Erotici Racconti

Si accettano caramelle dagli sconosciuti - II

Scritto da , il 2017-11-24, genere dominazione

Camminare sui masegni sconnessi di Venezia con tacchi, borsa e trolley, è una tortura. Farlo con le palline cinesi, mi accorgo subito di quanto sia ancora più difficile. Sembravano così quiete, mentre ero seduta in treno… ora le sento muoversi ad ogni passo! I miei muscoli più interni le abbracciano, accrescendo la mia già forte eccitazione.

Lui cammina spedito, una manciata di passi avanti a me. Lo vedo appena, nella penombra che avvolge la città. Non riesco a raggiungerlo, e lui nemmeno si volta a guardarmi; dà per scontata la mia presenza. Osserva, di tanto in tanto, le vetrine colme di cianfrusaglie cinesi. Mi cerca nei riflessi del vetro? Non ne sono sicura. Mi irrita terribilmente.
Davanti a noi, la calle principale è bloccata. Un gruppo di turisti ha scelto, al solito, il punto più stretto per fermarsi a chiacchierare. Io conosco Venezia come le mie tasche, ma quest’uomo algido e sicuro di sé non può saperlo. Prendo una calletta a destra. Un paio di svolte e sono di nuovo sulla via principale, ben più avanti di lui che ha dovuto farsi largo tra la piccola folla. Lo vedo guardarsi intorno, stupito. Mi cerca! Quando infine mi vede, scuote la testa e ride. Per un attimo sembra quasi allegro.

“Questa me la paghi, ma ti è riuscita davvero bene gattina”
“È la seconda cosa che mi riesce bene oggi, mi pare” mormoro guardandolo di sottecchi.

Sbuffa ma non risponde, tuttavia prende il mio trolley. Lo porta per me. Proseguiamo finalmente affiancati. Abbiamo lasciato la stazione da una ventina di minuti, siamo alla fine della Strada Nova, e io non ne posso più. Le sfere non cessano un attimo di muoversi, vibrare, ondeggiare sollecitando i miei muscoli. È una stimolazione continua, senza speranza d’appagamento. Mi appoggio ad un muro, sfiancata. Mi sorprendo non poco quando si avvicina e mi abbraccia… Quante sfaccettature diverse ha quest’uomo?

“Mi tremano le gambe” bibiglio in un soffio.
“Un altro quarto d’ora, poi saremo soli”.

Rassegnata, mi stacco da lui. Continuiamo ad attraversare Venezia seguendo il corso del Canal Grande. Non potevamo prendere un vaporetto? Sono in fiamme, e tentata di fermarmi nuovamente, quando lo fa lui. Siamo davanti ad un immobile signorile, non lontano da Palazzo Benzon. Dal giardinetto arriviamo al primo piano; entriamo in un salottino semplice e minimale. Mi sarei aspettata un appartamento sontuoso e carico di arredi lussuosi, vista la zona. Attirano la mia attenzione solo le alte finestre in puro stile veneziano, e la vista parziale sul Canal Grande.

“Vorrai darti una rinfrescata. Seconda porta a sinistra”.
Non sembra un invito e nemmeno un suggerimento. Suona come un ordine. Mi dirigo verso il bagno con non poca delusione. Un altro rinvio…
Tra i marmi bluastri, sotto l’acqua bollente della doccia, mi chiedo se non sia il caso di riflettere bene su quel che sto facendo. Nessuno sa dove sono, ed io non so con chi sono. La mia figa, umida e pulsante dopo quella lunga camminata, risponde però per me. Da quanto tempo non mi sentivo così? Per quanto tempo sono tornata a casa sola, una sera dopo l’altra, a perdermi tra le lenzuola e sognare chi non c’è? Al diavolo, non ho nessuna voglia di essere prudente. E nemmeno di pensare.

Una decina di minuti, avvolta in un abito pulito, lo sorprendo a cucinare.

