccarle ed a succhiarle le tette con avidità indescrivibile: una per volta leccava tutta la cute della mammella, soffermandosi sull’areola dove passava la lingua descrivendo cerchi concentrici, quindi si dedicava al capezzolo che prima leccava con passaggi ritmici e rapidi e poi, introdottolo in bocca, succhiava; infine tentava di introdursi tutta la mammella in bocca, per poi poppare.
Continuò a baciarla ed ad abbracciarla con le sue braccia da vero maschio, toccandola tutta e soffermandosi sul culo che iniziò a palpeggiare!

Alliata: Cla hai un culo da favola, si vede che fai sport, bello tonico.

Claudia: si lo so, me lo dicono tutti che ho un bel culo..........ma non ti fermare, accarezzami tutta e toccami ancora il culo, dai fallo, toccami il culo che mi piace, toccami tutta, trattami da prostituta che mi piace.........

detto questo continuò a palparle il culo, quindi le infilò la mano sotto la minigonna posandola sul tanga nero che Claudia portava sotto; iniziò a sfregare le dita sulla vulva attraverso le mutandine che rapidamente si bagnarono; infilò quindi la mano dentro ed, a quel punto, Claudia iniziò ad ansimare come una cagna in calore.

Alliata: ti piace Cla? vedo che sei già bagnata! vuoi che smetta? mi piace la tua fica rasata, sei proprio una prostituta....

Claudia: mi piace moltissimo, continua a toccarmi la fica, si ancora, ancora.........., dai sgrillettami che mi piace....

Alliata a questo punto la denudo; vidi anche io che aveva la vulva rasata e ripensai all'ultima volta che le avevo infilato la mano dentro le mutande e che nonostante fossi scivolato in basso, non avevo sentito peluria; certo, visto che da parecchio si faceva il colore evidentemente anche i peli della vulva le erano diventati bianchi! per questo aveva iniziato a rasarsi la vulva.
Alliata iniziò quindi ad accarezzare la sua vulva, mentre continuavano a pomiciare, quindi divaricate le grandi labbra iniziò a gingillarle il clitoride per un po', per poi infilarle due dita dentro la vagina; dopo qualche minuto che la masturbava freneticamente con le dita in vagina, estrasse le dita e ricominciò a sgrillettarla! queste manovre regalarono a Claudia intense fitte di piacere miste ad una voglia crescente di cazzo! dopo un po' smise di sgrillettarla e la porto sul divano che era nella stessa stanza e la fece distendere; le divaricò le cosce mettendo completamente in vista la sua vulva! Vedevo le cosce divaricate ed al centro la fessura. Ricominciò a baciarla in bocca con la lingua per poi dedicarsi con esperienza e tenacia al seno, quel seno che più volte avevo palpato e succhiato anche io!

Alliata: adesso voglio leccarti lo sticchio.

Claudia: dai non farmi più aspettare, non resisto, accomodati! adesso sono la tua donna...... voglio sentire la tua calda lingua tra i miei genitali........dai leccamela, leccami la fica, fammi sentire troia..........

Avvicinò allora la sua bocca e tenendo ben divaricate le grandi labbra, iniziò a leccarle la vulva; vedevo la sua calda lingua nella vulva di Claudia e la sua testa tra le sue cosce divaricate; Claudia iniziò chiaramente a provare un piacere indescrivibile, accompagnato da un inevitabile ansimare; si ansimava come una cagna in calore! lui le leccava e succhiava le piccole labbra in modo avido, per poi passare a leccarle abilmente e velocemente il clitoride che diventò turgido e grosso; la vulva si riempì di colata che lui si premurò di assaporare ed ingoiare.

Claudia: madonna, come lecchi la fica tu non me l'ha mai leccata nessuno....... si ancora, continua, ho voglia di cazzo........, continua... leccamela ancora in questo modo meraviglioso....

A questo punto Claudia inizio ad accarezzargli il torace, quindi gli sbottonò e gli tolse la camicia mettendogli a nudo il torace; riprese ad accarezzarlo.........

Claudia: sei bello e sei bravo continua........ ti desidero, ti voglio..........

