Erotici Racconti

Imparerai. {Parte II}

Scritto da , il 2018-01-09, genere dominazione

Occhi negli occhi, inizio a leccare la punta come mi hai insegnato tu. Ballo sul frenulo con la lingua, e lasciva ti fisso. Prendo poi metà del dildo in bocca, giro ancora di lingua, e allungo il collo fino a sfiorare col naso la tua mano, che lo tiene dalla base.
Rimango ferma, mi hai insegnato che più manca il respiro, più la mia salivazione si fa importante. Torno su, ripeto il tutto, finché non sei soddisfatto. Mi spingi indietro dalla fronte, una spinta lieve, soltanto di ammonizione.
Ti riporti elegante dietro di me. Dio, quei jeans, come ti stanno..
"Bene, ecco cosa faremo. Sono stanco della tua insolenza, stanco dei miei continui rimproveri e stanco della tua immensa caparbietà nell'essere perennemente recidiva. Che cosa meriti, dunque?"
Deglutisco. "Una punizione."
"E che tipo di punizione?"
Apro lievemente le labbra, fremo, inspiro dalla bocca.
Ho la gola tanto secca che non riesco a parlare, gemo confusa.

"Te lo dico io" continua lui, passeggiando sornione sempre dietro di me "che tipo di punizione. La frusta mi ha stancato, non mi diverte più, e diverte fin troppo te.
Facciamo un gioco, ti va?"
E nel frattempo che lo dice posso sentire il suo sorriso da squalo mentre, con una mano, mi arpiona a sè il fianco, e con l'altra conduce il dildo sul mio ancora, e sembra per poco, fiore proibito.
Lo appoggia, sento l'umido della mia saliva, il duro del materiale freddo.
"Ti prego non farmi questo, è la prima volta" ho la voce rotta.
"Credi che me ne freghi un qualche cazzo di niente?" È un attimo e non l'ho più dietro, non sento più niente vicino al violarmi, il tempo di rendermi conto e gia la sua mano attanaglia il mio collo, più forte del dovuto, e bevo solo un filo d'aria.
"A me non interessa della tua verginità. Non mi interessa di prendermela, a me di essere il primo non mi interessa. Ma l'unico, si, voglio esserlo. Se c'è un candore che voglio macchiare, è solo la tua testa. Voglio quella, voglio che tu non riesca nemmeno più a pensare senza di me. Ora non voglio sentire più un fiato, più una parola di senso compiuto, o ti giuro che varcherò l'uscita per tornare mai piu. E tu non vuoi questo, mia piccola e testarda puttana."
Mi inchioda così, fissandomi e usando il suo solito tono pacato e autoritario. Allenta la pressione sul collo, si avvicina alla mia bocca semiaperta, fa per sfiorarla, non ci credo, sta per appoggiare le sue labbra sulle mie, basta solo questo, basterebbe a rendermi arresa ad ogni tuo desiderio, ti prego baciami..
"Sei davvero divertente" mi sorride sulla bocca e si alza repentino, lasciandomi cedere il collo per la sorpresa di non.aver più il sostegno della sua presa, e lasciandomi vuota e priva persino della speranza che lui stesso mi aveva dato un attimo prima.

"Non una parola." E lo sento spingere nel mio culo, con poco riguardo, e nel frattempo il dildo si è anche asciugato un po'.
Mi sforzo con ogni fibra del mio essere, ma il dolore è inizialmente lancinante, mi sfugge un gridolino, e sento le guance lavarsi con le prime lacrime.
Mi sento piena e aperta, oscenamente aperta, troppo aperta.
Sento un'altra presenza, che si fa largo tra le mie grandi labbra, per poi tuffarcisi dentro.
Il dildo è fermo, per metà, dentro di me, e le sue dita lo sono invece totalmente.
Le tira fuori piano e assaporo per ogni centimetro quel caldo contatto,
finché son di nuovo vuota davanti. Sprezzante, sogghigna e sempre da dietro mi invade la bocca con le stesse dita, e mi arpiona così.
E le sue dita, sono vergognosamente fradice e salate. Io, lo sono.
Sto colando, incessantemente.
Ancora in quella posizione, con un deciso e sfrontato colpo di polso, infila il cazzo finto tutto dentro il mio culo.
Vorrei balzare in avanti ma non posso, ma a questo punto urlo, e torno tesa.

Mi lascia, totalmente, e mi accascio rannicchiata sulla poltrona, lacrimante e lacrimevole.
Lui è in piedi, serio, che mi guarda ma non si commuove. "Scendi."
Striscio letteralmente giù, arrivo al pavimento, coperto dalla moquette che tanto mi piaceva quando sono entrata qui la prima volta.
Non so che posizione assumere perche qualsiasi modo mi procura dolore, automaticamente torno a quattro zampe, in disequilibrio, pericolante.
Lui si siede, indifferente, prende la bottiglia di vino, se ne versa un po' nel bicchiere come se io non ci fossi, chiude gli occhi e ne beve un sorso. So bene quanto ama il vino, e così, con gli occhi nascosti e il corpo rilassato, sembra quasi umano.
Ma è un attimo.
"Gattona, per tutta la stanza, finché non mi sarò stancato. Scontato è dirti che non voglio udire il benché minimo disturbo "
E nella più totale indifferenza, afferra un giornale quotidiano;
"Piangi quanto vuoi, ma fa che non ti senta."








*****
Dal prossimo "episodio" se così vogliamo chiamarlo, ci sarà più sesso, più"volgarità", ma il dialogo resterà una parte importante, perché per descrivere l uomo in questione, serve esattamente il connubio tra cio ce dice, come lo dice, e come lo fa.
Per la ragazza, la me in questione, ci vorrà piu tempo per delinearne chiaramente qualche tratto.
Alcuni, già li si possono intravedere.

Sempre aperta alle critiche , vi ringrazio immensamente.
Anaïs1995

Questo racconto di è stato letto 2 6 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.