Erotici Racconti

Notte brava 2

Scritto da , il 2017-04-20, genere incesti

Il pomeriggio giunse in fretta, Andrea era andato al lavoro e le ragazze erano rimaste sole in casa.
Pensavano al racconto di Andrea, erano imbarazzate, incredule; Che stesse scherzando? Forse le aveva prese in giro? C’era solo un modo per verificare se ciò che Andrea aveva raccontato loro era veramente accaduto: frugare nel cesto dei panni sporchi.
“Andiamo a vedere…” disse Monica “...se ci sono le mutande di mio fratello, magari ancora bagnate, può solo aver detto la verità”. Ed in effetti così era: aperto il cesto, l’odore acre dell’urina violentò in un attimo il naso delle ragazze.
“Oddio cosa abbiamo combinato?!” disse rassegnata Monica
“Cosa TU hai combinato!? Perché io al massimo ho fatto la doccia a te, non a mio fratello!” esordì Claudia.

Il trillo del campanello fece sussultare le ragazze. Era Marco.
“Buongiorno principesse, dormito bene?!” esclamò sbandierando le loro mutande.
“Come sassi, grazie” rispose Monica.
“Perché hai tu le nostre mutande?” chiese Claudia
“Le avete lasciate in macchina ieri sera. Quando sono venuto a prendervi eravate troppo ubriache per capire che stavate scopando in mia presenza, così vi ho lasciato fare senza disturbarvi, e poi eravate così belle insieme”. Le ragazze diventarono paonazze in volto.
“Oddio che figura! E tu che hai fatto?”
“Un cannone e una sega; l’accoppiata vincente” disse provocandole. Eh già, Marco era così, non si faceva molti problemi di questo genere. Claudia arrossì.
“Quanta scena per niente!” disse Marco guardando la sorella “Come se tu non mi avessi mai visto farmi una sega! Quante volte mi hai beccato sotto la doccia!? E a letto di notte, quando ti svegli per il tremolio del letto?! Non mi sono mai nascosto o vergognato, lo sai che non ci trovo nulla di male e tantomeno di sbagliato nel sesso”
“Ma io mi vergogno di me stessa, al pensiero che puoi avermi visto”
“E sei la cosa più bella che abbia mai visto! Del resto solo io posso avere una sorella così figa!” Esclamò sorridendo, ed abbracciandola le diede un grosso bacio sulla testa. “Stasera uscite?”
“No direi di no!” Rispose prontamente Monica “E voi?”
“No noi nemmeno, saranno gli altri a venire qui; stasera delirio”
“Gli altri chi?”
“Luca, Chiara, Susy e Sofia. Se non volete uscire, potete stare a casa nostra” disse rivolgendosi a Claudia
“E perché dovremmo essere noi a uscire di casa?” esclamò Monica
“Volete stare qui con noi?! Non so se è il caso... mmmm… però ormai, che senso ha vietarlo... ok dai, se vi va potete rimanere qui”
Le due si guardarono e si intesero subito: si, erano adulti, sicuramente la serata sarebbe stata un po’ hot, magari un po’ sopra le righe, ma di sicuro niente di così vietato o traumatizzante. Si erano sempre chieste cosa facessero i loro fratelli durante queste serate. Immaginavano tanto alcool, qualche canna, molti discorsi e giochi piccanti, una montagna di risate. Come nei film. Certo, doveva essere così, tanto casino e tanto divertimento.

Dopo cena, tutti si prepararono: le ragazze filarono dritte in doccia, poi a vestirsi e truccarsi; gli fece seguito Marco che però non la tirò tanto per le lunghe. La compagnia era la solita, si conoscevano da anni e spesso uscivano insieme dunque non vi era nessun motivo per vestirsi particolarmente bene. Poco dopo anche Andrea, tornato dal lavoro, si diede una rinfrescata. Era ancora in doccia quando suonò il campanello. Erano gli altri ragazzi, muniti di alcolici e molto altro.
“Non sono convinto. Permettere alle ragazze di stare con noi equivale ad un suicidio: prima gli facciamo tante prediche e poi ci sputtaniamo facendo peggio!?” disse con voce preoccupata Andrea.
“Hai già dimenticato quello che hanno combinato ieri sera? Stanno crescendo, non sono più bambine…” ribatté Marco
“Si ma da lì a vedere quello che combiniamo noi… NOI che dovremmo dare il buon esempio”
“Cosa credi, che siano stupide? Pensi che non abbiano capito quanto siamo coglioni?” disse Marco sorridendo.
“Io sono convinto che non siano ancora così sveglie come credi tu; per quanto abbiano quel visino da furbette, certi limiti non li hanno ancora superati e non li possono comprendere”
“Beh allora ci sarà da ridere…” sorrise Marco, sornione
“… o da piangere ...” Rispose Andrea