Claudia iniziò a baciargli il torace ed a leccarglielo con la lingua tutta di fuori; poi gli succhiò i capezzoli, mentre con la mano iniziò a palpargli i genitali attraverso il pantalone che subito sbottonò e fece scivolare giù. Attraverso le mutande si intravedeva un arnese di notevoli dimensioni.....

Claudia: mamma che uomo che sei, è enorme, questa è una proboscide.......

Claudia gli abbassò le mutande ed estrasse un enorme pene in erezione: una verga lunga circa venticinque centimetri dura e venosa, sormontata da un grosso glande lucido e violaceo; sotto uno scroto enorme e pelosissimo. Il mio amico dentista allora la prese per la nuca e l’avvicinò a se e Claudia si trovò così a tu per tu con quell’enorme fallo incredibilmente turgido e paonazzo!

Alliata: allora vuoi il mio cazzo! prendilo, è a tua disposizione pezzo di cagna e troia che non sei altro........ fammi vedere che sai fare, dai fai la pulla........

Claudia sorrise da vera zoccola, quindi lo afferrò e cominciò ad accarezzarlo: teneva quel bastone tra le mani ammirando quel grosso glande lucido e violaceo, caldo e pulsante, rigonfio di sangue; ne sentì il calore e l’odore intenso ed aromatico; se lo passo sul viso, tra i capelli e sulle orecchie; lo odorò ripetutamente quindi lo avvicinò alla bocca vogliosa e lo coprì con piccoli e teneri baci; subito dopo uscita la sua calda lingua, cominciò a fare il suo dovere: iniziò a leccargli il glande ripulendolo dal sottile strato di smegma che lo ricopriva e dal secreto prodotto a causa dell’eccitamento che gli fuoriusciva copioso dal meato uretrale, quindi passò la lingua ripetutamente e velocemente sul frenulo, poi lungo il solco balano-prepuziale e sul meato uretrale; poi leccò con la lingua tutta in fuori l’asta, per tutta la lunghezza, dal basso all’alto e poi di nuovo in basso lungo tutta la superficie e poi ancora più in giù fino a succhiargli i testicoli; sembrava una vera professionista del sesso orale! Ad un tratto Alliata il cui respiro era ormai un ansimare inquietante, le afferrò la testa e le poggiò il suo arnese sulla bocca!

Alliata: dai, adesso succhialo........ devi prenderlo tutto in bocca......

Quindi prese nuovamente Claudia per la nuca e le poggio praticamente il membro sulla bocca e lei, senza più alcun ritegno, allargate le labbra, lo accolse in bocca preparandosi a praticargli un pompino; l’uomo allora iniziò a muoverle la testa avanti e dietro in modo ritmico, prima lentamente e poi sempre più velocemente, stantuffandola a dovere; vedevo quell’enorme mazza di carne scomparire nella bocca di Claudia e ricomparire immediatamente dopo, secondo un ritmo frenetico; sentivo il rumore della suzione che diventava un frastuono da conato di vomito quando il glande le passava tra le tonsille, schiacciandole l’ugola contro il velopendulo; Claudia mentre praticava il bocchino teneva gli occhi chiusi, mentre le sue mani tenevano le cosce dell’uomo

Alliata: dai Cla così, continua a succhiarmelo che mi piace........ sei brava a tirare pompini, si vede che ne hai ciucciato di cazzi!

