Erotici Racconti

Orgasmo al bar

Scritto da , il 2017-11-13, genere masturbazione

Maledetto novembre.

E' il mio mese, lo odio e lo amo allo stesso tempo. Mi fa essere ancor più malinconica e incline a folli pensieri. Più del solito. Esco trafelata, per fare le mie commissioni del mattino. Una pioggia fine, incessante, fastidiosa, tormenta i passanti frettolosi. Mi nascondo quasi, avvolta nella mia sciarpa, sotto l’ombrello rosso. Un tocco di colore che di rado mi permetto. Esco ed entro dai vari negozi, cercando di scacciare quel pensiero che mi tormenta da questa notte, che mi ha fatto dormire male e fare sogni senza apparente senso.

“Domattina voglio che entri un bar, uno qualsiasi. Voglio che vai al bancone e ordini un caffè o quel che vuoi. Dopo aver consumato entrerai nel bagno e ti masturberai. Fino a venire. Fallo per me”.

Le sue parole, nero su bianco che ho letto e riletto con devozione e timore mischiati insieme, sullo schermo del pc. Talmente potenti che sembravano incise nella pietra. Sono del mio “amico di penna”, conosciuto un paio di mesi fa nella solita chat. Lui, che mi capisce senza conoscermi veramente. Che sa toccare i punti giusti, i più reconditi e delicati, senza sfiorarmi fisicamente. Sono io a farlo, ogni volta guidata dalle sue parole, abbandonandomi ai piaceri più intensi.

Sento un nodo allo stomaco quando mi ritrovo a passare di fronte al solito bar, quello che di sera frequento con gli amici, tra una birra e una sigaretta di troppo. Al mattino è popolato per lo più da signore con passeggini e anziani a leggere il giornale. Calmo e pieno di facce assonnate, il profumo di caffè e dei cornetti a contrasto con il caos della sera, pieno di ragazzi, alcol e risate tonanti. Rimango incerta, quasi sulla soglia. Non so cosa fare. Faccio un respiro profondo, ed entro. Spero con tutta me stessa che ci sia la stessa barista che c’è di sera, una ragazza su per giù della mia età, con la quale scambio sempre volentieri due chiacchiere. Aspetto al bancone che qualcuno venga a servirmi. Con mio grande dispiacere, ad uscire dal retro, è un signore sulla cinquantina, il proprietario, che ho visto solo un paio di volte. “Prego”, mi dice sorridendo. Titubante, ordino un caffè. Anche se, per il mio stato d’animo, un goccio di superalcolico sarebbe stato meglio.

Ci metto quasi cinque minuti a bere tutta la tazzina, pago e, respirando a fondo, finalmente riesco a chiedere le chiavi del bagno. Il barista me le consegna e mi indica la porta sulla sinistra. Conosco perfettamente dove si trova, l’ho usato un sacco di volte. E’ per questo che ho scelto questo bar, il bagno è grande e sempre pulito. C’è un bancone adibito al cambio pannolini, proprio di fronte alla porta. La chiudo a chiave alle mie spalle e appoggio la borsa e le buste in un angolo. Fa freddo e tentenno all’idea di spogliarmi. Tolgo di fretta le scarpe e i jeans. Mi abbasso le mutandine e le appoggio sul lavabo, rimanendo nuda dalla vita in giù. Mi guardo nello specchio, divaricando appena le gambe. La mano scende lentamente, è fredda e mi provoca un brivido. Arrivo tra le gambe, sfiorandomi appena. Mi sorprendo, sentendomi così tanto bagnata ed eccitata. Prendo coraggio e mi accomodo sul bancone, proprio di fronte alla porta. Sento il chiacchiericcio e il rumore di tazzine provenire dall’esterno. Allargo ancora le gambe e mi tocco con più decisione. Le dita scivolano sulla pelle umida e mi lascio sfuggire un sospiro che mi fa socchiudere gli occhi. Mi tocco ancora, con più sicurezza inizio a sollecitarmi il clitoride, disegnando dei piccoli cerchi con i polpastrelli. Le dita scendono ancora e affondano dentro di me. Una, due, tre volte, con forza e velocità. Le cosce tremano e il respiro accelera, non riesco a smettere ed aumento. Ancora, ancora e ancora. Mi abbandono contro il muro, con la mano libera mi alzo la maglia, supero il reggiseno e mi afferro un capezzolo caldo ed eretto. Lo stringo quasi con disperazione mentre i miei sospiri si fanno via via più forti. Mi schiaffeggio la figa ed affondo ancora con le dita, lo faccio più volte e non mi preoccupo più di soffocare i mugugni.

Due colpi secchi sulla porta mi fanno sussultare. “Signorina tutto bene?”, riconosco la voce del proprietario. “Ssi.. Si!” riesco a gracchiare senza smettere di toccarmi. “E’ sicura? Ha bisogno di aiuto?” continua lui da dietro la porta. Non posso smettere di toccarmi, anzi, istintivamente lo faccio con ancora più vigore. Non rispondo di me, arrivo a sperare che il tizio spalanchi la porta e mi sorprenda a masturbarmi a gambe aperte. “No no grazie, il caffè mi ha un po’ scombussolato la pancia” dico in affanno. Non sono sicura che se ne sia andato ma me ne infischio e continuo a toccarmi senza ritegno. Sono fuori di me, immagino che sia dietro la porta a spiare dal buco della serratura, magari con il membro gonfio, stretto nei pantaloni, avido nel guardare la mia figa aperta e me, sconvolta e con il seno scoperto mentre mi tocco. Mi sento avvampare di calore, sento la pelle bruciare. Ad ogni tocco delle dita nel mio punto più sensibile sento l’intero corpo sussultare e bramare il godimento. Non mi do tregua, e mi masturbo furiosamente fino ad esplodere, soffocando le grida dell’orgasmo mordendomi il dorso della mano.

Riesco a calmarmi a malapena e non riesco a non leccare via dalle dita l’abbondante miele del mio sesso. Mi rivesto, rintronata, senza molta cura. Mi guardo ancora nello specchio, rossa in viso e con i capelli in disordine. Esco dal bagno, non rendendomi conto di quanto tempo io sia rimasta lì dentro. Il proprietario è dietro al bancone, e finge indifferenza. Ma quando mi avvicino per restituire le chiavi il suo sorrisino è inequivocabile. “Arrivederci.. spero a presto”. Sorrido a mia volta, con innocenza e malcelata malizia. “Grazie”, rispondo sussurrando. “Ma grazie a te..”, è la sua risposta, mentre mi strizza l’occhio.

Non vedo l’ora di tornare a casa per raccontare tutto al mio amico di penna.

Questo racconto di è stato letto 4 4 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.