La serata iniziò tranquilla: si rideva, si scherzava, si fumava, ci si stuzzicava a vicenda mentre l’alcool iniziava ad inibire i sensi, ed il THC a stordirli lentamente.
Le ragazze erano sedute una accanto all’altra sul divano; accanto a Monica, Andrea era seduto scomposto, con le gambe divaricate e la canna all’angolo della bocca.
Non a caso, l’argomento divenne piccante e si cominciò a parlare senza censure. Chiara fece la prima mossa: si inginocchiò davanti ad Andrea ed iniziò a palparlo lentamente sulla patta dei pantaloni. Il ragazzo piegò lentamente la testa di lato, sorridendole e le lanciò uno sguardo d’intesa. Con un gesto fulmineo si sfilò la maglietta mostrando i pettorali ed in pochi secondi allentò la cintura sbottonando i jeans. Ancora qualche carezza con il palmo della mano, poi Chiara estrasse con fare sapiente il membro, guardò il ragazzo negli occhi e senza distogliere lo sguardo iniziò lentamente a leccare lo scroto, salendo lungo l’asta, e ingoiando in un secondo tutto il membro, fino a farlo quasi scomparire.
Monica intanto era come paralizzata, ipnotizzata, guardava la scena accadere a pochi centimetri da lei, poi guardava il fratello, le sue espressioni, i suoi movimenti, il suo respiro. Non si era mai accorta di quanto fosse virile. Senza nemmeno accorgersene, divenne paonazza: aveva caldo, da morire, qualcosa simile al solletico agitava il suo basso ventre. Sapeva cosa stava accadendo. Era eccitata, eccitatissima.
Poi un pensiero piccolo piccolo iniziò timidamente a fare capolino. Assomigliava alla gelosia, ma non sapeva come chiamarlo.
In pochi minuti tutti iniziarono a giocare con tutti, tranne le due ragazze, loro erano ipnotizzate da quello che accadeva loro intorno. Facevano rimbalzare lo sguardo da una parte all’altra come a non voler perdersi nulla; erano eccitatissime ma sopraffatte dalla situazione.
Andrea spinse a se con arroganza la testa della sua concubina. Alla scena, un brivido pervase Monica dallo stomaco fino al ventre.
Un risucchio rumoroso mostrò nuovamente la fierezza di Andrea, il quale guardò la sorella negli occhi; le diede un bacio sulla fronte e con un braccio la strinse al suo fianco, mentre lei appoggiava piano la testa sulla sua spalla e la mano sul petto.
Ora per Monica non esisteva più nulla, si sentiva come in una bolla, come se le altre persone intorno non esistessero.
Intanto Chiara si dava da fare: succhiava e succhiava, su e giù, accompagnando il movimento con la mano.
Anche Andrea era più eccitato del solito, ancora pochi minuti a quel ritmo e sarebbe venuto. Ma non era da lui. Era chiaro: la presenza della sorella gli faceva uno strano effetto.
Decise di abbandonarsi ai propri sensi, tanto era così eccitato che sapeva già che avrebbe ricominciato subito.
Ancora pochi minuti ed il suo respiro cominciò a cambiare: Monica lo sentiva come amplificato, tanto che seppur in modo impercettibile, anche lei iniziò a seguire quel ritmo, mentre il suo cuore impazziva nel petto.
Poi Andrea chiuse gli occhi, chinando indietro la testa e con alcuni gemiti liberatori venne copiosamente in faccia Chiara. Ciò di cui non si era reso conto però, era che istintivamente aveva stretto a se la sorella.
Inutile dire che a questo punto Monica era in un lago assoluto. In tutto questo non c’era niente di nuovo per lei, del resto aveva avuto più di un fidanzato, ma Andrea le provocava reazioni che non riusciva a gestire. Le diede di nuovo un bacio sulla fronte.
Chiara iniziò stupidamente a ridere: “Devo farmi una doccia hahahahaha!!”
“Tranquilla, ci penso io!” rispose Andrea, e iniziò subito a svotarle la vescica addosso.
Monica stava impazzendo, non ce la faceva più, doveva fare qualcosa per calmarsi; intanto Chiara continuava a ridere mentre Andrea si eccitava di nuovo.
“Adesso devi ricambiare il favore, signorino mio!” esclamò Chiara alzandosi in piedi e strizzandosi i capelli.
“Con piacere” rispose Andrea. Le afferrò la mano e la condusse cavalcioni sopra di lui, con una gamba sullo schienale del divano.
A Monica piaceva quella visuale, ma quella sera, la cosa che la eccitava di più era Andrea.
Pochi minuti e Chiara venne in copioso orgasmo bagnandoli entrambi; Andrea impazziva per quello che Chiara poteva fare.
A quel punto Monica non capì più niente, quella doccia inaspettata e dolce al gusto l’aveva portata al limite: con uno scatto si mise a cavalcioni di Andrea ed iniziò a baciarlo con passione.
Per Andrea quel gesto fu in un primo momento inaspettato, ma quando si rese conto che la sua erezione premeva forte contro il ventre di Monica si eccitò ancora di più. La strinse forte allora, baciandola con avidità. La voleva. Intanto con una mano cercava l’attenzione di Chiara, voleva farle capire qualcosa. La loro intesa era forte e la ragazza capì subito. Un altro getto caldo, ma atteso, li investì, mentre i due continuavano a baciarsi appassionatamente.
Mentre le ultime gocce gli imperlavano la fronte, Andrea si staccò malincuore da quel bacio così intenso, guardò Monica negli occhi e sorrise ammiccando.
“Chiara levati…” disse.
Fece scendere la ragazza, sforzò gli addominali e prendendo la sorella sotto le cosce, si alzò dirigendosi verso il tavolo, dove la fece sedere. La guardava negli occhi. Delicatamente iniziò a levarle la maglietta, poi il reggiseno. Sempre con molta delicatezza, la spinse leggermente per farla stendere. Lentamente sbottonò la gonna jeans e la sfilò. Monica iniziava a sentirsi vulnerabile, era stesa sul tavolo con le gambe divaricate, suo fratello era davanti a lei, in piedi, e solo un sottile velo di stoffa copriva la sua intimità. Andrea continuava a guardarla negli occhi.
“Sei sicura?” … ma lei non rispondeva. Il suo corpo parlava per lei.
Andrea decise di ascoltarlo.
Le sfilò le mutande scoprendo quel frutto che tanto bramava. Ora la stava ammirando. – E’ meravigliosa – pensava. Si chinò su di lei ed iniziò a baciarle il seno, percorrendone ogni centimetro, poi il ventre ed i fianchi, sempre più giù fino al monte di venere e… si fermò. Voleva farla morire. Riprese baciandole le cosce, questa volta salendo, fino all’inguine, mentre con una mano tirò la sedia sotto di se e si sedette. Ora la guardava di nuovo. Ancora senza distogliere lo sguardo riprese a baciarla, ma nella sua intimità.
Un brivido corse lungo la schiena di Monica, la quale istintivamente inarcò il bacino. Andrea prese allora a leccarla, prima con delicatezza poi più avidamente.