Improvvisamente Alliata fermò la testa di Claudia, la fece distendere nuovamente sul divano, le prese le gambe e se le mise sopra le spalle, quindi le poggiò il pitone sull'ostio vaginale e fece pressione.
Claudia aveva perso la verginità verso i 25 anni ad opera del suo primo grande amore; adesso che era in menopausa chiaramente le secrezioni erano minime e la sua vagina, anche se adoperata ed adoperata da vari maschi, in virtù del fatto che non aveva partorito, era un po' stretta quindi, per la penetrazione, Alliata dovette fare un po' di forza. Claudia emanò subito un si dai toni particolari ed Alliata, una volta che il pene era entrato tutto dentro la vagina di Claudia, iniziò a muovere il bacino, dando inizio alla monta.
Non credevo ai miei occhi, il mio amico dentista stava chiavando la mia amica.......
Alliata muoveva il bacino tra le cosce di Claudia ritmicamente ed a ogni colpo di reni, il fallo dell'uomo le penetrava a fondo dentro la vagina ormai dilatata, fino a sbattere contro l'utero e la forza trasmessa da ogni colpo di reni si trasmetteva al corpo di lei che sobbalzava in dietro secondo un ritmo sicuramente non lento, neanche veloce, ma certamente armonico e costante; ogni colpo di reni Claudia sobbalzava in dietro, le sue mammelle sobbalzavano anch'esse e anche la collana che portava al collo col pendente a forma di C sobbalzava indietro in un gioco ritmico e simmetrico! Con le mani l'uomo le accarezzava tutto il corpo soffermandosi a palparle le tette; un paio di volte le diede un paio di schiaffi, non violenti, anche se fastidiosi a vedersi.......

Claudia: ah che bello, dai fottimi, fottimi, sono la tua troia, la tua cagna in calore, la tua pulla...... baciami dai, ne ho voglia......... ah così ancora, si dai chiavami, sfondami l'utero dai. L'uomo si fermò, estrasse il pene e ricominciò a baciarla con la lingua, poi la mise alla pecorina, la sculacciò energicamente per un po'.

Claudia: no, nel culo no!

Alliata: tranquilla......

Si limitò a leccarle l'ano per pochi secondi, per poi dare una ripassata con la lingua alla vulva; appena finì di lavorare di lingua, subito la penetrò da tergo riprendendo a montarla.

Claudia completamente sconvolta e fuori di se, iniziò a godere come una vacca.

Claudia: ah si mi piace alla pecorina, dai fottimi, fammi sentire troia.......perchè non ti ho incontrato prima ?

Aveva la faccia congesta e sudata e gli occhi simili a quelli di una tossica; a tratti si mordeva le labbra come per trattenere i lamenti, a tratti posseduta dal desiderio usciva la lingua succosa e grondante di saliva e si leccava le labbra simulando alla perfezione un’attrice hard all’azione; a tratti inarcava il collo all’indietro ed aperta completamente la bocca emanava caldi e ovattati
sospiri di piacere!
Ad ogni colpo di bacino di Alliata, vedevo una vibrazione superficiale delle mammelle, i capelli corti anch'essi si muovevano, ma soprattutto il ciondolo a forma di C si muoveva avanti e indietro come un matto. Con le mani Alliata le accarezzava tutto il corpo soffermandosi a palparle energicamente le tette; un paio di volte insalivate le mani con la propria saliva, le passava sulle tette spalmandole a dovere!

Alliata: vedo che stai godendo puttana che sei! sei una troia da quattro soldi! voglio sentire che grugnisci come una scrofa mentre godi. Cerca di venire puttana...........

Di tanto in tanto Claudia ormai completamente fuori di se girava la testa verso l’uomo ed uscita la lingua dalla bocca, si leccava le labbra trasmettendogli il desiderio di avere la sua lingua e lui gliela concedeva ben volentieri, limonandola a dovere.
Dopo qualche minuto Claudia inarcò al massimo delle possibilità la schiena all’indietro, contrasse tutti i muscoli del suo corpo ed aperta la bocca vogliosa assunse l’espressione da orgasmo e venne, emettendo un urlo di godimento lunghissimo e totalmente disinibito!
Alliata ancora non veniva e continuava a montarla.

Claudia: voglio che te ne vieni, dai, vienimi dentro.........

Subito dopo anche l’uomo raggiunse l’orgasmo, emanò un grugnito da cinghiale e le venne
dentro, allagandole la vagina di sperma.
Si staccarono a si distesero supini sul grande divano uno accanto all'altro; Claudia sudata prese una sigaretta dalla borsa e l'accese; vidi che dalla sua fessura usciva un rivolo di sperma..... nella stanza calò un po' di imbarazzo........

Alliata: scusa per le parolacce, ma sai, era la foga del momento...... senti, hai goduto, vero?

Claudia: si certo, non hai sentito che sono venuta........ è stato bello, sei stato meraviglioso ed instancabile; mi sento come se mi fosse passato un TIR addosso......
A quel punto partì un bacio alla francese, breve ma intenso.......

