La mia esperienza con due ragazze anni 60

Scritto da , il 2017-08-05, genere incesti

Devo tornare con la mente a tanti anni fa pensare a quello che mi è successo realmente mi mette ancora i brividi di piacere. Eravamo negli anni 60, ed eravamo scappati lasciando tutto da Tripoli ormai era diventata una caccia allo straniero e mio papà decise di lasciare Tripoli e tornare in Italia. Prendemmo una nave messa a disposizione dal governo italiano, ci portarono in un campo raccolta a Gaeta dove vi era una ex caserma in disuso è messa a disposizione per noi disperati. Questa caserma era formata da due enormi stanzoni che a loro volta erano suddivisi in tanti appartamentini dove c'era un cucinino e poi un letto matrimoniale per i miei e un letto a castello per me è
mia sorella più piccola di due anni. Il brutto di questi appartamenti che avevano un tetto unico quindi non avevano un proprio soffitto. Infatti odori quando si cucinava, si doveva parlare a bassa voce perché si sentiva tutto amplificato dal tetto arrotondato, si sentivano rumori di ogni genere, e tra tutti gridolini delle donne e respirazioni affannose degli uomini, ma quello che mi impressionava sentire delle frasi tipo, prendilo in bocca,, succhiami le palle, oppure sfondami la figa, te lo metto nel culo, o anche sto venendo apri la bocca che vengo è ancora tante altre che mi lasciavano , come diceva Verdone in alcuni suoi film, basito, e si lasciavano me che a quel tempo avevo quasi nove anni e mia sorella sette. Ci guardavamo e quando sentivamo frasi simili qualcosa capivamo e ci scappava una risatina. Ma a portarci a capire qualcosa sul sesso erano i nostri genitori, dei muri volanti fatto da coperte appese a delle corde che non chiudevano ermeticamente ma lasciavano dei spiragli dai quali si vedeva tutto. La notte i miei convinti che dormivamo si baciavano e poi mio papà si metteva sopra mia madre che apriva le gambe e iniziava iun movimento che si immaginava cosa stessero facevano. Quel anno sia io che mia sorella andavamo a scuola io la terza e lei la prima elementare , avevamo fatto conoscenza con altri bambinoni provenivano da alcune regioni e dalla dialettica erano quasi tutte del meridione. Ma quello che stupì erano le amicizie di mia sorella presumo un po' più grandi di lei, ci si sedeva sulle panchine dei giardini e si parlava facendo conoscenza o giocando. Erano passati alcuni mesi eravamo in piena primavera è come il solito ci si incontrava ai giardini ormai avevamo fatto le nostre amicizie con cui ci incontravamo e parlavamo di tutto, ma il discorso finiva su cosa facevano i genitori la notte. Mia sorelle aveva una amica del cuore molto spigliata e soprattutto smaliziata, quel pomeriggio comincio a raccontare che i suoi genitori l'estate non si coprono mai e delle notti li vedeva nudi e che vedeva la mamma che si chinava su papà baciandolo sulla bocca poi continuava a baciarlo scendendo sul suo corpo, ma poi arrivata all'altezza del pisello, pisello? Pisellone, era cresciuto in maniera esagerata, vedevo papà ad un certo momento bloccarsi come preso da un raptus e mamma comincio a fare dei versi con la bocca come leccasse e succhiasse un gelato, poi cominciava il ritmo ad aumentare e mio padre con le mani sulla testa di mamma aiutava il movimento poi ogni tanto qualche sospiro e frasi come, come sei brava, succhiami anche le palle, sto per venire, sborro. Oppure quando si sdraiava sulla mamma si muoveva con il culo e spingeva in mezzo alle gambe, diceva di sfondo e mamma rispondeva si sì sfondami tutta, delle volte la faceva girare e si sdraiava su di lei e gli diceva apri le natiche che entro tutto e la mamma gridava di dolore. Sentendo questi racconti mia sorella annuiva come per dire anche i miei lo fanno. Io pur avendo otto anni già mi toccavo il pisello e quando lo tiravo su sentivo delle sensazioni particolari alla nuca e in mezzo ai glutei,sensazione di piacere che aumentava sempre più finché usciva un liquido viscoso, chiesi alla amica di mia sorella, lche la chiameremo Paola e mia sorella Maria come si mettevano e lei prontamente disse se vuoi te lo faccio vedere. Prendemmo accordi, loro due mi precedevano al gabinetto e dopo un po' entravo anche io, cosi fecero io le seguii a distanza e ci ritrovammo in un gabinetto chiudemmo la porta con il chiavistello, il posto era