La tettona della spiaggia scambista

Scritto da , il 2017-06-14, genere prime esperienze

Anche quell'estate ero arrivato in Sardegna.
Con la mia famiglia ormai, ci recavamo là, a casa dei nostri amici, quasi ogni estate, per passare due settimane in compagnia. Per me la Sardegna era il paradiso. Un sacco di bagni a mare, uscite per il centro della città e abbuffate ai più buoni ristoranti per due settimane rendevano la vacanza ogni anno più bella. Ma il divertimento migliore era quello che avevo col mio amico Francesco, ogni mattina presto. Decidevamo infatti di svegliarci alle 8:00 e, dicendo ai nostri che saremmo andati in una delle spiagge più vicine a casa, prendavamo la bici e ci allontanavamo il più possibile. Certo, quando eravamo più piccoli e i nostri ormoni non erano ancora impazziti come all'ora, quel che dicevamo ai nostri era vero, ma dall'età di 11 anni circa qualcosa cambiò. Francesco mi disse che conosceva un posto che mi avrebbe fatto restare a bocca aperta. Prendemmo le bici e io lo seguii fino ad una spiaggia normalissima, notai subito però un cartello che recitava "SPIAGGIA SCAMBISTA-NO COSTUME".
Ad undici anni non avevo ancora idea di cosa fosse una spiaggia scambista, così mi feci spiegare.
"È una spiaggia dove puoi girare nudo fratè" disse Francesco
"Ma quella non era quella per nudisti?" replicai
"C'è una grande differenza" continuò lui "beh sai, ad una spiaggia nudista potrebbe essere facile eccitarsi nel vedere un bel paio di bocce spalmate di protezione solare... io problema è che alle spiagge nudiste, se ti vedono visibilmente eccitato, te lo tagliano. La loro idea di nudismo va contro le festa sessuali, è più di un contatto con la natura"
"E invece le regole in una spiaggia scambiata quali sono?'' chiesi sempre più interessato
"Qua il sesso è una cosa normale, e non ti devi preoccupare a vedere una coppia che tromba.. ne tantomeno non dev'esserti di preoccupazione un'eventuale erezione."
Ero esterrefatto. Tuttavia quando queso successe avevamo 11 anni e per il 2 anni successivi, raggiunta quella spiaggia e calati i costumi per potervi accedere, ci limitavamo a raggiungere le dune più nascoste per guardare gli scambisti all'opera e spararci una bella sta in compagnia.
La svolta arrivò a quattordici anni. Come sempre, al mattino andammo alla spiaggia e, tolti i calzoni, camminammo sul bagnasciuga per raggiungere il nostro posto tra le dune.
Arrivati nella parte un po' più isolata della spiaggia, la nostra vista fu accecata da qualcosa di perfetto. Una ragazza che sembrava poco più grande di noi stava prendendo il sole gutta nuda, ma ciò che ci colpì furono le sue forme. Magra, slanciata, delle tettone da urlo e un culo da schiaffeggiare fino a farlo diventare rosso fuoco. Avevamo trovato la nostra preda del giorno, e Francesco era visibilmente eccitato. Dietro le dune mentre menava in su e in giù la sua lunga asta marmorea chiudeva gli occhi e diventava tutto rosso, al solo pensiero di cosa avrebbe fatto a quella ragazza. Ad un certo punto, quando entrambi eravamo venuti e ci eravamo sdraiati con la schiena sulla sabbia e il cazzo che andava via via afflosciandosi, discutevamo di guardando il cielo sulle meraviglie delle donne, e su quale pratica sessuale ci saremmo buttati per primi nella nostra prima esperienza, vedemmo delinearsi davanti a noi una figura a noi familiare. Era la ragazza. Da vicino era ancora più gnocca. Ci aveva beccati. Non sembrava molto arrabbiata. Disse: "Vi siete divertiti porcellini? ahahah comunque piacere, sono Giulia e ho 18 anni"
Una gnocca diciottenne nuda era appena venuta a presentarsi a noi con fare disinvolto, per noi era il paradiso.
"Francesco"
"Andrea"
Ci presentammo timidamente dicendo anche la nostra età.
"Hai un corpo da urlo" dicemmo io e Fra all'unisono.
"Beh non siete i primi a dirmelo" replicò Giulia "piuttosto" continuò "non siete ormai un po' grandicelli per fantasticare sulle ragazze? Ora è il momento di provare che dite?"
Era veramente un sogno. Giulia si chinò e si sedette vicino a noi. "Per cominciare devo dirvi che avete proprio dei bei corpi" disse osservando la nostra tartaruga addominale che ci eravamo procurati con l'allenamento invernale apposta per attirare le ragazze sarde. "Grazie mille" rispondemmo. "Ma non è questo ciò che mi interessa, avanti mostratemi i cazzi" in effetti le nostre gambe pelose stavano nascondendo per l' imbarazzo i nostri peni, che piano piano si rivelarono all'interessata. "Fantastici, sicuri di avere solo 14 anni?"
Io e Francesco eravamo davvero imbarazzati ma di certo soddisfatti di tutti i complimenti che stavamo sentendo. "Bene, so che non aspettare altro maiali, iniziamo! Andrea, sdraiati!" disse lei. Mi ero sdraiato sulla sabbia,incredulo di ciò c'è stesse succedendo. Giulia si sdraiò a pancia in giù su di me, schiacciando le sue grandi tette sul mio petto. Iniziò a strisciare la sua figa bagnata sul mio cazzo e implorò Francesco di iniziare a incularla da dietro. Lui non aspettava altro. Prese in mano la sua mazza marmorea e iniziò a sbattergliela nel culo prima piano, poi sempre più forte. Giulia gemeva. "Ahahahahahahah" era il suono sincronizzato a quello delle palle del mio amico che sbattevano sul suo culo. Io intanto la sotto avevo le sue tette ormai in faccia e godevo come un maiale a leccargliele ovunque. Credevo di morire di gioia. Sentii che Francesco non si trattene e tirò anche qualche sculacciata, con grande piacere di Giulia che urlava sempre più forte. Poi cambiammo i ruoli. Io dovevo inculare Giulia mentre Fra era schiacciato sotto quel bendidio. Non avevo mai inculati nessuna, ma mi sentivo pronto a farlo. Immisi il cazzo tra le sue chiappe, che sensazione meravigliosa. Le pareti interne del suo ano si stringevano sul mio membro facendomi godere all'impazzata. Urlavo come un uomo delle caverne. Durante l'atto chiedi a Francesco come si stesse là sotto.m, lui sembrava essere stato catapultato in un mondo ultraterreno, in una specie di trans e la sua testa sbucava dalle tette di Giulia sempre più soddisfatta. Poi Giulia si sdraiò, mi misi in ginocchio con il cazzo che sporgeva sulla sua cavità orale, implorandola di iniziare a succhiare. Francesco intanto da davanti, le leccava la figa depilata con grande piacere. Finito l'atto, Giulia ci mise in ginocchio davanti a lei, per mostrarci una sua abilitá. Si infilò i nostri cazzi in bocca assieme e io sentivo sotto di me quello di Francesco pulsare fortemente. Tutto finì, stavamo per andarcene a casa ma io e Francesco avevamo ancora un desiderio proibito: una bella spagnola con quelle due grandi tette. Entrambi aborrano poco dopo averla iniziata sulle tette di giulia che di ripulì soddisfatta con un dito. Io e Francesco eravamo entusiasti. Era ora di andare a casa. Salutammo Giulia che con un sorriso ci disse: "Ciao ragazzi, a domani, stesso posto, stessa ora"

Questo racconto di è stato letto 1 1 9 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.