Alliata: senti parlami un po' di te, ti va?

Claudia: volentieri, cosa vuoi sapere, chiedi pure ogni cosa, con te non voglio avere alcun segreto............

Alliata: volevo sapere della tua vita sentimentale e del rapporto con il Cuccia;

Claudia: il mio primo amore fu all'età di venticinque anni, un uomo più grande, quarantacinquenne, peraltro sposato...... Ci conoscemmo d'estate e fu subito passione.

Alliata: con lui hai perso la verginità? con uno sposato?

Claudia: si con lui, strano lo so; siamo stati insieme per tre anni; lui era di Firenze, ma trovavamo il modo di vederci..... poi si stancò di me e mi tradì con un'altra e da allora non mi sono più fidata di voi maschi. Qualche anno fa ho avuto una relazione col maestro di danza moderna che allora praticavo...... è durata circa un anno e due anni fa con un mio compagno di scuola per pochi mesi. Poi ci sono gli amori estivi, quando capita, ma nulla di duraturo. Adesso sono single.

Alliata: ma con gli amanti estivi che ci fai, ci scopi?

Claudia: qualche volta è successo, ma solo qualche volta! altre volte abbiamo solo pomiciato........

Alliata: ed il Cuccia?

Claudia: Roberto è un collega eccellente ed un ottimo amico, anzi il migliore, ma non è mai scattato l'amore........ almeno da parte mia...

Alliata: ma per lui non è così, lui ti ama alla follia e secondo me tu ne approfitti un po' troppo!

Claudia: vedi, Roberto fa anche parte dei miei "cavalier serventi", ne ho tre in città: sfrutto il loro amore per alleggerirmi la vita, per un aperitivo quando voglio, un'uscita, un cinema, sbrigare pratiche, etc. Come ti ho setto io sono single e no ne posso fare a meno!

Alliata: ed un po' di sesso?

Claudia: anche! Con Roberto quasi niente, ci baciamo, a volte ci tocchiamo un po', quel tanto che basta a tenerlo legato a me; con gli altri due devo accontentarli un po' di più....

Alliata: in che senso, gli fai pompini?

Claudia: adesso perché sei volgare? comunque si, si arriva a volte a rapporti orali.

Alliata: completi, cioè ti eiaculano in bocca?

Claudia: si completi, mi vengono in bocca ed ogni volta mi rompono il cazzo che vogliono che ingoi; ma a me lo sperma mi fa schifo, non mi piace e quindi lo sputo; chiaramente non ci scopo con loro. Ma scusa, Roberto ti ha detto qualcosa di noi?

Alliata: no assolutamente, ho intuito e penso però che con lui dovresti essere più disponibile.........

Claudia: non ci riesco, fisicamente non mi attizza e poi è una lagna; certo mi fa pena, soprattutto quando ho saputo che la moglie l'ha reso un po' "cornelio".....

A quelle parole rabbrividii! allora anche lei sapeva........

Alliata: ma ne sei sicurai?

Claudia: certo che sono sicura, lo so, lo sanno tutti: tra l'altro so che è una che prima di lui ha conosciuto vari maschi fin da ragazzina! tre anni fa ha cornificato il marito col suo capo a tal punto che adesso lui quando passa dalle porte deve stare attento a non sbattere le corna; e si dice in giro che era anche finita in un brutto giro, prostituzione di alto bordo.

A sentire queste parole restai di stucco! Questo no, no ne sapevo nulla, Orietta no, non è possibile.........

Alliata: ma mi sembra una bufala!

Claudia: dai non farmi parlare, so che girano filmini su internet in cui lei partecipa a delle gangband, lasciamo perdere.... e poi si vede subito che è una mignotta!

Alliata: ma, non so che dire.......

A questo punto, erano circa le tre di notte e dopo una mezz'oretta di discussione Alliata si mise di fianco ed inizio a guardare Claudia mentre con la mano le accarezzava dolcemente i capelli, poi con il dito indice le sfiorò delicatamente le labbra; si avvicinò e riprese a baciarla in bocca, prima delicatamente, poi in modo voluttuoso, con la lingua.