Monica stava impazzendo. Il respiro affannoso si trasformò presto in gemiti di piacere. Ma come era stato per il fratello poco prima, ora era per lei: era eccitata da troppo tempo. Quasi senza rendersene conto gli infilò le dita tra i capelli tirandolo a se ed in pochi secondi esplose in un orgasmo sconquassante, che le fece tremare la carne e serrare le cosce.

Andrea si alzò in piedi, le tese la mano e l’aiutò ad alzarsi; poi la prese nuovamente in braccio portandola verso la camera, dove la adagiò sul letto. Fece cadere i jeans che ancora portava slacciati e si levò le mutande. Si distese dietro di lei, la abbracciò e le sussurrò all’orecchio, “ti voglio bene, lo sai?”. Prese a baciarla sul collo, dolcemente, mentre con una mano le divaricava la gamba sopra la propria. Afferrò il membro e lo bagnò fra le sue labbra, una leggera spinta, scivolò subito dentro.
Subito Andrea impazzì, anche se non dava a vederlo: sapeva che da un anno a questa parte Monica non aveva avuto fidanzati perché se la faceva con Claudia. Era strettina e ci moriva.
Prese a penetrarla piano, poi sempre più forte, morendo per ogni contrazione provocata dai suoi orgasmi, tenendola per i fianchi. Monica iniziò ad urlare.
Si appoggiò a lei con tutto il suo peso, fino a portarla a pancia in giù, mentre con la mano le copriva la bocca. Riprese a stantuffarla. Qualche minuto e con un gesto le fece sollevare il bacino. Ora la prendeva per i fianchi.

Ormai avevano perso la nozione del tempo.

Andrea era nuovamente vicino all’orgasmo; voleva guardarla negli occhi, anzi voleva guardarla succhiare. Sfilò il membro e la fece mettere supina, poi la aiutò a sedersi mentre con l’altra mano continuava a segarsi. Monica prese a succhiare, ma stavolta era lei che guardava lui negli occhi con aria da furbetta; pochi minuti ed il ragazzo venne nuovamente in un appagante orgasmo.
Stava ancora succhiandolo, quando Monica gli fece un occhiolino. Andrea sorrise. Un altro occhiolino.
“Ho capito troietta…. Ma poi il letto lo cambi tu!” disse sorridendo.
Prese il membro e in pochi secondi ne uscì il getto caldo che direzionò versi di lei. Lei lo guardò con aria di sfida, poi tirò fuori dapprima la lingua ed infine aprì la bocca. Si riempì le guance trattenendo le risate, per poi risputare tutto addosso a lui.
Un ultimo bacio appassionato.
“Sigaretta!?” esclamò soddisfatto Andrea, “Volentieri!” rispose felice Monica.



Continua...

Questo racconto di è stato letto 3 0 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.