Erotici Racconti

Si accettano caramelle dagli sconosciuti - III

Scritto da , il 2017-12-01, genere dominazione

La camera è davvero grande per gli standard veneziani. Il letto cattura subito la mia attenzione, nella penombra; ha un’imponente struttura in ferro battuto e lenzuola candide. Lui, mi invita a sedermi sul bordo con un gesto perentorio della mano. Parla poco eppure dice molto, quest’uomo.
Dondola davanti ai miei occhi le palline cinesi, fino a qualche istante prima nella mia figa. Sono coperte della mia eccitazione. Sposto lo sguardo ripetutamente da loro a lui. Il suo modo di osservarmi, con quegli occhi chiari e gelidi, mi provoca l’ennesimo brivido lungo la schiena. È eccitante da morire. Mi sento una Acherontia Atropos, la più bella delle falene, intenta a danzare intorno ad una lampadina, luminosa come e più della luna eppure davvero raggiungibile e capace di ustionare.

“Leccale, gattina” mormora con la sua voce calda.
Sto per avvolgere la prima sfera con le labbra, ma lui la allontana. Sorride, con quell’espressione asimmetrica e sensuale, al vedere la mia perplessità.
“Ho detto lecca… non succhia.”

Inizio a leccare con cura entrambe le sfere. È difficile non farle sfuggire al tocco della mia lingua, trattenute come sono solo da un’esile cordicella. Sentire il mio sapore mi eccita più di quanto io già non lo sia. Dopo il primo e forte orgasmo, così a lungo desiderato, sono tutto meno che sazia.
Una volta soddisfatto, abbandona le sfere sul comodino. Si abbassa a baciarmi, delicato prima e via via sempre più intenso ed animalesco, fino a mordermi le labbra. Sembra mi voglia mangiare. Mi spoglia. Con pochi movimenti studiati, sono completamente nuda davanti al suo sguardo inquisitorio. Non mi permette nemmeno di aprire un bottone della sua camicia. Mi invita anzi a stendermi pancia sotto sul letto, candido quanto la mia pelle. Uno di quegli inviti che non si possono rifiutare.

Non vederlo mi inquieta un poco. Sento rumori alle mie spalle; vorrei girarmi ma non cedo alla tentazione. Credo si stia a sua volta spogliando. Sento un cassetto aprirsi e richiudersi, non so cosa attendermi. Mi sento vulnerabile. Si mette in ginocchio sul letto, tenendomi tra le sue gambe. Un profumo di gelsomino riempie l’aria.
Sento le sue mani sulla mia schiena e capisco. Un massaggio! Un lento, delicato massaggio con della crema al gelsomino. È bravo, di certo non improvvisato. Rilassa i miei muscoli con pochi movimenti. Parte dalle fossette di Venere alla base della schiena e risale più e più volte fino al collo, sinuosamente. Mi sfugge un sospiro, chiudo gli occhi e mi lascio cullare. I gesti cambiano. La pressione diventa maggiore, prende ad usare le nocche. Al rilassamento si unisce la sensazione di avere più di due mani sulla schiena. Diventa rilassante ed eccitante insieme. Desidero di più, più intensità, più contatto. Sono fradicia tra le gambe.
Interrompe gradualmente il massaggio, portando ripetutamente le mani ai lati della mia schiena, verso il seno. Attendo, contorcendomi silenziosamente dalla voglia. Finalmente, la sua mano destra lo circonda frapponendosi tra me e le coperte. Si china a leccarmi e baciarmi il collo, uno dei miei punti più sensibili. Sono in estasi. Mi fa voltare. Come avevo intuito si è spogliato del tutto. Ha il fisico immaginavo, curato ma non in modo maniacale.

Ci perdiamo in un altro bacio, forte e delicato insieme, infinito, mescolato a sospiri e gemiti mentre mi tortura il capezzolo destro con le dita ed il palmo. Quando passa al sinistro, mi inarco sotto di lui. Finalmente mi permette di aprire le gambe, sistemandosi tra di esse. Scende con la lingua dalle mie labbra, passando ancora sul collo, fino a raggiungere il seno.
Contemporaneamente sale con un ginocchio, fino a premere sulla mia figa umida e vogliosa. Succhia, morde e sollecita i capezzoli, alternando bocca e dita, in una danza estasiante. Nel semibuio vedo il suo cazzo svettare. Ne sento l’odore che già conosco. Lo voglio. Mi strofino contro la sua gamba, lasciandogli lunghe scie di piacere.