Claudia: che fai? hai ancora voglia? ma sei insaziabile....

Alliata: si, mi è venuta voglia di chiavarti ancora.

Alliata iniziò nuovamente ad accarezzarla ed a palparle il seno.

Claudia: baciami ancora, ne ho voglia.

Iniziarono a pomiciare avidamente come due adolescenti, con la lingua, mentre io iniziai a masturbarmi per la terza volta! Claudia prese in mano il suo bastone nuovamente duro come una barra d'acciaio e lo avvicinò alla bocca ed uscita la lingua, cominciò a leccarglielo; leccava il glande ripetutamente e velocemente per poi passare la lingua tutta in fuori lungo tutta l’asta per tutta la lunghezza dal basso all’alto; Alliata il cui respiro era ormai un ansimare crescente, le afferrò la testa e le poggiò il suo arnese sulla bocca.......

Alliata: dai succhiamelo ancora;

Lei pienamente concorde, allargate le labbra, lo accolse in bocca; Alliata quindi iniziò a muoverle nuovamente la testa in modo ritmico, prima lentamente e poi sempre più velocemente, stantuffandola come si deve.

Alliata: dai girati, mettiti alla pecorina, che ti voglio fottere di nuovo da tergo!

quindi le infilò il pene nella vagina da tergo ed iniziò a chiavarla, mentre con le mai le palpava le tette; mentre procedeva la monta, Claudia iniziò nuovamente a godere, agitandosi ed ansimando come una cagna in calore.
Alliata, preso dall'eccitazione iniziò a rivolgerle nuovamente vari epiteti poso edificanti, ma che comunque a letto possono starci...

Alliata: dai godi sporca troia e mentre ti chiavo pensa che al posto mio ci sia uno dei tuoi "cavalier serventi"; vedi come ti sto fottendo pezzo di puttana in calore, lo sai che sei una grande troia, una merda di donna; lo sanno tutti che prima di me altri ti hanno adoperato, pratichi rapporti orali; pensa ai tuoi ex, all'istruttore, al compagno di classe e agli amori estivi... immagina di essere violentata da un paio di nordafricani....; fai la preziosa vero? ma a me sono bastate due ore per portarti a letto.......

Claudia: ah si come godo, uhhhsssss che bello, dai montami come si fa con una vacca.........spaccami la fica, amore, voglio che te ne vieni, dai, vienimi dentro, ne ho voglia".

Claudia sentendo l'orgasmo vicino, iniziò a contorcersi, quindi venne per la seconda volta, urlando come una zoccola da bordello.

Alliata: sei proprio una cagna, che ti è successo? non pensavo che fossi cosi zoccola quando godi!

Alliata aumento la velocità della monta in maniera frenetica, quindi esplose emettendo lamenti animaleschi e le sborrò nuovamente dentro;

Alliata: vengo, vengo brutta troia........... ah si, ti sto riempiendo come una cagna............., madonna che fottuta .......... sei proprio una zoccola.....

Si staccarono a si distesero nuovamente supini sul grande divano uno accanto all'altro; Alliata passo a Claudia qualche fazzolettino di carta, avendo visto che colava sperma dalla vagina, Claudia si asciugò la vulva, quindi prese un'altra sigaretta dalla borsa e l'accese...

Claudia: mamma mia che nottata, sono esausta, ma felice; erano anni che non venivo sbattuta così! Sembravi un martello pneumatico... Senti, perchè non ci frequentiamo, ti va?

Alliata: mi piacerebbe, ma con Roberto come la mettiamo.

Claudia: naturalmente lui non deve sapere nulla di noi, geloso com'è quello ci ammazza tutti e due....... credimi non deve sapere nessuno.

Alliata: ok per me ok, allora da questo momento posso considerarti la mia amante?
Claudia: certo tesoro..

Detto questo partì un altro bacio alla francese, poi un secondo, un terzo ed un quarto. A quel punto erano circa le cinque del mattino, si rivestirono non prima di essere andati in bagno a vuotare le vesciche ed uscirono.
Al segnale convenuto via sms uscii anch'io ed andai a casa.

Questo racconto di è stato letto 4 8 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.