Erotici Racconti

Ritornato a vivere nella casa della mia infanzia con mamma - Capitolo 3

Scritto da , il 2017-08-12, genere incesti

Sono passate le settimane, ormai giugno è iniziato, fatico a trattenermi al lavoro, le immagini di mamma che si lava riempiono la mia testa lasciando poco spazio per tutto il resto, sento dentro come un peso, come se dovessi alleggerirmi di questa situazione confessandola a qualcuno, condividendola, si ma a chi? Durante la settimana, di sera, spesso mi metto in macchina e giro per ore per la città cercando di dare soddisfazione a questa domanda, intanto i giorni passavano e giugno era quasi finito e io sempre con quel peso dentro che faticavo a non far deflagrare, quando una sera così per caso prendo la via che esce dal paese e si inerpica su per la collina, mi ritrovo sullo spiazzo del belvedere, dove si dice che le coppiette si appartano per scambiarsi i partners, da principiante arrivo a fari accesi, ricevendo subito insulti dai primi che veniva illuminati. Capendo dove ero finito feci retromarcia cercando di guadagnare una rapida fuga, girai attorno ad un grosso albero, e puntai verso la strada di uscita, dando fastidio ad un'altra coppietta appartata, ma questa volta con una sorpresa un uomo, che appena illuminato fece per coprirsi il volto col il braccio, subito non capii, ma era senza compagna sicuramente un guardone. Rapidamente ero di nuovo sulla strada per tornare in paese, pronto per andare finalmente a dormire, percorro la rotonda che mi doveva portare dalla collina in paese e come un lampo dentro la mente si accende una luce, io quel guardone lo conosco! È un mio paziente, è il Sig. Melo, incredulo mi fermo subito dopo la rotonda, ora che faccio pensai, no non può essere lui mi dissi ma per curiosità riaccesi l’auto e velocemente puntai di nuovo al belvedere, prima di entrare nello spiazzo questa volta spensi i fari e ridussi la velocità, andai verso quel grosso albero dove avevo visto quell’uomo poco prima, ma niente li solo coppiette, feci ancora un paio di tentativi girando a casaccio tra gli alberi e le auto, nulla, mi arresi definitivamente. Arrivato all’uscita del belvedere riaccesi i fari dell’auto e ripresi la strada in discesa, andiamo a casa dai mi dissi, non feci neppure 10 metri quando sul bordo della strada vidi camminare un uomo, rallentai, il tipo mi faceva ampi gesti con le braccia di passare ma vedendo che non acceleravo si voltò, a quel punto non avevo più dubbi, era lui, era il Sig. Melo, uno dei miei primi pazienti da quando ho iniziato il mio lavoro di medico in paese, non so perché ma la prima cosa che feci fu quella di prendere il telefoni e passandogli accanto scattargli una foto, poi diedi un colpo di acceleratore e sfilai via nella notte.
Tornato a casa mi giravo e rigiravo nel letto, continuavo a pensare a Melo, Carmelo un guardone, chi lo avrebbe mai detto, poi pensai a quello che da qualche mese facevo io e mi ripromisi di non giudicarlo, io ero peggio di lui, ma forse avevo trovato a chi poter rivelare la mia situazione e togliermi finalmente questo peso di dosso, pensai che confessarlo a Carmelo non avrebbe causato molti danni, lui faceva il guardone al belvedere, io nel bagno di casa, e poi avevo sempre la foto per cautelarmi, se la moglie e le figlie lo avessero saputo di sicuro sarebbero stati grossi guai per lui.
Lasciai passare qualche giorno poi lo chiamai dal mio studio, dicendogli che dovevo vederlo se poteva passare da me il più presto possibile, lui ovviamente arrivò di corsa pensando che gli dovessi parlare di qualche problema di salute. Sudato si sedette e mi chiese di dirgli di cosa si trattava, di quale malattia soffriva ora, Carmelo era un bravo uomo di 63 anni, dedito alla famiglia e al lavoro, coltivava i suoi terreni e commerciava i suoi prodotti, lo conoscevo da quasi 25 anni, conoscevo il suo stato di salute, sua moglie Santina, le figlie Maria e Concetta, i loro rispettivi mariti, i nipotini, insomma conoscevo tutto di lui.