un po' angusto, ma ci bastava, le dissi allora cosa volevi farmi, non ci pensò due volte si inginocchiò e mi sbottono i pantaloni mi calo il pantalone e le mutandine che erano bagnate da quel liquido che ho appena accennato, appena vide il mio pisello alquanto dritto, gli scappò quante grosso e non di... poi si riprese ma niente mi toglieva dalla testa che con altri aveva già fatto qualcosa. Lo prese in mano massaggiandolo con la mano destra e con la sinistra mi aveva preso le palle in mano massaggiandole tutto questo avanti al suo volto, diede dei bacetti alla cappella e comincio a leccare facendo il rumore di succhiare, infatti lo prese in bocca, dopo un po' fece segno a mia sorella che si era messa da un lato e guardava tutto con attenzione di abbassarsi anche lei in ginocchio e gli insegno a leccare succhiare e metterlo in bocca, cosa che imparo subito contenta più che mai, mi disse che te lo farò anche io a letto, scesero lungo la schiena un brivido di piacere. Avevo di che divertirmi con la sorellina. Intanto tutt'e due si davano il turno a prenderlo in bocca con grandi succhiotti, una volta Paola sulla cappella e mia sorella leccava e succhiava le palle, e poi facevano viceversa, venni dentro la bocca di Paola con il mio liquido viscido che lei ingoio, dando anche a mia sorella di succhiare le ultime gocce. Poi le feci alzare e mettermi in ginocchio fui io, calai le mutandine a Paola e facendo finta di scordarmi la sorellina che subito rimbrotto, e a me non è le cali? Io presi le mutandine e le calai fino alle caviglie , si presentò ai miei occhi un piccolo monte di Venere nello liscio senza un pelino con un taglio al centro e nella parte superiore del taglio una specie di un pezzettino di carne che fuoriusvibs, lo accarezzai e le diedi un bacino che s lei piaque molto, dicendomi anche questo faremo a letto. Paolaaspettava il suo turno ed io mi rivolsi a lei accarezzando il pube che al tatto sentivo dei piccoli pelini biondicci, anche qui lo baciai e lei mi sollecito a leccarglielo cosa che cominciai lentamente a leccarlo in superficie, Paola mi disse di leccarglielo dentro il taglio in maniera circolare e prendere tra le labbra quel piccolo monteruzzo. Cominciai ad infilarmi con la lingua come disse lei, confermando i miei dubbi che queste cose le aveva già fatte, sentii un sapore leccandola di pipì che piacque quel sapore salato, avevo cominciato con la lingua ad entrare sempre più e lei con gli occhi chiusi aveva la testa posta all'indietro e che fuoriuscivano dei gridolini. Mia sorella Maria mi fece segno che anche lei voleva essere leccata,
Allora misi l'indice appena dentro la dolce fighetta di Paola e cominciai ad esplorare tutto intorno, sentendo che il buchino proseguiva, in tocco sulle spalle della sorellina mi fece tornate da una scoperta che avevo appena fatto che L buco proseguiva, cominciai anche a Maria a leccare su e giù nella fighetta senza peli, dando anche a lei belle sensazioni, la lingua comincio a penetrsre perché volevo scoprire se anche a lei il buchino proseguiva, ebbi conferma e io cominciai a spingere sempre più dentro dando piaceri immensi a Maria che sentivo colare un liquido che ingoiai poi scoprii che era venuta, Paola aspettava il suo tutno che la infilai la lingua e allargai la vagina aiutandomi con L due dita e infilai la lingua lo spennellata per bene in profondità e dopo qualche istante anche lei fuoriuscì quel liquido che aveva quasi lo stesso sapore di mia sorella. Era passato un tempo lunghissimo giocando con i nostri sessi, uscimmo come entrammo prima loro e poi io. Ma a qualcuno non sfuggi questi movimenti, e presto lo riferirono ai nostri genitori. Cominciarono colloqui domande per sapere cosa facevamo dentro il bagno, alla fine Paola piangendo disse che avevamo fatto le stesse cose che loro facevano con i loro mariti, potete capire l'imbarazzo che avevo creato, convinte che non era successo qualcosa di grave e fini li, ma. In ebbi più modo di rivederle Paola da sola e mia sorella non ebbe anche lei più modo di dormire vicino a me ma fecero in modo di farla dormire nella parte opposta della stanza. Questa è una storia vera che mi è accaduta rimasta in un angolo del cervello e che l'avrei raccontata a qualcuno.


Questo racconto di è stato letto 9 1 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.