Una scopata con il mio migliore amico

Scritto da , il 2016-11-09, genere gay

Come tutti I sabato,il mio amico Nik ha invitato a casa sua per una solita seratina trascorsa davanti la tv a giocare a fifa e a parlare del più e meno mangiandoci una bella pizza.
Ormai ero a casa sua ed eravamo seduti sul letto a giocare. Avremo fatto una decina di partite ed era la mia giornata fortunata dove vin evo sempre contro di lui. Era davvero incazzato e quindi mi prese e mi atterrò sul letto con una bella presa che sembrava da wrestling. Cominciò a torturarmi facendomi il solletico e spingermi e saltarmi addosso. Era leggermente euforico ed io lo ero altrettanto,per liberarmi dalle sue prese erroneamente strinsi il suo pacco e la cosa più strana che constatai è che era bello duro. Entrambi siamo etero o almeno fino a quel momento ne eravamo convinti.
Eppure quella situazione imbarazzante mi faceva fremere di desiderio. Continuando a dimenarmi continuai a stringere e palpargli il pacco. La cosa era di suo gradimento. Senza indugi presi il sopravvento e lo spogliai levandogli I pantaloni. Gli toccai la lunghezza coperta dai boxer la massaggiai intensamente per poi lentamrnte scoprirla. Era un gran brl cazzo con qualche peletto alla base ma pur sempre un cazzo roseo e pulsante. Lo afferrai e lo segai facendolo ansimare. Gli presi la mano e lo accompagnai sul mio cavallo dei jeans che lui abbassò e mi tastò il pacco che non era da meno. Lo scappellavo e lo segavo mentre lui faceva altrettanto. Gli massaggiavo le palle e lui iocava con la mia grossa cappella. Dopo un po quelle attenzioni ci fecero sborrare uno sulla mano dell' altro.
Decisi che volevo altro. Volevo il suo culo...dopo un po' di esitazione si mise a pecorino e gli allargai le chiappe e notai il suo orifizio stretto li davanti ai miei occhi. Senza indugi lo leccai e lo penetrai con un dito. Gli sussurrai all'orecchio e gli chiesi se glielo potevo fottere perchè era davvero bellissimo quel buchetto vergine.
Timidamente acconsentì. Gli tenni le chiappe ben allargate ed con un solo colpo affondai la mia asta dentro di lui facendolo urlare di dolore. Cominciai a fotterlo sempre con più forza per poi contorcermi dal piacere e riversare la mia calda sborra in quel culetto piccolo e stretto ormai dilaniato dai miei affondi. Mi sfilai da lui e mi rivestì,lui andó in bagno a pulirsi per poi vestirsi. Alla fine come se non fosse mai accaduto scendemmo andando in cucina a mangiare una bella pizza con un bicchierone di cocacola.

Questo racconto di è stato letto 9 6 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.