“Accomodati.”
Mi accoccolo su una sedia, sotto il suo sguardo vigile.
“In qualsiasi momento, una parola e ti riaccompagno a casa. Chiaro?”
Sorrido annuendo, mi piace quella rassicurazione.

Con movimenti lenti si posiziona alle mie spalle ed avvicina le mie mani, dietro lo schienale. D’istinto intreccio le dita. Deposita un bacio sulla mia tempia, che interpreto come un segno di approvazione. Mi accarezza le gambe, lento e sensuale, e porta entrambi i miei piedi il più indietro possibile. Di certo nota il mio respiro che accelera appena. Sono a gambe spalancate! Come un bambino curioso, sbircia sotto la gonna. Sorride carico di lussuria vedendomi priva di intimo, ma non parla ed io neppure.

Poggia sul tavolo un piatto più che abbondante di bocconcini di pollo e patate al forno. Si siede di fronte a me. Gli rivedo negli occhi la stessa luce che aveva sul treno, lo stesso sorriso pericoloso. Prende con la sinistra un pezzetto di pollo, e poggia la destra sulla mia coscia. Mentre mi avvicina il cibo alla bocca, le sue dita raggiungono la mia figa. Senza le palline, sono certa che bagnerei anche la sedia dall’eccitazione. Fremo, sono impaziente e vogliosa.
Quando assaporo il cibo, delizioso, inizia a masturbarmi come se mi conoscesse da sempre. Gemo, ma questo non gli piace. Me lo fa capire con un forte pizzicotto all’interno coscia, che mi causa un sussulto di sorpresa.
Il gioco è chiaro. Mangiamo un boccone a testa, ma mentre mangio e solo per quel tempo, lui mi stuzzica con la punta delle dita. Purché io stia in silenzio: se gemo, ottengo un doloroso pizzicotto. È una lotta prima di tutto con me stessa, tra la voglia di non farlo smettere e l’incapacità di trattenere la mia voce. Quando finiamo il piatto mi sento stremata dalla continua tensione che attraversa il mio corpo. Mi porge le dita della mano sinistra, che lecco con attenzione, mentre continua a torturarmi il clitoride. Abilissimo.
Anche quando io mi fermo, però, lui continua. Sento le gambe irrigidirsi, per quanto immobili. Mi pianto l’unghia del pollice destro nel palmo tentando di resistere. Ho terribilmente caldo, gli spasmi delle pareti vaginali mi fanno percepire ancora più distintamente le palline. Mi mordo le labbra, nel tentativo di restare ancora in silenzio. Non resisterò a lungo, ma non voglio che smetta. Lo guardo con una supplica negli occhi.

“Voglio sentirli ora i tuoi gemiti, gattina.”

È un vero miagolio di piacere quello che esce dalla mia bocca, mentre la sua mano continua a tormentarmi. Sono al limite. Lo supplico con un filo di voce, sperando non si fermi. Non lo fa. Non smette un attimo di fissarmi, mentre io non riesco a reggere il suo sguardo. Mi tiene per istanti infiniti sull’orlo dell’orgasmo. Immobile come mi vuole non posso che gemere a voce sempre più alta ed irregolare. E proprio nell’istante in cui mi sento esplodere, con la sinistra mi sfila in un unico movimento le palline dalla figa.
La sensazione è indescrivibile, fortissima. Vengo contorcendomi sulla sedia, senza che lui si fermi. Vengo singhiozzando dal piacere che non accenna a scemare. E gemo ancora nel momento in cui, tra gli spasmi, affonda in me con due dita. Si arresta solo quando l’orgasmo è così forte e prolungato da essere quasi doloroso.

Mentre recupero il fiato, e i miei muscoli smettono di contrarsi da soli, dondola davanti a me le palline cinesi coperte dei miei umori.

“Vieni, andiamo a letto.”



*****
Come sempre, commenti e consigli sono ben accetti.
Il primo capitolo è qui: https://www.eroticiracconti.it/racconto/31304-si-accettano-caramelle-dagli-sconosciuti-i

Questo racconto di è stato letto 4 5 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.