Allunga la mano a prendere qualcosa fuori dalla mia visuale. Riconosco due mollette di legno da bucato, quando me le mostra. Quel che vuole è evidente, e mentre lo fa mi regala un altro dei suoi pericolosi sorrisi carichi di voglie. Accenni di dolore si diramano dai miei capezzoli, mentre vengono chiusi nella morsa delle mollette.
Mi osserva con quel suo sguardo penetrante, quasi a leggermi dentro, prima di scendere ancora più in basso con la bocca. Deposita una scia di baci dallo sterno al ventre, e poi ancora giù. Sento il suo respiro caldo sul monte di Venere. Fremo di impazienza, mi sento colare. Per lunghi attimi non si muove, non fa assolutamente nulla, resta a guardare le labbra imperlate di desiderio. Mi fa sentire quasi in imbarazzo. Poi finalmente vi si avventa, voglioso e delicato insieme. Sento la sua lingua aprirmi ed esplorarmi, la sua bocca succhiarmi avida. Gioca con il clitoride fremente, lo abbandona per poi tornare a sollecitarlo, provocandomi brividi di eccitazione. Mi spinge ad inarcarmi sempre più, a scontrarmi con la sua stretta salda sui miei fianchi. Vorrei affondare le mani nei suoi capelli, premere il suo viso contro di me. Mi trattengo a stento, stringendo le coperte.

Smette ben prima che io venga. Mi chiedo se veda più dispiacere o più voglia nei miei occhi… Non mi ha ancora permesso di toccarlo davvero, scostando le mie mani ogni volta. Quando ci riprovo, di nuovo me lo nega. Mi alza le braccia, unisce i polsi sopra il mio capo. Gli basta una mano a tenermi ferma.

“Non costringermi a legarti.”

Con l’altra mano è libero di vagare sul mio corpo. Di muovere di scatto il seno, facendo sobbalzare le mollette che rispondono con fitte improvvise. Di scendere ancora tra le mie gambe, tormentandomi ancora con maestria. Eravamo due perfetti sconosciuti fino a poche ore prima, ma sembra conosca il mio corpo da sempre.

Finalmente mi fa sua. Si fonde con me in un unico, fluido, movimento. Lo fa fissandomi, il viso a pochi centimetri dal mio. Imposta una danza asincrona fatta di movimenti alternati, ora lenti e dolci, ora più secchi e forti. Mi sforzo di reggere il suo sguardo, di lasciargli vedere nei miei occhi come il piacere monti in me. Non è più lui a tener ferme le mie mani, premendole contro il materasso, ma piuttosto io ad aggrapparmi alla sua.
Posso assecondarlo ben poco, con un ritmo così volutamente impossibile da anticipare. Le mollette, strette ai miei capezzoli, causano continue e leggere fitte. Dal seno si dipanano fino a combinarsi con il piacere che dalla figa si spande nel mio corpo. L’unione delle due sensazioni mi avvicina sempre più all’orgasmo.
A lui non piace di meno. Il suo sguardo vaga tra il mio viso ed il mio seno, rapito, e vi leggo sempre maggior desiderio ed eccitazione. Se il rumore liquido tra le mie gambe è inequivocabile, i rantoli che gli salgono dalla gola non lo sono di meno. Quando inizio ad irrigidirmi, lo sento spingere più forte, affondare con maggior veemenza.

All’improvviso si ferma, immobile. Non riesco a trattenere un gemito di disapprovazione, reso subito più acuto da un’intensa fitta al seno sinistro: ha tolto una delle mollette. Gli pianto d’istinto le unghie di entrambe le mani nel polso. Mi sembra un dolore insopportabile, anche se lentamente scema.
Ricomincia a muoversi in me poco prima che la sensazione sia svanita del tutto. L’altra molletta è saldamente al suo posto, ma per poco. È inevitabile. Mi riporta ancora sull’orlo dell’orgasmo, questa volta molto più velocemente di prima. Credo di saper cosa aspettarmi, eppure cambia ancora. Non smette di affondare in me, di muoversi a ritmo incalzante nella mia figa bagnata e pulsante, quando toglie l’altra molletta. La sensazione di dolore è ancora più forte, e si mescola ancora di più con il desiderio ardente di godere.

“Splendida” mormora, lasciandomi sentire tutta l’eccitazione che gli distorce la voce.
Quella singola parola, quel tono nella sua voce, mi condanna. Non contento, ne aggiunge un’altra.
“Vieni”.

Non so se sia un ordine o un’esortazione, non ha importanza. Non v’è altra possibilità. Incapace di sopportare oltre il suo sguardo, per quanto ora più caldo, volto la testa di lato. Mi inarco, mi tendo sotto di lui come la corda di un violino. E lui abilissimo sceglie i ritmi ed i movimenti migliori per farmi vibrare. Preme con la mano libera sul mio ventre, quasi volesse sentire il suo cazzo mentre è dentro di me.
Perdo il fiato solo per ritrovarlo quando il piacere esplode in me, e lasciargli sentire i miei gemiti trasformarsi in un unico acuto. Viene con me, su di me, dentro di me. Viene mescolando la sua voce bassa e roca alla mia, nascondendo il viso sulla mia spalla, mordendomi la pelle chiara fino a lasciarmi i segni dei denti.

Per minuti interi, silenzio. E profumo di gelsomino e di sesso.


*****
Come sempre, spero vorrete lasciarmi commenti e consigli.
Il capitolo precedente è qui: https://www.eroticiracconti.it/racconto/31395-si-accettano-caramelle-dagli-sconosciuti-ii

Questo racconto di è stato letto 4 0 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.