Lo calmai egli dissi che l’altra notte lo avevo visto su al belvedere e gli mostrai la fotografia dal cellulare, lui sbiancò, lo rassicurai chiedendogli di incontrarlo al suo terreno nel pomeriggio così ne avremmo potuto parlare più tranquilli e lontano da ogni orecchio pettegolo delle signore in attesa fuori dalla porta, accettò e ci demmo appuntamento per le 15. Arrivai puntale all’appuntamento e lo trovai seduto al tavolino, sotto i grande fico, dietro di lui la porta della baracchetta degli attrezzi era parte e dal soffitto pendevano salami e salamelle, scesi dall’auto e mi corse in contro con un bicchiere di vino tutto per me. Sorrisi e bevvi con gusto e lo salutai: “ciao Melo, buon pomeriggio”, mi rispose lui: “venga dottore si sieda al tavolo mangi pure dell’ottimo salame”, ci sedemmo, presi due bei pezzi di salame e li mangiai con gusto, poi mi girai e guardai Carmelo, che ansioso aspettava di capire cosa volessi per non rovinarlo. Inizia a dirgli che ero capitato al belvedere per sbaglio e non mi sarei mai immaginato di vederlo li, lui subito cercò di scusarsi, mi disse che erano alcuni anni che ormai lottava contro questa cosa, contro il desiderio di guardare e il piacere che ne provava, mi chiese se conoscessi dei rimedi o delle pillole per fermare questo suo impulso, sorrisi e dissi che non ne esistevano.
Da bravo contadino senza peli sulla lingua mi chiese che cosa volessi per il mio silenzio, a questo punto toccava a me “confessare” il mio segreto.
Gli dissi che lo capivo molto bene e che non lo stavo accusando di nulla o giudicando, ma che anche io nascondevo un segreto, gli chiesi se si ricordava che mia madre aveva perso la vista l’anno precedente, rispose di si, gli dissi che in settimana ad occuparsi di lei c’era la badante, ma che nei fine settimana me ne occupavo io, dalla sua faccia mi accorsi che non capiva cosa gli volessi dire, così cercai di essere chiaro, dicendogli che erano mesi ormai che approfittando del suo stato di non vedente, invece di uscire dal bagno quando si faceva la doccia restavo li a guardarla e come lui provava piacere a guardare le coppiette, io provavo piacere da quella situazione, gli confessai che avevo fatto ristrutturare il bagno da suo genero proprio per quel motivo, e che avevo usato anche la badante come tramite inconsapevole della mia perversione. Non mi ero accorto ma parlammo per ore, per tutto il pomeriggio fino all’imbrunire, eravamo entrambi visibilmente eccitati da quello che gli stavo dicendo, finito il terzo fiasco di vino, Melo mi fissò e mi chiese quello che forse ero andato a cercare: “dottore perché mi ha confessato tutto questo? Mi sta forse chiedendo se voglio guardare assieme a lei sua madre lavarsi? Un brivido gelido mi percorse la schiena e di getto dalla mia bocca usci un si, secco e deciso. Vidi negli occhi di Melo sfavillare una luce, con la lingua si inumidì le labbra e subito mi chiese come potevamo fare, capii in quel momento di aver trovato un amico, anzi un complice. Gli spiegai per bene come facevo io, cosa vedevo, e poi come avremmo fatto per assistere entrambi senza che mamma capisse, gli dissi che tutto si limitava a guardare, e che dovevamo fare il massimo silenzio. Ci demmo appuntamento al prossimo sabato, il primo di Luglio.

Questo racconto di è stato letto 1 6 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.